ABCEconomics NEWS nr.4 march 2016

10.181 Aufrufe

Veröffentlicht am

TORO SEDUTO E LA MALEDIZIONE DELL'ANNO PRESIDENZIALE
Il ‘Barometro di Gennaio’ indica che il 2016 non sarà l’anno del toro. Il recente rialzo conferma la stagionalità del primo sole primaverile e dell’ultimo periodo del semestre più positivo dell’anno (novembre-aprile) ma l’indicatore dell’anno Presidenziale USA complica la strada di un toro seduto e ferito.

Veröffentlicht in: Business
0 Kommentare
0 Gefällt mir
Statistik
Notizen
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Keine Downloads
Aufrufe
Aufrufe insgesamt
10.181
Auf SlideShare
0
Aus Einbettungen
0
Anzahl an Einbettungen
9.087
Aktionen
Geteilt
0
Downloads
1
Kommentare
0
Gefällt mir
0
Einbettungen 0
Keine Einbettungen

Keine Notizen für die Folie

ABCEconomics NEWS nr.4 march 2016

  1. 1. The World of ABC Economics – Monthly News Bulletin from abceconomics.com – No. 4 – March 2016 Page9 Elezioni USA, toro seduto e la maledizione dell'ottavo anno A cura di FEDERICO IZZI Dopo aver assistito ad un disastroso inizio anno, il peggiore dal dopoguerra, l’orso concede una tregua a un toro che mostra una pelle segnata da profonde ferite. La volatilità che sta caratterizzando questa prima fase dell’anno descrive un certo nervosismo tra gli operatori finanziari che si trovano a dover mutare velocemente le aspettative per le prossime settimane e mesi. Analizzando nel dettaglio questi primi 42 giorni di contrattazione (chiusura di venerdì 4 marzo) possiamo notare come per ben 24 volte l’indice statunitense S&P500 abbia chiuso con rialzi e/o ribassi superiori all’1% e 6 volte oltre il 2%. L’ S&P500 ha chiuso il mese di gennaio con un ribasso superiore al 5% facendo temere per il resto dell’anno. Il Barometro di Gennaio (vedi a lato la descrizione) diventa meno preoccupante se consideriamo che dai minimi di metà febbraio i prezzi sono tornati nuovamente a rivedere i livelli di inizio gennaio, recuperando così l’80% del terreno perso in questi ultimi mesi. Considerando che marzo e aprile sono solitamente i mesi più positivi dell’anno, preoccupa la correlazione presente con la statistica dell’ultimo anno presidenziale. In base alle serie storiche, il mese di giugno potrebbe riservare qualche cattiva sorpresa, con i mercati che mediamente tendono a stornare. La tendenza al ribasso è inoltre più marcata nel corso dell’ultimo anno di un doppio mandato presidenziale (cfr. la linea nera all’interno del grafico). Considerando che l’attuale andamento dell’indice statunitense (linea rossa) rispecchia quasi fedelmente la media del ciclo presidenziale ad 8 anni, nel corso delle prossime settimane sarà opportuno non farsi contagiare dall’euforia. Il primo sole primaverile potrebbe, infatti, iniziare a bruciare le ferite del toro oramai seduto.

×