Introduzione E-learning

1.752 Aufrufe

Veröffentlicht am

Slide del seminario introduttivo sulla Formazione a Distanza, tenuto il 09/04/2008 all'Università di Torino, facoltà di psicologia

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Introduzione E-learning

  1. 1. E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com E-learning: dalla Teoria alla Pratica Torino, 9 aprile 2008 di D.Biolatti
  2. 2. E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com OBIETTIVI: - Una visione d'insieme sul tema dal punto di vista teorico - Una descrizione di un semplice progetto dal punto di vista pratico
  3. 3. COSA VEDREMO 1. Percorso Personale e Professionale 2. Formazione a Distanza: definizione tappe principali oggi 5. Un caso concreto: contatto con il Cliente progetto realizzazione valutazione dei risultati 6. Spunti per il “domani” 7. Conclusioni E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  4. 4. Daniele Biolatti > stage > laurea > perfezionamento > tirocinio post-laurea > esame di Stato psicologiadellavoro.com < consulente < formatore aziendale < i.psi.l.o.n. < E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  5. 5. Formazione a Distanza (FaD) : “ Tutte le varie forme di autoistruzione interattiva che si realizzano attraverso canali di comunicazione multimediale” (ISFOL, 1994) E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  6. 6. <ul><li>Prima Generazione: </li></ul><ul><li>Formazione per Corrispondenza: </li></ul><ul><ul><ul><li>asincrona </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>da uno a molti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>comunicazione verbale scritta </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>know how richiesto limitato </li></ul></ul></ul>E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  7. 7. <ul><li>Seconda Generazione: </li></ul><ul><li>Formazione attraverso Radio e Televisione: </li></ul><ul><ul><ul><li>sincrona </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>da uno a molti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>comunicazione verbale e paraverbale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>know how richiesto limitato </li></ul></ul></ul>E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  8. 8. <ul><li>Terza Generazione: </li></ul><ul><li>Formazione attraverso le Reti Informatiche: </li></ul><ul><ul><li>sincrona o asincrona </li></ul></ul><ul><ul><li>da uno a molti, da uno a uno, da molti a molti </li></ul></ul><ul><ul><li>comunicazione non prossemica </li></ul></ul><ul><ul><li>know how richiesto talvolta elevato </li></ul></ul>E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  9. 9. Un Caso Concreto: Un Progetto per un ente di formazione - Il Contatto con il Cliente - Il Concetto di “formazione finanziata” E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  10. 10. <ul><li>Stesura del Progetto: </li></ul><ul><li>… che tipo di Progetto? </li></ul><ul><li>- Analisi del bisogno (tempi, strumenti, obiettivi) </li></ul><ul><li>- Caratteristiche del Target del processo </li></ul><ul><li>- Stesura del Progetto per il Cliente (ente formazione) </li></ul><ul><li>Stesura del Progetto per il finanziatore (Regione) </li></ul>E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  11. 11. Realizzazione del Progetto: Blended Learning “Rel@zioni” – parte 1 - Caso “incidente” sui Forum pubblici - Risposta dei singoli direttamente al Formatore - Ripubblicazione delle risposte migliori/peggiori - Discussione aperta sui Forum E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  12. 12. Realizzazione del Progetto: E-learning “Rel@zioni” – parte 2 - Possibilità di utilizzare I Forum per casi reali emersi durante lo Stage E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  13. 13. Valutazione del Progetto: “ Rel@zioni” - Misurazione dati qualitativi - Misurazione dati quantitativi E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com
  14. 14. L’e-learning: Domani? E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com <ul><li>Formazione </li></ul><ul><li>Continua </li></ul><ul><li>Pervasività </li></ul><ul><li>delle Community </li></ul>
  15. 15. E-learning 2.0? E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com - Uso di applicativi web distribuiti - Licenze open sui contenuti
  16. 16. Grazie... :-) Presentazione di Daniele Biolatti Alcuni diritti riservati. eccetto: slide 4 ( M.Mantellini )‏ slide da 9 a 14 ( jhderojas )‏ Fotografie di Marco Donatiello E-LEARNING: Dalla Teoria alla Pratica Università degli Studi di Torino, aprile 2008 - D.Biolatti - www.psicologiadellavoro.com [email_address]

×