Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Scopri perché la Lombardia è Speciale

160 Aufrufe

Veröffentlicht am

Scopri perché la Lombardia è Speciale

Veröffentlicht in: Gesundheit & Medizin
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier

Scopri perché la Lombardia è Speciale

  1. 1. www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it la Lombardia Specialeè Scopri perché
  2. 2. FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA FOCUS SANITÀ E WELFARE FOCUS SVILUPPO ECONOMICO FOCUS CULTURA E TURISMO FOCUS TERRITORIO FOCUS DICONO DI NOI 5 23 37 55 61 71 La raccolta dei dati e delle informazioni qui presenti è una selezione degli approfondimenti pubblicati a partire da luglio 2015 sul sito www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it, il cui progetto editoriale è quello di alimentare un quadro informativo organico, strutturato e dinamico della specialità della Lombardia con l’utilizzo di fonti sia interne sia terze, per garantire al lettore un’informazione imparziale sulle performance lombarde.
  3. 3. 5 FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA Scopri perché la Lombardia è Speciale
  4. 4. 6 La Lombardia è la regione che versa più tasse allo Stato ricevendo, in cambio, meno trasferimenti in termini di spesa pubblica. In questi anni, infatti, il residuo fiscale della Lombardia è di oltre 54 miliardi (fonte: Éupolis Lombardia). Si tratta del valore in assoluto più alto tra tutte le regioni italiane. Un’immensità anche a livello europeo se si pensa che due regioni tra le più industrializzate d’Europa come la Catalogna e la Baviera hanno rispettivamente un residuo fiscale di 8 miliardi e 1,5 miliardi. Secondo James McGill Buchanan Jr, premio Nobel per l’Economia nel 1986, cui si attribuisce la paternità della definizione, il trattamento che lo Stato riserva ai cittadini può considerarsi equo se determina residui fiscali minimi in capo a singoli individui, a prescindere dal territorio nel quale risiedono. Differenze marcate denotano una violazione dei principi di equità basilari. Dopo la Lombardia si colloca l’Emilia-Romagna, con un residuo fiscale di 18.861 milioni di euro. Seguono Veneto (15.458 mln), Piemonte (8.606 mln), Toscana (5.422 mln), Lazio (3.775 mln), Marche (2.027 mln), Bolzano (1.100 mln), Liguria (610 mln), Friuli Venezia Giulia (526 mln), Valle d’Aosta (65 mln). In coda alla classifica: Umbria (-82 mln), Trento (-249 mln), Molise (-614 mln), Basilicata (-1.261 mln), Abruzzo (-1.301 mln), Sardegna (-5.262 mln), Campania (-5.705 mln), Calabria (-5.871 mln), Puglia (-6.419 mln) e Sicilia (-10.617 mln). Anche per quanto riguarda il residuo fiscale pro capite, la Lombardia presenta i valori più alti d’Italia, con 5.217 euro. Seguono Emilia-Romagna (4.239), Veneto (3.141), Provincia Autonoma di Bolzano (2.117), Piemonte (1.950), Toscana (1.447), Marche (1.310), Lazio (641), Valle d’Aosta (508), Friuli Venezia Giulia (430), Liguria (386), Umbria (-92), Provincia Autonoma di Trento (-464), Campania (-974), Abruzzo (-979), Puglia (-1.572), Molise (-1.963), Sicilia (-2.089), Basilicata (-2.192), Calabria (-2.975) e Sardegna (-3.169). Residuo fiscale: quello lombardo vale 54 miliardi RESIDUO FISCALE: QUELLO LOMBARDO VALE 54 MILIARDI Fonte: S. Bruno Galli, Interventi intraprendenti - Lombardia autonomismo federalismo, 2017 e Éupolis Lombardia FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA Lombardia Catalogna Baviera 54 miliardi 8 miliardi 1,5 miliardi Il residuo fiscale della Lombardia (54 miliardi) è la differenza tra le tasse pagate allo Stato dai cittadini lombardi e quanto lo Stato restituisce alla Regione.
  5. 5. 8 La Lombardia è al quinto posto in Europa per Prodotto interno lordo (Pil) pro capite, con un valore di 36.600 euro per ciascuno dei suoi cittadini, al pari della Danimarca, ben al di sopra della media europea di 30.600 euro e davanti anche alla locomotiva tedesca, al 6° posto con un valore per abitante di 35.800 euro. Il Pil pro capite è uno degli indicatori per misurare il reddito per abitante che deriva dalla produzione di beni e servizi in un determinato territorio e indica il livello di benessere materiale della popolazione. In questa classifica dei paesi europei, pubblicata nel Rapporto Lombardia 2017 e frutto dell’elaborazione di Éupolis Lombardia su dati Eurostat 2015, l’Italia, con 27.800 euro, finisce invece nella parte inferiore della graduatoria. Tra i Paesi comunitari vi è un’elevata variabilità nel reddito e negli standard di vita della popolazione. Lussemburgo e Irlanda presentano i valori più elevati, rispettivamente 76.200 e 51.100 euro: quattro e due volte e mezzo il valore dell’indicatore per la Grecia che si posiziona in fondo alla classifica con un reddito di 19.600 euro. Risultano invece ridotte le differenze tra gli altri Stati in testa alla classifica con redditi che vanno dai 37mila euro dei Paesi Bassi, al 3° posto, ai 36.900 dell’Austria, quarta, fino ai già citati 36.600 euro di Lombardia e Danimarca. Lombardia: Pil pro capite superiore alla media UE 21 FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA LOMBARDIA: PIL PRO CAPITE SUPERIORE ALLA MEDIA UE 21 Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 27.800 19.600 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 22.200 25.900 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Il Pil pro-capit in un paese. È comunitari vi è Irlanda presen per la Grecia c quello median occidentale ai Rapporto Lombardia Meno ricchezza GRECIA UNGHERIA POLONIA 19.600 19.700 19.800 Più ricchezza 76.200 51.100 37.000 LUSSEMBURGO IRLANDA PAESIBASSI MEDIANA UE21 30.600 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 27.800 19.600 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 22.200 25.900 Lussemburgo Irlanda Paesi Bassi Austria Danimarca Lombardia Germania Svezia Belgio Finlandia Regno Unito Francia Italia Spagna Rep. Ceca Slovenia Slovacchia Portogallo Estonia Polonia Ungheria Grecia 76.200 51.100 37.000 36.900 36.600 36.600 35.800 35.700 34.200 31.600 31.200 30.600 27.800 25.900 25.200 23.900 22.300 22.200 21.600 19.800 19.700 19.600 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Il Pil pro-capite fornisce una misura del reddito per abitante derivante dalla produzione di beni e servizi in un paese. È spesso utilizzato per valutare il livello di benessere materiale delle persone. Tra i paesi comunitari vi è un’elevata variabilità nel reddito e negli standard di vita della popolazione. Lussemburgo e Irlanda presentano i valori più elevati, rispettivamente quattro e due volte e mezzo il valore dell’indicatore per la Grecia che si posiziona in fondo alla classifica. L’Italia (27.800 ppa) presenta un valore al di sotto di quello mediano europeo (30.600 ppa), mentre la Lombardia si posiziona nel gruppo dei paesi dell’Europa occidentale ai vertici della graduatoria. Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze GRECIA UNGHERIA POLONIA 19.600 19.700 19.800 Più ricchezza 76.200 51.100 37.000 LUSSEMBURGO IRLANDA PAESIBASSI MEDIANA UE21 30.600 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 27.800 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 Lussemburgo Irlanda Paesi Bassi Austria Danimarca Lombardia Germania Svezia Belgio Finlandia Regno Unito Francia Italia Spagna Rep. Ceca Slovenia Slovacchia Portogallo Estonia 76.200 51.100 37.000 36.900 36.600 36.600 35.800 35.700 34.200 31.600 31.200 30.600 27.800 25.900 25.200 23.900 22.300 22.200 21.600 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze GRECIA UNGHERIA POLONIA 19.600 19.700 19.800 Più ricchezza 76.200 51.100 37.000 LUSSEMBURGO IRLANDA PAESIBASSI MEDIANA UE21 30.600 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 27.800 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 25.900 Lussemburgo Irlanda Paesi Bassi Austria Danimarca Lombardia Germania Svezia Belgio Finlandia Regno Unito Francia Italia Spagna Rep. Ceca Slovenia Slovacchia Portogallo Estonia Polonia 76.200 51.100 37.000 36.900 36.600 36.600 35.800 35.700 34.200 31.600 31.200 30.600 27.800 25.900 25.200 23.900 22.300 22.200 21.600 19.800 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze GRECIA UNGHERIA POLONIA .600 .700 .800 Più ricchezza 76.200 51.100 37.000 LUSSEMBURGO IRLANDA PAESIBASSI MEDIANA UE21 30.600 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 Lussemburgo Irlanda Paesi Bassi Austria Danimarca Lombardia Germania Svezia Belgio Finlandia Regno Unito Francia Italia Spagna Rep. Ceca Slovenia Slovacchia Portogallo 76.200 51.100 37.000 36.900 36.600 36.600 35.800 35.700 34.200 31.600 31.200 30.600 27.800 25.900 25.200 23.900 22.300 22.200 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Fonte: Éupolis Lombardia su dati Eurostat, 2015
  6. 6. 10 REGIONE DEBITO PRO CAPITE % PIL REGIONALE Lombardia Emilia-Romagna Liguria Marche Puglia Veneto Media Italiana Sicilia Calabria Lazio 73 114 187 193 213 219 407 580 616 1.708 0,21 0,35 0,64 0,76 1,26 0,73 1,54 3,4 3,66 5,4 La Lombardia è la regione a statuto ordinario meno indebitata del Paese in rapporto ai suoi cittadini. Su ogni lombardo grava un debito pari a 73 euro. Il totale ammonta a circa 728 milioni di euro, che rappresenta lo 0,21% del Pil regionale. Al secondo posto c’è l’Emilia- Romagna, con un debito pro capite di 114 euro (0,35% del Pil regionale), la Liguria (187 euro; 0,64%), le Marche (193 euro; 0,76%), la Puglia (213 euro; 1,26%) e il Veneto (219 euro; 0,73%). E’ quanto emerge dallo studio di Éupolis Lombardia su dati del Copaff (la Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale) e del Ministero dell’Interno relativi al 2014. Dalla parte opposta della classifica “domina” il Lazio, che fa registrare un debito pro capite molto elevato: 1.708 euro, che incide sul Pil regionale per il 5,4%. A seguire ci sono Calabria (616 euro; 3,66%) e Sicilia (580 euro; 3,4%). La media nazionale dell’esposizione contratta dagli enti territoriali è pari a un debito di 407 euro che pesa su ogni singolo cittadino italiano, quasi sei volte il dato lombardo, con un’incidenza sul Pil dell’1,54%. Il debito totale a livello nazionale prodotto da regioni, province e comuni italiani raggiunge i 24,7 miliardi di euro. Se tutti avessero una gestione virtuosa come quella lombarda, il debito totale si ridurrebbe fino a circa 4,5 miliardi. Lo studio di Éupolis Lombardia mette inoltre in luce come la Lombardia sia l’unica istituzione a statuto ordinario, assieme a Marche e Abruzzo, ad avere un debito pari a zero. I quasi 730 milioni di esposizione che si riferiscono alla nostra regione sono stati infatti accumulati dal comparto provinciale (4,9 milioni di euro) e da quello comunale (723 milioni). Un risultato che assume ancora più valore se si considera che l’esposizione debitoria nazionale deriva per il 56,7% proprio dal comparto regionale. Osservando l’esperienza più negativa su questo fronte, ossia quella del Lazio, si può constatare come il suo debito totale superi i 10 miliardi di euro (quasi la metà dell’intero dato nazionale) e la Regione sia responsabile di questa situazione per una percentuale superiore al 90%. Comparto provinciale e comunale assieme, in questo caso, superano infatti di poco gli 820 milioni di euro di esposizione debitoria. In Lombardia gestione virtuosa, debito pro capite più basso d’Italia IN LOMBARDIA GESTIONE VIRTUOSA, DEBITO PRO CAPITE PIÙ BASSO D’ITALIA FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA Fonte: Éupolis Lombardia su dati del Copaff (la Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale) e del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, 2014
  7. 7. 1312 La Lombardia “costa” allo Stato meno soldi di tutti: 2.447 euro pro capite contro gli 8.679 della Provincia autonoma di Bolzano, i 7.655 della Valle d’Aosta, i 6.818 della Provincia autonoma di Trento e i 3.658 euro della media nazionale. È quanto emerge dallo studio della Ragioneria Generale dello Stato riferito al 2015. I dati riguardano i pagamenti erogati dallo Stato a qualsiasi titolo per spese correnti e spese in conto capitale, distinti per regione. Si tratta di stipendi, acquisti di beni e servizi, trasferimenti ad amministrazioni ed enti pubblici, a imprese e famiglie, interessi, investimenti diretti e contributi agli investimenti. Rimangono escluse le spese per rimborsi di prestiti. Le realtà che costano di più sono le regioni a Statuto speciale. Nella classifica dopo le Province autonome di Bolzano e Trento, la Valle d’Aosta, c’è il Lazio con 5.730 euro pro capite, seguito da altre tre regioni autonome: Sardegna (5.296 euro), Friuli Venezia Giulia (4.974 euro) e Sicilia (4.419 euro pro capite). Seguono Abruzzo (4.336 euro), Molise (4.237 euro), Calabria (4.148 euro), Basilicata (3.976 euro), Liguria (3.701 euro), Campania (3.520 euro), Puglia (3.430 euro), Umbria (3.404 euro), Piemonte (3.281 euro), Marche (3.007 euro), Toscana (2.978 euro), Veneto (2.853 euro), Emilia-Romagna (2.704 euro). La Lombardia è, dunque, ultima in termini di spesa statale pro capite, nonostante sia la regione più produttiva e più generosa in termini di gettito fiscale. I 37,95 miliardi che lo Stato spende in Lombardia riguardano il pagamento della spesa per interessi sui titoli del debito pubblico (13,4 miliardi di euro), i trasferimenti agli enti territoriali (13,6 miliardi di cui 10,5 trasferiti a Regione Lombardia) e gli stipendi del personale delle amministrazioni dello Stato (5,6 miliardi di euro). Queste voci da sole spiegano oltre l’85% delle spese finali dello Stato in Lombardia. Dall’analisidellespesedelbilanciodelloStatopermissioni emergono alcune conferme sui settori d’intervento. Tra i primi, con esclusione delle spese per il debito pubblico, figurano le relazioni finanziarie con le autonomie locali (11 miliardi di euro), l’istruzione scolastica (4,4 miliardi), le spese per il diritto alla mobilità e lo sviluppo dei sistemi di trasporto (1,8 miliardi), l’istruzione universitaria (1,1 miliardi di euro). Non figurano, invece, alcuni settori tra cui la tutela della salute, finanziata con risorse proprie dal bilancio regionale. La Lombardia costa allo Stato meno soldi di tutti LA LOMBARDIA COSTA ALLO STATO MENO SOLDI DI TUTTI Fonte: Ragioneria Generale dello Stato, 2015 LAZIO EMILIA ROMAGNA VENETO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SICILIA MOLISE CAMPANIA PUGLIA VALLE D'AOSTA LOMBARDIA 8.679 7.655 6.818 5.730 4.419 4.237 3.520 3.430 2.853 2.704 2.447 Media Italia 3.658 Spesa pubblica per abitante (euro) FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA
  8. 8. 14 Migliorano i tempi di pagamento di Regione Lombardia verso i fornitori: nel 2° trimestre del 2017, per la gestione complessiva dei pagamenti, media della gestione sanitaria accentrata e della gestione ordinaria, sono passati a 13 giorni di anticipo rispetto alla scadenza, rispetto agli 11 giorni dello stesso periodo del 2016 e ai 12 giorni del primo trimestre del 2017. Per il pagamento della gestione sanitaria accentrata, relativa alle spese per la sanità, nel secondo trimestre 2017 Regione Lombardia ha pagato le fatture con un anticipo di 17 giorni, con un miglioramento rispetto ai 16 giorni del primo trimestre. Si riducono anche i tempi di pagamento dei fornitori della gestione ordinaria, con un anticipo di più di 11 giorni rispetto al termine previsto per la scadenza, rispetto ai 9 giorni del secondo trimestre 2016 e ai circa 11 giorni del primo trimestre 2017. A titolo comparativo, il D.lgs. 192/2012 stabilisce che i pagamenti delle fatture devono essere effettuati entro 30 giorni dal ricevimento ad eccezione dei pagamenti in sanità previsti entro 60 giorni. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il portale istituzionale di Regione Lombardia. La Lombardia paga i fornitori con anticipi da record LA LOMBARDIA PAGA I FORNITORI CON ANTICIPI DA RECORD Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017 LOMBARDIA 2017LOMBARDIA 2015 SCADENZA SCADENZA -4 -17 -10 -11 -9 -13 Giorni di pagamento Giorni di pagamento Anticipo Anticipo Ritardo Ritardo FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA GESTIONE SANITARIA GESTIONE SANITARIA GESTIONE ORDINARIA GESTIONE ORDINARIA GESTIONE COMPLESSIVA GESTIONE COMPLESSIVA
  9. 9. 16 In Lombardia ci sono 41,21 dipendenti dell’intero comparto pubblico nazionale ogni mille abitanti. È il dato nettamente migliore a livello nazionale. Al secondo posto si piazza l’Emilia-Romagna con 47,60 e poi il Piemonte con 49,68. Il risultato peggiore è quello della Valle d’Aosta con 94,78: più del doppio rispetto alla Lombardia. A seguire il Trentino-Alto Adige con 77,07 e il Friuli Venezia Giulia con 69,43. I dati, che fanno riferimento al 2014, provengono dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato (Ministero dell’Economia e delle Finanze) e sono stati elaborati da Éupolis Lombardia. Se si considerano invece soltanto i dipendenti delle singole regioni a statuto ordinario, i risultati per la Lombardia sono ancora più significativi. Ogni mille abitantisololo0,33%deicittadinièundipendenteregionale. Le altre regioni virtuose da questo punto di vista sono Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna, ma con valori comunque doppi rispetto alla Lombardia (rispettivamente 0,55%, 0,63% e 0,64%). Da notare, inoltre, che il dato lombardoèinmiglioramento:nel2013ilvalorediriferimento era lo 0,34% e si contavano 20 dipendenti in più (3.304 contro 3.284). Le regioni peggiori su questo fronte sono Molise (2,06%), Basilicata (2%) e Umbria (1,41%). Un terzo dato, che dimostra la capacità lombarda di far funzionare al meglio la macchina amministrativa con il minor numero di risorse possibile, è relativo al costo del lavoro dei dipendenti pubblici. A ogni lombardo costano 18,75 euro, il dato di gran lunga più basso delle regioni a statuto ordinario. Al secondo posto c’è il Veneto con 29,38 euro e poi l’Emilia-Romagna con 35,22. I dati peggiori sono registrati da Molise (con 144,73 euro), Basilicata (105,31 euro) e Umbria (75,02 euro). Nonostante i costi siano già estremamente contenuti, la Lombardia è riuscita a migliorare ulteriormente la situazione nel giro di un anno: nel 2013 i dipendenti regionali costavano infatti a ogni lombardo 19,26 euro. Una variazione del 2,65%, raggiunta grazie a un contenimento dei costi del lavoro pari a 1,6 milioni di euro. Per interpretare ancora meglio il dato relativo alla situazione lombarda si consideri che il valore medio delle regioni italiane a statuto ordinario si attesta a 38,95 euro. Più del doppio. Dipendenti pubblici: in Lombardia sono meno che nel resto d’Italia Fonte: Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato (Ministero dell’Economia e delle Finanze), 2014 LA LOMBARDIA È LA REGIONE CHE HA MENO DIPENDENTI PUBBLICI NUMERO DIPENDENTI PUBBLICI (OGNI 1.000 PERSONE): COSTO PRO CAPITE PER CITTADINO (€/ANNO) 41,21 18,75 47,60 29,38 35,2249,68 LOMBARDIA PIEMONTE EMILIA ROMAGNA LOMBARDIA VENETO PIEMONTE Costo medio regioni a Statuto Ordinario 38,95 euro Calo del 2,65% nel 2014 FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA
  10. 10. 18 Anche per il 2016 Regione Lombardia è riuscita a realizzare 652 milioni di risparmio pubblico, grazie ad un’efficiente e attenta gestione del bilancio. Nonostante i continui tagli da parte dello Stato e le sue norme che vietano la possibilità di ricorrere al debito, Regione Lombardia ha continuato a favorire la spesa d’investimento, garantendo nel 2016 oltre 975 milioni di euro destinati allo sviluppo. Questa oculatezza nella spesa e le iniziative di facilitazioni fiscali introdotte per i cittadini lombardi hanno portato alle casse regionali circa 190 milioni di euro aggiuntivi, che hanno permesso di ridurre di ben 515 milioni il disavanzo pregresso. Da segnalare anche gli 8 miliardi di euro di investimenti da inizio legislatura. Una gestione prudenziale, un bilancio molto solido, un debito molto basso, la gestione sanitaria in equilibrio e i fondamentali di bilancio tutti in ordine, sono i tratti di eccellenza del governo lombardo riconosciuti recentemente anche dall’agenzia di credito Moody’s, che ha confermato il rating Baa1 superiore a quello dello Stato, situazione eccezionale a livello mondiale. Moody’s conferma il rating Baa1 per Regione Lombardia RATING DI REGIONE LOMBARDIA SUPERIORE ALL’ITALIA Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017 FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA 8 miliardi di finanziamenti per investimenti dal 2013 975 milioni per lo sviluppo nel 2016 Riduzione del disavanzo pregresso di 515 milioni 2017: Moody’s ha confermato il rating Baa1 per Regione Lombardia (superiore a rating Italia Baa2)
  11. 11. 20 La Lombardia, insieme all’Emilia-Romagna e al Veneto, contribuisce alla metà dei contributi che coprono la spesa del sistema previdenziale italiano. Questi i dati che emergono dal quarto rapporto “Bilancio del sistema previdenziale italiano” dell’Osservatorio “Itinerari Previdenziali”, che mappa lo stato del sistema a livello nazionale sulla base di banche dati del 2015. La distribuzione delle prestazioni a livello regionale presenta un bilanciamento: su un totale di 100 prestazioni, 58,6 sono infatti per vecchiaia (di cui 32,1 di anzianità con storie contributive in media di 37 anni), 19 sono prestazioni ai superstiti, 3,1 di invalidità e solamente 19,3 assistenziali. La Lombardia guida inoltre la classifica delle regioni più virtuose con un vitalizio ogni 45mila abitanti, seguita da Lazio (26mila) ed Emilia-Romagna. La Lombardia si pone seconda solo al Trentino- Alto Adige come livelli di sostenibilità del sistema previdenziale. Il tasso di copertura, ovvero quanto i contributi versati da ogni singola regione coprono le uscite per prestazioni, è pari infatti al 97,11% rispetto a una media nazionale del 76,19%. In altri termini a fronte di 100 euro di prestazioni previdenziali, 97 euro provengono dai contributi dei cittadini lombardi, garantendo una piena sostenibilità al sistema regionale. La Lombardia ha trasferito nel 2015 il 26,41% delle sue entrate fiscali, ovvero 35,6 miliardi di euro, nelle casse dell’INPS che contano un totale di oltre 130 miliardi di entrate. Si tratta del contributo più alto a livello nazionale, che supera anche gli aggregati regionali del centro-Italia (20,4%) e del sud-Italia (16,44%). Mediamente un lombardo versa annualmente 3.558 euro; seguono i cittadini di Emilia-Romagna (3.111 euro) e Trentino (3.053 euro). ¼ delle pensioni italiane sono pagate dalla Lombardia ¼ DELLE PENSIONI ITALIANE SONO PAGATE DALLA LOMBARDIA 26,4% Inps: ripartizione regionale delle entrate (%) LOMBARDIA 10 8 6 4 2 0 Veneto 10,7 10,3 9,8 8,7 6,6 4,5 3,4 3,3 2,6 2,5 2,4 2,3 1,6 1,6 1,4 1,2 0,5 0,3 0,2 Liguria Em ilia-Rom agna M arche Lazio Trentino Piem onte Friuli Toscana Sardegna Cam pania Abruzzo Basilicata Puglia Calabria M olise Sicilia Um bria Valle d’Aosta Fonte: Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali, 2017 FOCUS LOMBARDIA VIRTUOSA
  12. 12. 23 FOCUS SANITÀ E WELFARE Scopri perché la Lombardia è Speciale
  13. 13. PRIMI 4 DELLA CLASSIFICA DEL MINISTERO SONO LOMBARDI. 7 NEI PRIMI 10 50% 1 San Raffaele Milano 2 Ospedale Maggiore Milano 3 Istituto Tumori Milano 4 San Matteo Pavia 5 Bambino Gesù Roma 6 IEO Milano 7 Humanitas Milano 8 Santa Lucia Roma 9 Gaslini Genova 10 Carlo Besta Milano • delle prestazioni a livello nazionale • delle pubblicazioni scientifiche prodotte • dei finanziamenti della ricerca 24 Confermata ancora una volta l’eccellenza della sanità lombarda. Oltre che per gli elevati livelli di cura, la Lombardia viene riconosciuta leader nazionale nella ricerca applicata alla cura da parte dei nostri IRCCS (Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico). Gli IRCCS attualmente riconosciuti dal Ministero della Salute sono 49, dei quali 21 di diritto pubblico e 28 di diritto privato, sul territorio nazionale, con una particolare concentrazione in Lombardia e nel Lazio. InLombardiacisono18IRCCS(19sesiincludel’INRCA di Ancona che ha sedi anche in Lombardia), il 40% del totale,dicui4pubblici,istituitiinFondazione,e14privati. La maggioranza è situata a Milano e nei territori limitrofi. Gli IRCCS lombardi sono molto eterogenei in termini di storia e origini, dimensioni, tipologia di attività, area di riconoscimento ed affiliazioni con Università (pubbliche o private). Comunque, in generale, coprono tutte le principali aree di interesse medico e sanitario, tra cui l’oncologia, il cardiovascolare, le neuroscienze, le malattie immuno-degenerative, la riabilitazione, la farmacologia, i trapianti e le malattie complesse e rare. Una presenza non solo quantitativa ma anche di altissima qualità, come dimostrano i risultati che sono stati riconosciuti, da ultimo, dal Ministero della Salute nelle valutazioni, recentemente diffuse, riferite all’anno 2015. 14 i criteri utilizzati, divisi in 3 categorie principali: output scientifici (pubblicazioni e citazioni); attività assistenziale e capacità di attrarre risorse; capacità di operare in rete. Quattro IRCCS lombardi occupano le prime 4 posizioni e ben 7 si collocano nei primi 10 posti. Facendo riferimento all’indice di performance globale che include i 14 indicatori utilizzati dal Ministero, i 18 IRCCS lombardi spiegano da soli il 50% delle prestazioni dei 49 istituti, e i 7 nella top ten spiegano da soli circa il 30% dell’intera performance del sistema dei 49 IRCCS italiani. In termini scientifici ciò significa che il 50% delle circa 12.000 pubblicazioni scientifiche prodotte nel 2015 dai 49 IRCCS italiani sono attribuibili ai 18 Lombardi. In termini economici, il sistema lombardo degli IRCCS ha catturato il 50% dei finanziamenti della Ricerca Corrente, per circa 72 milioni di euro. Sanità: gli IRCCS lombardi sono i migliori d’Italia SANITÀ: GLI IRCCS LOMBARDI SONO I MIGLIORI D’ITALIA Fonte: Ministero della Salute, 2015 FOCUS SANITÀ E WELFARE
  14. 14. 2726 I lombardi si fidano degli ospedali della propria regione più di tutti gli altri cittadini d’Italia. Lo dice l’Istat, che ha pubblicato gli indici di emigrazione sanitaria del 2014. In base all’elaborazione dell’istituto di statistica, soltanto il 3% delle persone ospedalizzate residenti in Lombardia sceglie di farsi curare in altre regioni per ricoveri ordinari e acuti. Al secondo posto c’è il Veneto con il 3,5%, seguito dalla provincia di Bolzano con il 3,9%, dal Friuli Venezia Giulia con il 4,2% e da Toscana ed Emilia-Romagna entrambe al 4,6%. Le regioni dove si registra una maggiore emigrazione sanitaria sono il Molise (20%), la Calabria (19,6%), la Puglia (19,3%), l’Abruzzo (12,3%) e la Valle d’Aosta (12%). La Lombardia ha, inoltre, ottenuto un miglioramento negli ultimi cinque anni passando dal 3,4% al 3%. La Lombardia è, anche, la regione italiana che ha il maggior credito verso le altre regioni per la mobilità sanitaria dei pazienti. Circa 4 miliardi di euro passeranno da una regione all’altra in base al saldo positivo o negativo dei flussi di pazienti, in base ai dati riportati nel Fondo sanitario nazionale 2016. A guidare la classifica la Lombardia a cui spetta un rimborso di 534 milioni di euro, seguita dall’Emilia-Romagna che ha un credito di 328 milioni e la Toscana con 151,2 milioni. Le Regioni che invece hanno un debito maggiore verso le altre Amministrazioni sanitarie sono la Campania (270,4 milioni), la Calabria (251,6 milioni) e il Lazio (201,5 milioni). La Lombardia, con il 4,6%, registra il rapporto minore di ricoveri fuori regione dei residenti sul totale dei ricoveri, contro una media nazionale del 23,9% di indice di fuga. Per la mobilità attiva è il Molise a guadagnarsi la prima posizione della graduatoria con un indice di attrazione pari al 26,7%. In valori assoluti, le realtà più attrattive sono la Lombardia (144 mila ricoveri extraregionali), l’Emilia-Romagna (109 mila ricoveri extraregionali), il Lazio (83 mila ricoveri extraregionali), la Toscana (67 mila ricoveri extraregionali) e il Veneto (55 mila ricoveri extraregionali). Sanità: gli italiani scelgono gli ospedali lombardi SANITÀ: GLI ITALIANI SCELGONO GLI OSPEDALI LOMBARDI INDICI DI EMIGRAZIONE SANITARIA 2014 REGIONE PERCENTUALE % 3 3,5 3,9 4,2 4,6 4,6 20 19,6 19,3 12,3 12 Lombardia Veneto Provincia di Bolzano Friuli Venezia Giulia Toscana Emilia-Romagna Molise Calabria Puglia Abruzzo Valle d’Aosta RIMBORSO (MILIONI DI EURO) CREDITI PER MOBILITÀ SANITARIA Lombardia 534 Toscana 328 Emilia-Romagna 151 FOCUS SANITÀ E WELFARE Fonte: Istat, 2016 e Fsn, 2016
  15. 15. 2928 46mila addetti 50% del totale nazionale 3mila occupati in ricerca e sviluppo 5miliardi di export 1/4 del totale nazionale 400milioni di investimenti in ricerca e sviluppo Italia secondo produttore farmaceutico dell’Unione Europea La Lombardia è la prima regione farmaceutica in Italia einEuropapernumerodiaddetti.Assorbecircalametà degli occupati del settore nazionale con 28mila unità più 18mila nell’indotto, seguita dal Lazio con 16mila occupati più 6mila dell’indotto. La Lombardia è leader italiana anche per investimenti in ricerca e sviluppo, che ammontano a 400 milioni di euro, e per numero di occupati del settore, con 3mila unità su un totale dell’industria farmaceutica italiana di 6.200. E’ la seconda regione per l’export dei prodotti farmaceutici, che vale quasi 5 miliardi di euro su un totale nazionale di 21 (al primo posto il Lazio con 7,6 miliardi). E’ quanto emerge dal Rapporto sugli indicatori farmaceutici di Farmindustria (giugno 2017). La leadership lombarda nell’occupazione e laziale nell’export si ripropone anche nella classifica delle province italiane. Milano è in testa per il maggiore numerodiaddettiseguitadaMonza-Brianza(5°posto) e Varese (6°), mentre per le esportazioni il capoluogo lombardo, con un fatturato di 3,1 miliardi, si posiziona secondo dopo Latina (4 miliardi). Il settore della farmaceutica si conferma trainante per l’economia italiana: il Bel Paese è, infatti, il secondo produttore farmaceutico nell’Unione Europea, dopo la Germania, con il 26% della produzione totale e il 19% del mercato, ma prima per l’incremento delle esportazioni (+52% in volume e +18% a valore negli ultimi sei anni). Dati che confermano la qualità e l’innovazione dei prodotti italiani del farmaco. L’Italia, dal 2010 al 2016, si posiziona al primo posto anche per crescita della produzione industriale (+13%) e produttività (+19%). Le imprese hanno investito risorse significative in ricerca e sviluppo, con un’accelerazione del 20% negli ultimi tre anni. Le imprese italiane del settore investono in R&S il 17% del valore aggiunto, 12 volte la media nazionale: 1,5 miliardi di euro nel 2016, il 7% del totale degli investimenti del Paese. Buone le prospettive anche per l’anno in corso: da gennaio ad aprile, rispetto allo stesso periodo del 2016, l’occupazione è cresciuta del 2,7%, la produzione del 4,7% (la media manifatturiera è dell’1,5%) e l’export del 14% (la media manifatturiera è del 7%). Farmaceutica: Lombardia leader in Italia e in Europa FARMACEUTICA: LOMBARDIA LEADER IN ITALIA E IN EUROPA Fonte: Farmindustria - Indicatori Farmaceutici, 2017 FOCUS SANITÀ E WELFARE
  16. 16. 30 Il “Reddito di Autonomia” lombardo rappresenta un primo esempio di politiche integrate che vedono al centro le persone e le famiglie, riconoscendo ai soggetti in difficoltà opportunità di accesso alle prestazioni in ambito sanitario, sociale, abitativo e di ricerca attiva del lavoro. Il programma stabilisce livelli aggiuntivi per favorire la responsabilizzazione delle persone e delle famiglie e garantire la loro autonomia, con le politiche attuate attraverso la rete regionale degli interventi e servizi sociali degli enti locali. Da segnalare, in particolare, il successo ottenuto dal cosiddetto “bonus bebè”. Si tratta di un contributo economico di 1.800 euro sia in caso di gravidanza e nascita (divisi in due tranche), sia in caso di adozione (in un’unica soluzione), più del doppio rispetto al contributo statale, che prevede l’erogazione di 800 euro in un’unica soluzione alla madre a partire dal settimo mese di gravidanza ed in caso di adozione. Dai dati relativi alla sperimentazione lombarda è emerso che sono state finanziate 9.800 domande nel periodo compreso tra giugno 2016 ed aprile 2017, con una spesa di oltre 12,6 milioni di euro a favore di famiglie che presentano uno stato di vulnerabilità derivante prevalentemente dalla situazione occupazionale. In virtù dell’ottimo riscontro dell’iniziativa, Regione Lombardia ha stanziato, a partire da maggio 2017, altri 10,8 milioni di euro per proseguire la misura a sostegno delle famiglie lombarde. Bonus famiglia: quello lombardo è più del doppio di quello statale FOCUS SANITÀ E WELFARE Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017 BONUS FAMIGLIA: QUELLO LOMBARDO È PIÙ DEL DOPPIO DI QUELLO STATALE Bonus Lombardia 1.800 euro 9.800 mamme ne hanno usufruito Bonus nazionale 800 euro
  17. 17. 3332 65 MILIONI PER NIDI GRATISLe iniziative in campo sociale intraprese da Regione Lombardia sono state presentate nel corso della Conferenza Europea sui servizi sociali, che si è svolta a Bruxelles il 20 e 21 aprile 2017. Il “Reddito di Autonomia” lombardo rappresenta un primo esempio di politiche integrate che vedono al centro le persone e le famiglie, riconoscendo ai soggetti in difficoltà ulteriori opportunità di accesso alle prestazioni in ambito sanitario, sociale, abitativo e di ricerca attiva del lavoro. Tra le misure più significative vi è certamente “Nidi Gratis”. 13.000 bambini e il 90% dei Comuni con asili pubblici hanno usufruito di tale iniziativa, finanziata nel 2016 con 32 milioni di euro da Regione Lombardia. Numeri importanti per un’amministrazione che punta sul welfare, sulla conciliazione famiglia e lavoro e sull’occupazione, in particolare quella femminile. Per questo motivo l’Assessorato per il Reddito di Autonomia e Inclusione sociale ha deciso di confermare “Nidi Gratis” anche per l’anno 2017-2018, con un investimento di altri 32,5 milioni di euro. Con questa misura i beneficiari hanno visto azzerata la retta dell’asilo nido per i loro figli, sia nelle strutture pubbliche sia in quelle private convenzionate con il pubblico. Nella nuova programmazione sarà prevista, inoltre, la possibilità per i Comuni con nidi pubblici rimasti precedentemente esclusi, di partecipare alla misura adeguandosi al requisito attraverso l’applicazione di rette differenziate in base alle fasce Isee con lo scopo di coprire la totalità del territorio. Reddito autonomia: modello lombardo presentato a Bruxelles Scopri questa e le altre iniziative su www.regione.lombardia.it Numero Verde 800.318.318 NIDI GRATIS NUOVO REDDITO LOMBARDO DI AUTONOMIA. al nido gratis 90% dei Comuni con asili pubblici hanno usufruito dell’iniziativa 13.000 bambini Nel 2016 FOCUS SANITÀ E WELFARE Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017
  18. 18. 3534 IMPRESE SOCIALI NEL 2015 10.291 13% 20% 159.874 VOLONTARI +15% dal 2012 DEI LOMBARDI FA DONAZIONI (media nazionale: 15%) DEI LOMBARDI FA IL VOLONTARIO (media nazionale: 11%) Sonoesattamente10.291leimpresecheinLombardia si occupano di volontariato, suddivise tra il settore dell’istruzione e dell’assistenza sanitaria e sociale. Un dato in crescita del 4% rispetto all’anno precedente e che rappresenta il 20% del totale nazionale (pari a 56.650). Analizzando i dati forniti dalla Camera di Commercio di Milano può essere creata una classifica delle regioni maggiormente virtuose da questo punto di vista. Dopo la Lombardia, al secondo posto si piazza la Sicilia con 6.438 imprese. Seguono nella top ten nazionale, il Lazio (6.327), la Campania (6.297), il Piemonte (3.795), l’Emilia-Romagna (3.658), il Veneto (3.574), la Puglia (3.483), la Toscana (2.684) e infine la Calabria (1.730). Anche spostando l’attenzione sul numero di addetti impegnati nelle imprese sociali, la situazione non cambia: in Lombardia costituiscono un esercito formato da ben 159.874 persone, in aumento dell’1,3% rispetto al 2014 e del 15% negli ultimi quattro anni. In seconda posizione c’è il Lazio con 71.765 addetti, un numero di molto inferiore alla metà del dato lombardo. Sul podio anche l’Emilia-Romagna con 61.766 addetti. Quarto posto per il Piemonte (57.858), seguito da Sicilia (54.539), Veneto (51.626), Campania (46.824), Toscana (34.384), Puglia (30.762) e Sardegna (16.906). Scorrendo i dati emerge inoltre che il 13% dei lombardi fa il volontario, contro l’11% del dato nazionale. Addirittura il 20% (in Italia la media è il 15%) effettua donazioni per aiutare altre persone in situazione di difficoltà. E sono il 15% i lombardi che svolgono attività gratuite per aiutare gli altri: in media ogni mese donano circa 21 ore del loro tempo. Quasi una giornata intera. Sono invece in totale 27mila le ore spese in attività di volontariato ogni mese in Lombardia. Un’impresa sociale su cinque ha sede in Lombardia IMPRESE NO PROFIT IL 20% SONO IN LOMBARDIA FOCUS SANITÀ E WELFARE Fonte: Camera di Commercio di Milano, su dati Istat, 2015
  19. 19. 37 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO Scopri perché la Lombardia è Speciale
  20. 20. 38 La Lombardia è la regione che esporta in misura maggiore rispetto alle altre regioni: nel 2015 il valore delle merci in viaggio per l’estero è stato pari a 111,23 miliardi di euro: il 27,2% del totale nazionale, che è pari a 408,66 miliardi. Dalla Lombardia parte il 68% di tutte le esportazioni dell’Italia nord-occidentale che, nel 2015, ha aumentato i suoi scambi, in modo particolare, con il NordAmerica. Bene anche gli scambi con i mercati dell’Unione europea e del Medio Oriente, mentre meno soddisfacenti sono stati i risultati legati all’Africa e all’America latina. E’ quanto emerge daI Rapporto Ice (l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) “L’Italia nell’economia internazionale”, che ha utilizzato i dati dell’Istat. Il valore assoluto delle merci lombarde esportate nel 2015 ha fatto segnare un incremento dell’1,5% rispetto al 2014, anno in cui il differenziale era stato pari al +1,3%. Guardando la classifica generale italiana, dopo la Lombardia, al secondo posto si trova il Veneto con un valore di 57,52 miliardi di euro, seguito dall’Emilia- Romagna, con 55,32 miliardi di euro. Seguono il Piemonte con 45,78 miliardi di euro e la Toscana con 33,06 miliardi di euro. Più staccati Lazio (20,19), Marche (12,21), Friuli Venezia Giulia (12,17), Campania (9,74), Sicilia (8,47), Puglia (8,2), Trentino- Alto Adige (7,8), Abruzzo (7,44), Liguria (6,78), Sardegna (4,8), Umbria (3,65), Basilicata (2,82), Valle d’Aosta (0,6), Molise (0,49) e la Calabria (0,37). Anche sul fronte dei servizi è la Lombardia a rivestire un ruolo chiave nell’economia nazionale. Il valore dei servizi esportati nel 2015 è pari a 20,8 miliardi di euro, il 29,1% del totale nazionale, pari a 71,42 miliardi di euro. Al secondo posto c’è il Lazio con 15,66 miliardi di euro, seguito dal Veneto con 6,69, dal Piemonte con 5,61 e dalla Toscana con 5,44. Ancheinquestocasol’Italianord-occidentalerappresenta la percentuale di valore più alta del Paese: ben il 40,7% del totale italiano di export dei servizi. Quasi un terzo dell’export nazionale è made in Lombardia QUASI UN TERZO DELL’EXPORT NAZIONALE È MADE IN LOMBARDIA Fonte: Rapporto Ice, 2015 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO 2015 111,23 miliardi Valore export lombardo 27,2% del dato nazionale + 1,5% rispetto al 2014 Valore merci esportate (in miliardi di euro) > 100 Tra 100 e 20 Tra 20 e 5 Tra 5 e 1 < 1 111,23 57,52 55,32 45,78 33,06 20,19 12,21 12,17 9,74 8,47 8,2 7,44 6,78 0,6 3,65 2,82 0,49 0,37 4,8 7,8
  21. 21. 40 L’industria manifatturiera lombarda cresce oltre le aspettative, registrando un aumento dell’1,7% rispetto al trimestre scorso e del 4% su base annua. I dati congiunturali presentati da Unioncamere Lombardia relativi al primo trimestre del 2017 evidenziano una produzione industriale che cresce oltre le aspettative nel settore manifatturiero. Stesso trend si registra per le aziende artigiane manifatturiere, con un incremento congiunturale dello 0,8% e del 2,9% su base annua. L’indagine ha riguardato un campione di più di 2.800 aziende manifatturiere, suddivise in imprese industriali (oltre 1.600) e artigiane (quasi 1.200). Tra i settori in crescita spiccano la chimica (+ 5,4%) e la meccanica (+ 5,3%) oltre a pelli e calzature (+ 8,5%) e abbigliamento (+ 6,2%). Seguono le industrie varie (+ 3,9%), la gomma-plastica (+ 3,8%), il legno-mobilio (+ 3,5%), la siderurgia (+ 3,4%), gli alimentari (+ 2,5%) e i mezzi di trasporto (+ 2,1%). Il boom del settore manifatturiero lombardo risulta ancora più evidente se si considera l’indice della produzione industriale. Con la nuova base anno 2010=100, nel primo trimestre 2017 la Lombardia si attesta a quota 106,8 avvicinandosi al livello europeo di 107,9 e con una distanza di rilievo dall’Italia, che ha quota 94,2. La Lombardia segue quindi l’Eurozona da vicino, con una netta accelerazione nell’ultimo trimestre che supera la curva di crescita europea. A confermare il trend positivo dell’impresa lombarda anche la ripresa degli ordini esteri, con un incremento congiunturale pari al + 4,2% associato a un forte incremento tendenziale (+ 7,5%). Anche la domanda estera delle imprese artigiane registra un incremento dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,9% su base annua. Positivi anche i dati in merito all’occupazione, che in questo trimestre cresce dello 0,5% nonostante gli effetti degli incentivi fiscali si siano esauriti. In rallentamento il ricorso alla CIG, con una quota di aziende che dichiara di aver utilizzato ore di cassa integrazione che scende all’8,9% e la quota sul monte ore all’1,2%. Si tratta dei dati migliori negli ultimi due anni. Il manifatturiero lombardo corre più della media europea IL MANIFATTURIERO LOMBARDO CORRE PIÙ DELLA MEDIA EUROPEA EXPORT INDICE DI PRODUZIONE INDUSTRIALE PRODUZIONE INDUSTRIALE + 4,2% rispetto al trimestre scorso + 7,5% su base annua +1,7% rispetto al trimestre scorso + 4% su base annua 94,2 106,8 107,9 Fonte: Unioncamere Lombardia - primo trimestre 2017 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO
  22. 22. Nel 2015 5,6 miliardi di euro export + 7,4% rispetto al 2014 15,4% del dato nazionale 42 L’agricoltura non delude mai in Lombardia. Con 5,6 miliardi di euro di export nell’anno 2015, la nostra regione rappresenta il 15,4 per cento dell’intero valore nazionale. Rispetto al 2014, a livello nazionale, si è registrato un incremento del 7,4%, un valore che conferma l’attenzione crescente dei mercati europei, ma non solo, nei confronti dei prodotti italiani. Oltre a Germania, Francia, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera, che assieme assorbono la metà dell’export nazionale, ottimi riscontri giungono anche da parte di Paesi come Giappone, Canada, Australia e Cina. A descrivere questo scenario è lo studio “L’agroalimentare italiano nel mondo”, realizzato dalla Camera di commercio di Milano e dalla Coldiretti, assieme a Promos. A livello di singole province, nel novero delle venti migliori d’Italia se ne contano tre lombarde: Milano occupa il quarto posto con 1,52 miliardi di euro di export. Bergamo, dodicesima con 709 milioni di euro, è uno dei territori che ha fatto segnare il miglior incremento nel corso dell’anno, ben il 22,7%. Ottimo anche il risultato di Mantova, in diciassettesima posizione con 591 milioni di euro e un incremento del 6,1% tra il 2014 e il 2015. In testa alla classifica Verona con 2,69 miliardi. Agricoltura, la Lombardia dà lo sprint all’export nazionale Fonte: L’agroalimentare italiano nel mondo, Camera di commercio di Milano – Coldiretti – Promos, 2016 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO AGRICOLTURA, LA LOMBARDIA È IL CUORE DELL’EXPORT NAZIONALE
  23. 23. 6,2MILIARDI36,5MILIARDI VALORE SISTEMA AGRICOLO LOMBARDO VALORE AGGIUNTO PRODOTTO DELL’INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE +13,5%DEL PIL NAZIONALE +10,1%DEL PIL REGIONALE 44 L’agricoltura è una delle componenti più rilevanti del sistema economico lombardo. È quanto emerge dal documento “L’Agricoltura lombarda conta – 2015”, che contiene i dati Istat elaborati in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Economia Agraria (INEA) e i ricercatori ed esperti del mondo accademico. La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e tra le prime in Europa: produce il 44% del latte italiano, il 42% del riso italiano, il 40% dei prodotti suinicoli italiani. La superficie destinata alle colture di IV gamma in Lombardia è circa il 30% della superficie nazionale. Le aziende agricole sono 49.169. 1/6 dell’agricoltura nazionale Nel 2014 il valore dell’intero sistema agricolo lombardo equivaleva a 36,5 miliardi di euro, ovvero a circa (16,7%) del valore del sistema agroalimentare di tutta Italia. Rispetto al 2013, si è dunque registrato un aumento dello 0,6% contro il +0,4% a livello nazionale. Oltre 1/7 del Pil nazionale Nel 2015, il sistema agricolo lombardo ha prodotto il 10,1% del Pil regionale, mentre l’incidenza sul Pil nazionale è stata pari al 13,5%. Il maggiore contributo al valore del sistema agroalimentare lombardo è giunto, nel periodo preso in considerazione, dalla commercializzazione, dalla distribuzione e dalla ristorazione. I loro valori hanno inciso, rispettivamente, il 40,9% e il 20,1% sul totale. L’industria alimentare vale 1/5 di quella italiana Da segnalare, infine, che il valore aggiunto prodotto dell’industria alimentare e delle bevande, nel 2014, è stato stimato in circa 6,2 miliardi di euro, pari al 23,9% del relativo valore aggiunto dell’industria alimentare nazionale e al 16,9% del valore del sistema agroalimentare regionale. L’agricoltura lombarda vale 1/6 del sistema agroalimentare italiano Fonte: “L’Agricoltura lombarda conta – 2015” FOCUS SVILUPPO ECONOMICO LOMBARDIA PRIMA REGIONE AGRICOLA IN ITALIA
  24. 24. 46 L’economia lombarda cresce così come la fiducia delle imprese e delle famiglie. Non si sono ancora recuperate le perdite degli anni della crisi, ma il rapporto Banca d’Italia relativo al 2016 ha fotografato una situazione di ripresa su più fronti. La produzione industriale è salita dell’1,3% nel 2016, in misura analoga al 2015 e con una tendenza a un’accelerazione nei primi mesi del 2017. La ripresa della fiducia nel futuro ha rafforzato gli investimenti anche nel 2016. Nel 2016 più del 50% delle imprese industriali lombarde ha investito in tecnologie digitali avanzate che realizzano forme di automazione e di interconnessione dei processi produttivi (la cosiddetta industria 4.0). Si è trattato soprattutto di imprese medio-grandi dei settori metalmeccanico, chimico e tessile. Per quasi il 10% degli operatori gli investimenti in tali tecnologie hanno rappresentato più di un quinto del totale. Nel 2016 è proseguita l’espansione dell’attività nel terziario e dei servizi privati non finanziari, anche se con un’intensità inferiore rispetto a quella del 2015: +0,4% di fatturato contro il +3,4%. Significativo che il fatturato degli esercizi di ricezione turistica sia rimasto stabile nonostante il confronto con il periodo dell’Expo e che la spesa dei visitatori internazionali sia aumentata del 7,4%. I flussi sono diminuiti nelle province a ridosso del sito espositivo (Milano e Monza-Brianza), compensati da un incremento nelle province di Brescia, Como e Mantova, quest’ultima Capitale della cultura 2016. Si è rafforzata ulteriormente la redditività delle imprese dell’industria e dei servizi con il 75% in utile. Le maggiori risorse finanziarie sono state impiegate come liquidità e solo in minima parte per investimenti. La diminuzione delle aziende in sofferenza e le migliori condizioni creditizie hanno riavvicinato le imprese alle banche con un incremento dei finanziamenti (1,2% su base annua e +0,7% nei primi mesi del 2017). Oltre alle banche, gli investitori privati credono nelle potenzialità del sistema economico lombardo. Nel 2016 l’attività di private equity e venture capital in Lombardia ha registrato una forte espansione. Gli investimenti indirizzati a imprese lombarde hanno raggiunto i 5,6 miliardi di euro, quasi tre quarti del totale nazionale e in crescita del 73% rispetto al 2015 con un’incidenza sul PIL regionale pari all’1,5% contro lo 0,5 in Italia. Economia: la Lombardia cresce su tutti i fronti ECONOMIA: LA LOMBARDIA CRESCE SU TUTTI I FRONTI +1,3% +1,2% +0,4% +73% PRODUZIONE INDUSTRIALE Anno 2016 ACCESSO AL CREDITO PER LE IMPRESE TERZIARIO PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL FOCUS SVILUPPO ECONOMICO Fonte: Banca d’Italia, Economie regionali. L’economia della Lombardia, 2017
  25. 25. 48 Ridurre la disoccupazione e far crescere l’occupazione è la sfida che tutte le regioni europee prima e gli Stati di conseguenza stanno cercando di vincere dall’inizio della crisi economica. E la Lombardia è più vicina al traguardo di quanto non lo siano molti territori italiani e regioni europee. A dirlo sono i dati di Eurostat che fotografano la situazione a settembre 2017. Mettendo a paragone la Lombardia con gli altri tre “motori economici d’Europa”, Catalogna, Baden-Wurtemberg e Rhone-Alpes, emerge chiaramente che la direzione intrapresa dalla regione italiana sta portando i suoi frutti. Dati alla mano la Lombardia è al secondo posto per il minor tasso di disoccupazione dei cittadini tra i 15 e i 74 anni, pari al 7,4 per cento, soltanto dopo Baden-Wurtemberg che si ferma al 3,1 per cento, al terzo posto c’è la francese Rhone-Alpes con l’8,1 per cento, mentre la regione spagnola è al 15,7 per cento. La Lombardia va bene anche per quanto riguarda l’occupazione. Al primo posto c’è la regione tedesca con l’81,8 per cento, seguita da Rhone-Alpes con il 73,6 per cento, la Lombardia con il 71,1 e infine la Catalogna con il 70,1 per cento. Ma forse il dato più importante che si evidenzia è il trend di crescita costante dell’occupazione in Lombardia che è passato dal 69,3 del 2013 al 69,5 del 2014 fino al 69,8 del 2015 e il 71,1 dello scorso anno. Non solo. Il numero di occupati in Lombardia per la prima volta ha superato i livelli pre crisi del 2008 con 54mila unità in più: è cresciuto in particolare il numero di donne occupate e il livello di istruzione di coloro che hanno trovato un impiego. Buono anche l’indicatore che evidenzia la percentuale di disoccupati da oltre 12 mesi su tutta la popolazione attiva. La percentuale della Lombardia si attesta al 3,9 per cento, posizionandosi al terzo posto dopo Baden- Wurtemberg (0,9%) e Rhone-Alpes (3,2%), ma davanti alla Catologna che si attesta all’8,4. Anche in questo caso è tangibile il miglioramento della percentuale che passa dal 4,1 per cento del 2013 al 3,9 dello scorso anno. Disoccupazione in calo, Lombardia tra le migliori in Europa DISOCCUPAZIONE IN CALO, LOMBARDIA TRA LE MIGLIORI IN EUROPA Fonte: Eurostat, settembre 2017 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO Tasso di disoccupazione (15-74 anni) anno 2017 Baden-Wurttemberg Lombardia Rhône-Alpes Catalogna 3,1% 7,4% 8,1% 15,7% REGIONE % DISOCCUPAZIONE 8,6% 11,7% Europa Italia
  26. 26. 50 Regione Regione BREVETTI NAZIONALI BREVETTI EUROPEI Lombardia Lazio Emilia-Romagna Piemonte Campania Puglia Sicilia Calabria Lombardia Emilia-Romagna Veneto Piemonte Campania Puglia Sicilia Calabria 190.763 92.408 71.740 65.265 1.241 1.119 1.025 694 15.048 6841 5.262 4.840 556 435 214 105 N. Brevetti N. Brevetti 28% 34,5% Ogni giorno 50 brevetti. La Lombardia è capofila dell’innovazione in Italia. Le elaborazioni della Camera di Commercio di Milano, su dati del Ministero dello Sviluppo economico, mettono in luce come nel periodo tra il 2005 e il 2015 siano stati quasi 191mila i brevetti nazionali depositati in Lombardia, il 28% del totale italiano. Sono stati invece 15mila i brevetti europei, ben il 34,5% dell’intero dato nazionale. Sul dato totale italiano “pesano” soprattutto le invenzioni lombarde: nel periodo di riferimento sono state quasi 29mila su 97mila, pari al 30%. Gran parte di queste invenzioni, circa 24mila, sono nate a Milano. Milano è la provincia che vanta il maggior numero di brevetti nazionali, oltre 157mila, l’82,4% del totale lombardo e il 23,1% di quello nazionale. A seguire Roma con 85.521, Torino con 52.158 e Bologna con 26.412. A livello regionale la Lombardia è prima (con 190.763), seguita da Lazio (92.408), Emilia-Romagna (71.740) e Piemonte (65.265). Come anticipato, cambia poco anche se si considerano i brevetti europei. La Lombardia – nel periodo 2003- 2013 – traina il Paese con 15.048 brevetti, e Milano è la città più rappresentata, con 7.872 pari al 52,3% del totale lombardo e il 18,1% del totale nazionale. Seguono Emilia-Romagna con 6841 (il 15,7% del totale nazionale), Veneto con 5.262 (12,1%) e Piemonte con 4.840 (11,1%). Per quanto riguarda le province, Milano da sola ha fatto più depositi dell’intera Emilia-Romagna (7.872 contro 6.841). Seguono poi Torino (3.316, il 7,6% del totale nazionale), Bologna (2.700, 6,2%) e Monza e Brianza con 1.887 (4,3%). Tra le prime spiccano anche Brescia e Bergamo (3%) e Varese (2%). Anche per l’area invenzioni il primato spetta alla Lombardia: nel periodo 2005-2015 ha registrato 28.630 novità. Seguono Emilia-Romagna con 15.417, Veneto con 12.754 e Piemonte con 11.228. Nell’elenco delle province, Milano è al vertice con 23.805 invenzioni, seguita da Torino con 10.592 invenzioni (meno della metà di Milano), Bologna con 7.818 e Roma con 7.028. I dati della Camera di Commercio evidenziano un divario significativo tra Nord e Sud d’Italia. Le domande di brevetto nazionale depositate nel periodo di riferimento sono state solo 1.241 in Campania, 1.119 in Puglia, 1.025 in Sicilia e 694 in Calabria. Cambia poco anche sul fronte dei brevetti europei: 556 in Campania, 435 in Puglia, 214 in Sicilia e 105 in Calabria. Lombardia capofila dell’innovazione, oltre 200mila brevetti in 10 anni LOMBARDIA CAPOFILA DELL’INNOVAZIONE, OLTRE 200MILA BREVETTI IN 10 ANNI Fonte: Camera di Commercio di Milano, 2015 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO
  27. 27. 52 Tecnologie, comunicazione, ma anche manifattura e agricoltura,sonosoloalcunideisettoriincuisiconcentrano le start up innovative lombarde, che rappresentano il 23,1% del totale italiano. E’ quanto emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati del Registro delle imprese, aggiornati a marzo 2017. La Lombardia si conferma il territorio più favorevole per l’innovazione con 1574 aziende attive su 6800 a livello nazionale. Al secondo posto c’è l’Emilia-Romagna con 759 (11,2%), al terzo il Veneto con 585 (8,6%), mentre agli ultimi posti ci sono la Valle d’Aosta con 17 start up (0.2% del totale italiano) e il Molise con 30 (0.4%). Le start up innovative lombarde sono guidate per il 20,8% da giovani, per l’11,1% da donne e per il 3% da stranieri. I settori in cui si sviluppano maggiormente le aziende lombarde sono quello dei servizi di informazione e comunicazione, con 753 imprese (47,8% del totale regionale) e le attività professionali, scientifiche e tecniche con 362 aziende (23%), ma anche commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli con 80 imprese (5,1%) e noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese con 51 imprese, pari al 3,2%. Le start up del settore dell’industria sono 241 (15,3% del totale), di cui 216 nelle attività manifatturiere, mentre nel settore agricolo lombardo le start up innovative lombarde sono poco più di una decina (0,8%). A livello provinciale, in Lombardia è Milano a fare la parte del leone con il 69,3% delle imprese innovative lombarde (1.091 aziende), seguono Brescia e Bergamo, rispettivamente con 122 e 110 imprese, Monza e Brianza con 49 start up innovative, Pavia con 41 e Como con 31 attività. Start up: 1 su 5 è in Lombardia START UP: 1 SU 5 È IN LOMBARDIA Lombardia 1.574 23,1% 11,2% 8,6% Emilia-Romagna 759 Veneto 585 Fonte: Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati del Registro delle imprese, marzo 2017 FOCUS SVILUPPO ECONOMICO
  28. 28. 55 FOCUS CULTURA E TURISMO Scopri perché la Lombardia è Speciale
  29. 29. 56 SceglierediandareinvacanzainLombardiasignificaavere la possibilità di visitare ben 11 dei 53 siti italiani Patrimonio Unesco. Con 10 siti materiali e 1 immateriale (il “Saper fare liutaio” riconosciuto a Cremona), la Lombardia si conferma la regione italiana con la maggiore concentrazione di patrimoni culturali dell’umanità. Ce n’é per tutti i gusti: dall’archeologia preistorica e industriale alla pittura, passando per le bellezze naturali e architettoniche, a testimonianza dell’enorme ricchezza culturale del territorio. La regione ospita anche il primo sito italiano inserito nella World Heritage List (WHL), la lista delle aree tutelate: si tratta delle incisioni rupestri della Val Camonica alle quali nel corso degli anni si sono aggiunti i riconoscimenti degli altri siti. Anche uno dei due ultimi riconoscimenti, che confermano l’Italia il Paese al mondo con il maggior numero di siti, vede protagonista il territorio lombardo: le mura di difesa di Bergamo fanno infatti parte del nuovo sito transnazionale “Opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo: Stato di Terra - Stato di mare occidentale”, presentato nel 2016 dall’Italia insieme con Croazia e Montenegro. In ballo per la Lombardia ci sono anche altre importanti candidature a cui si sta lavorando che potrebbero far salire ulteriormente il primato della regione; il progetto della Civiltà dell’acqua lombarda, che raggruppa le grandi opere idrauliche e irrigue diffuse su tutto il territorio, il riconoscimento del tratto della via Francigena che coinvolge le province di Lodi e Pavia e il progetto del patrimonio alimentare alpino. Siti Unesco: Lombardia prima regione in Italia SITI UNESCO: LOMBARDIA PRIMA REGIONE IN ITALIA FOCUS CULTURA E TURISMO MANTOVA E SABBIONETA SACRO MONTE TRENINO ROSSO DEL BERNINA CRESPI D’ADDA LIUTERIA DI CREMONA PALAFITTEPREISTORICHE ARCHITETTURA LONGOBARDA MONTE SAN GIORGIO INCISIONI RUPESTRI MURA DI BERGAMO Novità! L’ULTIMA CENA 2Toscana 3Veneto Lombardia 1 Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017
  30. 30. 58 La cultura non è solo svago, ma dà un contributo solido e importante alla creazione di ricchezza nel Paese incentivando lo sviluppo anche di altri settori economici, primo fra tutti il turismo. La Lombardia è la regione italiana in cui il settore della cultura e della creatività produce il maggior valore aggiunto (23,4 miliardi di euro) con il maggior numero di occupati (345mila addetti). Il primato lombardo è confermato anche quest’anno dal Rapporto 2017 “Io sono cultura. L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”, elaborato dalla Fondazione Symbola e Unioncamere. In base ai dati, in Lombardia si concentra oltre un quarto del valore aggiunto prodotto dall’industria culturale in Italia e il 23% degli occupati. A seguire il Lazio con 14,8 miliardi di valore aggiunto e 204mila addetti. In regione non è solo Milano a spiccare. Il capoluogo conferma il suo ruolo strategico a livello regionale e nazionale, mantenendo il primo posto tra le province italiane sia per valore aggiunto (14,6 miliardi) sia per numero di occupati (189 mila) davanti a Roma. Ma tra le prime venti province italiane per incidenza del settore sul totale dell’economia locale, ben sette sono in Lombardia. Oltre a Milano ci sono Monza e Brianza (6°), e poi Como, Lecco, Varese, Cremona e Bergamo. A livello nazionale il sistema produttivo culturale e creativo vale il 6% del Pil del 2016. Ha prodotto complessivamente 89,9 miliardi di euro (+1,8% rispetto all’anno precedente) e ha contribuito a un aumento dell’occupazione dell’1,5%, dando lavoro a un totale di 1,5 milioni di persone (il 6% degli occupati in Italia), 22mila unità in più sul 2015. Se si considera tutto l’indotto e i settori che beneficiano delle attività culturali, il volume d’affari generato quasi si triplica arrivando a 250 miliardi: ogni euro prodotto dalla cultura ne genera 1,8 in altri comparti. Tra i settori che beneficiano di più del patrimonio artistico- monumentale e creativo italiano c’è il turismo. Il binomio cultura e turismo in Lombardia incide per il 47% della spesa turistica, per un totale di 3,8 miliardi, seguono il Veneto con 3,6 miliardi e il Lazio con 3,5 miliardi. A livello nazionale si calcola che il 37,9% della spesa turistica, pari a 30,4 miliardi di euro, sia attivato dalla cultura e dalle attività creative, un valore in crescita di ben il 37,5% rispetto all’anno precedente. In Lombardia la cultura conta e vale IN LOMBARDIA LA CULTURA CONTA E VALE 23,4 miliardi 345 mila Valore aggiunto prodotto Numero addetti 26% 23% FOCUS CULTURA E TURISMO Fonte: Fondazione Symbola e Unioncamere, Rapporto 2017 “Io sono cultura. L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”
  31. 31. 61 FOCUS TERRITORIO Scopri perché la Lombardia è Speciale
  32. 32. 62 La Lombardia si conferma lo snodo più importante d’Italia per il trasporto delle merci. Nella classifica nazionale il primo posto è occupato dall’aeroporto di Malpensa, seguito al secondo posto da quello di Roma Fiumicino e al terzo dallo scalo lombardo di Orio al Serio (Bergamo). Anche in Europa la Lombardia ricopre una posizione di tutto rispetto: Malpensa è al nono posto tra gli aeroporti europei per merci trasportate. Il primato spetta, invece, allo scalo di Francoforte, seguito da Parigi, Amsterdam Schiphol e Londra Heathrow. Nel 2016 nell’aeroporto di Malpensa sono state movimentate più di 540mila tonnellate di merci, più del 50% del totale del traffico nazionale, con un incremento del 7,4% rispetto al 2015. A Orio al Serio sono state movimentate oltre 117mila tonnellate di merci, ma con un calo del 2,7% rispetto al 2015. In leggero calo, anche, lo scalo di Linate con circa 15mila tonnellate, che registra un meno 2%. Tre aeroporti lombardi entrano nella classifica dei primi cinque d’Italia per passeggeri trasportati nel 2016. Al primo posto c’è Roma Fiumicino, al secondo Malpensa, seguito da Orio al Serio e Linate. Lo scorso anno a Malpensa sono stati trasportati, in arrivo e in partenza, più di 19,4 milioni di passeggeri, il 4,5% in più rispetto al 2015, a Orio al Serio più di 11 milioni passeggeri, il 7% in più rispetto al 2015 e, infine, a Linate più di 9,6 milioni, dato in linea con la performance del 2015. Anche i primi mesi del 2017 hanno evidenziato il trend di crescita degli scali lombardi sia sul fronte del trasporto passeggeri sia su quello delle merci. A gennaio e febbraio Malpensa ha trasportato 2,8 milioni di passeggeri con un incremento medio dell’11,6% rispetto ai primi due mesi del 2016, 1,6 milioni di persone sono arrivare e partite da Orio al Serio, con un aumento dell’8,1% rispetto allo scorso anno. Bene anche lo scalo di Linate che si è attestato su 1,4 milioni di passeggeri e un incremento del 4,8%. Anche il trasporto merci nei primi due mesi dell’anno ha segnato un risultato positivo. A Malpensa sono state movimentate 86mila tonnellate con un aumento dell’11,7%, a Orio al Serio 18mila (+4,6%) e a Linate 2.500 (+6%). Trasporto merci: Malpensa primo aeroporto in Italia TRASPORTO MERCI: MALPENSA PRIMO AEROPORTO IN ITALIA FOCUS TERRITORIO 540mila tonnellate di merci oltre 50% del traffico nazionale +7,4% rispetto al 2015 Malpensa Roma Fiumicino Orio al Serio 1. 2. 3. Fonte: Dati di Regione Lombardia, 2017
  33. 33. 64 Il Rapporto Pendolaria 2016 conferma il primato lombardo per quanto riguarda l’offerta di servizi ferroviari. È la Lombardia infatti la regione che più delle altre ha messo risorse proprie aggiuntive per nuovi treni e servizi per i pendolari nel periodo 2005-2015, con un totale di circa 1,6 miliardi di euro (di cui circa 780 milioni per il materiale rotabile e oltre 800 milioni per i servizi). Spicca il costante livello di investimenti della Lombardia anche nel 2015, secondo solo alla Provincia autonoma di Bolzano. Sono quasi 5,5 milioni le persone che ogni giorno in Italia usano regolarmente il treno per spostarsi per ragioni di lavoro o di studio, ma con differenze rilevanti di offerta di servizio ferroviario tra le regioni italiane. Ogni giorno in Lombardia si effettuano 2.300 corse giornaliere di treni regionali. Lacrescitadeipendolari,inparticolare,presentadifferenze macroscopiche, perché il numero aumenta dove il servizio non è stato tagliato e dove sono stati realizzati investimenti nell’acquisto di nuovi treni: nel 2015 in Lombardia i pendolari sono arrivati a 712mila, registrando un +1,3% dall’anno precedente, contro la media nazionale di +0,7%. Quale buona pratica per gli utenti, Legambiente cita il servizio TILO, acronimo di Ticino-Lombardia, gestito da Ferrovie Federali Svizzere (FFS) con Trenord per connettere la rete celere del Canton Ticino e il servizio ferroviario suburbano di Milano, con coincidenza dei treni a Chiasso e Camnago. TILO fornisce informazioni aggiornate sul grado di occupazione dei treni in modo che chi viaggia, senza stringenti orari da rispettare, possa scegliere un treno meno affollato e contribuire a un’equa distribuzione dei passeggeri sui convogli. La Lombardia investe più di tutti per nuovi treni e servizi LA LOMBARDIA INVESTE PIÙ DI TUTTI PER NUOVI TRENI E SERVIZI FOCUS TERRITORIO + 1,3% viaggiatori in Lombardia rispetto al 2015 2.300 corse giornaliere in Lombardia + 0,7% media nazionale 1ª Regione per offerta di servizi ferroviari (circa 1/5 del totale dell’offerta nazionale) Fonte: Legambiente, Rapporto Pendolaria, 2016
  34. 34. 6666 La Lombardia è la regione italiana con maggiore produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (FER), con un consumo finale lordo di 3.102 chilotonnellate di petrolio (ktep) a fronte di 19.182 ktep consumati in Italia (ad esclusione del settore dei trasporti). Il 16% dei consumi da fonti green in Italia sono quindi lombardi; seguono il Veneto e il Piemonte che rappresentano il 10% del totale nazionale. Fino al 2007 l’andamento delle FER è stato oscillante con un incremento tra il 2000 e il 2007 dell’11%, mentre tra il 2008 e il 2013 l’incremento ha raggiunto il 40,5%, anche per effetto delle politiche di incentivazione del parco elettrico rinnovabile. Nel breve periodo, un rapporto di GSE (Gestore Servizi Energetici), rivela che tra il 2012 e il 2014, la Lombardia segue il trend italiano di crescita dei consumi di energia pulita. Nel dettaglio, si registra un aumento sensibile dei consumi finali lordi di energia da FER tra il 2012 e il 2013 (passando da 2.826 a 3.113 Ktep) per diminuire leggermente nel 2014 con 3.102 ktep. Per la prima volta nel 2013 le FER in Lombardia hanno superato il 10% dei consumi finali di energia. Analizzando le diverse fonti rinnovabili si registra che la quota principale di energia da FER in Lombardia deriva dalla produzione idroelettrica, con circa il 35,5% del totale. Determinanti sono inoltre il contributo dell’energia ottenuta dalla combustione di biomasse e rifiuti, da biogas e da pompe di calore. La Lombardia è inoltre la seconda regione italiana per consumi da fonte solare (208 ktep), dopo la Puglia (317 ktep); cresce infatti il fotovoltaico a livello regionale: gli impianti installati a fine 2013 sono stati ben 84.338. Si tratta di un primato importante, anche alla luce degli obiettivi di burden sharing fissati per ciascuna Regione dal Ministero dello Sviluppo Economico alla luce della Direttiva 2009/28/CE. La Direttiva assegna all’Italia l’obiettivo di raggiungere entro il 2020 una quota di consumi di energia da FER almeno pari al 17%. Lombardia green: prima regione per consumi da fonti rinnovabili FOCUS TERRITORIO Fonte: GSE, 2016
  35. 35. 68 Numero imprese Piemonte LazioLombardia Italia 52.910 9.862 4.541 4.042 Numero addetti Piemonte LazioLombardia Italia 438.481 80.614 66.869 44.881 68 Riproduzione di piante, raccolta di rifiuti, ricerca nelle scienze naturali, energie rinnovabili e tutela dell’ambiente:leimpresegreencresconoinLombardia del 31% in cinque anni, rappresentano un quinto del totale nazionale e un quarto del fatturato italiano. Sono alcuni dei dati diffusi dalla Camera di Commercio di Milano sulla crescita del settore tra il 2015 e il 2016 e tra il 2011 e il 2016. In Italia è la Lombardia a trainare lo sviluppo del settore. Con meno di un quinto del totale delle imprese, 9.862 su 52.910, fattura però un quarto del totale italiano: 50 miliardi su 200 complessivi. Ed è la provincia di Milano la regina della classifica con 35 miliardi, fatturati dalle sue 4mila aziende. A spingere la crescita del settore sono sicuramente le maggiori province italiane, in particolare Milano, che si posiziona al primo posto per numero di aziende (4.018), seguita da Roma (3.003) e Torino (2.147). Nella classifica delle province più rappresentative ottengono una buona posizione anche altre due realtà lombarde: Brescia che si trova al sesto posto in Italia, con 1.275 imprese, e Bergamo al nono posto, con 1.057. La Lombardia è prima per numero di addetti con 80.614 e un incremento, in cinque anni, dell’11%, seguita dal Piemonte con 66.869 e dal Lazio con 44.881 addetti. In Italia complessivamente ci sono 438mila persone che lavorano nelle aziende green, con un incremento del 12% dal 2011 al 2016. Per quanto riguarda le province con maggiori addetti è quella di Torino la prima in classifica, con 56.928, anche se nell’ultimo anno ha registrato un calo del 12,4%. Al secondo posto c’è Roma con 40.414, con un aumento del 7,2%, e terza Milano, con 38.278 e un più 9,3% rispetto al 2015. Imprese green: in Lombardia ¼ del fatturato italiano IMPRESE GREEN: IN LOMBARDIA ¼ DEL FATTURATO ITALIANO FOCUS TERRITORIO Fonte: Camera di Commercio di Milano su dati 2011, 2015 e 2016
  36. 36. 71 FOCUS DICONO DI NOI Scopri perché la Lombardia è Speciale
  37. 37. 72 FOCUS DICONO DI NOI UnostudiodellaConfcommerciosullaspesapubblica presentato al convegno “Meno tasse, meno spesa”, ha calcolato che quella locale, cioè di Regioni, Province e Comuni, ammonta complessivamente a 176,4 miliardi. Ma le autonomie potrebbero tranquillamente mettersi a dieta, spendendo 102 miliardi, senza compromettere i servizi. Anzi, per quella cifra, un bel pezzo di Paese potrebbe addirittura migliorarli e portarli su standard più europei. Il metodo utilizzato dal Centro studi della Confederazione guidata da Carlo Sangalli consiste nel calcolare la spesa pubblica pro capite delle Regioni. Quella media in Italia è di 2.963 euro. La ricerca mette in evidenza che se i servizi pubblici costassero in tutta Italia come in Lombardia, si risparmierebbero ben 74,1 miliardi euro. Confcommercio ha calcolato che bisognerebbe comunque investire 51,2 miliardi per rendere efficienti le regioni che non lo sono. Resterebbero comunque ben 23 miliardi di spesa locale che sono del tutto ingiustificati. Un risparmio da 23 miliardi se l’Italia fosse la Lombardia La spesa pubblica locale LUGLIO 2015 23-LUG-2015 da pag. 6 foglio 1 / 2 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti www.datastampa.it Lettori I 2015: 484.000 Diffusione 04/2015: 83.049 Tiratura 04/2015: 148.106 Quotidiano Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati - Ed. nazionale
  38. 38. 74 Il Sole 24 Ore promuove a pieni voti la sanità lombarda. E’ quanto emerge dall’indagine sulla “Qualità della vita” nelle province italiane, realizzata dal giornale economico. Lo studio, arrivato alla sua 27esima edizione, ha messo a paragone le province italiane su 42 indicatori. Nel settore sanitario la Lombardia conquista i primi sei posti della classifica: al primo posto per il basso tasso di emigrazione sanitaria c’è Bergamo, seguita da Sondrio, Como, Lecco, Monza e Brianza e al sesto posto Brescia. A seguire Ravenna, Forlì, Cesena, Bologna e Medio Campidano. Dati in linea con l’allarme lanciato anche dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom). Sono circa 800mila le persone affette da tumore che decidono di curarsi in una regione diversa da quella di residenza. Si tratta prevalentemente di malati che provengono dal Sud Italia e scelgono gli ospedali del Nord, in particolare quelli della Lombardia. Secondoidati,ogniannooltre160milapersonecolpite da questa grave patologia scelgono, in particolare, gli ospedali milanesi: 55mila persone arrivano dalla Campania, 52mila dalla Calabria, 33mila dalla Sicilia, 12mila dall’Abruzzo e 10mila arrivano dalla Sardegna. Secondo l’Aiom le migrazioni sanitarie, oltre che verso la Lombardia, si indirizzano anche verso gli ospedali del Lazio, dell’Emilia-Romagna e della Basilicata. Sanità: Il Sole 24 Ore promuove la Lombardia FOCUS DICONO DI NOI
  39. 39. 76 La Lombardia punta sulle sue imprese più delle altre regioni italiane ed europee. E lo fa spendendo il 66,4% dei Fondi strutturali europei in interventi finalizzati a sostenere l’innovazione, la ricerca e la competitività delle sue aziende. E’ quanto emerge da un’elaborazione effettuata dall’Osservatorio Il Sole 24 Ore sui dati della Commissione europea sull’utilizzo dei Fondi strutturali 2014-2020. Secondo la classifica, la Lombardia è la seconda regione d’Europa che spende di più e meglio i fondi strutturali “a misura d’impresa”. Al primo posto c’è Baden-Wurttemberg (Germania), mentre al terzo Algarve (Portogallo). Tra le regioni europee che hanno investito di più, oltre il 50% delle risorse, ci sono anche altre due regioni italiane: l’Emilia-Romagna e la Toscana che si posizionano, rispettivamente, al dodicesimo e sedicesimo posto. Baden-Wurttemberg, Lombardia e Algarve sono anche le amministrazioni che hanno già assegnato almeno il 20% delle risorse. Fondi Ue: Lombardia al top con Baden-Wurttemberg FOCUS DICONO DI NOI
  40. 40. 7978 La Lombardia è la regione che sa valorizzare meglio i Fondi Ue: è prima in Italia per finanziamenti ottenuti e numero di bandi già realizzati. L’Osservatorio Il Sole 24 Ore ha analizzato tutti i bandi per il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) e per il Fondo sociale europeo (Fse), pubblicati dalle regioni italiane all’interno della programmazione dei fondi Ue per il periodo 2014-2020. Finora (lo studio fa il punto della situazione al 30 settembre 2016) sono stati pubblicati in tutto 397 bandi, un anno fa erano soltanto 96. In testa a questa classifica c’è la Lombardia con una dotazione finanziaria di 730 milioni di euro e 33 bandi. A seguire, la Sicilia con 466,9 milioni di euro e 10 bandi. Terzo in classifica il Lazio con 319,5 milioni di euro e 26 bandi. Il Fesr nasce per consolidare la coesione economica e sociale dell’Unione europea, correggendo gli squilibri fra regioni. Sono quattro le aree prioritarie chiave su cui si concentrano gli investimenti di questo fondo: innovazione e ricerca, agenda digitale, sostegno alle piccole e medie imprese ed economia a basse emissioni di carbonio. Il Fse ha invece lo scopo di investire sulle persone, con particolare attenzione al miglioramento delle opportunità di formazione e occupazione, cercando di sostenere le persone in condizioni di maggiore vulnerabilità e a rischio di povertà. Gli investimenti del Fse coinvolgono tutte le regioni dell’Unione europea e fra il 2014 e il 2020 sono previsti investimenti per oltre 80 miliardi di euro. Nello stesso periodo saranno quattro gli obiettivi principali da raggiungere: la promozione dell’occupazione e il sostegno alla mobilità dei lavoratori; la promozione dell’inclusione sociale e la lotta contro la povertà; l’investimento in istruzione, competenze e apprendimento permanente; il miglioramento della capacità istituzionale nonché dell’efficienza dell’amministrazione pubblica. Per quanto riguarda la situazione dei bandi in Italia, al momento bisogna considerare che dell’intera dotazione a disposizione delle regioni italiane fino al 2020, finora sono stati utilizzati 3,4 miliardi, una percentuale pari al 9,6% del totale. Anche in questo caso la Lombardia non ha perso tempo: per il Fesr ha già destinato il 34% delle risorse previste, mentre per il Fse il 40% del totale. Fondi Ue: la Lombardia fa il pieno di risorse Fonte: Osservatorio Il Sole 24 Ore FONDI UE: LOMBARDIA PRIMA PER FINANZIAMENTI E BANDI FOCUS DICONO DI NOI
  41. 41. 80
  42. 42. www.regione.lombardia.it www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it Scarica il dossier Lombardia Speciale

×