Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
DIFFICOLTA’ E DISTURBI
NELL’AREA
LOGICO-MATEMATICA
CHIUDUNO 13 MARZO
Denise Rossi
DISCALCULIA
COSA E’
La discalculia evolutiva è un disturbo
delle abilità numeriche e aritmetiche
che si manifesta in bambini di
intell...
TEMPLE 1997
• Dai suoi studi distingue tre tipologie
di disturbo:
• 1 DISCALCULIA COME DISLESSIA
PER LE CIFRE
• 2 DISCALCU...
• Percentuale dislessici
discalculici 3-5%
• Percentuali DISCALCULICI
bassissima:
• 2 su mille
• E gli altri che fanno fatica in
matematica?
• Perché la matematica spesso
“è un problema?”
LA NUOVA FRONTIERA:
• LA RICERCA DEL MODULO
NUMERICO E LA SUA VALUTAZIONE
• Studi in corso da parte di Brian
Butterworth
COMPETENZE PIU FACILI
• Conteggio
• Aritmetica prescolare
GELMAN e GALLISTEL hanno individuato 5
principi del conteggio
-C...
ABILITA’ DI
PROBLEM
SOLVING
MODULO NUMERICO
DEPUTATO ALL’ELABORAZIONE
DEL NUMERO E DEL CALCOLO
- Comprendere il significato dei
numeri
- Leggere e scrivere i numeri:
conoscere il lessico dei numeri
conoscere la sintas...
• 2006 (dettato) 2060 (scritto) sintattico
• 1492(dettato)
1000400902(scritto)
sintattico/lessicalizzazione
conta all’indi...
incolonnamento
serialità SX DX
riporto
USO DI STRATEGIE
RECUPERO DI FATTI
ARITMETICI
5+5=10; 2+1=3; 3+6=9;
1+0=1; 1-1=0
– ...
categorizzazione
piano di soluzione
rappresentazione mentale
decodifica del testo
svolgimento
ABILITA’ TRASVERSALI COINVOLTE
NELLA MATEMATICA:
• LINGUAGGIO (lessico matematico molto
specifico ma nello stesso tempo mo...
LA MEMORIA SEMANTICA
• Nel calcolo consente di accedere ai
fatti aritmetici e di memorizzarli
(es.le tabelline dirette e a...
COME STIMOLARE I
PREREQUISITI
1. Attivare e valorizzare l’intelligenza
numerica
2. Fornire agli alunni materiali IDONEI
3....
1 Attivare e valorizzare
l’intelligenza numerica -
Lucangeli 2010
• La scuola è l’ambiente ideale per
potenziare le intell...
2 FORNIRE MATERIALI
IDONEI
• ESEMPIO: disegni che contengono le
OPERAZIONI, rendono gradevole la
pagina
MA
producono un no...
MA
• L’80% degli alunni della sc. Media
fa fatica , ha DIFFICOLTA’ in
matematica nonostante le
innumerevoli ore di lezione...
basi neurobiologiche
comorbilità specificità
Dislessia
l’intervento riabilitativo è
UTILE, NON ELIMINA IL
DISTURBO
Disturb...
E’ l’efficacia del trattamento
che determina
se c’è
UN DISTURBO o una
DIFFICOLTA’
3- Conoscere i modelli
cognitivi dello sviluppo del n°,
del calcolo, dell’algebra
TANTI MODELLI INTERPRETATIVI
• PIAGET
• ...
Piaget 1941
• il concetto di n° emerge dal RAPPORTO
INSCINDIBILE tra competenze cognitive
generali e conoscenze numeriche,...
Piaget (1952)
L’apprendimento del sistema numerico è
determinato dall’adeguato sviluppo di abilità
intellettive generali (...
• ROBBIE CASE 2000
Modello con alla base l’idea che il senso del n° per il
bambino dipende dalla presenza di POTENTI
SCHEM...
GALLISTEL e GELMAN 1978
Automatizzazione della sequenza numerica
senza un reale riconoscimento del suo
valore (ripetizione...
• GALLISTEL e GELMAN 1978
Emerge la capacità innata di “subitizing” e di
“stima” approssimativa senza conteggio, con
l’aum...
L’enumerazione coinvolge l’uso di molte componenti:
 associare ad ogni item un’etichetta verbale
1 2 3 4 5 6 7 8
 usare ...
PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA: per ogni
oggetto deve essere utilizzata una sola etichetta
numerica
Individuare due categorie...
PRINCIPIO DELL’ORDINE STABILE:
le etichette devono essere organizzate in modo
stabile, ripetibile
1 – 2 – 3 – ECC si posso...
PRINCIPIO DELLA CARDINALITÀ: l’ultimo
numero utilizzato contiene e rappresenta tutte
gli oggetti contati
Questa competenza...
PRINCIPIO DI IRRILEVANZA DELL’ORDINE:
una determinata etichetta numerica può essere
associata a qualunque oggetto
PRINCIPI...
DIFFICOLTA’ NEL
CONTEGGIO
• Già a partire dai 18 mesi di età alcuni bambini sono in
grado di contare (sorta di “filastrocc...
DIFFICOLTA’ NELLA
ENUMERAZIONE
• L’enumerazione consiste nell’applicazione della
procedura di conteggio ad un set di
rifer...
ENUMERAZIONE
 errori di coordinazione tra la sequenza
numerica e item indicati: utilizzo della
medesima etichetta per più...
DIFFICOLTA’ NEL CALCOLO
• La produzione della sequenza dei numeri
in modo rapido e corretto è un
prerequisito indispensabi...
ESEMPI DI AIUTI
• Nella sottrazione
• 9-2, FAVORIRE il conteggio all’indietro
a partire dal minuendo per il n° di
passaggi...
Difficoltà nell’Addizione:
Conteggio delle singole unità degli addendi
(principio della cardinalità non ancora acquisito)
...
Modello di McCloskey (1985,
1986)
• Sostanziale indipendenza del sistema dei
numeri e del calcolo da altri sistemi
cogniti...
IN REALTA’
• MOLTO COLLEGATI
• SONO INTERCONNESSI
• VEDI GLI ERRORI DI TIPO
LESSICALE O SPAZIO-TEMPORALE O
SINTATTICI
I MECCANISMI LESSICALI hanno il
compito di individuare le singole cifre che
compongono il numero
ERRORI LESSICALI
Produzio...
Sostituzione di un numero con un altro numero
che occupa una differente posizione
all’interno della classe
Es. 435 453; 9...
ALTRI ESEMPI
• ERRORI SINTATTICI
• Produzione di numeri in cui è mutato
l’ordine di grandezza
• (es. 503  cinquantatre, 8...
Nel processo di elaborazione dei numeri,
sia in comprensione sia in produzione,
operano MECCANISMI LESSICALI che
guidano l...
ALTRI ESEMPI
• 4098 (x 40.908)
• 5.9468 (x 59.468) 20.56 (x 20.056)
• 31.20 (x 31.020)
• 708.856 (x 708.456)
• 3650.778 (x...
Errori che segnalano difficoltà
in uno dei meccanismi
• segmentazione, errori nell’ordine
sequenziale es. quattrocento 104...
SISTEMA DEL CALCOLO
Il sistema del calcolo si avvale del sistema dei
numeri sia in entrata (numeri sui quali occorre
avvia...
SISTEMA DEL CALCOLO
All’interno del sistema del calcolo vi è inoltre
indipendenza funzionale tra le tre
sottocomponenti ch...
CONOSCENZA PROCEDURALE
Nel caso di calcoli a mente indica quali
scomposizioni operare sui numeri per ottenere
operazioni i...
Nel calcolo a mente la conoscenza procedurale può
essere utilizzata in modo più flessibile che nel calcolo
scritto
 rappr...
ESEMPI DI DIFFICOLTA’ NEL
CALCOLO
• Difficoltà nel rispettare i vincoli degli
specifici algoritmi: prestito, riporto,
inco...
PROCEDURE DI CALCOLO
47 x 65 x 572 - 679 -
8 = 43 = 26 = 563 =
3256 195 556 111312
260
455
FATTI ARITMETICI
Condizione-AUTOMATIZZAZIONE che rende
possibile un accesso diretto alla soluzione di
calcoli aritmetici s...
ERRORI NEI FATTI ARITMETICI
2x2= 2 5+4= 8
2X8= 48 4+7= 12
6X5=35
7X7= 27
3X3=9
5X5=10
6x4=34
DIFFICOLTA’ VISUO/SPAZIALI
Difficoltà ad operare:
da sinistra a destra
dal basso verso l’alto
Difficoltà nell’incolonnamen...
Per eseguire semplici
operazioni è necessario:
• Che il bambino capisca cosa gli viene
chiesto
• Traduca quanto richiesto ...
4-Sfruttare l’ausilio delle nuove
tecnologie
• Per fare test e retest
• Per potenziare
• Per fare training
• Per favorire ...
5- Rilevare le competenze degli
allievi con prove mirate ed
oggettive
• CMT : carta matita test
• ABCA:Test delle abilità ...
• SPM
Abilità di soluzione dei problemi matematici
Lucangeli, Daniela; Tressoldi, Patrizio E.; Cendron
Manuale: SPM : Abil...
STRUMENTI PER LA
SCUOLA:
• Prove oggettive di valutazione della
matematica per la scuola dell’obbligo
(Nucleo di Ricerca d...
Test metrici per valutazione di
primo livello:
• C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina:
“Test AC – MT 6-11”
• C. Cornoldi,...
Test internazionali
• Butterworth B. ,(2002) “Dyscalculia
screener” London, Nfer Nelson
• Von Aster M. , Willadino – Braga...
GRAZIE PER
L’ATTENZIONE
Difficoltà e disturbi nell'area logico matematica
Difficoltà e disturbi nell'area logico matematica
Difficoltà e disturbi nell'area logico matematica
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Difficoltà e disturbi nell'area logico matematica

12.152 Aufrufe

Veröffentlicht am

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Difficoltà e disturbi nell'area logico matematica

  1. 1. DIFFICOLTA’ E DISTURBI NELL’AREA LOGICO-MATEMATICA CHIUDUNO 13 MARZO Denise Rossi
  2. 2. DISCALCULIA
  3. 3. COSA E’ La discalculia evolutiva è un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta in bambini di intelligenza normale. Essa può presentarsi associata a dislessia, ma è possibile che ne sia dissociata.” (Temple 1992)
  4. 4. TEMPLE 1997 • Dai suoi studi distingue tre tipologie di disturbo: • 1 DISCALCULIA COME DISLESSIA PER LE CIFRE • 2 DISCALCULIA PROCEDURALE • 3 DISCALCULIA PER I FATTI ARITMETICI
  5. 5. • Percentuale dislessici discalculici 3-5% • Percentuali DISCALCULICI bassissima: • 2 su mille
  6. 6. • E gli altri che fanno fatica in matematica? • Perché la matematica spesso “è un problema?”
  7. 7. LA NUOVA FRONTIERA: • LA RICERCA DEL MODULO NUMERICO E LA SUA VALUTAZIONE • Studi in corso da parte di Brian Butterworth
  8. 8. COMPETENZE PIU FACILI • Conteggio • Aritmetica prescolare GELMAN e GALLISTEL hanno individuato 5 principi del conteggio -CORRISPONDENZA UNO A UNO -ORDINE STABILE -CARDINALITA’ -ASTRAZIONE (tutto può essere contato) -IRRILEVANZA DELL’ORDINE (non è importante da dove si inizia a contare)
  9. 9. ABILITA’ DI PROBLEM SOLVING MODULO NUMERICO DEPUTATO ALL’ELABORAZIONE DEL NUMERO E DEL CALCOLO
  10. 10. - Comprendere il significato dei numeri - Leggere e scrivere i numeri: conoscere il lessico dei numeri conoscere la sintassi dei numeri Errori Tipici DETTATO, LETTURA, TRASFORMAZIONE IN CIFRE • 319 (scritto) 316 (letto) lessicale o viceversa 78 (dettato) 76 (scritto) lessicale
  11. 11. • 2006 (dettato) 2060 (scritto) sintattico • 1492(dettato) 1000400902(scritto) sintattico/lessicalizzazione conta all’indietro • numero precedente e numero successivo
  12. 12. incolonnamento serialità SX DX riporto USO DI STRATEGIE RECUPERO DI FATTI ARITMETICI 5+5=10; 2+1=3; 3+6=9; 1+0=1; 1-1=0 – Conoscere e applicare procedure del calcolo – Utilizzare strategie di calcolo – Possedere automatismi di calcolo Operazione scritta 1 2 5 + 6 5 = _____ 1 9 0 1 ERRORI DI PROCEDURE ERRORI DI CALCOLO
  13. 13. categorizzazione piano di soluzione rappresentazione mentale decodifica del testo svolgimento
  14. 14. ABILITA’ TRASVERSALI COINVOLTE NELLA MATEMATICA: • LINGUAGGIO (lessico matematico molto specifico ma nello stesso tempo molto ricco: es. per indicare la stessa operazione sottrarre, togliere, meno,…) • LETTURA • MEMORIA A BREVE TERMINE • UTILIZZO DEI NUMERI • MEMORIA SEQUENZIALE (tabelline) • ORIENTAMENTO
  15. 15. LA MEMORIA SEMANTICA • Nel calcolo consente di accedere ai fatti aritmetici e di memorizzarli (es.le tabelline dirette e a salti) per poterli applicare • I discalculici e i dislessici hanno difficoltà nell’immagazzinare o nell’accedere ai fatti aritmetici
  16. 16. COME STIMOLARE I PREREQUISITI 1. Attivare e valorizzare l’intelligenza numerica 2. Fornire agli alunni materiali IDONEI 3. Conoscere i modelli cognitivi dello sviluppo del n°, del calcolo, dell’algebra 4. Sfruttare l’ausilio delle nuove tecnologie 5. Rilevare le competenze degli allievi con prove mirate ed oggettive
  17. 17. 1 Attivare e valorizzare l’intelligenza numerica - Lucangeli 2010 • La scuola è l’ambiente ideale per potenziare le intelligenze – fa da tramite tra l’alunno e la conoscenza • Le neuroscienze hanno dimostrato che se c’è “AIUTO”, se c’è POTENZIAMENTO, la zona plastica del nostra cervello si modifica al massimo
  18. 18. 2 FORNIRE MATERIALI IDONEI • ESEMPIO: disegni che contengono le OPERAZIONI, rendono gradevole la pagina MA producono un notevole grado di INQUINAMENTO VISIVO che aumenta le difficoltà di lettura
  19. 19. MA • L’80% degli alunni della sc. Media fa fatica , ha DIFFICOLTA’ in matematica nonostante le innumerevoli ore di lezione e compiti PERCHE? Perché è stato per anni solo “esposto” passivamente, non ha potenziato la propria intelligenza
  20. 20. basi neurobiologiche comorbilità specificità Dislessia l’intervento riabilitativo è UTILE, NON ELIMINA IL DISTURBO Disturbo di Calcolo Difficoltà di Calcolo appare in condizioni di adeguate abilità generali e di adeguato insegnamento il profilo appare simile al disturbo l’intervento riabilitativo ottiene buoni risultati in breve tempo
  21. 21. E’ l’efficacia del trattamento che determina se c’è UN DISTURBO o una DIFFICOLTA’
  22. 22. 3- Conoscere i modelli cognitivi dello sviluppo del n°, del calcolo, dell’algebra TANTI MODELLI INTERPRETATIVI • PIAGET • ROBBIE CASE • GALLISTEL e GELMAN • ALTRI: STEFFE- COBB-DEHANE- MC CLOSKEY
  23. 23. Piaget 1941 • il concetto di n° emerge dal RAPPORTO INSCINDIBILE tra competenze cognitive generali e conoscenze numeriche, quindi secondo il suo modello si giunge alla conoscenza numerica attraverso le seguenti fasi: -Pensiero IRREVERSIBILE e PREOPERATORIO -Pensiero CONCRETO – REVERSIBILE OPERATORIO delle operazioni logiche (es. classificazioni, seriazioni,…) -Padronanza delle operazioni SPAZIO- TEMPORALI (distanza, lunghezza, area,…)
  24. 24. Piaget (1952) L’apprendimento del sistema numerico è determinato dall’adeguato sviluppo di abilità intellettive generali (ordinamento seriale, classificazione, corrispondenza termine a termine, conservazione delle quantità)
  25. 25. • ROBBIE CASE 2000 Modello con alla base l’idea che il senso del n° per il bambino dipende dalla presenza di POTENTI SCHEMI ORGANIZZATORI denominati STRUTTURE CONCETTUALI CENTRALI e che si articola secondo queste fasi: -Consolidamento di due schemi PRIMITIVI ORGANIZZATORI (conteggio verbale e spaziale analogico) - Interconnessione dei due schemi precedenti e creazione di uno nuovo : LINEA MENTALE DEL CONTEGGIO (avanti/indietro, + e -) - Differenziazione di nuovi elementi: rappresentazione delle proprietà numeriche (u-da- h) e distinzione del n° OGGETTO dal n° OPERATORE (4x3 dove 4 è l’oggetto e 3 l’operatore)
  26. 26. GALLISTEL e GELMAN 1978 Automatizzazione della sequenza numerica senza un reale riconoscimento del suo valore (ripetizione di una sorta di filastrocca). Riconoscimento del significato cognitivo dell’attività di contare e del numero come base per l’enumerazione (capacità a base innata)
  27. 27. • GALLISTEL e GELMAN 1978 Emerge la capacità innata di “subitizing” e di “stima” approssimativa senza conteggio, con l’aumento delle quantità diminuisce la possibilità di subitizig preciso ma subentra la stima. 1992: valorizzazione dell’innato (SPAN 3) MA con gli studi di FUSON si attribuisce pari valore alle COMPETENZE APPRESE e all’interazione con l’ambiente , ecco l’importanza DELLA SCUOLA!
  28. 28. L’enumerazione coinvolge l’uso di molte componenti:  associare ad ogni item un’etichetta verbale 1 2 3 4 5 6 7 8  usare le etichette numeriche in un ordine convenzionale  riconoscere che l’ultima etichetta rappresenta la numerosità degli oggetti contati
  29. 29. PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA: per ogni oggetto deve essere utilizzata una sola etichetta numerica Individuare due categorie di item  quelli da contare  quelli già contati Trasferimento mentale da una categoria all’altra associato all’atto di etichettamento
  30. 30. PRINCIPIO DELL’ORDINE STABILE: le etichette devono essere organizzate in modo stabile, ripetibile 1 – 2 – 3 – ECC si possono applicare a innumerevoli oggetti
  31. 31. PRINCIPIO DELLA CARDINALITÀ: l’ultimo numero utilizzato contiene e rappresenta tutte gli oggetti contati Questa competenza si sviluppa successivamente rispetto alle precedenti (tra i 3 e i 4 anni)
  32. 32. PRINCIPIO DI IRRILEVANZA DELL’ORDINE: una determinata etichetta numerica può essere associata a qualunque oggetto PRINCIPIO DI ASTRAZIONE: la procedura del conteggio può essere applicata ad ogni cosa 1 12 2
  33. 33. DIFFICOLTA’ NEL CONTEGGIO • Già a partire dai 18 mesi di età alcuni bambini sono in grado di contare (sorta di “filastrocca dei numeri”) • Molti applicano procedure di apprendimento per aggregazioni di etichette ripetute purchè nello stesso ordine • MA A VOLTE CI SONO ERRORI:  porzione non standard stabile (sequenza non corretta ma stabile; es. 1 2 3 5 6 8 9)  porzione instabile variabile (da tentativo a tentativo)
  34. 34. DIFFICOLTA’ NELLA ENUMERAZIONE • L’enumerazione consiste nell’applicazione della procedura di conteggio ad un set di riferimento. • Corrispondenza tra sequenza delle etichette numeriche e item associati. • Possibili errori di enumerazione  errori di sequenza: le etichette numeriche usate non rispettano la sequenza corretta (1,2,4,5, 6,8)
  35. 35. ENUMERAZIONE  errori di coordinazione tra la sequenza numerica e item indicati: utilizzo della medesima etichetta per più oggetti, assegnazione di più etichette allo stesso oggetto 41 2 1 2 4 5 7 63 8 3
  36. 36. DIFFICOLTA’ NEL CALCOLO • La produzione della sequenza dei numeri in modo rapido e corretto è un prerequisito indispensabile per lo sviluppo delle capacità aritmetiche. • In alunni con deficit delle capacità aritmetiche si osserva il ricorso alla ripetizione della sequenza dei numeri per arrivare alla soluzione di semplici calcoli
  37. 37. ESEMPI DI AIUTI • Nella sottrazione • 9-2, FAVORIRE il conteggio all’indietro a partire dal minuendo per il n° di passaggi specificati dal sottraendo (8, 7 =7)  7-5, FAVORIRE il conteggio in avanti a partire dal sottraendo (6, 7 =2)
  38. 38. Difficoltà nell’Addizione: Conteggio delle singole unità degli addendi (principio della cardinalità non ancora acquisito) Es. 5+2= 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 AIUTI Assunzione del valore cardinale maggiore e si aggiungono poi le singole unità del valore minore (es. 5+2= 5, 6, 7). Strategie di calcolo  conteggio con le dita  conteggio verbale  recupero diretto della soluzione
  39. 39. Modello di McCloskey (1985, 1986) • Sostanziale indipendenza del sistema dei numeri e del calcolo da altri sistemi cognitivi  indipendenza funzionale tra sistema dei numeri e del calcolo  indipendenza tra i sottosistemi che li compongono
  40. 40. IN REALTA’ • MOLTO COLLEGATI • SONO INTERCONNESSI • VEDI GLI ERRORI DI TIPO LESSICALE O SPAZIO-TEMPORALE O SINTATTICI
  41. 41. I MECCANISMI LESSICALI hanno il compito di individuare le singole cifre che compongono il numero ERRORI LESSICALI Produzione di numeri che non mutano l’ordine di grandezza ma comportano la sostituzione di una parola numero all’interno del numero (es. 407  quattrocentosei, 145  centotrentacinque)
  42. 42. Sostituzione di un numero con un altro numero che occupa una differente posizione all’interno della classe Es. 435 453; 982 892 Es. 73,5 735; 912 920;
  43. 43. ALTRI ESEMPI • ERRORI SINTATTICI • Produzione di numeri in cui è mutato l’ordine di grandezza • (es. 503  cinquantatre, 8.025  ottocentoventicinque). • Difficoltà di elaborazione della sequenza di concatenazione delle diverse cifre in relazione all’ordine di grandezza che ognuno rappresenta (es., decine x centinaia, centinaia x migliaia)
  44. 44. Nel processo di elaborazione dei numeri, sia in comprensione sia in produzione, operano MECCANISMI LESSICALI che guidano la scelta delle cifre che compongono i numeri, e MECCANISMI SINTATTICI, che portano alla composizione delle cifre del numero assegnando a ciascuna un valore
  45. 45. ALTRI ESEMPI • 4098 (x 40.908) • 5.9468 (x 59.468) 20.56 (x 20.056) • 31.20 (x 31.020) • 708.856 (x 708.456) • 3650.778 (x 365.978) • 50309 (x 500.309) • 405.76 (x 405.076)
  46. 46. Errori che segnalano difficoltà in uno dei meccanismi • segmentazione, errori nell’ordine sequenziale es. quattrocento 104 (cento- quattro) oppure 4100 • identificazione/categorizzazione, errori di sostituzione di cifre es. otto 7 • transcodificazione: errori di lessicalizzazione di parte o di tutto il numero; es. duecentoquarantacinque 200 40 5, 200 45, 2 100 40 5
  47. 47. SISTEMA DEL CALCOLO Il sistema del calcolo si avvale del sistema dei numeri sia in entrata (numeri sui quali occorre avviare l’algoritmo) che in uscita (risultato dell’operazione) I due sistemi sono tuttavia in un rapporto di indipendenza funzionale
  48. 48. SISTEMA DEL CALCOLO All’interno del sistema del calcolo vi è inoltre indipendenza funzionale tra le tre sottocomponenti che lo costituiscono:  SEGNI DELLE OPERAZIONI  FATTI ARITMETICI  PROCEDURE DI CALCOLO
  49. 49. CONOSCENZA PROCEDURALE Nel caso di calcoli a mente indica quali scomposizioni operare sui numeri per ottenere operazioni intermedie più semplici Nel caso del calcolo scritto ordina la forma grafica della specifica operazione, l’incolonnamento dei numeri, la direzione spazio- temporale delle azioni
  50. 50. Nel calcolo a mente la conoscenza procedurale può essere utilizzata in modo più flessibile che nel calcolo scritto  rappresentazione mentale fedele dell’operazione scritta e procedere da destra a sinistra  scomposizione dei numeri in centinaia, decine, unità, operazioni divise, somma finale  scomposizione del numero operando per tappe intermedie, strategia di arrotondamento alla decina (es. 15+18= (15+20)-2; (15+15)+3  es. proprietà distributiva 23 x 9= [(20X9) + (3x9)] = 180+27= 207
  51. 51. ESEMPI DI DIFFICOLTA’ NEL CALCOLO • Difficoltà nel rispettare i vincoli degli specifici algoritmi: prestito, riporto, incolonnamento, ordine di esecuzione delle sotto operazioni
  52. 52. PROCEDURE DI CALCOLO 47 x 65 x 572 - 679 - 8 = 43 = 26 = 563 = 3256 195 556 111312 260 455
  53. 53. FATTI ARITMETICI Condizione-AUTOMATIZZAZIONE che rende possibile un accesso diretto alla soluzione di calcoli aritmetici senza dover ricorrere alle procedure di calcolo. L’esecuzione di semplici operazioni, la soluzione delle tabelline costituiscono fatti aritmetici. Variano a seconda delle abilità e della frequenza d’uso del calcolo, possono riguardare tutti gli algoritmi specifici dell’aritmetica e dell’algebra, le quattro operazioni, le potenze, le radici quadrate ecc..
  54. 54. ERRORI NEI FATTI ARITMETICI 2x2= 2 5+4= 8 2X8= 48 4+7= 12 6X5=35 7X7= 27 3X3=9 5X5=10 6x4=34
  55. 55. DIFFICOLTA’ VISUO/SPAZIALI Difficoltà ad operare: da sinistra a destra dal basso verso l’alto Difficoltà nell’incolonnamento dei numeri, nel seguire la direzione procedurale Iniziare a caso un’operazione, scrivere indifferentemente da sinistra a destra, a scrivere i risultati parziali
  56. 56. Per eseguire semplici operazioni è necessario: • Che il bambino capisca cosa gli viene chiesto • Traduca quanto richiesto in una rappresentazione semantica attraverso la quale saper applicare le procedure descritte • Applicate le procedure e trovato il risultato, deve essere in grado di trasformare in out put quanto prodotto in modo interpretabile dagli altri.
  57. 57. 4-Sfruttare l’ausilio delle nuove tecnologie • Per fare test e retest • Per potenziare • Per fare training • Per favorire la permanenza dell’abilità • Per imparare divertendosi • Per alternare linguaggi diversi
  58. 58. 5- Rilevare le competenze degli allievi con prove mirate ed oggettive • CMT : carta matita test • ABCA:Test delle abilità di calcolo aritmetico Lucangeli, Daniela; Tressoldi, Patrizio E.; Fiore, Carmela; Manuale: ABCA : Test delle abilità di calcolo aritmetico / Daniela Lucangeli, Patrizio E. Tressoldi, Carmela Fiore. - Trento : Centro Studi Erickson, c1998 - Contiene: Dati normativi; Materiale per l'alunno; Protocollo di valutazione Individuale e collettiva dalla 3°elementare alla 5° elementare • Valutazione delle Abilità Matematiche Giovanardi Rossi, P.; Malaguti, T. Manuale: Valutazione delle abilità matematiche : analisi dei livelli di apprendimento e dei disturbi specifici / Paola Giovanardi Rossi, Tamara Malaguti. - Trento : Centro Studi Erickson, c1994.
  59. 59. • SPM Abilità di soluzione dei problemi matematici Lucangeli, Daniela; Tressoldi, Patrizio E.; Cendron Manuale: SPM : Abilità di soluzione dei problemi matematici / Daniela Lucangeli, Patrizio E. Tressoldi, Michela Cendron. - Trento : Centro Studi Erickson, c1998 - Contiene: – Problemi e griglie di correzione – Validazione psicometrica – Dati normativi – Protocolli di valutazione Individuale e collettiva Dalla 3°elementare alla 3° media PROVE BIN (4-6 anni)
  60. 60. STRUMENTI PER LA SCUOLA: • Prove oggettive di valutazione della matematica per la scuola dell’obbligo (Nucleo di Ricerca di Didattica della Matematica, 1994) • Valutazione delle abilità matematiche (Rossi e Malaguti, 1994) ed. Erickson • Test delle abilità di calcolo aritmetico (Lucangeli, Tressoldi e Fiore,1998) • Batteria per la discalculia evolutiva (Andrea Biancardi – Claudia Nicoletti,2004) ed. Omega - Torino • Software “Discalculia TEST”
  61. 61. Test metrici per valutazione di primo livello: • C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina: “Test AC – MT 6-11” • C. Cornoldi, C. Cazzola: “Test AC – MT 11-14” Entrambi editi da Erickson
  62. 62. Test internazionali • Butterworth B. ,(2002) “Dyscalculia screener” London, Nfer Nelson • Von Aster M. , Willadino – Braga L. , Meier M. , Deloche G. , (2000) “Number processing and mental calculation in school children aged 7 to 10 years”.
  63. 63. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×