Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Motivazione

  • Loggen Sie sich ein, um Kommentare anzuzeigen.

Motivazione

  1. 1. LA MOTIVAZIONE www.esamedistato-psicologia.it
  2. 2. Motivazione• Aspetto dinamico della condotta e le fonti e modalità di utilizzo dell’energia psichica necessaria per l’avvio o il mantenimento di una certa attività.• Th BIOLOGICA• Concezione COMPORTAMENTISTA: motivazione come comportamento• Prospettiva COGNITIVISTA: motivazioni e bisogni mutano in rapporto al n di info provenienti dall’ambiente che l’organismo è in grado di elaborare• Pdv SCOPISTICO: motivazione come scopo• Pdv INTERAZIONISTA: motivazioni suscitate, alimentate e regolate dai processi relazionali• FREUD: pulsioni come primum moven www.esamedistato-psicologia.it
  3. 3. I livelli della motivazione:• RIFLESSI: risposte innate, automatiche e involontarie con funzione di difesa o di regolazione• ISTINTI: sequenze congenite di comportamenti specie-specifici,• BISOGNI E PULSIONI• MOTIVAZIONI PRIMARIE E SECONDARIE www.esamedistato-psicologia.it
  4. 4. Mc Clelland• BISOGNO DI AFFILIAZIONE• BISOGNO DI SUCCESSO• BISOGNO DI POTERE www.esamedistato-psicologia.it
  5. 5. Alcuni autori inseriscono tra le motivazionisecondarie il BISOGNO DI ATTACCAMENTO (per Bowlby è una motivazione primaria) www.esamedistato-psicologia.it
  6. 6. Maslow (1954) MODELLO GERARCHICO DEI BISOGNI La soddisfazione dei bisogni elementari è lacondizione per l’emergere dei bisogni più evoluti • Bisogni di trascendenza • Bisogni di realizzazione di sé • Bisogni di riconoscimento e stima • Bis di appartenenza e amore • Bisogni di sicurezza • Bisogni fisiologici www.esamedistato-psicologia.it
  7. 7. Lewin:•Fenomeni motivazionali come conseguenza diinterazione tra persona e ambienteMurray:•Bisogno + pressione = evento•20 bisogni psicologici fondamentali classificati incategorie: Viscerogeni vs psicogeni, manifesti vs latenti, focali vs diffusi, proattivi vs reattivi, d’effetto vs modali www.esamedistato-psicologia.it
  8. 8. www.esamedistato-psicologia.it

×