Anzeige
Slide 6
Slide 6
Slide 6
Slide 6
Anzeige
Slide 6
Slide 6
Slide 6
Slide 6
Slide 6
Anzeige
Slide 6
Nächste SlideShare
Slide 8Slide 8
Wird geladen in ... 3
1 von 10
Anzeige

Slide 6

  1. SENTENZA DELLA CORTE DEL 5 FEBBRAIO 1963. - NV ALGEMENE TRANSPORT - EN EXPEDITIE ONDERNEMING VAN GEND EN LOOS E L'AMMINISTRAZIONE OLANDESE DELLE IMPOSTE. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DALLA TARIEFCOMMISSIE DI AMSTERDAM IL 16 AGOSTO 1962). - CAUSA 26/62
  2. SENTENZA DELLA CORTE DEL 5 APRILE 1990. - COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE CONTRO REPUBBLICA ELLENICA. - INADEMPIMENTO - DISPOSIZIONI FISCALI - ARTICOLO 95 - IMPOSTE SULLE AUTOVETTURE. - CAUSA 132/88.
  3. SENTENZA DELLA CORTE DELL'11 LUGLIO 1974. - BENOIT ET GUSTAVE DASSONVILLE. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE PREMIERE INSTANCE BRUXELLES). - CAUSA 8/74. LA QUESTIONE E STATA SOLLEVATA NEL CORSO D' UN PROCEDIMENTO PENALE PENDENTE IN BELGIO CONTRO DEI COMMERCIANTI CHE, DOPO AVER REGOLARMENTE ACQUISTATO UNA PARTITA DI SCOTCH WHISKY IN LIBERA PRATICA IN FRANCIA, L' HANNO IMPORTATA IN BELGIO SENZA ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO D' ORIGINE, DA RILASCIARSI DALLA DOGANA BRITANNICA, RICHIESTO DALLA LEGISLAZIONE BELGA
  4. SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) 5 GIUGNO 2007 CAUSA C-170/04 ROSENGREN E ALTRI CONTRO RIKSÅKLAGAREN (DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE PROPOSTA DALLO HÖGSTA DOMSTOLEN) «LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI — ARTT. 28 CE, 30 CE E 31 CE – NORMATIVA NAZIONALE RECANTE DIVIETO PER I PRIVATI DI IMPORTARE BEVANDE ALCOLICHE — NORMA RELATIVA ALL’ESISTENZA E AL FUNZIONAMENTO DEL MONOPOLIO SVEDESE SUL COMMERCIO DELLE BEVANDE ALCOLICHE — VALUTAZIONE — MISURA CONTRASTANTE CON L’ART. 28 CE — GIUSTIFICAZIONE IN BASE ALLA TUTELA DELLA SALUTE E DELLA VITA DELLE PERSONE — CONTROLLO DELLA PROPORZIONALITÀ»
  5. SENTENZA DELLA CORTE DEL 20 FEBBRAIO 1979. - REWE-ZENTRAL AG CONTRO BUNDESMONOPOLVERWALTUNG FUER BRANNTWEIN. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DALLO HESSISCHES FINANZGERICHT). - MISURE D'EFFETTO EQUIVALENTE ALLE RESTRIZIONI QUANTITATIVE. - CAUSA 120/78. «Cassis de Dijon» 1CON ORDINANZA 28 APRILE 1978 , PERVENUTA ALLA CORTE IL 28 MAGGIO SUCCESSIVO , LO HESSISCHES FINANZGERICHT HA SOTTOPOSTO ALLA CORTE , A NORMA DELL ' ART . 177 DEL TRATTATO CEE , DUE QUESTIONI PREGIUDIZIALI RELATIVE ALL ' INTERPRETAZIONE DEGLI ARTT . 30 E 37 DEL TRATTATO CEE , ONDE VALUTARE LA COMPATIBILITA , COL DIRITTO COMUNITARIO , D ' UNA DISPOSIZIONE DELLA NORMATIVA TEDESCA RELATIVA ALLO SMERCIO DELLE BEVANDE ALCOLICHE CHE FISSA UNA GRADAZIONE ALCOLICA MINIMA PER VARIE CATEGORIE DI PRODOTTI .
  6. SENTENZA DELLA CORTE DEL 24 NOVEMBRE 1993. - PROCEDIMENTO PENALE A CARICO DI BERNARD KECK E DANIEL MITHOUARD. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE: TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DE STRASBOURG - FRANCIA. - LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI - DIVIETO DI RIVENDITA SOTTOCOSTO. - CAUSE RIUNITE C-267/91 E C-268/91 (VENDITE SOTTOCOSTO IN DUE IPERMERCATI DI CUI I DUE SOGGETTI ERANO RESPOBSABILI)
  7. Sentenza della Corte del 9 dicembre 1997. - Commissione delle Comunità europee contro Repubblica francese. - Libera circolazione delle merci - Prodotti agricoli - Ostacoli derivanti da atti di privati - Obblighi degli Stati membri. - Causa C-265/95.
  8. SENTENZA DELLA CORTE 12 giugno 2003 «Libera circolazione delle merci - Ostacoli derivanti da atti di privati - Obblighi degli Stati membri - Decisione di non vietare una riunione a scopo ambientale che ha comportato il blocco totale dell'autostrada del Brennero per quasi 30 ore - Giustificazione - Diritti fondamentali - Libertà d'espressione e libertà di riunione - Principio di proporzionalità» Nel procedimento C-112/00, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dell'art. 234 CE, dall'Oberlandesgericht Innsbruck (Austria) nella causa dinanzi ad esso pendente tra Eugen Schmidberger, Internationale Transporte und Planzüge e Repubblica d'Austria, domanda vertente sull'interpretazione degli artt. 30, 34 e 36 del Trattato CE (divenuti, in seguito a modifica, artt. 28 CE, 29 CE e 30 CE), letti in combinato disposto con l'art. 5 del Trattato CE (divenuto art. 10 CE), nonché sulle condizioni di responsabilità di uno Stato membro per danni cagionati ai privati in ragione delle violazioni del diritto comunitario,
  9. Sentenza della Corte del 20 maggio 2003. - Consorzio del Prosciutto di Parma e Salumificio S. Rita SpA contro Asda Stores Ltd e Hygrade Foods Ltd. - Domanda di pronuncia pregiudiziale: House of Lords - Regno Unito. - Denominazioni di origine protette - Regolamento (CEE) n.2081/92 - Regolamento (CE) n.1107/96 - Prosciutto di Parma - Disciplinare - Condizione di affettamento e di confezionamento del prosciutto nella zona di produzione - Artt.29CE e 30CE - Giustificazione - Opponibilità della condizione ai terzi - Certezza del diritto - Pubblicità. - Causa C-108/01.
  10. Sentenza della Corte del 20 maggio 2003. - Consorzio del Prosciutto di Parma e Salumificio S. Rita SpA contro Asda Stores Ltd e Hygrade Foods Ltd. - Domanda di pronuncia pregiudiziale: House of Lords - Regno Unito. - Denominazioni di origine protette - Regolamento (CEE) n.2081/92 - Regolamento (CE) n.1107/96 - Prosciutto di Parma - Disciplinare - Condizione di affettamento e di confezionamento del prosciutto nella zona di produzione - Artt.29CE e 30CE - Giustificazione - Opponibilità della condizione ai terzi - Certezza del diritto - Pubblicità. - Causa C-108/01.
Anzeige