Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Capitolo12

  • Loggen Sie sich ein, um Kommentare anzuzeigen.

Capitolo12

  1. 1. DALL’INDIVIDUALISMO AL COLLETTIVISMO: COSTRUIRE E GESTIRE GRUPPI Capitolo 12
  2. 2. Le capacità sociali richieste a ruoli gestionali Capacità di adattarsi o sentirsi a proprio agio in un’ampia gamma di situazioni sociali. Adattabilità sociale Capacità di cambiare gli atteggiamenti o il comportamento degli altri nella direzione desiderata. Persuasione e influenza sociale Tattica usata per suscitare il gradimento altrui e favorire una buona prima impressione Gestione dell’impressione Capacità di percepire in modo accurato le emozioni, i tratti personali, le motivazioni e le intenzioni degli altri Percezione sociale Descrizione Capacità sociale
  3. 3. Criteri sociologici per definire un gruppo 1 Due o più individui che interagiscono liberamente Identità comune 4 3 Obiettivi colle ttivi Norme collettive 2
  4. 4. I gruppi formali soddisfano funzioni organizzative e individuali <ul><li>Funzioni organizzative </li></ul><ul><li>Portare a termini compiti complessi e interdipendenti che vanno oltre le capacità degli individui </li></ul><ul><li>Generare idee e soluzioni originali o creative. </li></ul><ul><li>Coordinare attività interfunzionali. </li></ul><ul><li>Fornire un meccanismo di problem-solving per problemi complessi che richiedono varie informazioni e valutazioni </li></ul><ul><li>Mettere in atto decisioni complesse </li></ul><ul><li>Curare la socializzazione e formare i nuovi arrivati </li></ul><ul><li>Funzioni individuali </li></ul><ul><li>Soddisfare l'esigenza di affiliazione dell'individuo </li></ul><ul><li>Sviluppare, migliorare e confermare all'individuo la fiducia in se stesso e il senso di identità </li></ul><ul><li>Dare all'individuo un'opportunità di provare e condividere le proprie percezioni della realtà sociale. </li></ul><ul><li>Ridurre le ansie e le sensazioni di insicurezza e impotenza dell'individuo </li></ul><ul><li>Fornire un meccanismo di problem-solving per problemi di carattere personale e interpersonale </li></ul>
  5. 5. Workplace Social Exchange Network Organization Supervisor/ leader Team Exchange “Currencies” Available Organizational Structure Organizational Culture Exchange Salience/Relevance Employee Needs Employee Exchange “Currencies” Available Employee Organization Exchange Employee Supervisor Exchange Employee Team Exchange
  6. 6. Tuckman’s Five-Stage Theory of Group Development Performing Adjourning Norming Storming Forming Return to Independence Dependence/ interdependence Independence
  7. 7. Stadi di sviluppo del gruppo <ul><li>FORMING: fase di orientamento </li></ul><ul><li>STORMING: fase di potenziale conflittualità </li></ul><ul><li>NORMING: fase di coesione </li></ul><ul><li>PERFORMING: fase di strutturazione </li></ul>
  8. 8. Forming <ul><li>Non si può ancora parlare di gruppo, ma di un insieme di persone che tentano di definire gli scopi e gli obiettivi del lavoro di gruppo e cominciano a stabilire le attività e le priorità </li></ul><ul><li>Il bisogno prevalente del gruppo è quello dell’appropriazione del territorio </li></ul>
  9. 9. Storming <ul><li>Il gruppo inizia a “censire le risorse interne” e a valutare le reali potenzialità dell’azione comune. È una fase delicata perché ad alto potenziale di conflittualità poiché si tratta di stabilire con precisione scopi ed obiettivi e il leader (formale o informale) comincia ad esercitare la sua influenza. Importanti sono i compiti di natura informativa ed elaborativa. </li></ul>
  10. 10. Norming <ul><li>A questo livello si può parlare effettivamente di gruppo. Vi è un elevato confronto interno e l’influenza reciproca viene esercitata senza la preoccupazione di “scadere nel conflitto interpersonale”. </li></ul><ul><li>Il consenso sugli obiettivi e sulla leadership, la fiducia e il gradimento reciproco sviluppatosi fra i membri danno coesione e dinamicità. </li></ul>
  11. 11. Rapporti interpersonali <ul><li>Alcuni gruppi, pur essendo alla fase di coesione, possono tuttavia fallire nella gestione dei rapporti interpersonali. </li></ul><ul><li>Si possono distinguere tre situazioni: </li></ul><ul><li>illusione (che individuati leader e obiettivi tutto sia sistemato) </li></ul><ul><li>disillusione (presa di coscienza dei contrasti interni) </li></ul><ul><li>accettazione reciproca </li></ul>
  12. 12. Performing <ul><li>Il gruppo matura la consapevolezza di essere un’entità con capacità sperimentate. </li></ul><ul><li>Ha appreso alcune condizioni di efficace funzionamento di un team quali: </li></ul><ul><li>limitare le controversie </li></ul><ul><li>decidere in maniera razionale </li></ul><ul><li>prendere atto delle opinioni dei singoli </li></ul><ul><li>avere coscienza dei meccanismi interni di funzionamento </li></ul>
  13. 13. Dinamiche relazionali <ul><li>Riguardano fenomeni di vario tipo come: </li></ul><ul><li>la coesione (grado di attrazione reciproca tra i componenti, desiderio di “prendere parte” di quel gruppo) </li></ul><ul><li>la leadership (capacità di uno o più membri di favorire l’azione del gruppo stesso) </li></ul>
  14. 14. Roles <ul><li>Role expected behaviors for a given position </li></ul><ul><li>Role Overload others’ expectations exceed one’s ability </li></ul><ul><li>Role Conflict others have conflicting or inconsistent expectations </li></ul><ul><li>Role Ambiguity Others’ expectations are unknown </li></ul>
  15. 15. Norms <ul><li>Norm shared attitudes, opinions, feelings, or actions that guide social behavior </li></ul>
  16. 16. How Norms are Formed <ul><li>Explicit statements by supervisors or coworkers </li></ul><ul><li>Critical events in the group’s history </li></ul><ul><li>Primacy </li></ul><ul><li>Carryout behaviors from past situations </li></ul>
  17. 17. Task Roles <ul><li>Initiator suggests new goals or ideas </li></ul><ul><li>Information seeker/giver clarifies key issues </li></ul><ul><li>Opinion seeker/giver clarifies pertinent values </li></ul><ul><li>Elaborator promotes greater understanding through examples or exploration of implications </li></ul><ul><li>Coordinator pulls together ideas and suggestions </li></ul><ul><li>Orienter keeps group headed toward its stated goal(s) </li></ul><ul><li>Evaluator tests group’s accomplishments with various criteria such as logic and practicality </li></ul><ul><li>Energizer prods group </li></ul><ul><li>Procedural technician performs routine duties </li></ul><ul><li>Recorder performs a “group memory” function by documenting discussion and outcomes </li></ul>
  18. 18. Maintenance Roles <ul><li>Encourager fosters group solidarity by accepting and praising various points of view </li></ul><ul><li>Harmonizer mediates conflict through reconciliation or humor </li></ul><ul><li>Compromiser helps resolve conflict by meeting others “half way” </li></ul><ul><li>Gatekeeper encourages all group members to participate </li></ul><ul><li>Standard setter evaluates the quality of group processes </li></ul><ul><li>Commentator records and comments on group processes/dynamics </li></ul><ul><li>Follower serves as a passive audience </li></ul>
  19. 19. Threats to Group Effectiveness: The Asch Effect 1 2 3 Standard Line Card Comparison Lines Card
  20. 20. Groupthink <ul><li>… modo di pensare che le persone assumono quando sono coinvolte in un gruppo coeso… </li></ul><ul><li>… la propensione dei membri verso l’unanimità annullando la propria motivazione a valutare realisticamente azioni alternative… </li></ul><ul><li>… un deterioramento dell’efficienza mentale, di valutazione della realtà, di giudizio morale risultanti dalla pressione del gruppo. </li></ul>
  21. 21. Groupthink “ Signori, vedo che siamo in completo accordo sulla decisione da prendere […] perciò, propongo che si rinvii la discussione su questa materia alla prossima riunione, in modo che vi sia tempo di sviluppare il disaccordo e che forse si sia in grado di capire di che cosa stiamo parlando”. Fonte: Sloan, 1963
  22. 22. Condizioni che facilitano il groupthink <ul><li>Coesione </li></ul><ul><li>Isolamento del gruppo </li></ul><ul><li>Stile di leadership autoritario </li></ul><ul><li>Omogeneità sociale ed ideologica </li></ul><ul><li>Condizioni di stress elevato </li></ul><ul><li>Bassa autoefficacia individuale </li></ul>Esistono delle condizioni di carattere organizzativo e legate al contesto decisionale che aumentano la probabilità che il gruppo possa essere soggetto a groupthink. CONDIZIONI
  23. 23. Sintomi di groupthink <ul><li>Pressione sui dissenzienti </li></ul><ul><li>Auto-censura dei membri </li></ul><ul><li>Percezione di invulnerabilità </li></ul><ul><li>Illusione di unanimità </li></ul><ul><li>Protezione del consenso </li></ul><ul><li>Razionalizzazione collettiva </li></ul><ul><li>Creazione di stereotipi </li></ul><ul><li>Illusione di moralità </li></ul>Le condizioni organizzative e di processo stimolano l’insorgere di alcuni sintomi che possono essere dovuti a groupthink SINTOMI
  24. 24. Effetti del groupthink <ul><li>Ricerca limitata delle alternative </li></ul><ul><li>Mancanza di riconsiderare soluzioni </li></ul><ul><li>precedentemente rigettate </li></ul><ul><li>Ricerca delle informazioni scarsa </li></ul><ul><li>Elaborazione distorta delle informazioni </li></ul><ul><li>Incapacità di elaborare piani contingenti </li></ul>Quando si riscontra un numero elevato di sintomi, è molto probabile che il gruppo sia soggetto a a processi decisionali inefficaci. EFFETTI

×