Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Rapporto Lombardia 2017

220 Aufrufe

Veröffentlicht am

Il Rapporto si propone di veri care come la declinazione di sviluppo sostenibile proposta dall’Agenda –
uno sviluppo che soddis i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future gene- razioni di soddisfare i propri bisogni – possa rappresentare una chiave di lettura delle dinamiche sociali, economiche, ambientali e istituzionali della Lombardia.

Veröffentlicht in: Bildung
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier

Rapporto Lombardia 2017

  1. 1. Rapporto Lombardia 2017 Sintesi
  2. 2. BUONA SALUTE PARITÀ DI GENERE AGRICOLTURA E NUTRIZIONE SOSTENIBILI EDUCAZIONE DI QUALITÀ RIDURRE POVERTÀ E VULNERABILITÀ PRODUZIONE E CONSUMO RESPONSABILI PROMUOVERE LE PARTNERSHIP PER GLI OBIETTIVI ISTITUZIONI EFFICACI E AFFIDABILI TUTELARE AMBIENTE E BIODIVERSITÀ CITTÀ E TERRITORI SOSTENIBILI INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE ACQUE PULITE OCCUPAZIONE E CRESCITA ECONOMICA RIDURRE LE DISUGUAGLIANZE ENERGIA PULITA E AZIONI PER IL CLIMA Rapporto Lombardia 2017 Sintesi
  3. 3. Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Indice Introduzione...................................................................................................................................................................................................................................... 4 Capitolo 1 · Ridurre povertà e vulnerabilità............................................................................................................................................. 5 Capitolo 2 · Agricoltura e nutrizione sostenibili................................................................................................................................. 9 Capitolo 3 · Buona salute................................................................................................................................................................................................ 13 Capitolo 4 · Educazione di qualità........................................................................................................................................................................ 17 Capitolo 5 · Parità di genere........................................................................................................................................................................................ 21 Capitolo 6 · Acque pulite................................................................................................................................................................................................. 25 Capitolo 7 · Energia pulita e azioni per il clima................................................................................................................................... 29 Capitolo 8 · Occupazione e crescita economica................................................................................................................................ 33 Capitolo 9 · Innovazione e infrastrutture.................................................................................................................................................... 37 Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze......................................................................................................................................................... 41 Capitolo 11 · Città e territori sostenibili......................................................................................................................................................... 45 Capitolo 12 · Produzione e consumo responsabili........................................................................................................................... 49 Capitolo 13 · Tutelare ambiente e biodiversità..................................................................................................................................... 53 Capitolo 14 · Istituzioni efficaci e affidabili................................................................................................................................................ 57 Capitolo 15 · Promuovere le partnership per gli obiettivi..................................................................................................... 61 Il posizionamento della Lombardia in sintesi......................................................................................................................................... 65
  4. 4. 4 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Introduzione Il 25 settembre 2015 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con il voto dei 193 Governi dei Paesi membri, ha adottato l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, corredata da un elenco di 17 obiettivi e 169 sotto-obiettivi (target) che dovranno essere raggiunti da tutti i Paesi del mondo entro il 2030. Con il Rapporto Lombardia 2017, Éupolis Lombardia propone lo sviluppo sostenibile, nell’accezione mul- tidimensionale e integrata prevista dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030, come strumento di lettura e di possibile orientamento del modello di sviluppo della Lombardia. Il Rapporto si propone di verificare come la declinazione di sviluppo sostenibile proposta dall’Agenda – uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future gene- razioni di soddisfare i propri bisogni – possa rappresentare una chiave di lettura delle dinamiche sociali, economiche, ambientali e istituzionali della Lombardia. Ciò nella duplice prospettiva: a) di analizzare e interpretare le trasformazioni del sistema regionale lombardo; b) di individuare se e con quali politiche un livello di governo sub-nazionale possa contribuire al consegui- mento degli obiettivi globali di sviluppo sostenibile sul proprio territorio. Il Rapporto Lombardia avrà cadenza annuale e l’obiettivo dell’edizione 2017 è di presentare una prima declinazione sulla Lombardia dell’Agenda ONU 2030, anche in funzione della possibile implementazione a livello regionale della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile, che l’Italia dovrà adottare nel corso del 2017. In considerazione del ruolo istituzionale di Éupolis Lombardia, il Rapporto è ideato per offrire innanzi- tutto ai policy maker regionali e, più in generale, ai decisori dei settori politici, economici e sociali della Lombardia, uno strumento di analisi di contesto a supporto delle loro scelte. Nelle pagine che seguono sono presentati la sintesi di ciascun capitolo e il posizionamento della Lom- bardia rispetto ai 21 Paesi dell’Unione europea facenti parte dell’OCSE. Il Rapporto completo è disponibile in www.eupolislombardia.it
  5. 5. Introduzione Ridurre povertà e vulnerabilità 1 5
  6. 6. 6 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 1 Ridurre povertà e vulnerabilità La povertà resta al di sotto della media nazionale, ma l’incremento è più significativo. Cresce la povertà relativa e assoluta; cresce anche quella delle famiglie. Per capire il grado di vulnera- bilità della popolazione si possono considerare quattro fattori. 1. Il reddito: la sua distribuzione resta problematica; il 30% delle famiglie più povere italiane detiene l’1% della ricchezza; 2. Il lavoro: preoccupa in Lombardia l’aumento dei NEET (i giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano, né lavorano). Essi oggi rappresentano il 18,6% dei loro coetanei: è un valore molto al di sotto del 25,7% italiano, ma in costante crescita dal 2008. 3. Il livello di istruzione della popolazione: i livelli di competenze della popolazione lombarda restano elevati in termini relativi; anche in Lombardia il grado di competenze è inferiore tra gli appartenenti alle famiglie economicamente e socialmente più svantaggiate. 4. La salute: complessivamente i lombardi stanno bene. Preoccupa, piuttosto, dal punto di vista struttu- rale, l’andamento demografico: al 2035 avremo perso circa 200.000 minori da 0 a 14 anni e avremo 500.000 ultra85enni in più.
  7. 7. Rapporto Lombardia 7 Capitolo 1 · Ridurre povertà e vulnerabilità Minore rischio povertà Maggiore rischio povertà REP.CECA14,0 16,0 16,4 SVEZIA PAESIBASSI 20,0 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 28,7 35,7 14,0 23,4 24,2 16,8 16,0 18,4 28,2 19,2 18,3 17,7 17,6 20,0 18,5 21,1 16,4 17,7 23,526,0 26,6 28,6 Rep. Ceca Svezia Paesi Bassi Finlandia Lombardia Danimarca Francia Austria Slovacchia Lussemburgo Slovenia Germania Belgio Polonia Regno Unito Estonia Irlanda Portogallo Ungheria Spagna Italia Grecia 14,0 16,0 16,4 16,8 17,6 17,7 17,7 18,3 18,4 18,5 19,2 20,0 21,1 23,4 23,5 24,2 26,0 26,6 28,2 28,6 28,7 35,7 GRECIA ITALIA SPAGNA 35,7 28,7 28,6 MEDIANA UE21 Anno 2015 Fonte: Eurostat 1 Ridurre povertà e vulnerabilità 1 - Popolazione a rischio povertà o esclusione sociale Quota percentuale sulla popolazione totale Eurostat definisce persone a rischio di povertà o di esclusione sociale coloro che si trovano in almeno una situazione di povertà monetaria o di grave deprivazione materiale o di intensità di lavoro molto bassa. In Unione Europea il fenomeno colpisce circa un quarto della popolazione. L’Italia è uno degli ultimi Paesi UE21 (28,7%), insieme a Spagna e Grecia. La frequenza del fenomeno in Lombardia è decisamente più bassa (17,6%), dopo i primi 4 Paesi UE21.
  8. 8. 8 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi TOP 3 Anno 2015 Fonte: Eurostat 1 Ridurre povertà e vulnerabilità 2 - Popolazione in severa deprivazione materiale Quota percentuale sulla popolazione totale Svezia Lussemburgo Finlandia Paesi Bassi Austria Danimarca Germania Estonia Francia Rep. Ceca Belgio Slovenia Regno Unito Spagna Lombardia Irlanda Polonia Slovacchia Portogallo Italia Ungheria Grecia 0,7 2,0 2,2 2,6 3,6 3,7 4,4 4,5 4,5 5,6 5,8 5,8 6,1 6,4 6,4 7,5 8,1 9,0 9,6 11,5 19,4 22,2 Più poveri GRECIA ITALIA UNGHERIA 22,2 19,4 11,5 Meno poveri SVEZIA0,7 2,0 2,2 LUSSEMBURGO FINLANDIA 5,8 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 11,5 22,2 5,6 8,1 4,5 2,2 0,7 9,0 19,4 5,8 3,6 4,5 4,4 2,0 5,8 2,6 3,7 6,17,5 9,6 6,4 6,4 MEDIANA UE21 Per deprivazione materiale si intende la situazione di involontaria incapacità di sostenere spese per deter- minati beni o servizi. Le persone in grave deprivazione materiale sono quelle appartenenti a famiglie che non possono permettersi almeno quattro tra le seguenti opzioni: pagare puntualmente bollette, affitto o prestiti; riscaldare adeguatamente l’abitazione; sostenere spese impreviste di 800 euro; fare un pasto adeguato almeno una volta ogni due giorni; concedersi una settimana di ferie all’anno lontano da casa; possedere un televisore a colori o una lavatrice o un’automobile o un telefono. In Italia, terzultima nella classifica UE21, una persona su nove vive in grave deprivazione materiale. Anche la Lombardia occupa la seconda metà della classifica: quasi una persona su quindici si trova in tale condizione.
  9. 9. Introduzione Rapporto Lombardia 9 Agricoltura e nutrizione sostenibili 2 9
  10. 10. 10 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 2 Agricoltura e nutrizione sostenibili La Lombardia produce moltissimo, anche se non abbastanza per sfamare una popolazione particolar- mente numerosa. La produttività lombarda (vegetale e animale) resta significativamente superiore ai valori nazionali ed europei. Si registra, tuttavia, un lieve calo nella produttività per fattori impiegati, dipendente principalmen- te dall’andamento dei prezzi. Il valore lombardo della produttività per unità lavorativa è doppio rispetto a quello italiano e del 36% in più di quello europeo. Anche la produttività per ettaro è l’80% più di quella italiana e quasi tre volte quella europea. Segnali positivi circa la sostenibilità della produzione agricola sono l’aumento della produzione biologi- ca, un buon rapporto tra allevamento erbivoro e superfici, un investimento nei concimi e additivi migliore della media europea e l’uso efficiente dell’energia. In termini di efficienza, il rapporto tra spesa pubblica in agricoltura e produttività in Lombardia è infe- riore del 20% rispetto a quello nazionale.
  11. 11. Rapporto Lombardia 11 Capitolo 2 · Agricoltura e nutrizione sostenibili Meno BIO IRLANDA REGNOUNITO PORTOGALLO 0,88 1,17 1,85 Più BIO 17,15 16,02 15,15 AUSTRIA ESTONIA SVEZIA MEDIANA UE21 3,78 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 7,90 2,40 12,69 3,57 16,02 8,80 15,15 8,51 2,58 8,95 17,15 3,54 2,06 6,04 3,40 3,78 2,42 6,68 1,170,88 1,85 3,03 Austria Estonia Svezia Rep. Ceca Slovenia Finlandia Slovacchia Italia Danimarca Germania Belgio Polonia Francia Lussemburgo Spagna Ungheria Paesi Bassi Grecia Lombardia Portogallo Regno Unito Irlanda 17,15 16,02 15,15 12,69 8,95 8,80 8,51 7,90 6,68 6,04 3,78 3,57 3,54 3,40 3,03 2,58 2,42 2,40 2,06 1,85 1,17 0,88 Anno 2013 Fonte: Eurostat 2 Agricoltura e nutrizione sostenibili 1 - Superficie a coltivazione biologica Rapporto tra superficie biologica (certificata e in conversione) e superficie agricola utilizzata (SAU) Il metodo di coltivazione biologico è spesso ritenuto rilevante nel contribuire alla sostenibilità dell’agri- coltura. Aiuta a proteggere la biodiversità e le risorse naturali, anche se a discapito della produttività. A livello UE l’agricoltura biologica è cresciuta a ritmi rilevanti nell’ultimo decennio per poi rallentare il tasso di crescita negli ultimi anni. Nel 2013 la quota della superfice agricola destinata ad agricoltura biologica si attesta in Lombardia a 2,06%, posizionandosi al quartultimo posto nella graduatoria europea davanti solo a Portogallo, Regno Unito e Irlanda, comunque molto al di sotto del dato medio nazionale (7,9%).
  12. 12. 12 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Bassa densità allevamento GRECIA SLOVACCHIA ESTONIA 0,44 0,34 0,32 Alta densità allevamento 3,57 2,75 2,74 PAESIBASSI LOMBARDIA BELGIO MEDIANA UE21 0,76 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 0,77 0,44 0,50 0,64 0,32 0,51 0,56 0,34 0,49 1,00 0,89 0,79 1,10 1,26 2,74 3,57 1,58 0,761,20 0,56 0,62 2,75 Estonia Slovacchia Grecia Ungheria Rep. Ceca Finlandia Portogallo Svezia Spagna Polonia Regno Unito Italia Francia Austria Slovenia Germania Irlanda Lussemburgo Danimarca Belgio Lombardia Paesi Bassi 0,32 0,34 0,44 0,49 0,50 0,51 0,56 0,56 0,62 0,64 0,76 0,77 0,79 0,89 1,00 1,10 1,20 1,26 1,58 2,74 2,75 3,57 Anno 2013 Fonte: Eurostat 2 Agricoltura e nutrizione sostenibili 2 - Indice di densità del bestiame Numero di unità di bestiame per ettaro di superficie agricola utilizzata (SAU) L’unità di bestiame è un riferimento utilizzato a livello statistico per considerare l’allevamento di diverse tipologie di bestiame. In particolare nel calcolo di tale indicatore le specie considerate sono: equini, bovini, ovini, caprini, suini, pollame, conigli. La Lombardia con 2,75 unità di bestiame per ettaro di superficie agricola utilizzata (SAU), considerata la forte presenza di allevamenti, si colloca tra i due Paesi UE21 con i valori più elevati di tale indicatore: Paesi Bassi con 3,57 e Belgio con 2,74. L’Italia si attesta sul valore mediano.
  13. 13. Introduzione Rapporto Lombardia 13 Buona salute 3 13
  14. 14. 14 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 3 Buona salute In Lombardia si vive di più (speranza di vita alla nascita 80,6 anni uomini e 85,1 donne) e con un'aspet- tativa di vita sana tra le più alte dei paesi OCSE. Tuttavia, tra il 2012 e il 2016 si sono perse 31.000 unità di bambini (<5 anni) e gli ultracentenari sono quasi 3.000. Le persone in eccesso ponderale e obese sono sotto la media nazionale, ma in aumento. Anche il tasso di fumatori è in media italiana, ma con una minore decrescita rispetto al resto del Paese. Il consumo di alcol è al 64%, contro una media nazionale del 54%. Dal 2001 la mortalità per incidenti stradali si è ridotta come in Italia, ma l’indice di mortalità lombardo resta più basso, passando da 1,4 a 1,5 deceduti ogni 100 incidenti, mentre quello medio nazionale passa da 1,9 a 2,0. Con l’avanzare dell’indice di vecchiaia diminuiscono le risorse relazionali. Con 3,5 milioni di cronici, la Lombardia è in linea con la media nazionale, ma ha un’incidenza minore delle patologie croniche multiple (18 vs 19,8) e una percezione positiva del proprio stato di salute (47,2 vs 42,3).
  15. 15. Rapporto Lombardia 15 Capitolo 3 · Buona salute I meno longevi UNGHERIA SLOVACCHIA POLONIA 75,7 76,7 77,5 I più longevi 83,2 83,0 82,7 LOMBARDIA SPAGNA ITALIA MEDIANA UE21 81,1 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 82,7 81,1 78,7 77,5 78,0 81,6 82,2 76,7 75,7 80,9 81,3 82,4 83,2 80,7 82,4 81,1 81,6 80,8 81,081,5 81,3 83,0 Lombardia Spagna Italia Francia Lussemburgo Svezia Finlandia Paesi Bassi Irlanda Austria Portogallo Belgio Grecia Regno Unito Slovenia Danimarca Germania Rep. Ceca Estonia Polonia Slovacchia Ungheria 83,2 83,0 82,7 82,4 82,4 82,2 81,6 81,6 81,5 81,3 81,3 81,1 81,1 81,0 80,9 80,8 80,7 78,7 78,0 77,5 76,7 75,7 83,478,7 Anno 2015 Fonte: Eurostat 3 Buona salute 1 - Aspettativa di vita alla nascita Numero di anni per sesso Nel 2015 la Lombardia si colloca prima di tutti i Paesi UE21 per aspettativa di vita alla nascita, con 83,2 anni. Le nate in Lombardia hanno un’aspettativa di vita di 85,4 anni, 4,6 anni in più dei nati di sesso ma- schile: sono i valori più alti a livello europeo se si eccettua quello registrato in Spagna per le neonate che supera di 0,4 anni il corrispondente valore lombardo. La differenza di genere è una costante per tutti i paesi anche se il differenziale si accentua nei paesi che si collocano agli ultimi posti della classifica.
  16. 16. 16 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Estonia Finlandia Svezia Rep. Ceca Slovenia Lussemburgo Lombardia Spagna Portogallo Grecia Italia Germania Belgio Francia Austria Irlanda Regno Unito Paesi Bassi Danimarca Ungheria Slovacchia Polonia 1,24 1,37 1,60 1,62 1,63 1,86 1,92 2,05 2,18 2,24 2,27 2,30 2,36 2,37 2,38 2,58 2,66 2,78 2,96 3,13 3,15 3,24 Neonati meno a rischio ESTONIA FINLANDIA SVEZIA 1,24 1,37 1,60 Neonati più a rischio 3,24 3,15 3,13 POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA MEDIANA UE21 2,3 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 2,27 2,24 1,62 3,24 1,24 1,37 1,60 3,15 3,13 1,63 2,38 2,37 1,92 2,30 1,86 2,36 2,78 2,96 2,662,58 2,18 2,05 Anno 2013 Fonte: Eurostat 3 Buona salute 2 - Tasso di mortalità neonatale (entro 1° mese dalla nascita) Tutte le morti avvenute nel paese (per 1.000 nati vivi) Pur essendo decisamente ridotta in tutti paesi UE considerati e ampiamente al di sotto del valore obiettivo di 12 fissato entro il 2030, la mortalità neonatale registrata entro il primo mese di vita ogni mille nati vivi presenta una certa variabilità tra un minimo di 1,24 in Estonia e un massimo di 3,24 in Polonia. La Lombar- dia con 1,92 si colloca al settimo posto, davanti all’Italia e al valore mediano UE21 (2,3).
  17. 17. Introduzione Rapporto Lombardia 17 Educazione di qualità 4 17
  18. 18. 18 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 4 Educazione di qualità I tassi di scolarità lombarda sono significativamente più alti di quelli nazionali. In Italia il 50% della po- polazione ha al massimo conseguito il diploma di licenza media; in Lombardia è il 40%. L’accesso all’istruzione universitaria rimane tuttavia ancora precluso a un terzo della popolazione che non consegue un diploma di scuola secondaria quinquennale. L’abbandono scolastico è in diminuzione (8 punti negli ultimi 10 anni) e la Lombardia dovrebbe raggiun- gere gli obiettivi di Lisbona 2020 di ridurre il fenomeno a meno del 10%. Tuttavia, un terzo dei giovani lombardi non arriva alla formazione terziaria, e metà di essi non dispone nemmeno di un titolo di forma- zione professionale. La formazione regionale professionale resta quindi lo strumento a disposizione per recuperare un livello minimo di competenza. Per quanto riguarda i risultati di apprendimento e competenze, i dati mostrano che la Lombardia è più inclusiva che il resto del Paese nella scuola dell’obbligo: la quota di studenti con competenze scarse è sistematicamente inferiore e quella di studenti con competenze elevate è sistematicamente maggiore. Rispetto ad altre regioni (in particolare il Trentino) le competenze sono inferiori, ma gioca un ruolo impor- tante la presenza della popolazione straniera.
  19. 19. Rapporto Lombardia 19 Capitolo 4 · Educazione di qualità Meno abbandoni SLOVENIA POLONIA LUSSEMBURGO 4,9 5,2 5,5 Più abbandoni 13,8 14,0 19,0 ITALIA PORTOGALLO SPAGNA MEDIANA UE21 7,9 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 13,8 6,2 6,6 5,2 10,9 7,9 7,4 7,4 12,4 4,9 6,9 8,8 12,7 10,2 5,5 8,8 8,0 7,2 11,26,3 14,0 19,0 Slovenia Polonia Lussemburgo Grecia Irlanda Rep. Ceca Austria Danimarca Slovacchia Svezia Finlandia Paesi Bassi Belgio Francia Germania Estonia Regno Unito Ungheria Lombardia Italia Portogallo Spagna 4,9 5,2 5,5 6,2 6,3 6,6 6,9 7,2 7,4 7,4 7,9 8,0 8,8 8,8 10,2 10,9 11,2 12,4 12,7 13,8 14,0 19,0 6,99,0 Anno 2016 Fonte: Eurostat 4 Educazione di qualità 1 - Giovani che abbandonano prematuramente l'istruzione e la formazione Quota percentuale sui giovani da 18 a 24 anni per sesso I giovani che hanno conseguito al massimo l’istruzione secondaria inferiore e che non continuano un percorso formativo di alcun genere sono considerati popolazione in abbandono scolastico. La loro quota sulla popolazione di età compresa tra i 18 e i 24 anni è andata diminuendo progressivamente, ma si regi- strano forti differenze tra Paesi e generi: il tasso di abbandono è di quasi un ragazzo su 4 in Spagna e di una ragazza su 30 in Slovenia. L’Italia è uno dei Paesi UE21 con il livello maggiore di abbandono scolastico (13,8%, contro un valore mediano UE21 del 7,9%) e la Lombardia fa di poco meglio (12,7%), anche se si registra un miglioramento rispetto all’anno precedente. L’abbandono scolastico ha un pesante impatto sulla società poiché un basso livello di istruzione comporta maggiori difficoltà nel mercato del lavoro e un rischio maggiore di povertà ed esclusione sociale.
  20. 20. 20 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Più istruiti 43,1 43,1 42,6 FINLANDIA IRLANDA LUSSEMBURGO MEDIANA UE21 34,6 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 17,7 30,2 23,0 28,7 38,9 43,1 41,1 22,0 23,7 30,7 31,4 34,6 19,3 28,3 42,6 37,5 36,0 38,0 42,343,1 23,9 35,7 Finlandia Irlanda Lussemburgo Regno Unito Svezia Estonia Danimarca Belgio Paesi Bassi Spagna Francia Austria Slovenia Grecia Polonia Germania Portogallo Ungheria Rep. Ceca Slovacchia Lombardia Italia 43,1 43,1 42,6 42,3 41,1 38,9 38,0 37,5 36,0 35,7 34,6 31,4 30,7 30,2 28,7 28,3 23,9 23,7 23,0 22,0 19,3 17,7 36,932,2 Anno 2016 Fonte: Eurostat 4 Educazione di qualità 2 - Popolazione con titolo di studio terziario Quota percentuale sulla popolazione tra i 25 e i 64 anni per sesso Meno istruiti ITALIA LOMBARDIA SLOVACCHIA 17,7 19,3 22,0 L’istruzione terziaria è importante perché le persone con qualifiche più elevate sono più occupabili e ridu- cono il rischio povertà in economie sempre più basate sulla conoscenza. Inoltre bassi livelli di istruzione terziaria possono ostacolare la competitività e minare il potenziale di crescita della società. L’Italia è il Paese UE21 con la più bassa quota di laureati e anche la Lombardia fa meno bene degli altri Paesi UE21 (meno di un adulto in età attiva su 5 ha un titolo di studio terziario). Uno degli obiettivi ONU è eliminare le disparità di genere nell’istruzione e garantire la parità di accesso a tutti i livelli di istruzione. Da questo pun- to di vista, se in molti Paesi in via di Sviluppo le donne hanno maggiori difficoltà di accesso, sia in Italia, sia in Lombardia, sia nella maggior parte dei Paesi europei (eccetto Germania, Austria e Paesi Bassi), da alcuni anni si è registrata un’inversione di tendenza: la scolarità terziaria femminile è maggiore di quella maschile.
  21. 21. Introduzione Rapporto Lombardia 21 Parità di genere 5 21
  22. 22. 22 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 5 Parità di genere La partecipazione delle donne alla vita politica mostra segnali interessanti. È donna il 21% dei consi- glieri regionali, cifra superiore al 18% italiano, ma inferiore al 32% dell’Emilia-Romagna. Ancora migliore la presenza femminile nella Giunta regionale: con il 46,7% di assessori donna la Lombardia è leggermente al di sopra delle raccomandazioni del Consiglio d’Europa di non scendere sotto la soglia del 40%. Nelle società quotate cresce la partecipazione delle donne, anche per effetto di specifici provvedimenti legislativi: in Lombardia un terzo delle società ha più del 20% di donne nel proprio consiglio di ammini- strazione, nel 2009 erano solo il 4%, anche se a crescere, come nel resto del Paese, sono soprattutto gli incarichi non esecutivi. Un quarto (24,3%) delle nomine effettuate dalla Giunta e dal Consiglio regionale in enti e società partecipate è femminile. Critici i dati sulla violenza di genere. Il 4% delle donne lombarde ha subito violenza fisica o mentale ne- gli ultimi 12 mesi; una percentuale lievemente inferiore a quella nazionale (4,5%). Esattamente in linea con la media nazionale la percentuale di donne lombarde che dichiara di aver subito nella sua vita una qualche forma di violenza da un partner o ex partner, pari al 31,4%. Sono circa 20.000 le donne (15-49 anni) ad aver subito mutilazioni genitali in Lombardia, su un totale di circa 57.000 in Italia.
  23. 23. Rapporto Lombardia 23 Capitolo 5 · Parità di genere Meno egualitari UNGHERIA GRECIA REP.CECA 10 18 20 MEDIANA UE21 28 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 30 18 20 26 26 42 46 21 10 27 31 26 25 37 28 42 37 37 2824 34 38 Svezia Belgio Finlandia Spagna Danimarca Germania Paesi Bassi Portogallo Austria Italia Lussemburgo Regno Unito Slovenia Estonia Francia Polonia Lombardia Irlanda Slovacchia Rep. Ceca Grecia Ungheria 46 42 42 38 37 37 37 34 31 30 28 28 27 26 26 26 25 24 21 20 18 10 Anno 2016 Fonte: European Institute for Gender Equality, ISTAT 5 Parità di genere 1 - Seggi occupati da donne nelle assemblee legislative nazionali Quota percentuale dei seggi Più egualitari 46 42 42 SVEZIA FINLANDIA BELGIO Per dar conto della parità di genere e della piena ed effettiva partecipazione ai livelli decisionali è utile osservare la quota di donne nelle assemblee legislative. Nell’UE21 si registra un progressivo aumento della parità di genere, pur con differenze molto significative: si va dalla quasi parità in Svezia (46%) al 10% dell’Ungheria. L’Italia (30%) si attesta poco sopra la mediana UE21 (28%) mentre il dato lombardo è inferiore (25%).
  24. 24. 24 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Più disparità ITALIA GRECIA LOMBARDIA 0,74 0,79 0,80 Meno disparità 0,96 0,95 0,93 SVEZIA FINLANDIA DANIMARCA MEDIANA UE21 0,88 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 0,74 0,79 0,82 0,82 0,89 0,95 0,96 0,84 0,83 0,92 0,89 0,90 0,80 0,90 0,86 0,87 0,89 0,93 0,880,82 0,91 0,87 Svezia Finlandia Danimarca Slovenia Portogallo Francia Germania Austria Estonia Paesi Bassi Regno Unito Belgio Spagna Lussemburgo Slovacchia Ungheria Polonia Irlanda Rep. Ceca Lombardia Grecia Italia 0,96 0,95 0,93 0,92 0,91 0,90 0,90 0,89 0,89 0,89 0,88 0,87 0,87 0,86 0,84 0,83 0,82 0,82 0,82 0,80 0,79 0,74 Anno 2016 Fonte: Eurostat, Istat 5 Parità di genere 2 - Rapporto tra quote percentuali di popolazione attiva femminile e maschile La popolazione attiva per sesso è calcolata sulla popolazione da 15 a 64 anni La popolazione economicamente attiva o forza lavoro è la somma degli occupati e delle persone in cerca di occupazione. Una maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro è indicatore di pari op- portunità, di emancipazione e di coinvolgimento nella società. Il rapporto tra la partecipazione di donne e uomini indica la quota percentuale del divario. Il divario maggiore tra la popolazione maschile e femminile economicamente attiva si ha in Italia (ogni 100 uomini attivi ci sono solo 74 donne) e anche la Lombardia, pur posizionandosi meglio del dato italiano, è in coda a tutti gli altri Paesi UE21; tra questi quelli in cui il gap è inferiore sono i Paesi scandinavi.
  25. 25. Introduzione Rapporto Lombardia 25 Acque pulite 6 25
  26. 26. 26 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 6 Acque pulite Il considerevole patrimonio infrastrutturale (circa 45.000 km di rete acquedottistica, 30.000 km di rete fognaria e 1.569 impianti di depurazione) evidenzia la complessa azione di presidio richiesta in Lombar- dia per garantire una buona qualità delle acque e un servizio efficace. Con riferimento all’erogazione dell’acqua potabile i dati rivelano un sistema che funziona bene: i livelli garantiti sono tra i più alti in Italia (296 l/g*ab contro una media nazionale di 241), le irregolarità nell’eroga- zione sono appena del 3,6% (media nazionale 9,4%) e la qualità dell’acqua è buona: solo lo 0,9% dei con- trolli obbligatori risulta non conforme. Qualità peraltro garantita a fronte di trattamenti di potabilizzazione nel 44,5% dei casi (media italiana del 30,6%). Questo rivela anche un certo livello di deterioramento della qualità delle falde che, come per quella di fiumi e laghi, risulta complessivamente buona in livelli percentuali differenziati, ma complessivamente ancora bassi per gli obiettivi di qualità fissati in sede europea. L’influenza operata sulla qualità delle acque dal ciclo della depurazione è certamente significativa. Il carico organico depurato in relazione a quello generato negli agglomerati principali è pari al 96%, (media nazionale 88%). Nonostante ciò, vi è ancora una quota di agglomerati segnalati dalla Commissione Euro- pea nell’ambito di procedure di infrazione per non conformità agli standard da questa previsti.
  27. 27. Rapporto Lombardia 27 Capitolo 6 · Acque pulite 241 153 129 110 99 173 203 153 126 156 - - 296 137 - 178 181 192 195400 186 214 Estonia Polonia Ungheria Rep. Ceca Germania Grecia Slovacchia Slovenia Finlandia Belgio Paesi Bassi Portogallo Danimarca Regno Unito Svezia Spagna Italia Lombardia Irlanda Austria Francia Lussemburgo 99 110 126 129 137 153 153 156 173 178 181 186 192 195 203 214 241 296 400 - - - 6 Acque pulite 1 - Acqua erogata per uso potabile in litri per abitante al giorno Anno 2012 (Italia), per gli altri stati l'anno è l'ultimo disponibile. Volumi medi giornalieri pro-capite di acqua erogata dalle reti di distribuzione dell'acqua potabile Fonte: ISTAT Noi Italia (su dati Istat ed Eurostat) Gli SDG intendono garantire entro il 2030 l’accesso universale ed equo all’acqua potabile, sicura e alla portata di tutti. Nei Paesi sviluppati l’accesso all’acqua potabile copre quasi la totalità della popolazione, salvo casi ecce- zionali. In questi contesti osservare i volumi di acqua erogata per uso potabile (ovvero l’acqua consumata rilevata ai contatori dei singoli utenti e quella consumata per usi pubblici in scuole, ospedali, mercati, lavaggio strade, innaffiamento di verde pubblico, idranti antincendio…) può quindi dar conto della quantità di cui fruiscono nei consumi i cittadini; un uso abbondante è peraltro collegabile a vari fattori: un’effettiva abbondanza naturale della risorsa, fattori culturali, completa accessibilità infrastrutturale. La variabilità del fenomeno in Europa non sembra seguire logiche geografiche: in Estonia un cittadino consuma in media 99 litri di acqua al giorno, in Germania 137, nel Regno Unito 195. L’Italia, con 241 litri per abitante al giorno, è il secondo paese per consumo pro-capite tra i Paesi UE21 con dati disponibili. In Lombardia il consumo è ancora maggiore: 296 l/g. Questo indicatore non consente un’immediata e univoca interpretazione per i diversi Paesi in rapporto ai target previsti dall’Agenda ONU per l’obiettivo “Acque Pulite”. La sua inclusione nell’analisi di posizionamento risponde unicamente all’esigenza di esporre dati statistici confrontabili con gli altri 21 Paesi UE appartenenti all’OCSE. Non sono pertanto raffigurate le graduatorie con i primi e gli ultimi tre Paesi e il confronto con la mediana UE21.
  28. 28. 28 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi 159,1 116,3 60,6 53,4 45,5 76,8 97,1 56,6 60,3 78,7 82,0 84,0 155,1 62,1 77,4 - 72,8 64,6 91,8- 86,4 111,9 Estonia Polonia Slovacchia Ungheria Rep. Ceca Germania Danimarca Paesi Bassi Finlandia Lussemburgo Slovenia Austria Francia Portogallo Regno Unito Svezia Spagna Grecia Lombardia Italia Belgio Irlanda 45,5 53,4 56,6 60,3 60,6 62,1 64,6 72,8 76,8 77,4 78,7 82,0 84,0 86,4 91,8 97,1 111,9 116,3 155,1 159,1 - - Anno 2012 (Italia), per gli altri stati l'anno è l'ultimo disponibile. Fonte: ISTAT Noi Italia (su dati Istat ed Eurostat) 6 Acque pulite 2 - Acqua prelevata per uso potabile in metri cubi per abitante Quantità di acqua captata o derivata ad uso potabile da corpi idrici* attraverso specifiche opere di presa *acque sotterranee, corsi d’acqua superficiali, laghi, bacini artificiali, acque marine o salmastre Il volume pro-capite dei prelievi di acqua per uso potabile sul territorio dipende da vari fattori, tra cui le abitudini di consumo della popolazione da servire, la dispersione di rete e le caratteristiche idrogeologiche locali. Infatti la risorsa non è uniformemente distribuita e possono pertanto essere necessari sistemi infra- strutturali complessi per il trasporto di ingenti volumi di acqua per lunghe distanze. In Italia e in Lombardia il prelievo di acqua è particolarmente ingente rispetto ad altri Paesi UE21 e la Lombardia è la regione italiana in cui si preleva il maggior volume di acqua per uso potabile, il 16% del totale italiano. Questo indicatore non consente un’immediata e univoca interpretazione per i diversi Paesi in rapporto ai target previsti dall’Agenda ONU per l’obiettivo “Acque pulite”. La sua inclusione nell’analisi di posizio- namento risponde unicamente all’esigenza di esporre dati statistici confrontabili con gli altri 21 Paesi UE appartenenti all’OCSE. Non sono pertanto raffigurate le graduatorie con i primi e gli ultimi tre Paesi e il confronto con la mediana UE21.
  29. 29. Introduzione Rapporto Lombardia 29 Energia pulita e azioni per il clima 7 29
  30. 30. 30 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 7 Energia pulita e azioni per il clima In un contesto di elevato sviluppo, l’accesso all’energia in Lombardia è ampiamente garantito (le inter- ruzioni sono inferiori a quelle delle altre regioni). La Lombardia vanta dal 2013 una quota dei consumi finali lordi coperti da rinnovabili del 12,5%, anche se – a causa del grande consumo elettrico – la quota delle rinnovabili nella produzione regionale di ener- gia è solo del 33,5% (dato 2012): superiore a quella italiana, ma inferiore a quella delle regioni del Nord. Interessante la densità territoriale di produzione delle rinnovabili, con una specializzazione delle province settentrionali per la produzione idroelettrica e delle province meridionali per la produzione di bioenergie. Per quanto riguarda l’efficienza energetica, il consumo finale di energia per unità di lavoro è superiore alla media italiana e in riduzione. Il settore a maggiore efficienza rispetto a tutte le altre regioni è quello dei servizi (che coprono il 57% del valore aggiunto lombardo). Le emissioni di CO2 sono in diminuzione, soprattutto nei settori industriale e di generazione elettrica. Da segnalare un aspetto di attenzione nella resistenza dei settori abitativo e dei trasporti a diminuire tali emissioni. La Lombardia è l’unica regione italiana e tra le poche europee ad aver adottato una Strategia Regionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici.
  31. 31. Rapporto Lombardia 31 Capitolo 7 · Energia pulita e azioni per il clima Meno emissioni UNGHERIA PORTOGALLO SVEZIA 6,61 6,90 7,19 Più emissioni 26,98 15,02 14,50 LUSSEMBURGO ESTONIA FINLANDIA MEDIANA UE21 10,65 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 8,75 10,87 13,49 10,65 15,02 14,50 7,19 8,66 6,61 9,62 10,42 8,21 8,40 11,78 26,98 12,68 13,52 11,93 10,2714,21 6,90 8,04 Ungheria Portogallo Svezia Spagna Francia Lombardia Slovacchia Italia Slovenia Regno Unito Austria Polonia Grecia Germania Danimarca Belgio Rep. Ceca Paesi Bassi Irlanda Finlandia Estonia Lussemburgo 6,61 6,90 7,19 8,04 8,21 8,40 8,66 8,75 9,62 10,27 10,42 10,65 10,87 11,78 11,93 12,68 13,49 13,52 14,21 14,50 15,02 26,98 Anno 2010 Fonte: Eurostat, ISTAT 7 Energia pulita e azioni per il clima 1 - Emissioni di gas serra Tonnellate di CO2 equivalente per abitante Per contrastare i cambiamenti climatici è importante ridurre l’emissione di gas serra che negli ultimi 250 anni ne è stata la causa principale. L’indicatore relativo alle tonnellate equivalenti (TOE) di CO2 a quantità pro-capite nei 21 paesi europei dell’OCSE mette in luce un buon posizionamento della Lombardia, con un valore di 8,4 TOE, allineato al valore italiano e migliore del valore mediano UE21 pari a 10,65 TOE.
  32. 32. 32 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Consumi energetici meno verdi LUSSEMBURGO UNGHERIA PAESIBASSI 5,3 6,6 10,1 Consumi energetici più verdi 68,1 61,8 49,2 AUSTRIA SVEZIA PORTOGALLO MEDIANA UE21 20,9 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 31,3 21,2 12,8 10,7 13,0 31,1 61,8 20,8 6,6 32,8 68,1 16,9 24,3 25,6 5,3 12,3 10,1 43,1 13,920,9 49,2 36,4 Austria Svezia Portogallo Danimarca Spagna Slovenia Italia Finlandia Germania Lombardia Grecia Irlanda Slovacchia Francia Regno Unito Estonia Rep. Ceca Belgio Polonia Paesi Bassi Ungheria Lussemb. 68,1 61,8 49,2 43,1 36,4 32,8 31,3 31,1 25,6 24,3 21,2 20,9 20,8 16,9 13,9 13,0 12,8 12,3 10,7 10,1 6,6 5,3 Anno 2013 Fonte: ISTAT Noi Italia (elab. su dati Terna ed Eurostat) 7 Energia pulita e azioni per il clima 2 - Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili Rapporto percentuale tra la produzione lorda di energia elettrica da fonti rinnovabili e i consumi interni lordi di energia elettrica Per garantirsi un sistema di produzione di energia pulita e sostenibile è indispensabile che la quota dei consumi di energia prodotti da fonti rinnovabili aumenti, ciò può essere conseguito diminuendo i consumi o aumentando la produzione da fonti rinnovabili. Se si considera la sola produzione di energia elettrica il consumo mediano di energia elettrica coperto da fonti rinnovabili a livello UE21 si attesta al 20,9%. A livello di singoli stati la situazione appare estremamente variegata: Austria e Svezia raggiungono quote superiori al 60%, l’Italia quasi un terzo (31,3%), mentre la Lombardia si colloca al 24,3%.
  33. 33. Introduzione Rapporto Lombardia 33 Occupazione e crescita economica 8 33
  34. 34. 34 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 8 Occupazione e crescita economica Tra il 2011 e il 2014 il Pil pro capite lombardo registra livelli superiori rispetto a quello nazionale, anche se è complessivamente diminuito nel periodo di riferimento. Per contro, la produttività lombarda (intesa come rapporto Pil/occupato) presenta un trend crescente. Per quanto riguarda la parità di genere, l’analisi dei redditi individuali lordi evidenzia un considerevole divario tra uomini e donne nella popolazione di età superiore ai 40 anni. Per le coorti più giovani questa differenza risulta minore: tale riduzione delle distanze nei redditi sembra però avvenire più per una diminu- zione di quelli maschili che per un innalzamento di quelli femminili. Negli ultimi dieci anni il tasso di occupazione rimane stabile, anche se diminuisce tra i più giovani; in co- erenza con questo dato, si osserva che gli inattivi risultano in numero superiore rispetto agli occupati nella fascia tra i 15 e i 24 anni, cosa che potrebbe essere coerente con una loro maggiore presenza in percorsi di studio e formazione. Mentre il divario di genere sembra essere avviato verso una progressiva riduzione, rimane la criticità del divario intergenerazionale, che potrebbe nel futuro portare a crescenti disuguaglianze anche sotto il profilo previdenziale.
  35. 35. Rapporto Lombardia 35 Capitolo 8 · Occupazione e crescita economica Paesi meno dinamici FINLANDIA AUSTRIA GRECIA -0,1 0,0 0,4 Paesi più dinamici 25,5 4,4 3,9POLONIA REP.CECA IRLANDA* MEDIANA UE21 1,6 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 0,9 0,4 4,4 3,9 1,6 -0,1 3,0 3,8 3,4 2,2 0,0 0,9 0,8 0,8 2,0 1,0 1,5 0,9 1,425,5 2,0 3,3 Irlanda* Rep. Ceca Polonia Slovacchia Ungheria Spagna Svezia Slovenia Lussemburgo Portogallo Estonia Paesi Bassi Regno Unito Belgio Danimarca Francia Italia Germania Lombardia Grecia Austria Finlandia 25,5 4,4 3,9 3,8 3,4 3,3 3,0 2,2 2,0 2,0 1,6 1,5 1,4 1,0 0,9 0,9 0,9 0,8 0,8 0,4 0,0 -0,1 Anno 2015 Fonte: Eurostat, Istat 8 Occupazione e crescita economica 1 - Tasso di crescita annuo del Pil reale per abitante Variazione percentuale sul periodo precedente, Pil a prezzi di mercato, volumi concatenati A partire dal 2014 e con più forza nel 2015 si è registrata in quasi tutti i Paesi europei una variazione positi- va del Pil pro-capite, mediamente intorno al 3%. L’Italia nel 2015, dopo un 2014 ancora a crescita negativa, ha registrato un +0.9%, valore in linea con quello lombardo, già in timida ripresa l’anno precedente e con quello tedesco. Tra i principali Paesi, il tasso di crescita è rilevante per la Spagna (+3%). * L’Ufficio Centrale di Statistica dell’Irlanda motiva l’anomalo incremento del Pil tra 2014 e 2015 con l’aumento del numero di aerei importati con contratti di leasing internazionali e con la riclassificazione di interi bilanci aziendali di multinazionali che si sono trasferite nel paese.
  36. 36. 36 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi I più inseriti PAESIBASSI DANIMARCA LUSSEMBURGO 6,1 7,7 8,0 I meno inseriti 26,0 21,9 19,9LOMBARDIA GRECIA ITALIA MEDIANA UE21 13,7 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 26,0 21,9 9,1 14,1 11,4 13,7 8,7 15,5 14,2 10,5 9,4 16,1 19,9 9,1 8,0 13,1 6,1 7,7 14,015,9 14,9 19,1 Paesi Bassi Danimarca Lussemburgo Svezia Rep. Ceca Germania Austria Slovenia Estonia Belgio Finlandia Regno Unito Polonia Ungheria Portogallo Slovacchia Irlanda Francia Spagna Lombardia Grecia Italia 6,1 7,7 8,0 8,7 9,1 9,1 9,4 10,5 11,4 13,1 13,7 14,0 14,1 14,2 14,9 15,5 15,9 16,1 19,1 19,9 21,9 26,0 14,113,1 Anno 2016 Fonte: Eurostat 8 Occupazione e crescita economica 2 - Giovani NEET Quota percentuale sui giovani da 18 a 24 anni per sesso Il crescente stato di non attività che coinvolge i giovani europei è un fenomeno preoccupante per l’UE e per la sostenibilità sociale ed economica del proprio modello di welfare e di capitalismo. La presenza dei NEET, cioè i giovani tra i 18 e i 24 anni che non sono né occupati, né inseriti in un percorso di istruzione o formazione di alcun tipo, è comunque molto variabile tra Paesi. L’Italia è il Paese UE21 in cui sono più frequenti, con una quota (26%) quasi doppia a quella della mediana UE21 (13,7%). Anche la Lombardia, pur registrando un dato un po’ migliore di quello nazionale (19,9%) occupa una posizione poco rassicurante ri- spetto a quella di molti altri Paesi europei. La Francia ne ha il 16,1%, il Regno Unito si colloca sulla mediana, mentre la Germania, con l’9,1%, è uno dei Paesi con la quota di NEET più contenuta.
  37. 37. Introduzione Rapporto Lombardia 37 Innovazione e infrastrutture 9 37
  38. 38. 38 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 9 Innovazione e infrastrutture Gli aspetti che interessano questo obiettivo sono molteplici. Internet è il primo. In Lombardia è acces- sibile: l’utilizzo nelle imprese è in linea con le altre regioni e in crescita quello per acquisti privati; l’infra- struttura fisica ha indicatori di accessibilità superiori alla media italiana. Altri aspetti sono Il valore aggiunto e di occupazione nel manifatturiero, dove la Lombardia è avanti, e la percentuale di apertura commerciale, superiore alla media nazionale, ma con volumi di crescita ridotti. Se si considera l’infrastruttura finanziaria, i venture capital sono cresciuti più della media nazionale, anche se diminuisce il peso relativo (dal 31% del 2010 al 26% del 2016). La spesa in ricerca e sviluppo è all’1,33% del Pil; positivi i dati relativi ai ricercatori sul totale degli im- piegati e al tasso di occupazione nelle imprese high-tech. La Lombardia è leader nazionale con il 26,18% dei brevetti italiani e il 22% delle start-up innovative.
  39. 39. Rapporto Lombardia 39 Capitolo 9 · Innovazione e infrastrutture Meno investimenti GRECIA SLOVACCHIA POLONIA 0,84 0,88 0,94 Più investimenti 3,17 3,06 3,02DANIMARCA AUSTRIA FINLANDIA MEDIANA UE21 1,60 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 1,38 0,84 1,97 0,94 - 3,17 - 0,88 1,36 - 3,06 2,24 1,33 2,89 1,28 2,46 2,0 3,02 1,681,51 1,29 1,24 Finlandia Austria Danimarca Germania Belgio Francia Paesi Bassi Repubblica Ceca Regno Unito Irlanda Italia Ungheria Lombardia Portogallo Lussemburgo Spagna Polonia Slovacchia Grecia Estonia Slovenia Svezia 3,17 3,06 3,02 2,89 2,46 2,24 2,00 1,97 1,68 1,51 1,38 1,36 1,33 1,29 1,28 1,24 0,94 0,88 0,84 - - - Anno 2014 Fonte: Eurostat 9 Innovazione e infrastrutture 1 - Spesa in ricerca e sviluppo Quota percentuale di spesa in R&S intramuros sul Pil L’innovazione è una leva strategica non solo per la competitività economica ma anche per migliorare le condizioni di vita e rendere più efficiente l’uso delle risorse. La ricerca di base, sperimentale ed applicata, svolta sia dal settore pubblico sia da quello privato, è fondamentale per il progresso delle conoscenze e lo sviluppo di nuove soluzioni. Pertanto uno degli strumenti che hanno a disposizione i Paesi che prima vogliono virare verso economie più avanzate è quello di investire in ricerca e sviluppo. Per confrontare lo sforzo di ciascun territorio, queste spese sono rapportate al Pil. L’obiettivo europeo per il 2020 è quello di raggiungere la quota del 3%. L’Italia (1,38%) e la Lombardia (1,33%) hanno performance più basse rispetto alla mediana UE21 (1,6%). L’indicatore è molto alto nei Paesi Scandinavi (quote superiori al 3%) e in Paesi economicamente rilevanti come la Germania e la Francia.
  40. 40. 40 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Più industria tecnologica 11,5 10,8 9,8GERMANIA SLOVACCHIA REP.CECA MEDIANA UE21 4,8 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 6,1 1,4 11,5 5,7 4,0 4,8 4,4 10,8 9,5 9,6 6,0 4,4 9,5 9,8 0,8 4,5 2,9 5,0 3,75,2 3,1 3,9 Rep. Ceca Slovacchia Germania Slovenia Ungheria Lombardia Italia Austria Polonia Irlanda Danimarca Finlandia Belgio Francia Svezia Estonia Spagna Regno Unito Portogallo Paesi Bassi Grecia Lussemburgo 11,5 10,8 9,8 9,6 9,5 9,5 6,1 6,0 5,7 5,2 5,0 4,8 4,5 4,4 4,4 4,0 3,9 3,7 3,1 2,9 1,4 0,8 3,26,4 Meno industria tecnologica LUSSEMBURGO GRECIA PAESIBASSI 0,8 1,4 2,9 Anno 2016 Fonte: Eurostat 9 Innovazione e infrastrutture 2 - Occupati nell'industria ad alta e medio-alta tecnologia Quota percentuale sul totale degli occupati per sesso Nelle economie avanzate l’industria tradizionale è progressivamente sostituita dall’industria ad alta tecno- logia che tende ad assorbire una quota maggiore di personale qualificato, migliorando la qualità dell’occu- pazione. L’Italia con una quota del 6,1% si colloca sopra alla mediana UE21 (4,8%) considerando la quota di occupati nell’industria ad alta e medio-alta tecnologia (l’Italia sale soprattutto grazie a quest’ultima tipologia), mentre la Lombardia, subito sopra nel ranking, si attesta dopo i primi quattro paesi europei, con quota 9,5%, insieme all’Ungheria.
  41. 41. Introduzione Rapporto Lombardia 41 Ridurre le disuguaglianze 10 41
  42. 42. 42 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 10 Ridurre le disuguaglianze Il reddito medio delle famiglie è superiore alle altre regioni; tuttavia la disparità tra i redditi netti delle famiglie è tornata a crescere; la riduzione dell’indice di Gini in Lombardia è inferiore a quella delle altre regioni. Dal 2008 sono diminuiti i redditi da lavoro autonomo e aumentati quelli da lavoro dipendente (del 6,3%) e soprattutto quelli da pensione e trasferimenti pubblici (18,5%). Un dato preoccupante è l’andamento del 40% dei redditi più bassi: è calato nel 2009, 2013 e 2015 (rispettivamente -10, -6,3 e -6,4). La percentuale di famiglie che dispone di un reddito equivalente o inferiore al 60% del reddito mediano della popolazione è il 12% (2015; media italiana 20%). La spesa media delle famiglie e la percezione soggettiva dello stato economico restano alte, ma permangono diseguaglianze tra tipologie di famiglie (straniere, basso titolo di studio e famiglie giovani). Potrebbe preoccupare la diseguaglianza di opportunità che riguarda le giovani generazioni, com- plessivamente penalizzate.
  43. 43. Rapporto Lombardia 43 Capitolo 10 · Ridurre le disuguaglianze Meno ricchezza GRECIA UNGHERIA POLONIA 19.600 19.700 19.800 Più ricchezza 76.200 51.100 37.000 LUSSEMBURGO IRLANDA PAESIBASSI MEDIANA UE21 30.600 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 27.800 19.600 25.200 19.800 21.600 31.600 35.700 22.300 19.700 23.900 36.900 30.600 36.600 35.800 76.200 34.200 37.000 36.600 31.20051.100 22.200 25.900 Lussemburgo Irlanda Paesi Bassi Austria Danimarca Lombardia Germania Svezia Belgio Finlandia Regno Unito Francia Italia Spagna Rep. Ceca Slovenia Slovacchia Portogallo Estonia Polonia Ungheria Grecia 76.200 51.100 37.000 36.900 36.600 36.600 35.800 35.700 34.200 31.600 31.200 30.600 27.800 25.900 25.200 23.900 22.300 22.200 21.600 19.800 19.700 19.600 Anno 2015 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 1 - Pil pro-capite ai prezzi di mercato Parità di potere d'acquisto Il Pil pro-capite fornisce una misura del reddito per abitante derivante dalla produzione di beni e servizi in un paese. È spesso utilizzato per valutare il livello di benessere materiale delle persone. Tra i paesi comunitari vi è un’elevata variabilità nel reddito e negli standard di vita della popolazione. Lussemburgo e Irlanda presentano i valori più elevati, rispettivamente quattro e due volte e mezzo il valore dell’indicatore per la Grecia che si posiziona in fondo alla classifica. L’Italia (27.800 ppa) presenta un valore al di sotto di quello mediano europeo (30.600 ppa), mentre la Lombardia si posiziona nel gruppo dei paesi dell’Europa occidentale ai vertici della graduatoria.
  44. 44. 44 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Meno reddito disponibile UNGHERIA ESTONIA POLONIA 9.000 9.600 10.800 Più reddito disponibile 20.700 20.300 19.700 AUSTRIA GERMANIA LOMBARDIA MEDIANA UE21 14.050 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 16.100 11.400 11.100 10.800 9.600 16.200 16.800 11.300 9.000 12.000 20.700 17.600 19.700 20.300 - 17.100 15.500 14.100 16.80013.800 12.600 14.000 Austria Germania Lombardia Francia Belgio Regno Unito Svezia Finlandia Italia Paesi Bassi Danimarca Spagna Irlanda Portogallo Slovenia Grecia Slovacchia Rep. Ceca Polonia Estonia Ungheria Lussemburgo 20.700 20.300 19.700 17.600 17.100 16.800 16.800 16.200 16.100 15.500 14.100 14.000 13.800 12.600 12.000 11.400 11.300 11.100 10.800 9.600 9.000 - Anno 2013 Fonte: Eurostat 10 Ridurre le disuguaglianze 2 - Reddito disponibile delle famiglie pro-capite Parità di potere d'acquisto sui consumi finali, valore netto Il reddito disponibile delle famiglie è un indicatore che integra la portata conoscitiva del Pil pro-capite permettendo di misurare il potere di acquisto delle famiglie di un paese e la loro capacità di investire in beni e servizi o di risparmiare. Nonostante uno scarso discostamento della maggior parte dei paesi UE rispetto al valore mediano pari a 14.050 ppa, esiste ancora un ampio divario, in un’ottica internazionale, con paesi come Stati Uniti, Austra- lia, Canada e Giappone. In questo contesto la Lombardia si colloca, molto al di sopra del valore nazionale, al terzo posto della classifica dietro Austria e Germania.
  45. 45. Introduzione Rapporto Lombardia 45 Città e territori sostenibili 11 45
  46. 46. 46 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 11 Città e territori sostenibili La qualità delle abitazioni lombarde è più alta della media nazionale, anche se l’incidenza delle case di bassa qualità è maggiore di quella nel Nord del Paese. Il trasporto pubblico locale è molto al di sopra della media nazionale. Il consumo di suolo in rapporto alla superficie è il più alto d’Italia, anche se ponderato sull’elevato nu- mero degli abitanti la situazione migliora. Buoni sono i dati relativi alla sicurezza delle persone dal rischio di alluvioni: la Lombardia ha tassi di rischio inferiori alla media nazionale e anche al Nord d’Italia. Critica, come noto, l’esposizione della popolazione ai superamenti del valore limite giornaliero previsto per il PM10. Preoccupante anche l’indicatore che misura la concentrazione media annua di PM2.5 per agglomerato e della popolazione ad esso afferente; Brescia e Milano-Como-Monza registrano una concen- trazione media annua pari o prossima al limite europeo e superiore alla media nazionale. Lo spazio di verde pubblico è inferiore alla media italiana (28-29 m2 /ab; rispetto a 35 m2 /ab); a parte l’eccezione di Sondrio, la densità di verde diminuisce in tutti i capoluoghi, tranne Bergamo, Brescia e Pavia.
  47. 47. Rapporto Lombardia 47 Capitolo 11 · Città e territori sostenibili Aria più pulita SVEZIA FINLANDIA IRLANDA 6,0 6,3 7,8 Aria meno pulita 26,3 20,8 20,0 LOMBARDIA POLONIA SLOVACCHIA MEDIANA UE21 14,0 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 18,5 19,0 19,4 20,8 8,4 6,3 6,0 20,0 18,2 16,9 17,7 14,0 26,3 14,0 12,7 14,1 12,5 8,7 12,17,8 10,5 10,7 Svezia Finlandia Irlanda Estonia Danimarca Portogallo Spagna Regno Unito Paesi Bassi Lussemburgo Germania Francia Belgio Slovenia Austria Ungheria Italia Grecia Rep. Ceca Slovacchia Polonia Lombardia 6,0 6,3 7,8 8,4 8,7 10,5 10,7 12,1 12,5 12,7 14,0 14,0 14,1 16,9 17,7 18,2 18,5 19,0 19,4 20,0 20,8 26,3 Anno 2013 Fonte: OECD 11 Città e territori sostenibili 1 - PM2.5: microgrammi per m3 cui è potenzialmente esposta in media la popolazione Microgrammi per m3 L’inquinamento dell’aria contribuisce a ridurre la qualità della vita della popolazione e la percezione del benessere. L’indicatore che misura la quantità di polveri sottili (microgrammi per m3 di PM2,5) a cui poten- zialmente è esposta la popolazione urbana consente di valutare le ricadute sociali e ambientali dell’urba- nizzazione, pur risentendo anche di fattori meteoclimatici e geomorfologici. Ai primi posti della graduatoria di tale indicatore si posizionano i paesi nordeuropei, il valore mediano UE21 è pari a 14 μg/m3 di PM2.5. L’Italia si posiziona al di sopra di questo valore con 18,5. La Lombardia fa registrare 26,3 μg/m3 .
  48. 48. 48 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Più affollamento POLONIA SLOVACCHIA GRECIA 1,1 1,1 1,2 UNGHERIA1,2 Meno affollamento 2,2 2,1 2,0 BELGIO IRLANDA REGNOUNITO 2,0LUSSEMBURGO MEDIANA UE21 1,8 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 1,4 1,2 1,4 1,1 1,6 1,9 1,8 1,1 1,2 1,5 1,6 1,8 1,4 1,8 2,0 2,2 1,9 1,9 2,02,1 1,7 1,9 Belgio Irlanda Regno Unito Lussemburgo Danimarca Finlandia Paesi Bassi Spagna Francia Germania Svezia Portogallo Austria Estonia Slovenia Italia Lombardia Rep. Ceca Grecia Ungheria Polonia Slovacchia 2,2 2,1 2,0 2,0 1,9 1,9 1,9 1,9 1,8 1,8 1,8 1,7 1,6 1,6 1,5 1,4 1,4 1,4 1,2 1,2 1,1 1,1 Anno 2015 Fonte: Eurostat 11 Città e territori sostenibili 2 - Numero medio di stanze per persona Media del rapporto tra numero di locali dell'abitazione e numero di componenti della famiglia residente Per garantire a tutti l’accesso a un alloggio e a servizi di base adeguati, sicuri e convenienti e consentire l’ammodernamento dei quartieri poveri un indicatore proposto per misurare il grado di sovraffollamento delle abitazioni è dato dal numero medio di stanze per persona, il cui valore mediano nei paesi UE21 è pari a 1,8. Italia e Lombardia sono perfettamente allineate con 1,4, lievemente al di sotto del valore mediano. In testa alla graduatoria si collocano Belgio, Irlanda, Lussemburgo e Regno Unito con oltre 2 stanze per persona.
  49. 49. Introduzione Rapporto Lombardia 49 Produzione e consumo responsabili 12 49
  50. 50. 50 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 12 Produzione e consumo responsabili Il territorio lombardo è utilizzato intensivamente riguardo alle risorse non rinnovabili: 653 cave atti- ve per l’estrazione di minerali non metalliferi (il 22% del totale nazionale) e l’estrazione di sabbia e ghiaia arriva al 37% del totale italiano. Intensiva anche l’utilizzazione delle risorse biologiche: in Lombardia vi è il 6,3% dei boschi, ma solo il 3,7% della superficie nazionale certificata. La raccolta differenziata copre una quota importante dei rifiuti urbani (58,7%) che solo in minima parte vengono conferiti in discarica (5%); significativa la valorizzazione energetica dei rifiuti: 13 impianti produco- no il 44% del totale dell’energia da rifiuti in Italia. Alta la quota di rifiuti speciali (il 22,4% del totale); ma ben il 79% è oggetto di riciclo (27% del totale). Diffuso l’utilizzo dei bilanci ambientali di impresa così come il ricorso alle certificazioni ambientali EMAS. Gli eco-brevetti sono ben il 30% del totale nazionale.
  51. 51. Rapporto Lombardia 51 Capitolo 12 · Produzione e consumo responsabili Meno rifiuti ESTONIA POLONIA SLOVACCHIA 292,9 296,9 303,9 Più rifiuti 747,2 653,3 617,3 DANIMARCA LUSSEMBURGO GERMANIA MEDIANA UE21 481,7 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 491,3 510,2 307,0 296,9 292,9 493,1 453,1 303,9 377,8 414,1 578,5 530,1 464,9 617,3 653,3 438,6 526,3 747,2 481,7585,7 439,7 449,0 Estonia Polonia Slovacchia Rep. Ceca Ungheria Slovenia Belgio Portogallo Spagna Svezia Lombardia Regno Unito Italia Finlandia Grecia Paesi Bassi Francia Austria Irlanda Germania Lussemburgo Danimarca 292,9 296,9 303,9 307,0 377,8 414,1 438,6 439,7 449,0 453,1 464,9 481,7 491,3 493,1 510,2 526,3 530,1 578,5 585,7 617,3 653,3 747,2 Anno 2013 Fonte: Istat Noi Italia (elab. su dati ISPRA ed Eurostat) 12 Produzione e consumo responsabili 1 - Rifiuti urbani raccolti Kg pro-capite di rifiuti urbani raccolti L’uso efficiente delle risorse richiede di prestare attenzione alla riduzione dei consumi e al ciclo di vita dei beni, privilegiando il riuso e riducendo la quantità di rifiuti prodotti. I rifiuti possono essere di origine indu- striale o derivare da altri tipi di attività umane. I rifiuti urbani riuniscono quelli domestici, gli assimilati e i rifiuti delle aree pubbliche. L’Italia, con 491 kg di rifiuti urbani raccolti in un anno (2013) a livello pro-capite, si posiziona poco sopra alla mediana UE21 (481), la Lombardia poco sotto (465).
  52. 52. 52 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Meno rifiuti in discarica GERMANIA SVEZIA BELGIO 1,4 2,9 4,1 Più rifiuti in discarica 411,7 270,4 244,1 GRECIA SPAGNA UNGHERIA MEDIANA UE21 150,5 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 181,2 411,7 172,6 157,2 40,2 123,6 2,9 108,7 244,1 212,8 23,5 150,5 27,1 1,4 114,1 4,1 7,8 11,6 165,0223,6 221,9 270,4 Germania Svezia Belgio Paesi Bassi Danimarca Austria Lombardia Estonia Slovacchia Lussemburgo Finlandia Francia Polonia Regno Unito Rep. Ceca Italia Slovenia Portogallo Irlanda Ungheria Spagna Grecia 1,4 2,9 4,1 7,8 11,6 23,5 27,1 40,2 108,7 114,1 123,6 150,5 157,2 165,0 172,6 181,2 212,8 221,9 223,6 244,1 270,4 411,7 Anno 2013 12 Produzione e consumo responsabili 2 - Rifiuti smaltiti in discarica Kg pro-capite di rifiuti urbani smaltiti in discarica Fonte: Istat Noi Italia (elab. su dati ISPRA ed Eurostat) Al fine di ridurre l’estrazione di materie prime e limitare l’inquinamento legato allo smaltimento dei rifiuti, i rifiuti raccolti dovrebbero essere in prima istanza avviati al recupero di materia tramite processi di riciclag- gio o compostaggio, essere residualmente avviati al recupero di energia attraverso processi di termovalo- rizzazione o comunque combusti per evitare l’inquinamento del suolo e solo come ultima opzione essere smaltiti in discarica. Molti Paesi del Nord Europa, tra cui la Germania, destinano effettivamente in discarica solo un minimo residuo. Alcuni Paesi, tra cui l’Italia, devono ancora intraprendere molta strada per gestire in maniera efficiente i rifiuti urbani raccolti, in parte a causa di sistemi di raccolta che non facilitano il riciclaggio, in parte per mancanza di impianti per il recupero di materia e di energia. La Lombardia è una delle regioni italiane che destina meno rifiuti urbani in discarica, collocandosi dopo i primi 6 Paesi UE21.
  53. 53. Introduzione Rapporto Lombardia 53 Tutelare ambiente e biodiversità 13 53
  54. 54. 54 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 13 Tutelare ambiente e biodiversità La Lombardia presenta una superficie forestale pari al 27,8%, inferiore alla media nazionale del 36,4; anche le aree terrestri protette lombarde sono il 5,6% del territorio, inferiore al 10,5% nazionale. Si noti, tuttavia, che dal 2002 al 2013 questa percentuale è cresciuta del 93% e che in Lombardia un ruolo specifi- co nella protezione della natura è affidato ai 24 Parchi regionali, non includibili nella definizione nazionale di aree terrestri protette. Nel 2012 la Lombardia presentava la maggiore percentuale di superficie coperta da aree artificiali con l’11,3% contro una media nazionale del 5,3%. La Lombardia è la regione in cui si effettua il maggior numero di controlli su piante e animali a rischio (34,8%) sul totale nazionale.
  55. 55. Rapporto Lombardia 55 Capitolo 13 · Tutelare ambiente e biodiversità Meno superficie artificiale FINLANDIA SVEZIA ESTONIA 1,6 1,6 1,8 Più superficie artificiale 12,3 12,1 11,7 PAESIBASSI BELGIO LOMBARDIA MEDIANA UE21 4,4 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 7,0 3,5 4,4 3,3 1,8 1,6 1,6 2,8 3,3 3,2 4,9 5,2 11,7 7,2 10,1 12,3 6,9 6,03,9 5,5 3,5 12,1 Finlandia Svezia Estonia Slovacchia Slovenia Ungheria Polonia Spagna Grecia Irlanda Rep. Ceca Austria Francia Portogallo Regno Unito Danimarca Italia Germania Lussemburgo Lombardia Belgio Paesi Bassi 1,6 1,6 1,8 2,8 3,2 3,3 3,3 3,5 3,5 3,9 4,4 4,9 5,2 5,5 6,0 6,9 7,0 7,2 10,1 11,7 12,1 12,3 Anno 2012 Fonte: Eurostat (CLC) 13 Tutelare ambiente e biodiversità 1 - Superficie artificiale Quota di superficie artificiale sul totale della superficie Ai fini della sostenibilità ambientale occorre arrestare e invertire il degrado del territorio. Più è alta la su- perficie artificiale (infrastrutture e insediamenti urbani, anche non edificati), più alto è il rischio di perdita di habitat, di frammentazione di ecosistemi e di degrado del suolo. L’Italia si colloca al di sopra della mediana UE21 e la Lombardia presenta una quota di superficie artificiale ancora maggiore.
  56. 56. 56 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Meno superficie protetta DANIMARCA REGNOUNITO BELGIO 8 9 13 FRANCIA13 IRLANDA13 PAESIBASSI13 SVEZIA13 Più superficie protetta 38 30 27 SLOVENIA SLOVACCHIA LUSSEMBURGO 27GRECIA 27SPAGNA MEDIANA UE21 15 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 19 27 14 20 18 14 13 30 21 38 15 13 16 15 27 13 13 8 913 21 27 Slovenia Slovacchia Grecia Lussemburgo Spagna Ungheria Portogallo Polonia Italia Estonia Lombardia Austria Germania Rep. Ceca Finlandia Belgio Francia Irlanda Paesi Bassi Svezia Regno Unito Danimarca 38 30 27 27 27 21 21 20 19 18 16 15 15 14 14 13 13 13 13 13 9 8 Anno 2015 Fonte: Eurostat, ISTAT 2 - Superficie protetta Quota di superficie protetta appartenente alla Rete Natura 2000* sul totale della superficie terrestre 13 Tutelare ambiente e biodiversità *direttiva Habitat La tutela e gestione di ecosistemi naturali particolarmente rilevanti per la conservazione della biodiversità sono al centro non solo degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, ma anche di due importanti diret- tive comunitarie (direttive Uccelli e Habitat). La superficie protetta ai sensi della direttiva Habitat fa parte della Rete Natura 2000 e la quota di questa sul totale delle superficie terrestre può rappresentare una proxy dello sforzo di protezione esercitato da ciascun Paese. La Lombardia e l’Italia si collocano sopra alla mediana europea; Lussemburgo, Slovacchia, Slovenia, Grecia e Spagna hanno la quota maggiore di aree protette, all’estremo opposto Danimarca e Regno Unito.
  57. 57. Introduzione Rapporto Lombardia 57 Istituzioni efficaci e affidabili 14 57
  58. 58. 58 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 14 Istituzioni efficaci e affidabili In Lombardia diminuiscono gli omicidi volontari (inferiori alla media nazionale) mentre è diffusa la pre- occupazione per i reati di tipo minore tanto che solo il 55% dei lombardi si considera sicuro mentre cam- mina da solo in zone buie; una percentuale inferiore alla media italiana (60%) e oltretutto in diminuzione. Per quanto riguarda la giustizia, nelle carceri lombarde sono in attesa di giudizio quasi 14 detenuti su cento; meno che in Italia, dove si arriva a 16. Si riduce la capacità dei tribunali lombardi di smaltire le pen- denze civili arretrate, a causa dell'aumento dei procedimenti per protezione internazionale. Elevato il numero di operazioni finanziarie sospette, mentre rimane contenuta l’incidenza dei reati riconducibili ad associazioni di tipo criminale. In termini di accessibilità, è ridotta in Lombardia la percen- tuale di coloro che dichiarano difficoltà a raggiungere i servizi pubblici. L’accesso agli atti della Pubblica amministrazione non si rileva critico: sono infatti molto ridotti i ricorsi al giudice amministrativo. Significative le misure adottate per prevenire la corruzione nella Pubblica amministrazione e contrastare l’infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti pubblici.
  59. 59. Rapporto Lombardia 59 Capitolo 14 · Istituzioni efficaci e affidabili Meno omicidi AUSTRIA LOMBARDIA PAESIBASSI 0,51 0,60 0,62 Più omicidi 3,19 1,61 1,53 ESTONIA FINLANDIA FRANCIA MEDIANA UE21 0,89 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 0,77 0,86 0,75 1,39 3,19 1,61 1,15 0,81 1,14 0,97 0,51 1,53 0,60 0,84 0,89 - 0,62 0,99 -- - 0,65 Austria Lombardia Paesi Bassi Spagna Rep. Ceca Italia Slovacchia Germania Grecia Lussemburgo Slovenia Danimarca Ungheria Svezia Polonia Francia Finlandia Estonia Belgio Regno Unito Irlanda Portogallo 0,51 0,60 0,62 0,65 0,75 0,77 0,81 0,84 0,86 0,89 0,97 0,99 1,14 1,15 1,39 1,53 1,61 3,19 - - - - Anno 2015 Fonte: Eurostat, ISTAT 14 Istituzioni efficaci e affidabili 1 - Tasso di omicidi volontari per 100mila abitanti Quota di vittime di omicidio volontario ogni 100mila abitanti Tra gli obiettivi di sostenibilità c’è la promozione di pace e giustizia e la contestuale riduzione di ogni forma di violenza. La principale forma di violenza che si può esercitare in una società è l’omicidio volontario. Da questo punto di vista quella lombarda e quella italiana sono società più sicure rispetto alla mediana eu- ropea, entrambe con 0,89 vittime di omicidio ogni 100 mila abitanti nel 2015. Tra i Paesi UE per cui i dati sono disponibili i più alti livelli di omicidi si registrano per i Paesi del Nord-est europeo.
  60. 60. 60 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Poco internet ITALIA LOMBARDIA POLONIA 24 29 30 Molto internet 88 82 78 DANIMARCA FINLANDIA SVEZIA MEDIANA UE21 53 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 24 49 36 30 77 82 78 48 48 45 60 66 29 55 76 55 76 88 5352 45 50 Danimarca Finlandia Svezia Estonia Lussemburgo Paesi Bassi Francia Austria Belgio Germania Regno Unito Irlanda Spagna Grecia Ungheria Slovacchia Portogallo Slovenia Rep. Ceca Polonia Lombardia Italia 88 82 78 77 76 76 66 60 55 55 53 52 50 49 48 48 45 45 36 30 29 24 www www 14 Istituzioni efficaci e affidabili Anno 2016 Fonte: Eurostat 2 - Individui che usano internet per interagire con le istituzioni pubbliche Individui che negli ultimi 12 mesi hanno usato internet sul totale degli individui Per garantire la trasparenza e la più ampia accessibilità dei servizi, nonché la dematerializzazione e la possibilità di espletare pratiche a distanza evitando inutili spostamenti, è importante che le istituzioni pubbliche accrescano la propria presenza e i propri servizi online, in modo da rendere possibile che una quota sempre maggiore di cittadini possa interagire con loro tramite Internet. Italia e Lombardia sono agli ultimi posti della classifica UE21: in Italia solo un cittadino su 4 ha usato Internet per interagire con le istituzioni pubbliche nei 12 mesi precedenti la rilevazione, poco di più in Lombardia (29%) mentre tale quota sale all’88% in Danimarca ed è superiore ad un cittadino su due in altri grandi Paesi europei quali Germania, Francia e Regno Unito.
  61. 61. Introduzione Rapporto Lombardia 61 Promuovere le partnership per gli obiettivi 15 61
  62. 62. 62 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi CAPITOLO 15 Promuovere le partnership per gli obiettivi L’intervento pubblico nella cooperazione allo sviluppo è generalmente basso in Italia: solo lo 0,26% del Pil, a fronte di una media OCSE dello 0,4%. Le Regioni peraltro partecipano in misura residuale in termini finanziari (solo 7 milioni sui 3,6 miliardi nel 2015), anche se svolgono un ruolo importante nella cooperazione decentrata. In questa logica vanno lette le iniziative sviluppate in Lombardia, dove sono attive ben 105 ONG, che aderiscono alla Associazione delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale della Lom- bardia (CoLomba) oltre a numerosi gruppi missionari. Particolarmente significative le attività di cooperazione promosse dalle università: sono attivi un dotto- rato, sei corsi di laurea magistrale e nove master; 63 progetti di ricerca connessi agli obiettivi dell’Agenda ONU e 52 progetti di cooperazione decentrata. Numerose le attività di cooperazione degli enti locali. Il Comune di Milano, ad esempio, ha realizzato dal 2011 83 progetti di cooperazione internazionale con città ed enti locali di 50 Paesi; la Fondazione Cariplo ha fortemente sostenuto la cooperazione attraverso bandi e progetti in partnership con altri soggetti. La stessa Regione Lombardia dal 2001 al 2016 ha co-finanziato 736 progetti in 81 Paesi, per uno stanziamen- to complessivo di risorse pari a 57 milioni di euro.
  63. 63. Rapporto Lombardia 63 Capitolo 15 · Promuovere le partnership per gli obiettivi Poco accesso al Web GRECIA PORTOGALLO SLOVENIA 69 74 78 Molto accesso al Web 97 97 94 PAESIBASSI LUSSEMBURGO DANIMARCA 94SVEZIA MEDIANA UE21 85 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 79 69 82 80 86 92 94 81 79 78 85 86 84 92 97 85 97 94 9387 74 82 Lussemburgo Paesi Bassi Danimarca Svezia Regno Unito Germania Finlandia Irlanda Estonia Francia Austria Belgio Lombardia Rep. Ceca Spagna Slovacchia Polonia Italia Ungheria Slovenia Portogallo Grecia 97 97 94 94 93 92 92 87 86 86 85 85 84 82 82 81 80 79 79 78 74 69 www www Anno 2016 Fonte: Eurostat 15 Promuovere le partnership per gli obiettivi 1 - Famiglie con accesso a internet Quota di famiglie con accesso a internet sul totale delle famiglie L’accesso ad Internet è ormai un requisito per permettere anche a chi vive in situazioni di marginalità territoriale di poter fruire di servizi e informazioni. Inoltre la rete può divenire un importante mezzo di co- operazione e scambio di conoscenze. Il digital divide comporta quindi una nuova forma di disuguaglianza. L’accesso ad Internet oggi è una questione centrale per i Paesi in via di sviluppo ma anche nei Paesi UE21 ci sono forti differenze. In Italia solo il 79% delle famiglie ha accesso ad Internet, in Lombardia tale quota sale all’84%, pur rimanendo inferiore al dato di Paesi come Francia (86%) o Germania (92%).
  64. 64. 64 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi Più import 30,6 29,1 27,2 GRECIA SPAGNA PAESIBASSI MEDIANA UE21 13,6 SOPRA LA MEDIANA UE21 SOTTO LA MEDIANA UE21 25,6 30,6 12,7 12,9 6,5 9,0 11,8 8,3 12,2 17,6 11,3 16,1 21,5 16,2 10,5 13,8 27,2 13,6 21,39,1 17,8 29,1 Grecia Spagna Paesi Bassi Italia Lombardia Regno Unito Portogallo Slovenia Germania Francia Belgio Danimarca Polonia Rep. Ceca Ungheria Svezia Austria Lussemburgo Irlanda Finlandia Slovacchia Estonia 30,6 29,1 27,2 25,6 21,5 21,3 17,8 17,6 16,2 16,1 13,8 13,6 12,9 12,7 12,2 11,8 11,3 10,5 9,1 9,0 8,3 6,5 Anno 2014 Fonte: Eurostat, ISTAT 15 Promuovere le partnership per gli obiettivi 2 - Import dai Paesi in via di sviluppo Quota delle importazioni dai Paesi in via di sviluppo sul totale delle importazioni (per 100mila) Meno import ESTONIA SLOVACCHIA FINLANDIA 6,5 8,3 9,0 In uno dei primi documenti sullo sviluppo sostenibile, l’Agenda 21 del 1992, si sottolineava che un sistema commerciale multilaterale aperto avrebbe potuto garantire un migliore utilizzo delle risorse, contribuendo in tal modo allo sviluppo e alla tutela dell’ambiente. Dal punto di vista della sostenibilità economica, varie dichia- razioni internazionali sottolineano inoltre l’importanza che i Paesi in via di sviluppo (PVS) partecipino in misura maggiore al commercio mondiale. L’import dai PVS infatti migliora la bilancia commerciale di questi ed è quindi leva per il loro sviluppo economico. Negli ultimi 10 anni in Europa è quasi raddoppiato l’import dai PVS, ma, anche rapportati alla propria quota di importazioni, c’è una forte variabilità tra i Paesi europei. La Lombardia, similmente al Regno Unito, importa per oltre un quinto dai PVS ma l’import cinese è quasi il 10%.
  65. 65. Rapporto Lombardia 65 Il posizionamento della Lombardia in sintesi Il diagramma a radar offre una descrizione sintetica del posizionamento della Lombardia e dell’Italia rispetto ai 21 Paesi UE dell'OCSE in merito agli indicatori selezionati. I raggi rappresentano gli indicatori mentre i cerchi concentrici corrispondono alle 22 posizioni della gra- duatoria (21 Paesi UE e Lombardia). Il cerchio più esterno corrisponde alla prima posizione della graduato- ria, il punto al centro del radar indica l’ultimo posto in graduatoria. La mediana, rappresentata con il cerchio blu, separa la graduatoria di ciascun indicatore tra metà superiore e metà inferiore. Nel grafico a radar sono raffigurate le posizioni assunte dall’Italia e dalla Lombardia nelle graduatorie di ciascun indicatore ad eccezione degli indicatori dell’obiettivo “Acque pulite”, non adatti a questo tipo di rappresentazione.
  66. 66. 66 Rapporto Lombardia 2017 - Sintesi 1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12° 13° 14° 15° 16° 17° 18° 19° 20° 21° 22° 1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12° 13° 14° 15° 16° 17° 18° 19° 20° 21° 22° 1.1 1.2 2.1 2.2 3.1 3.2 4.1 4.2 5.1 5.2 7.1 8.1 7.2 10.1 11.1 12.1 13.1 10.2 11.2 12.2 13.2 8.2 9.1 9.2 14.1 14.2 15.1 15.2 ITALIA MEDIANA UE21 LOMBARDIA RIDURRE POVERTÀ E VULNERABILITÀ 1.1 - Popolazione a rischio povertà o esclusione sociale 1.2 - Popolazione in severa deprivazione materiale AGRICOLTURA E NUTRIZIONE SOSTENIBILI 2.1 - Superficie a coltivazione biologica 2.2 - Indice di densità del bestiame BUONA SALUTE 3.1 - Aspettativa di vita alla nascita 3.2 - Tasso di mortalità neonatale (entro 1° mese dalla nascita) EDUCAZIONE DI QUALITÀ 4.1 - Giovani che abbandonano prematuramente l'istruzione e la formazione 4.2 - Popolazione con titolo di studio terziario PARITÀ DI GENERE 5.1 - Seggi occupati da donne nelle assemblee legislative nazionali 5.2 - Rapporto tra la quota percentuale di popolazione attiva femminile e quella maschile ENERGIA PULITA E AZIONI PER IL CLIMA 7.1 - Emissioni di gas serra 7.2 - Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili OCCUPAZIONE E CRESCITA ECONOMICA 8.1 - Tasso di crescita annuo del Pil reale per abitante 8.2 - Giovani NEET (né occupati, né inseriti in un percorso di istruzione o formazione, ovvero in un qualsiasi tipo di istruzione scolastica/universitaria o e di attività formativa) INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE 9.1 - Spesa in Ricerca e sviluppo 9.2 - Occupati nell'industria ad alta e medio-alta tecnologia RIDURRE LE DISUGUAGLIANZE 10.1 - Pil procapite ai prezzi di mercato 10.2 - Reddito disponibile delle famiglie procapite CITTÀ E TERRITORI SOSTENIBILI 11.1 - PM2.5: microgrammi per metro cubo cui è potenzialmente esposta in media la popolazione 11.2 - Numero medio di stanze per persona PRODUZIONE E CONSUMO RESPONSABILI 12.1 - Rifiuti urbani raccolti 12.2 - Rifiuti smaltiti in discarica TUTELARE AMBIENTE E BIODIVERSITÀ 13.1 - Superficie artificiale 13.2 - Superficie protetta ISTITUZIONI EFFICACI E AFFIDABILI 14.1 - Tasso di omicidi volontari per 100mila abitanti 14.2 - Individui che usano internet per interagire con le istituzioni pubbliche PROMUOVERE LE PARTNERSHIP PER GLI OBIETTIVI 15.1 - Famiglie con accesso a internet 15.2 - Import dai Paesi in via di sviluppo
  67. 67. Il “Rapporto Lombardia 2017” è stato realizzato nell’ambito del progetto Éupolis Lombardia IST16010. Finito di stampare luglio 2017 presso La Serigrafica Arti Grafiche Srl, Buccinasco. Progetto grafico e impaginazione Adasto, Milano.
  68. 68. Rapporto Lombardia 2017 Sintesi

×