Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Flavio Cattaneo: convegno Mce, un «tagliando» sulle Fonti Rinnovabili di Energia

Convegno Mce su traffico, mobilità ed energia promosso dall’Assolombarda con la Camera di commercio. Terna partecipa per affrontare l’importante tema dell’energia; L’energia è un fattore di competitività. È un driver della crescita

  • Loggen Sie sich ein, um Kommentare anzuzeigen.

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Flavio Cattaneo: convegno Mce, un «tagliando» sulle Fonti Rinnovabili di Energia

  1. 1. Flavio Cattaneo: Convegno Mce, un «tagliando» sulle FontiRinnovabili di EnergiaConvegno Mce su traffico, mobilità ed energia promosso dallAssolombarda con la Cameradi commercio. Terna partecipa per affrontare l’importante tema dell’energia; Lenergiaè un fattore di competitività. È un driver della crescita. Quindi il segmento dellenergiaha bisogno di reti indipendenti, dello sviluppo delle infrastrutture, di costi ragionevoli.E le fonti rinnovabili di energia sono importantissime ed è giusto incentivarle finché gliaiuti non creano distorsioni, come si rischia che accada adesso, mentre va rafforzata lafrontiera dellefficienza energetica, sulla quale il governo ha una politica ondivaga.MILANOLenergia è un fattore di competitività. È un driver della crescita. Quindi il segmentodellenergia ha bisogno di reti indipendenti, dello sviluppo delle infrastrutture, di costiragionevoli. E le fonti rinnovabili di energia sono importantissime ed è giusto incentivarlefinché gli aiuti non creano distorsioni, come si rischia che accada adesso, mentre varafforzata la frontiera dellefficienza energetica, sulla quale il governo ha una politicaondivaga. Questi sono stati alcuni dei temi trattati ieri a Milano durante il convegno Mce sutraffico, mobilità ed energia promosso dallAssolombarda con la Camera di commercio.Emma Marcegaglia, presidente della Confindustria, sottolinea il concetto che per unaliberalizzazione effettiva è necessaria lindipendenza delle reti. Se ciò è avvenutonellelettricità (lEnel ha ceduto lalta tensione ed è nata Terna) nel mercato del metanocè moltissima prudenza. Il presidente uscente dellAutorità dellenergia, Alessandro Ortis,
  2. 2. da tempo forza sulla separazione totale della Snam rete gas dalla controllante Eni, eMarcegaglia si avvicina a questa posizione netta che spiace invece alla compagnia di SanDonato Milanese e al ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, i qualipropongono una soluzione mediata di "separazione funzionale". Il problema però – diceMarcegaglia – è che il tema delle reti non va affrontato in chiave nazionale: «Serve unasoluzione simmetrica di ambito europeo».Per lefficienza energetica, la Confindustria chiede di rintrodurre, gli aiuti. «Possonoaggiungere uno 0,4% al Pil creando 800mila posti di lavoro». Il costo per lo stato sarebbesui 1,5 miliardi, stima Marcegaglia, ma i benefìci dati dai risparmi superano i 3 miliardi. Piùdelicato il tema degli aiuti alle fonti rinnovabili di energia. Un ruolo insostituibile, «siamodiventati secondi in Europa», ricorda la presidente della Confindustria, e «il paese deveinvestire in fonti rinnovabili, ma con una graduale riduzione degli incentivi, tra più alti inEuropa».Tema caldissimo, quello degli incentivi e dei vincoli alla realizzazione delle reti. Ne hannoaccennato al convegno Roberto Potì (Edison) e Fulvio Conti (amministratore delegatodellEnel), ma anche Emilio Cremona (presidente del Gse), Stefano Conti (Terna) elecologista Ermete Realacci (presidente della fondazione Symbola). Le smagliaturenormative hanno consentito distorsioni di mercato sulle infrastrutture elettriche e, peraccaparrarsi gli incentivi importanti alle fonti rinnovabili di energia, si rischia di generarequella "bolla" che ha portato a domande di allacciamento alla rete elettrica percentrali "verdi" pari a 200mila megawatt (131mila i megawatt delle domande diallacciamento censite da Terna sullalta tensione). Tutti sono daccordo (anche il ministroRomani, che da Roma dice che i sussidi non devono pesare sulle tasche dei cittadini) nelmitigare queste distorsioni e nel mettere un freno agli "ecofurbi" che guadagnanoincassando gli incentivi pagati dagli italiani attraverso le bollette della corrente.Fonte (Il Sole 24 Ore)Social Media CommunicationPhinetRoma ItaliaAlessandra Cameraa.camera@phinet.it

×