Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

L'eta' anziana

2.800 Aufrufe

Veröffentlicht am

Veröffentlicht in: Bildung
  • To get professional research papers you must go for experts like ⇒ www.WritePaper.info ⇐
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier
  • I have always found it hard to meet the requirements of being a student. Ever since my years of high school, I really have no idea what professors are looking for to give good grades. After some google searching, I found this service ⇒ www.HelpWriting.net ⇐ who helped me write my research paper. The final result was amazing, and I highly recommend ⇒ www.HelpWriting.net ⇐ to anyone in the same mindset as me.
       Antworten 
    Sind Sie sicher, dass Sie …  Ja  Nein
    Ihre Nachricht erscheint hier

L'eta' anziana

  1. 1. Prof. Carmelo Scaffidi L’ETÀ ANZIANA
  2. 2. 1 DI CHE COSA SI PARLA 1.1 Quale età anziana 1.2 Gli aspetti demografici della vecchiaia 1.3 Cambiamenti fisici 1.4 Sistema nervoso 1.5 Cambiamenti cognitivi 1.6 L’affettività e la personalità 1.7 Cambiamenti sociali 1.8 Quale vecchiaia oggi Sommario
  3. 3. 2 TIPOLOGIE DI DISAGIO 2.1 La malattia dell’anziano 2.2 Malattia e disabilità nell’anziano 2.3 Gli aspetti sociali della non autosufficienza 2.4 Le demenze 2.5 La confusione mentale 2.6 Il morbo di Parkinson 2.7 Il malato terminale 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana Sommario
  4. 4. 3 INDICAZIONI DI LAVORO 3.1 Assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata, os 3.2 Day Hospital geriatrico 3.3 Centro diurno per anziani 3.4 Strutture residenziali 3.5 Case albergo 3.6 Casa di riposo 3.7 Residenze sanitarie assistenziali 3.8 Resisdenze protette e strutture protette per non autosufficie Sommario
  5. 5. 1.1 Quale età anziana INVECCHIAMENTO Non strettamente legato all’avanzare dell’età Ci sono sessantenni provati dalle malattie o che si collocano in posizioni marginali Ci sono ottantenni arzilli e che rivestono ruoli altamente significativi Si parla allora di ETEROCRONIA dell’invecchiamento: ci sono variazioni da individuo a individuo e, nello stesso individuo, gli organi e le funzioni non invecchiano uniformemente
  6. 6. 1.1 Quale età anziana Dovendo usare degli indicatori è meglio riferirsi alle situazioni della persona e non all’età anagrafica L’accesso alla pensione Il momento in cui si manifesta il decadimento psico-fisico L’autopercezione della qualità della vita che dipende dal ruolo dell’affettività Il pericolo più grande per l’anziano è l’isolamento affettivo indice
  7. 7. 1.2 Gli aspetti demografici della vecchiaia L’ISTAT definisce “popolazione anziana” la popolazione di 65 anni e più con la “popolazione attiva” compresa tra i 15 e i 64 anni ciò pone un confine tra lavoratore e pensionato in contrapposizione
  8. 8. 1.2 Gli aspetti demografici della vecchiaia L’invecchiamento della popolazione costituisce il fenomeno demografico di maggior rilievo delle società a sviluppo avanzato ed è il risultato delle tendenze della fecondità e della mortalità La durata della vita media si è allungata grazie ai progressi della medicina e alle migliori condizioni di vita La fecondità si è ridotta Nel 2010 le persone con più di 65 anni saranno il 20% della popolazione totale emancipazione femminile;controllo delle nascite; modifiche alla struttura familiare
  9. 9. 1.2 Gli aspetti demografici della vecchiaia Le conseguenze di ciò in un futuro prossimo la popolazione potrebbe essere dominata da anziani saranno necessari interventi legislativi e assistenziali per fronteggiare i problemi assistenziali forse bisognerà rivedere i modelli di pensionamento bisognerà diversificare le risposte assistenziali per gli anziani autosufficienti (servizi per la gestione del tempo libero) e per quelli non autosufficienti nuclei familiari ridotti non potranno far fronte al carico assistenziale bisognerà dare supporto, incentivi economici, agevolazioni fiscali volti a facilitare la permanenza dell’anziano in famigliaindice
  10. 10. 1.3 Cambiamenti fisici I cambiamenti fisici si riscontrano già nell’età adulta però sono facilmente compensati I cambiamenti fisici che interessano maggiormente sono quelli da cui può derivare una situazione di disabilità come quelli che interessano il cervello o l’apparato cardio- respiratorio apparato sensoriale apparato cardio vascolare e e respiratorio sistema muscolo scheletrico indice
  11. 11. 1.3 Apparato sensoriale La vista L’uso di occhiali compensa bene la presbiopia Per la cataratta è necessaria la sostituzione del cristallino L’udito Gli anziani che hanno bisogno di compensare la perdita dell’udito con apparecchi acustici è molto meno degli anziani che hanno bisogno degli occhiali Quando la perdita è consistente vi possono esser problemi nella comunicazione verbale e conseguenze psicologiche e sociali (isolamento) Gusto e olfatto La quantità di stimolazione deve essere superiore per poter essere recepita (odore del gas, odori sgradevoli ecc)
  12. 12. 1.3 Apparato cardio vascolare e e respiratorio Le pareti vascolari sono meno elastiche e si verifica una diminuzione della portata cardiaca. L’apparato respiratorio ha un’efficienza ridotta e per questo si verifica una diminuita ossigenazione e ventilazione polmonare durante lo sforzo scarsa tolleranza allo sforzo
  13. 13. 1.3 Sistema muscolo scheletrico Le articolazioni si irrigidiscono a causa dell’osteoartrosi e con molta frequenza, soprattutto nelle donne si verifica una riduzione della mineralizzazione ossea (osteoporosi) Ridotta mobilità e alterazioni della postura
  14. 14. 1.4 Sistema nervoso Si assiste alla perdita del numero di neuroni e di densità dentritica Diminuzione dei tempi di reazione indice La capacità di stabilire connessioni sinaptiche è in funzione della capacità di coinvolgimento emotivo e intellettuale È importante quindi coltivare la curiosità
  15. 15. 1.5 Cambiamenti cognitivi Le capacità cognitive vanno incontro a un progressivo processo di decadimento in relazione alle modificazioni fisiologiche del sistema nervoso centrale Tuttavia le funzioni mentali possono mantenersi integre nel tempo con un esercizio fisico e mentale che attivi la funzionalità delle connessioni neurali indice attenzione percezione memoria pensiero e intelligenza
  16. 16. 1.5 Attenzione Gli anziani dimostrano difficoltà quando devono affrontare compiti di attenzione distributiva Quando cioè devono eseguire contemporaneamente due compiti è necessario “distribuire” la propria attenzione e, negli anziani, si verifica un netto peggioramento Prestare attenzione a due conversazioni
  17. 17. 1.5 Percezione La percezione presuppone la contemporanea attivazione degli organi di senso e di processi di elaborazione La vecchiaia è caratterizzata da difficoltà sensoriali che influenzano la capacità di ricevere stimolazioni dall’esterno
  18. 18. 1.5 Memoria La capacità di rievocazione risente dell’età soprattutto la memoria a breve termine La conoscenze dichiarative vengono perse prima della conoscenze procedurarli Si perdono prima i significati culturali che le modalità d’uso di oggetti
  19. 19. 1.5 Pensiero e intelligenza Il declino delle capacità intellettive si manifesta con più evidenza intorno ai 75 anni, solo per le attività che implicano maggiore velocità di elaborazione si osserva un declino in età precedenti Cattell parla di intelligenza cristallizzata riferita a quando si elaborano conoscenze che sono già state immagazzinate e che rimane nel complesso stabile E di intelligenza fluida che sarebbe legata allo sviluppo neuronale che è alla base dei processi di trattamento delle informazioni. Questa intelligenza decresce comportando una minore capacità di risolvere problemi logici e di ragionare in termini astratti
  20. 20. 1.6 L’affettività e la personalità La teoria del disimpegno Negli anni '60 Cumming e Henry propongono una teoria secondo la quale gli anziani tendono a convincersi che il proprio benessere sia in relazione con l’abbandono delle aspirazioni e dei traguardi che si erano posti in età adulta e a un rivolgersi verso la propria interiorità Tale teoria contrappone la produttività della vita lavorativa a un desangagement sociale che può condurre a delle distorsioni sul piano dell’intervento e della gestione dei servizi
  21. 21. 1.6 L’affettività e la personalità La teoria dell’impegno Havighurst (1969) ritiene che il morale della persona anziana si mantenga elevato nella misura in cui egli riesce ad essere attivo, malgrado la contrazione dei ruoli a cui va incontro. In questo caso l’operosità nel lavoro, si estende per l’intero corso dell’esistenza. Anche questa teoria presenta dei limiti perché non tiene conto dei bisogni della singola persona: il desiderio di impegnarsi o non impegnarsi deve essere il risultato di una libera scelta personale. Una spinta sociale verso l’impegno o il disimpegno rischia di creare nuovi disadattamenti
  22. 22. 1.6 L’affettività e la personalità Tendenze centripede Un elemento sottolineato da molte ricerche empiriche è la tendenza a rivolgersi verso il proprio interno (tendenze centripede) che si verifica nella vecchiaia e che appare in contrapposizione con le tendenze definite “centrifughe” (che portano l’individuo verso l’esterno) tipiche della maturità
  23. 23. 1.6 L’affettività e la personalità Problemi legati all’affettività L’anziano cerca di colmare le proprie insicurezze con attaccamenti esclusivi ai propri famigliari, alla propria abitazione ecc. come se attaccarsi alle cose fosse un segno di attaccamento alla vita. Si può manifestare un’eccessiva dipendenza da qualcun altro ad es. in anziani rimasti soli o con disabilità Una nuova convivenza o un matrimonio per fuggire la solitudine sono spesso contrastati dai figli
  24. 24. 1.6 L’affettività e la personalità Problemi legati all’affettività La vita affettiva ed emotiva incide anche sul piano della vita sessuale. In età senile vi è un progressivo disinvestimento affettivo ed è anche diffuso lo stereotipo dell’anziano asessuato invece la sessualità è espressione dell’intimità che esiste tra due persone e la vicinanza del corpo dell’altro è rassicurante è indice di tenerezza e comprensione Spesso l’anziano ha più attenzione per le parti del corpo malate che per quelle sane e usa la malattia come elemento attorno al quale far ruotare le relazioni Difficoltà di relazione sono prodotte anche dalle alterazioni a carico degli organi di senso come la vista e l’udito indice
  25. 25. 1.7 Cambiamenti sociali L’anziano deve confrontarsi con stereotipi negativi e pregiudizi sociali collegati alla vecchiaia che incidono sul concetto di sé e sulla propria autostima. Tali stereotipi incidono sulle possibilità dell’anziano di ricercare una nuova identità: se le persone che gli stanno intorno gli rimandano un’immagine di “malato”, “incapace”, “brutto”, egli tenderà ad adeguarsi ad essa L’anziano può far fronte a questo sviluppando attività individuali e creative in grado di farlo sentire soddisfatto di sé e riconosciuto dal gruppo sociale di appartenenza indice
  26. 26. 1.8 Quale vecchiaia oggi È possibile pensare ad una progettualità per gli anziani Attività di formazione aiutano a liberare dalle dipendenze e a usare il senso critico: si può coniugare la voglia di conoscere e capire con il piacere di stare insieme con glia altri Il viaggio riesce a coniugare sia il desiderio di nuove esperienze sia momenti di condivisione Incoraggiare il gioco, il ballo può essere utile per stimolare la capacità di risoluzione di problemi e l’attività fisica Il coinvolgimento in attività socialmente utili può essere utile a soddisfare il desiderio di assumere un ruolo indice
  27. 27. 2.1 La malattia dell’anziano L’adulto vive la malattia come un incidente di percorso mentre l’anziano un evento connaturato con l’invecchiamento si innescano quindi atteggiamenti di rinuncia rispetto alle possibilità di guarigione indice Nell’anziano sono presenti patologie specifiche dell’età (es. la demenza senile) e problemi tipici dell’età (cadute a terra, incontinenza…). Il problema principale è quello dell’autosufficienza occorre sollecitare al massimo le funzioni residue perché egli non perda l’autosufficienza, cioè l’autonomia nelle attività della vita quotidiana
  28. 28. 2.2 Malattia e disabilità nell’anziano Lo stato di salute funzionale viene definito sulla base dei seguenti parametri di valutazione: indice BADL Basic Activities of Daily Living = Attività di base della vita quotidiana IADL (Instrumental Activities of Daily Living = Attività strumentali della vita quotidiana AADL Advanced Activities of Daily Living=Attività avanzate della vita quotidiana
  29. 29. 2.2 BADL Basic Activities of Daily Living Indicano le attività quotidiane connesse alla cura della persona: Capacità di vestirsi Capacità di fare il bagno Capacità di spostarsi Capacità di alimentarsi Capacità di recarsi ai servizi igienici Continenza sfinterica ecc.
  30. 30. 2.2 IADL Instrumental Activities of Daily Living Capacità di attivare e portare a termine attività essenziali per mantenere l’indipendenza e che possono prevedere l’uso di strumenti tecnologici: Capacità usare il telefono Fare acquisti Preparare pasti Lavori domestici Capacità fare il bucato Uso dei mezzi di trasporto Responsabilità nell’uso dei medicinali Capacità di maneggiare il denaro
  31. 31. 2.2 AADL Advanced Activities of Daily Living Capacità di intraprendere attività sociali o fisiche e che non sono indispensabili per una vita autonoma: Hobby Sport Interessi culturali
  32. 32. 2.3 Gli aspetti sociali della non autosufficienza Il rischio di non autosufficienza sembra correlato a due ordini di fattori sociali indice Il grado di povertà La riduzione numerica del nucleo familiare Dopo il pensionamento diminuisce il reddito Maggior probabilità di istituzionalizzazione Abitazione All’aumentare dell’età corrisponde una maggiore probabilità di vivere soli
  33. 33. 2.4 Le demenze MALATTIA ORGANICA LEGATA A PROCESSI DI DEGENERAZIONE DEL CERVELLO CONSEGUENZE • PERDITA DELLE FACOLTÀ INTELLETTIVE (progressivo deterioramento delle funzioni mentali) • DISINTEGRAZIONE DELLA PERSONALITÀ
  34. 34. SONO IL RISULTATO DI UNA DEGENERAZIONE DEL TESSUTO CEREBRALE (morbo di Alzheimer (60% delle demenze); demenza che evolve dal morbo di Parkinson…) 2.4 DEMENZE PRIMARIE
  35. 35. DIPENDONO DA LESIONI ISCHEMICHE (diminuzione o soppressione della circolazione sanguigna in un organo o territorio dell’organismo) CHE HANNO DISTRUTTO PARTE DEL TESSUTO CEREBRALE. Frequentemente associate ad aterosclerosi. 2.4 DEMENZE VASCOLARI O SECONDARIE
  36. 36. 1. DECADIMENTO PIÙ O MENO RAPIDO DEL 2. MODIFICAZIONI A LIVELLO DELLA PERS 3. ALTERAZIONE DEL COMPORTAMENTO N 2.4 SINTOMATOLOGIA
  37. 37. • PERDITA GLOBALE DELLA MEMORIA RECENTE (il soggetto non riesce a convogliare informazioni verso la memoria a lungo termine) E PREVALENZA DELLA MEMORIA REMOTA • LA PERDITA DELLA MEMORIA INCIDE ANCHE SULLA CAPACITÀ DI ORIENTAMENTO SPAZIO- TEMPORALE (Non si riconoscono i luoghi familiari; si dimenticano il giorno, il mese, l’anno; si confonde il giorno con la notte…) 2.4 SINTOMATOLOGIA
  38. 38. • DIFFICOLTÀ AD AFFRONTARE COMPITI NUOVI (DIVENTA DIFFICILE: RIASSUMERE UN BRANO DI GIORNALE; DEFINIRE CONCETTI; DEFICIT DEL PENSIERO ASTRATTO…) • INCAPACITÀ DI GIUDIZIO che impedisce una valutazione corretta della situazione e di AUTOCONTROLLO relativamente al proprio comportamento (passeggiare in pigiama; uso sconveniete del linguaggio…) • IL LINGUAGGIO È PARTICOLARMENTE COMPROMESSO NELLA COMPRENSIONE E NELLA PRODUZIONE, A SECONDA DELLE AREE CORTICALI DANNEGGIATE 2.4 SINTOMATOLOGIA
  39. 39. • AFASIADisturbo nella COMPRENSIONE e nella FORMULAZIONE DI MESSAGGI VERBALI come conseguenza di disfunzioni corticali • APRASSIA  INCAPACITÀ DI ESEGUIRE MOVIMENTI FINALIZZATI AD UNO SCOPO ANCHE SE LA MOTRICITÀ È INTEGRA (abbottonarsi; allacciarsi gli indumenti; ordinare la sequenza dei gesti per vestirsi…) •AGNOSIA  INCAPACITÀ DI DARE UN SIGNIFICATO AGLI STIMOLI PROVENIENTI DALL’ESTERNO (non si riconosce la funzione degli oggetti; i volti delle persone; i suoni…) 2.4 SINTOMATOLOGIA
  40. 40. • CAMBIAMENTO DELLE CARATTERISTICHE TIPICHE DELLA PERSONA (Persone attive e piene di interessi/apatiche, senza interessi; persone tranquille/trasgressive, apprensive, linguaggio volgare; persone ordinate e pulite/trascurate nell’igiene e nell’abbigliamento; ecc.) • ACCENTUAZIONE DI CERTI ASPETTI DEL COMPORTAMENTO (una persona sospettosa dopo la malattia può avere deliri di persecuzione; ecc) • DEFICIT DELL’AUTOCONTROLLO ( a causa della distruzione delle cellule neurali) 2.4 SINTOMATOLOGIA
  41. 41. • INIZIALMENTE I DEFICIT SONO RILEVABILI NELLE ATTIVITÀ CHE RICHIEDO COMPETENZE far compere; utilizzare il denaro; prepararsi i cibi; accudire alla casa; ecc. (Funzioni che richiedono l’utilizzo della memoria; della capacità di interpretazione e risoluzione di problemi) • IN SEGUITO EMERGONO DIFFICOLTÀ NELLE ATTIVITÀ DI BASE (Lavarsi; vestirsi; andare in bagno; mangiare; ecc.) • FASE DI TOTALE DIPENDENZA 2.4 SINTOMATOLOGIA
  42. 42. INTERVENTI FINALIZZATI AL RAGGIUNGIMENTO DEI SEGUENTI OBIETTIVI: 1. CONTENERE LE CONSEGUENZE DELLA PROGRESSIVA 2. LIMITARE LE CONSEGUENZE DELLE ALTERAZIONI DE 3. FAVORIRE IL MANTENIMENTO DELL’AUTOSUFFICIENZ 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  43. 43. SOLLECITARE, STIMOLARE il demente PER ATTIVARE I PROCESSI DI MEMORIA GRAZIE ANCHE AL SUSSIDIO DI ELEMENTI CHE LO AIUTINO A RIEVOCARE E RICONOSCERE • Elenchi (nomi di persone, numeri di telefoni, cose da fare durante la giornata...) • Calendari, orologi • Etichette e immagini per favorire il riconoscimento degli spazi • Strisce sul pavimento per aiutare l’orientamento spaziale • Fotografie... • Lasciare inalterato l’ambiente di vita 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  44. 44. R.O.T. (Reality Orientation Therapy) TECNICA CHE SERVE A POTENZIARE E CONSERVARE LE FUNZIONI GOGNITIVE E PARTICOLARMENTE IL GRADO DI ORIENTAMENTO. CONSISTE IN UNA STIMOLAZIONE CONTINUA DI MOLTEPLICI FUNZIONI QUALI L’ATTENZIONE, L’ORIENTAMENTO SPAZIO-TEMPORALE, LA MEMORIA E LE CAPACITÀ COGNITIVE T.O. (Tearapia Occupazionale) SERVE A RECUPERARE E POTENZIARE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE LE CAPACITÀ E LE ABILITÀ FUNZIONALI (ATTIVITÀ DOMESTICHE, MESTIERI, ...) 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  45. 45. • Comportamenti strani, instabilità dell’umore, manifestazioni aggressive possono essere contenuti se l’anziano si trova in un ambiente sufficientemente stabile (routine) e rassicurante • Le limitate capacità cognitive limitano la capacità di interpretare una situazione e di calibrare una risposta adeguata quindi sono frequenti le “reazioni catastrofiche” cioè sproporzionate ad un insuccesso, un cambiamento, un evento. Occorre non richiedere prestazioni troppo difficoltose o impossibili e tollerare tempi di reazione lunghi di fronte a queste reazioni occorre mantenere la calma e distrarre il paziente. Non discutere, né rimproverano, né trattenerlo con forza, Ma parlargli con calma, rassicurarlo e spostare l’attenzione verso altro. 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  46. 46. • Nel caso di COMPORTAMENTI SOSPETTOSI O ACCUSATORI non occorre discutere ma cercare di recuperare gli oggetti scomparsi. • Di fronte all’ANSIA e alla DEPRESSIONE, spesso presenti all’inizio della malattia, come reazione ad un senso di perdita è opportuno rispondere in modo affettuoso, è inutile cercare di capire cosa lo affligge e di spiegare l’inutilità delle sensazioni. • L’AGGRESSIVITÀ è una manifestazione della malattia (non si controlla più la situazione), bisogna dimenticare l’episodio e cercare di distrarre il paziente con qualcosa che gli piace. 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  47. 47. • All’INIZIO della malattia stimolare la persona a condurre una vita il più normale possibile. Nell’area della cura della persona e nelle attività domestiche l’operatore si deve porre come supervisore non come diretto esecutore. • Con l’AVANZARE della malattia la guida dovrà essere attenta e continua (sequenza delle operazioni, ambiente adatto da predisporre...) • Nella FASE TERMINALE intervento massiccio dell’operatore e dei familiari 2.4 PROBLEMI ASSISTENZIALI IN UN SOGGETTO AFFETTO DA DEMENZA
  48. 48. • Per i familiari trovarsi con un parente che si trasforma comporta un riadattamento completo del rapporto •Le emozioni che vengono più facilmente sperimentate sono: 2.4 La famiglia del demente depressione rabbia imbarazzo solitudine senso di colpa indice
  49. 49. 2.4 La famiglia del demente: depressione La persona che sta accanto a noi (marito, moglie, padre, madre..) cambia progressivamente fino a giungere al punto di non riconoscerci più. Si ritorna allora con la memoria a com’era la persona prima della malattia e si rimpiange quel tempo
  50. 50. 2.4 La famiglia del demente: rabbia Verso il familiare malato, verso se stessi, verso la situazione in generale
  51. 51. 2.4 La famiglia del demente: imbarazzo A causa dei comportamenti che il malato manifesta: reazioni esagerate e inappropriate quando si hanno ospiti in casa, urla, grida che possono far sospettare i vicini di trattamenti violenti, esibizioni sessuali ecc.
  52. 52. 2.4 La famiglia del demente: solitudine Il malato ha sempre bisogno di assistenza è facile quindi allentare i contatti sociali per stanchezza o per imbarazzo
  53. 53. 2.4 La famiglia del demente: senso di colpa Per il fatto di provare rabbia o imbarazzo nei confronti del malato e, quando si ricorre all’istituzionalizzazione, per aver “tradito” il congiunto.
  54. 54. 2.5 La confusione mentale È una sindrome diffusa negli anziani causata dall’invecchiamento delle strutture cerebrali, dalla presenza di malattie croniche, dalla difficoltà di equilibrio nell’assimilazione di farmaci ecc. I sintomi sono simili a quelli della demenza (compromissione della memoria recente, disorientamento spazio temporale, alterazioni comportamentali… indice
  55. 55. 2.6 Il morbo di parkinson È una patologia degenerativa che intacca i neuroni dopaminacei, colpisce i soggetti intorno ai 50 anni per cause ancora sconosciute Il parkinsonismo secondario invece ha sintomatologia simile al morbo di parkinson ma cause accertate (vascolari, arteriosclerosi, uso prolungato ed eccessivo di sedativi o antipsicotici) È la prima malattia neurologia a patogenesi neurotrasmettitoriale imputabile a squilibri dei neurotrasmettitori per una marcata diminuzione di uno di essi: la dopamina
  56. 56. 2.6 Il morbo di parkinson La sintomatologia è essenzialmente riferibile all’area motoria: rigidità alterazioni posturali bradicinesia tremori a riposo
  57. 57. 2.6 Il morbo di parkinson: rigidità Quando si cerca di far piegare un arto in modo passivo si osserva rigidità muscolare
  58. 58. 2.6 Il morbo di parkinson: bradicinesia La traduzione dal greco significa “movimento lento” I movimenti vengono eseguiti come a rallentatore
  59. 59. 2.6 Il morbo di parkinson: tremori a riposo Gli arti (soprattutto superiori) presentano un tremore lento che si manifesta quando l’arto è a riposo, tende a scomparire con il movimento ed è assente nel sonno Le mani assumono il tipico movimento di chi sta “contando i soldi”
  60. 60. 2.6 Il morbo di parkinson: alterazioni posturali Il paziente cammina portando il tronco in avanti (perché ha la tendenza a cadere all’indietro) con le braccia addotte e i gomiti lievemente flessi Ciò porta ad alterazioni della postura che sfociano in un quadro di grave artrosi
  61. 61. 2.6 Il morbo di parkinson La terapia non riduce la progressione della malattia ma svolge solo una funzione sintomatica La riabilitazione consiste nell’aiutare l’ammalato a conoscere e gestire gli effetti meccanici del proprio deficit e migliorare le proprie capacità motorie
  62. 62. 2.6 Il morbo di parkinson: i bisogni psicologici BISOGNO DI ELABORARE COGNITIVAMENTE E AFFETTIVAMENTE LA MALATTIA Il malato di parkinson non ha problemi cognitivi (a volte solo nelle fasi avanzate della malattia) ed è quindi consapevole della gravità della malattia Ha bisogno allora di elaborare la malattia per accettarla emotivamente
  63. 63. 2.6 Il morbo di parkinson: i bisogni psicologici BISOGNO DI RUOLO E DI SUPPORTO SOCIALE È importante che la persona abbia un ruolo e dei compiti da svolgere per rinforzare la sua autostima indice
  64. 64. 2.7 Il malato terminale Ci si riferisce a tutte quelle persone che non hanno possibilità di guarigione e la cui evoluzione della malattia porterà alla morte nel giro di alcuni giorni, di mesi o anche di anni La psichiatra Kϋbler Ross ritiene sia per il morente sia per chi lo assiste che si debba comunicare esplicitamente la prognosi della malattia
  65. 65. 2.7 Il malato terminale Nel processo che conduce all’accettazione del momento finale si possono rintracciare alcune fasi la cui conoscenza aiuta operatori e familiari a comprendere meglio i vari momenti I fase:rifiuto IV fase: depressione II fase: collera V fase: accettazione III fase: contrattazione indice
  66. 66. 2.7 Il malato terminale: rifiuto Il rifiuto ansioso iniziale, secondo la Kϋbler Ross, è più marcato nei pazienti ai quali la diagnosi è stata comunicata con modalità sbagliate In questa fase occorre dimostrare disponibilità e interesse nello stare accanto a queste persone Ascoltarle per comunicare fiducia Dare la sensazione che ci si sta occupando di loro
  67. 67. 2.7 Il malato terminale: collera La collera è un modo per scaricare un peso insostenibile ed è molto difficile da gestire sia per i famigliari sia per gli operatori Il malato diviene lamentoso, poco disponibile, carico di risentimento Gli operatori tendono ad evitarlo ad essere indispettiti per le sue manifestazioni e può emergere la tendenza a rispondere con altrettanta aggressività Occorre invece avere maggior autocrontrollo
  68. 68. 2.7 Il malato terminale: contrattazione Il malato pensa di raggiungere un compromesso con l’evoluzione della malattia invece di affrontare la propria fine da soli e facendo il vuoto attorno a sé La Kϋbler Ross paragona questa situazione a quella dei bambini che dopo aver manifestato la propria rabbia patteggiano la pace con gli adulti riconoscendo che non è conveniente continuare ad agire in un certo modo
  69. 69. 2.7 Il malato terminale: depressione La depressione consente al malato di preparasi alla perdita delle cose più care È inutile che gli operatori incoraggino o minimizzino la situazione ma è opportuno lasciare esprimere il dolore al malato
  70. 70. 2.7 Il malato terminale: accettazione È il momento in cui la persona rinuncia alla lotta considerata l’inutilità di essa come se si trattasse di un momento di riposo prima di un lungo viaggio È un momento di vuoto di sentimenti Il malato vuole solo alcune persone accanto a sé Per l’operatore deve prevalere la comunicazione non verbale L’operatore e i famigliari hanno il compito di trasmettere al morente l’idea che la sua esistenza ha avuto un significato e qualcosa di sé è stato lasciato a quelli che rimangono
  71. 71. Si può definire come uno stato di allerta o di eccessiva preoccupazione per qualcosa o qualcuno (preoccupazione per un nuovo lavoro, una relazione affettiva). I motivi di preoccupazione per gli anziani riguardano l’insorgenza di malattie, la percezione del proprio deterioramento, la scarsa sicurezza finanziaria, l’isolamento sociale, ecc. 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana: l’ansia Assume caratteristiche psicopatologiche quando appare Sproporzionata rispetto alla situazione Fonte di notevole sofferenza soggettiva Persistente nel tempo Con sintomi così gravi da compromettere in misura rilevante le relazioni sociali
  72. 72. I sintomi sono: Preoccupazione eccessiva, Difficoltà a concentrarsi e vuoti di memoria, Tensione muscolare, Stato di irritabilità o agitazione, Facile affaticabilità, Disturbi del sonno, Respirazione difficoltosa, Tachicardia, Sudorazione fredda 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana: l’ansia L’eccessiva preoccupazione può condurre all’ipocondria Cioè alla convinzione erronea di soffrire di una malattia non diagnosticata
  73. 73. È un disturbo del tono dell’umore cioè dello stato d’animo che ci accompagna per tutto il giorno 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana: la depressione L’umore può essere stabile o variare (anche nella stessa giornata) perché influenzato positivamente o negativamente dall’ambiente esterno e dalle situazioni incontrate Si parla di depressione come vera malattia quando il tono dell’umore è rivolto marcatamente verso il basso
  74. 74. SINTOMI FISICI Disturbi del sonno con insonnia o ipersonnia Scarso appetito o perdita di peso o incremento dell’appetito e del peso corporeo Mancanza di energia e affaticamento eccessivo 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana: la depressione SINTOMI PSICOLOGICI Perdita di interesse per le attività quotidiane Incapacità di provare piacere Scarsa stima di sé con autosvalutazione e sensi di colpa Difficoltà di concentrazione Mancanza di volontà, apatia Tendenza a isolarsi dalla società e dalla famiglia Pensieri di morte e tentativi di suicidio (casi gravi)
  75. 75. Nell’anziano la depressione si esprime con due modalità 2.8 Disturbi psichiatrici in età anziana: la depressione Declino delle facoltà cognitive: Impoverimento del pensiero e del linguaggio Difficoltà psicomotorie Ridotta capacità di gestire la propria vita quotidiana Accentuazione dei disturbi somatici: Dolori agli arti Dolori gastro- intestinali cefalee indice
  76. 76. 3 INDICAZIONI DI LAVORO L’art. 32 della Costituzione afferma il diritto alla salute individuale Come conciliare il diritto alla salute e il concetto di benessere con gli inevitabili deficit e malattie legati al processo di invecchiamento? L’OMS ha ridefinito il concetto di salute non come assenza di patologie ma come uno stato di benessere fisico, psichico, sociale a cui ognuno deve tendere
  77. 77. 3 INDICAZIONI DI LAVORO Occorre far riferimento al concetto di prevenzione primaria, secondaria e terziaria La prevenzione primaria è relativa all’insieme di misure finalizzate alla prevenzione della comparsa di eventi morbosi La prevenzione secondaria è relativa agli interventi orientati a fare in modo che un evento morboso in corso non dia esiti invalidanti o a ridurre il livello di gravità La prevenzione terziaria si occupa di correggere gli esiti negativi, già evidenti, di eventi morbosi
  78. 78. 3 INDICAZIONI DI LAVORO È la prevenzione soprattutto primaria il mezzo principale per permettere alle persone anziane un livello adeguato di benessere che spetta loro di diritto Fra i vari interventi di prevenzione primaria e secondaria possiamo ricordare I servizi di telesoccorso, telecontrollo, teleassistenza che garantiscono sostegno psicologico e tranquillità Iniziative riguardanti la gestione del tempo libero, le vacanze, le attività culturali, l’attività fisica visti come elementi essenziali di una politica di prevenzione e di tutela del benessere psicofisico
  79. 79. 3 INDICAZIONI DI LAVORO Gli enti locali possono facilitare: Tutela abitativa per evitare sradicamenti Sostegno economico alle famiglie per evitare l’istituzionalizzazione Facilitazione all’accesso ai servizi sanitari Agevolazioni nell’uso dei servizi telefonici, mezzi di trasporto, cinema e teatri Incentivazione di forme di volontariato e di associazionismo tra anziani
  80. 80. 3 INDICAZIONI DI LAVORO Quando esiste già una condizione di patologia e l’obiettivo è intervenire per ridurre le conseguenze sul piano personale gli interventi possono essere suddivisi in Interventi che possono essere resi a domicilio o in strutture semiresidenziali Interventi in strutture residenziali indice
  81. 81. 3.1 Assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata, ospedalizzazione a domicilio ASSISTENZA DOMICILARE Insieme di prestazioni di tipo socio assistenziale erogate (spesso) dal Comune a domicilio dell’utente con i seguenti obiettivi: Mantenere a domicilio l’utente Sostenere i familiari nel processo di cura dell’anziano Ridurre i costi sociali dati dall’istituzionalizzazione
  82. 82. 3.1 Assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata, ospedalizzazione a domicilio ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA Quando, accanto ai bisogni assistenziali, compaiono anche bisogni relativi alla cura di patologie, soprattutto croniche o terminali, si fa ricorso all’assistenza integrata con personale dell’ASL che possiede competenze specifiche in materia sanitaria
  83. 83. 3.1 Assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata, ospedalizzazione a domicilio OSPEDALIZZAZIONE A DOMICILIO È un servizio di diretta competenza dell’ASL che è funzionale al mantenimento al proprio domicilio di pazienti, solitamente malati terminali, che hanno bisogno di cura, ma per i quali non si ritiene più opportuno continuare il ricovero indice
  84. 84. 3.2 Day Hospital geriatrico Il termine sta ad indicare una particolare forma di ricovero in ospedale limitato a un giorno o porzioni di giornata, evitando gli sprechi connessi alla degenza durante le ore notturne, le festività e nei giorni in cui non sono previsti interventi di diagnosi o di riabilitazione indice
  85. 85. 3.3 Centro diurno per anziani È una struttura che eroga servizi di assistenza ed è rivolto ad un’utenza sufficientemente autonoma o con limitate compromissioni Si presenta come un luogo di incontro, svago e aggregazione sociale Può svolgere anche funzioni assistenziali: mensa, lavanderia, riattivazione funzionale (attività motoria) indice
  86. 86. 3.4 Strutture residenziali A volte è necessario il ricovero in strutture residenziali per anziani con patologie gravemente invalidanti e con scarso supporto familiare A volte anziani autosufficienti si rivolgono ai servizi per non pesare sulla famiglia indice
  87. 87. 3.5 Case albergo Destinate ad un’utenza anziana autosufficiente o con deboli limitazioni, ma che per diverse ragioni (mancanza di supporto familiare) desidera avere un supporto assistenziale. Si tratta di piccoli appartamenti dotati di ogni servizio in cui gli anziani possono organizzare la vita a loro piacimento e di un insieme di servizi comuni (mensa, lavanderia, portineria, sala riunioni, ambulatorio, ecc.) a cui l’anziano può accedere In futuro queste realizzazioni potranno avere maggior espansione (adesso sono costose e riservate a pochi) indice
  88. 88. 3.6 Casa di riposo Sono la risposta più tradizionale a un bisogno di assistenza continua Accolgono persone non totalmente autosufficienti o con problemi tali da non poter far conto sull’assistenza dei familiari Gli ospiti sono ricoverati per periodi lunghi e se le condizioni peggiorano si fa ricorso ai servizi come le RSA o le residenze protette per non autosufficienti Gli obiettivi delle case di riposo sono: conservare le residue capacità di autonomia e promuovere lo sviluppo di capacità residue Contrastare il processo di decadimento psicofisico indice
  89. 89. 3.7 Residenze sanitarie assistenziali Le RSA ospitano soggetti che hanno bisogno di interventi terapeutici, riabilitativi e di mantenimento, di tipo prevalentemente sanitario, non erogabili a domicilio o nei centri diurni L’obiettivo è quello di ridurre le compromissioni funzionali riportate indice
  90. 90. 3.8 Resisdenze protette e strutture protette per non autosufficienti Accolgono persone in situazione di accentuata non autosufficienza con gravi deficit soprattutto di tipo psichico che necessitano di un elevato carico assistenziale e di un ambiente protetto L’obiettivo è quello del mantenimento delle capacità residue dell’anziano che tuttavia è scarsamente partecipe e collaborativo indice

×