Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
Dal clima di terrore alla democrazia affettiva:
l’esperienza della REMSdi Caltagirone
PERICOLOSITÀEPAURA
Laregolazionedell...
• La chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari è un evento
storico per l’Italia che conferma, dopo la chiusura dei
m...
La REMS di Caltagirone
• NeiprimiseimesidiesperienzadellaREMSdiCaltagironesisonoregistratidiversi
episodidiviolenzamoltogr...
“In questo posto non è ammessa la
violenza”.
• Nellasalariunionedovesisvolgeognimattinaungruppod’incontroe
ognigiovedìunap...
• Inquestosensopossiamoaffermareche nella REMSi vissuti,le
fantasie,le pulsioni, le dinamiche diviolenza se non vengono
na...
• REMScomeunaComunitàTerapeutica:
• • benstrutturataneitempieneglispazi,nellefunzionieneiruoli
• • sicuraeprotettivadeglia...
• InComunitàvisonounaseriediregole,ruoli,efunzioni,chedeterminano
lastrutturadibasedell'organizzazionedicuraeleinterconnes...
Un ambiente sicuro, abilitante e
terapeutico
• Questo principio all'interno della comunità deve essere
mantenuto, con il c...
Le attività previste nella REMS di
Caltagirone
• Gruppodicomunità
• Losforzoprincipalecheimpegnatuttiglioperatorièquello d...
Gruppo Fiabe
• Ilgruppofiabeèmediamentecompostodaseiottoutentipiùilconduttore;haunacadenza
settimanaleeunaduratadicircaun’...
Laboratorio di scrittura creativa
• Illaboratorio discritturacreativatrovanelgruppoilsettingideale;lascritturain
grupporia...
Gruppo di Psicoanalisi
Multifamiliare
• Gli operatori, i familiari egli utenti partecipano ad un gruppo di
psicoanalisi mu...
Open Dialogue
• Dopo una prima fase di formazione degli operatori, iniziano
ad essere attivati incontri con le famiglie e ...
• Il Paziente più grave presentava ripetuti gesti di auto
distruttività ingoiando di tutto. Con l’approccio open
dialogue ...
L’IPS (Individual Placement and
Support)
• L’IPS, il Programma evidence-based di Sostegno all’Impiego
Individualizzato, co...
La REMS ri-concepita come una
comunità terapeutica democratica
• Per gli autori di reato e o con pericolosità sociale un
i...
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Dal clima di terrore alla democrazia affettiva: l’esperienza della REMS di Caltagirone

345 Aufrufe

Veröffentlicht am

PERICOLOSITÀ E PAURA
La regolazione delle emozioni
di base nelle Comunità Terapeutiche
e nelle REMS Mito&Realta’ Milano 29/09/2017

Veröffentlicht in: Gesundheit & Medizin
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Dal clima di terrore alla democrazia affettiva: l’esperienza della REMS di Caltagirone

  1. 1. Dal clima di terrore alla democrazia affettiva: l’esperienza della REMSdi Caltagirone PERICOLOSITÀEPAURA Laregolazionedelleemozioni dibasenelleComunitàTerapeutiche enelleREMS Mito&Realta’ Milano29/09/2017
  2. 2. • La chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari è un evento storico per l’Italia che conferma, dopo la chiusura dei manicomi decisa con la riforma Basaglia, di essere all’avanguardia nella legislazione per il diritto delle persone alla tutela della salute mentale. -Si tratta di un risultato ottenuto grazie a una proficua e dialettica collaborazione fra società civile e Istituzioni e al lavoro di tanti operatori. Che dimostra quanto sia preziosa la partecipazione democratica nei processi di cambiamento e innovazione
  3. 3. La REMS di Caltagirone • NeiprimiseimesidiesperienzadellaREMSdiCaltagironesisonoregistratidiversi episodidiviolenzamoltogravi. • Dopoquestadifficile primafaseeconlanominadiunnuovoDirettoredelDSM sonostatiapportatialcunemodificheenuovesceltechesisonorilevate positive. Richiestachiaraditrasferimento delsoggettodelinquenteincarcere, supervisione/formazionecontinuaacadenzasettimanaledituttoilpersonale,edi adottareilmodello dellacomunitàterapeuticademocraticagiàadottatodallarete internazionaleCommunityofCommunities chesuccessivamentesaràdescritta.La REMSsièintegratacontutteleattivitàdelDipartimento diSaluteMentaleele attivitàterapeuticheriabilitativesisonospostatesemprepiùnellacomunitàlocale. Nonsièpiùregistratoalcunepisodio diviolenza,nessunepisodio dievasione, non èstatopiùnecessario attivareTSO,indueannisonostatidimessi 20personeedè cambiatoilclimainternoallaREMSenellacomunitàlocale.
  4. 4. “In questo posto non è ammessa la violenza”. • Nellasalariunionedovesisvolgeognimattinaungruppod’incontroe ognigiovedìunaplenariacontuttoilpersonaleetuttigliutenti campeggiaungrandecartelloneconlascritta“Inquestopostononè ammessalaviolenza”.Questasceltaèstataelaborataediscussain gruppoconilcoinvolgimentoditutti.L’approcciopsicodinamicoeil coinvolgimentodemocraticodituttiesoprattuttodegliutentiha permessodipassaredaunclimadiviolenzaediagitiadunamodalità relazionalefondatasuldialogo,sullaresponsabilitàesullademocrazia degliaffetti.Unatteggiamentonongiudicanteerispettosodella “tragedia”dicuiogniricoveratoèportatorehapermessodinarraree ascoltareladrammaticitàdellestoriechehannodeterminato l’inserimentoinREMS.
  5. 5. • Inquestosensopossiamoaffermareche nella REMSi vissuti,le fantasie,le pulsioni, le dinamiche diviolenza se non vengono narrateedelaborarerischiamodiessere agite. • E’ possibile dare senso al motivo del reato e senza giustificazione ridargli un nuovo “significato”. Il personale può essere costantemente sostenuto nel relazionarsi con storie edinamiche personali esociali che possono portare a comportamenti malvagi eviolenti. Ipazienti possono avere il giusto sostegno per non negare quanto gli èaccaduto epuò rivederlo in una nuova ottica critica di umana compassione.
  6. 6. • REMScomeunaComunitàTerapeutica: • • benstrutturataneitempieneglispazi,nellefunzionieneiruoli • • sicuraeprotettivadegliabusidiviolenza,abusidicura,abusidiautoritarismo focalizzatasull'alleanzaterapeuticatrautentieoperatori • • coerenteecomprensibiledalpuntodivistateoricosiapergliutentiche perglioperatori • • benintegratacontuttiiservizisanitariesocialinecessariagliutenti • InquantoComunitàTerapeutica,laREMSsibasasulla"culturadell'inchiesta" (cultureofenquire),cioèsull'impegno aricercare leoriginielecausediognifatto (esperienzaecomportamento)cheaccadeall'interno deisuoiconfiniorganizzativi, eanonlasciarenessuneventoprivodiunsignificato. Modello di comunità terapeutica democratica adottato alla REMS di Caltagirone.
  7. 7. • InComunitàvisonounaseriediregole,ruoli,efunzioni,chedeterminano lastrutturadibasedell'organizzazionedicuraeleinterconnessioniconla strutturaamministrativaedistituzionalechelacontiene,chenonpossono esserenegoziateechedevonoessereespresseepresentatechiaramente, tuttoilrestoèinvecesottopostoadanalisi,discussioneeridefinizione attraversounprocessodemocraticocheattraversaallostessomodo utentieoperatori.Ilprocessodemocraticodivotazioneperdecidere questioniattinentilacomunità,deveessereprotettodalladistruttività, dall'invidia,dalsadismoedallapatologiamentalesiadegliutentiche deglioperatori.Lastrutturaorganizzativanonnegoziabiledeveessere protettadaiprocessidistruttiviedisorganizzantidelleistituzionisocialiche siinterfaccianoe/ocomprendonolacomunità.
  8. 8. Un ambiente sicuro, abilitante e terapeutico • Questo principio all'interno della comunità deve essere mantenuto, con il contributo di tutti, a partire dalla partecipazione attiva al Grande Gruppo di Comunità (community meeting), da parte di tutto lo staff degli operatori e degli utenti. La funzione terapeutico individualizzata per ciascun utente è invece garantita dal monitoraggio e valutazione del proprio PTI e del proprio PTRP,attraverso il sostegno fornito da un Case Manager personale scelto all'interno dello staff della comunità.
  9. 9. Le attività previste nella REMS di Caltagirone • Gruppodicomunità • Losforzoprincipalecheimpegnatuttiglioperatorièquello direndere la permanenzainRemsilpiùvicinapossibileallavitadituttiigiorni. • Pertantoènecessario chetuttivenganomessinellacondizione diesprimeredi giornoingiornoiloribisognieleloroeventuali rimostranze,icambiamentidi programma,gliimprevistidagestire;ciòavvienegrazieallariunionemattutinadi comunitàchesieffettuagiornalmentecongliutentieconlapresenzadituttigli operatoriinturno. • E’necessario inoltreche,datalaparticolaritàorganizzativadellaREMS,cisiscambi informazioni esiriprogrammidivoltainvoltalavitacomunitaria;atalfinesi svolgonoduevoltealgiorno(inoccasionedelcambioturno)riunioni organizzativeanchetraoperatori
  10. 10. Gruppo Fiabe • Ilgruppofiabeèmediamentecompostodaseiottoutentipiùilconduttore;haunacadenza settimanaleeunaduratadicircaun’ora. • Graziealpotereevocativo,ealledinamicheproiettivoidentificativeipartecipantidelgruppo sonocoinvoltiinunattivoconfrontoedinunaintimacondivisionedifattipersonali emotivamenterisonantiedattivatidalcontenutometaforicoesimbolicodellafiabacondivisa. • Itemiguidachesicercadiaffrontaresono:laseparazione,lepaure,lacapacitàdi cambiamento,ilcontrollodegliimpulsi,abbandonaregliatteggiamentiprecedenti,lerelazioni. IlGruppoFiabeconsentelosvilupparsidicapacitàriflessive,lapossibilitàdiconoscereaspettie vissutidelpassatodegliutenti,favoriscelamaturazionedicapacitàdicritica,potenzia competenzerelazionaliecomunicative,promuoveladimensionedelgruppo
  11. 11. Laboratorio di scrittura creativa • Illaboratorio discritturacreativatrovanelgruppoilsettingideale;lascritturain grupporiapreilpiaceredellaparolaliberaedellanecessitàdipotercomunicarei proprivissuti,esperienze,memoriadipassatoedivalore.Illaboratorio constadi duefasi:unaprimafasenellasceltadeltemaeunasecondapartededicata all’esposizione algruppodell’elaborato. • Gliobiettivisono: • -intervenire sullecapacitàdiriflessione; • -sapereascoltarel’altro; • -arricchireilproprio modocreativo edespressivo; • -rimettere incircolo stimoloefiducia
  12. 12. Gruppo di Psicoanalisi Multifamiliare • Gli operatori, i familiari egli utenti partecipano ad un gruppo di psicoanalisi multifamiliare a cadenza bisettimanale che si svolge presso la comunità terapeutica del DSM di Caltagirone. Il GPMF lavorando sulla relazione nel “qui ed ora”, sulla dimensione emotiva, sulla partecipazione, pongono al centro dell’intervento la persona sofferente, la famiglia, gli operatori, contribuendo a valorizzare esviluppare in modo significativo le loro risorse. Ciò determina un cambiamento nell’individuo, nella famiglia e nel gruppo di lavoro e una trasformazione nella cultura del Servizio di Salute Mentale in senso democratico, edella comunità locale
  13. 13. Open Dialogue • Dopo una prima fase di formazione degli operatori, iniziano ad essere attivati incontri con le famiglie e la rete sociale degli utenti. Approccio, nato in Finlandia alla fine degli anni ’80 ad opera di Jakko Seikkulla, per aiutare le persone con sofferenza mentale ed i loro familiari a sentirsi ascoltati, rispettati e valorizzati. È un sistema di cura integrata, basato sulla comunità locale, che coinvolge i familiari e i membri della rete sociale sin dal momento in cui viene richiesto l’aiuto
  14. 14. • Il Paziente più grave presentava ripetuti gesti di auto distruttività ingoiando di tutto. Con l’approccio open dialogue ha recuperato il rapporto con i propri familiari non presentando più alterazioni comportamentali e/o gesti autodistruttivi. Ogni settimana esce dalla REMS con i genitori e fratelli per trascorre alcune ore in permesso a Caltagirone e alcuni fine settimana li trascorre a casa. E’ stato dimesso e vive in una comunità alloggio e i fine settimana va a casa dai suoi familiari. Altri due utenti e relative famiglie hanno iniziato incontri di Open Dialogue.
  15. 15. L’IPS (Individual Placement and Support) • L’IPS, il Programma evidence-based di Sostegno all’Impiego Individualizzato, considera il lavoro come un pilastro della Recovery dalla grave patologia mentale. Lavorare insieme ad altre persone senza disabilitàè il modo più concreto attraverso cui le persone con gravi disturbi possono davvero partecipare alla vita sociale. Per questo programma sono state formate appositamente un tecnico della riabilitazione psichiatrica e un Assistente sociale in organico alla REMS
  16. 16. La REMS ri-concepita come una comunità terapeutica democratica • Per gli autori di reato e o con pericolosità sociale un intervento psicodinamico cosìconcepito permettedi contemplare nello stesso tempo sicurezza e cura appunto “dalla misura di sicurezza alla sicurezza della cura”.

×