SlideShare ist ein Scribd-Unternehmen logo
1 von 26
Downloaden Sie, um offline zu lesen
watchthevideo
“Un vero viaggio di scoperta non parte dal trovare nuove terre,
ma dall’avere nuovi occhi”
Marcel Proust
Pietro Colucci, il volto imprenditoriale della Green Economy	 2
Economia circolare per comunità a impatto zero	 4
Una nuova idea d’impresa	 6
L’etica come valore trasversale	 8
Una storia che ha avuto inizio due secoli fa	 10
Assetto societario	 12
Quando l’uomo è al servizio dell’ambiente	 14
Quando il rifiuto diventa valore	 16
Waste Way Project: più di un progetto, un impegno concreto per la collettività	 18
GRUPPO WASTE ITALIA
Indicedeicontenuti
1
2
GRUPPO WASTE ITALIA
PietroColucci
“... Se vogliamo aumentare la competitività del nostro sistema industriale e reggere la concorrenza delle economie emer-
genti, il nostro paese ha bisogno, ora più che mai, di riforme economiche significative che promuovano innovazione dei
processi produttivi, differenziazioni verso nuovi prodotti e servizi, e la conversione di produzioni ormai obsolete.
È proprio in questo contesto che si è inserita la green economy, come risposta, ovviamente ancora parziale, proprio a
queste esigenze di innovazione, di conversione e di rilancio di un sistema industriale che segna il passo e che va ripensato
prendendocomeriferimentoundiversomodellodisviluppo,cheapparenonsolopiùsostenibilesulpianoambientale,ma
in molti casi anche più profittevole...”
Pietro Colucci - Vento a favore, Edizoni Ambiente 2011
Pietro Colucci, Presidente e Amministratore delegato del Gruppo Waste Italia, è una figura di riferimento nel settore della
Green Economy, non soltanto da un punto di vista imprenditoriale e manageriale, ma anche programmatico.
Sono molte le iniziative a cui ha preso parte per portare il proprio spirito innovatore e green nell’economia italiana. Assieme a Edo
Ronchi, ex Ministro dell’Ambiente della Repubblica italiana, Pietro Colucci è l’autore del libro “Vento a favore” (pubblicato nel 2011),
realizzato sotto forma di intervista ragionata e confronto tra due protagonisti di primo pianodi primo piano sulla scena politica e
imprenditoriale nazionale, che da anni si misurano con le difficoltà del nostro Paese nell’affrontare in maniera seria e sistematica
l’agendaambientale.Ladichiaratasperanzadellapubblicazioneèquelladicontribuireamodificareilcostumenazionaledell’incomu-
nicabilità tra schieramenti politici, in particolare rispetto all’ambiente.
Dalla collaborazione con Ronchi scaturisce inoltre la costituzione della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Italia, nata nel
2008 con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo della green economy in Italia.
Nel 2012, ancora assieme a Edo Ronchi e l’allora Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, Pietro Colucci è co-promotore degli Stati Ge-
neralidellaGreenEconomy,affermatiormaicomeappuntamentoannualeperilsettoredellagreeneconomyecapacidirichiamare,
nelle ultime edizioni, più di 2.000 stakeholder.
PietroColuccièinoltreunodeimaggiorisostenitoridiunfuturoarifiutizero(WasteEnd),promuovendoleteoriedell’EconomiaCirco-
lareeconcretizzandoleinunprogettoavveniristico,WastEnd,l’officinadelfuturo,cheprevedelarealizzazionediunpolodelriciclo
in provincia di Torino in cui i materiali di scarto, vengono valorizzati restituendo loro una nuova vita.
SCOPRI DI PIÙ SU
www.pietrocolucci.it
3
Se sono le idee
e le visioni a individuare
nuove strade
per cambiare il mondo,
è l’economia lo strumento
che le rende percorribili
Pietro Colucci
4
GRUPPO WASTE ITALIA
Economiacircolarepercomunitàaimpattozero
“L’economia circolare si sposta verso l’uso delle energie rinnovabili,
eliminando l’impiego di sostanze chimiche tossiche, che compromettono
il riuso, e punta alla eliminazione dei rifiuti attraverso un migliore design
di materiali, prodotti, sistemi e, tra questi, dei modelli di business”
Towards a Circular Economy, Ellen McArthur Foundation, 2012
Gruppo Waste Italia: il player quotato che opera sul mercato nazionale e internazionale con una visione di economia circo-
lare. Coordinando nel concetto di Comunità a Impatto Zero (Net Zero Communities) tutti gli ambiti di intervento essenziali
alla realizzazione compiuta della sostenibilità a livello locale, il Gruppo Waste Italia opera secondo un approccio fortemente
innovativo. L’obiettivo “rifiuti zero” per il Gruppo non è solo un’idea utopistica a cui ispirarsi, ma una realtà tecnologica e sociale in
grado di dare forza e competitività all’economia nazionale.
Una capacità d’innovazione dalle solide radici
Rinnovato a seguito della ristrutturazione dell’assetto societario che ha consentito una divisione razionale delle due aree di bu-
siness (ambiente ed energie), il nuovo Gruppo Waste Italia, quotato sul segmento MTA di Borsa, concentra sotto sé le attività
del settore della gestione dei rifiuti prevalentemente industriali.
Il nuovo assetto del Gruppo trova le sue fondamenta nella comprovata esperienza nell’ambito dei servizi ambientali che ne
hanno caratterizzato la storia. Il core business comprende realtà attive nella gestione integrata dei rifiuti prevalentemente in-
dustriali non pericolosi, pericolosi (solo in modo parziale) e urbani, finalizzata al recupero dei materiali, affiancando le Aziende
a ridurre e valorizzare i loro scarti, reimpiegandoli ove possibile nel ciclo produttivo, verso obiettivi “Rifiuti zero” .
Un progetto industriale che guarda al futuro
In coerenza alla visione imprenditoriale da cui trae origine, il Gruppo Waste Italia si propone come polo aggregatore di nuove
idee per valorizzarle come ingredienti di un progetto industriale unitario, responsabile anche verso le generazioni future.
Per promuovere la consapevolezza nell’uso delle risorse da parte delle comunità e dei singoli soggetti privati o aziendali, il
Gruppo è attivo anche in attività educative e formative che rappresentano un punto fondamentale del proprio programma di
Responsabilità Sociale d’Impresa, per ottimizzare ulteriormente l’efficacia delle soluzioni offerte.
SCOPRI DI PIÙ SU
www.gruppowasteitalia.it
5
6
GRUPPO WASTE ITALIA
Unanuovaideadiimpresa
Mission: Net Zero Community
L’obiettivo è quello di declinare le attività ambientali in maniera integrata, ispirandosi al concetto di sostenibilità grazie a una
forte capacità di coniugare un illuminato spirito imprenditoriale con una solida organizzazione manageriale. Un concetto
d’impresa ambizioso e allo stesso tempo concreto che il Gruppo chiama “environmentality” fondato sull’innovazione e la
ricerca, strettamente applicate al business; lo scouting di idee vincenti e aggregazione di realtà sul territorio; la clean&green
economy, attraverso la fornitura di servizi/infrastrutture a favore della sostenibilità ambientale, nel pieno rispetto delle regole,
in grado di generare Valore in modo continuativo.
Vision: precorrere il futuro per viverlo da protagonisti
Fornire soluzioni concrete ai problemi ambientali e orientare un nuovo modello di sviluppo sostenibile in grado di liberare
la società dai costi dell’inefficienza. Il Gruppo si propone nel diventare un key player che aiuti il settore verso il futuro in
Italia e all’estero. Per dare corpo a questa vision serve la capacità di tracciare prospettive ampie, raggiungibili grazie alle
caratteristiche che contraddistinguono da sempre la Società:
•	 resilienza: un nucleo coeso di persone che sappia affrontare il mutare delle condizioni interne ed esterne senza
compromettere le proprie caratteristiche e i propri valori;
•	 durevolezza: un modello industriale che valorizza quanto tracciato dai fondatori ma capace di guardare al futuro
senza perdere di vista le sfide quotidiane;
•	 leadership; non determinata dalla dimensione, ma dalla qualità dei progetti e della loro attuazione, per costituire un
punto di riferimento per gli stakeholders e una proficua opportunità di investimento per il mercato dei capitali.
Valori: etica, trasparenza, affidabilità, eccellenza
I valori fondanti, oltre alla sostenibilità ambientale che è il cuore dell’attività, sono l’onestà, la correttezza, la traspa-
renza, la responsabilità, l’impegno morale e professionale e lo spirito di squadra.
Questi principi sono alla base di ogni nostra azione e caratterizzano le relazioni dell’Azienda verso il personale, i terzi e l’am-
biente in cui si trova a operare.
“La green economy non è più
soltanto una svolta “ecologica” dell’economia,
ma è anche, e soprattutto,
la sfida più innovativa e competitiva
dei prossimi decenni”
Pietro Colucci
SCOPRI DI PIÙ SU
www.gruppowasteitalia.it
7
8
Per concretizzare l’idea di Economia Circolare, il Gruppo ritiene necessario creare un sistema di cooperazione virtuosa tra i
vari attori sociali: cittadini, istituzioni e imprese, perché il futuro è responsabilità di tutti: di chi produce i rifiuti e di chi li deve
gestire in modo responsabile. Il linguaggio associato alla gestione dei rifiuti deve comprendere termini come risorse e non
costi, innovazione (nella raccolta, nel trattamento, come nell’industria di riciclo e nella manifattura) al posto di inefficienza.
Per questo motivo la Responsabilità Sociale d’Impresa è una parte integrante del percorso decisionale che presiede alle scelte
strategiche di gestione del business del Gruppo.
Le performance ambientali, economiche e sociali connesse alle attività svolte dal gruppo, così come il dialogo e il confronto
continuo con gli stakeholder, rivestono un’importanza fondamentale nella Vision imprenditoriale. Il Bilancio di Sostenibilità
è stato negli anni lo strumento principale per rendere conto non solo degli aspetti di carattere economico, ma anche degli ef-
fetti che le attività svolte da ogni società del Gruppo producono sull’ambiente e sul tessuto sociale. Dal 2016 si è deciso di unire
il Bilancio economico e quello di sostenibilità, redigendoli in un’unica versione, il Bilancio integrato. La decisione è la prova
concreta della sempre più coesa relazione tra il core business e la politica di Responsabilità Sociale dell’azienda.
Nel corso degli anni il Gruppo si è sempre differenziato per la proposta di attività formative a tutela del territorio, attraverso
la divulgazione, tramite formazione frontale e sugli impianti, delle tematiche ambientali promuovendo iniziative di sensibi-
lizzazione come per esempio, le Ecoteche, aree dedicate alla “cultura ambientale” all’interno di sedi bibliotecarie comunali o
ancora organizzando lezioni e spettacoli teatrali destinati ai bambini tramite il Progetto Scuole.
In ambito sociale, il Gruppo è costantemente coinvolto in progetti per lo sviluppo delle risorse umane interne e fornisce soste-
gno a progetti specifici sul territorio, per esempio il Progetto GSE Energie per il sociale – grazie al quale sono stati donati un
impianto fotovoltaico e uno termico a una onlus milanese che assiste ragazze disagiate.
Nel 2013 è iniziato il percorso di certificazione della Responsabilità Sociale delle società che compongono il Gruppo, comin-
ciando dalla holding Gruppo Waste Italia S.p.A (già Kinexia). Ottenendo la Certificazione SR10 di IQNet, l’Azienda è stata la
prima società italiana quotata in Borsa a veder riconosciuto da un ente internazionale il proprio impegno nella Responsabilità
Sociale d’Impresa.
GRUPPO WASTE ITALIA
L’eticacomevaloretrasversale
“Io sono una parte di tutto ciò che ho incontrato”
A.Tennyson
SCOPRI DI PIÙ SU
www.gruppowasteitalia.it
9
10
GRUPPO WASTE ITALIA
Unastoriainiziataduesecolifa
1824	
Schiapparelli Spa è tra le prime aziende quotate in Borsa. Nel corso degli anni la società differenzia il business aziendale dal far-
maceutico alla cosmesi/nutrizionale.
2008	
Pietro Colucci rileva Schiapparelli Spa tramite Allea S.p.A. e avvia la conversione del business verso le energie rinnovabili, rino-
minando la società come Kinexia Spa
2011	
Nasce la Holding Sostenya di cui Kinexia fa parte insieme a Waste Italia, dando vita al primo gruppo industriale integrato negli
ambiti delle energie rinnovabili e dell’ambiente.
2012	
Viene lanciata la nuova strategia incentrata sull’apertura al settore ambientale e all’internazionalizzazione.
2013	
Nascono la controllata Innovatec Spa nel settore dell’efficienza energetica, quotata al Mercato AIM di Borsa Italiana, e Kinexia
Renewable Energy LLC con sede negli Emirati Arabi.
2014	
Dalla fusione tra Kinexia Spa e Sostenya nasce una nuova aggregazione che assume la denominazione di Gruppo Kinexia. Com-
prende tra le sue controllate anche il settore ambientale con Waste Italia come capofila.
Apertura della sede a Londra come punto strategico per le relazioni internazionali.
2015	
Kinexia Spa diventa Gruppo Waste Italia Spa a seguito di una ristrutturazione dell’assetto societario che consente la divisione
razionale delle due aree di business (energie e ambiente). La quotata Gruppo Waste Italia Spa concentra quindi sotto di sé tutte
le attività del settore ambientale. Il settore energie rinnovabili è stato invece conferito in Innovatec Spa, già attiva nel settore
dell’efficienza energetica.
2016	
Dal 1° gennaio avviene la fusione della già controllata Geotea SpA (leader della gestione dei rifiuti in Liguria) con Waste Italia SpA.
“Non c’è vento a favore per il marinaio
che non sa dove andare”
Seneca
SCOPRI DI PIÙ SU
www.gruppowasteitalia.it
11
12
GRUPPO WASTE ITALIA
Assettosocietario
Primus
Management Srl
3,01%
Edizioni Ambiente Srl
16%
SUN RT 02 Srl
100%
Kinexia Renewable
Energy LLC
49%
Ecoema Srl
90%**
Sei Energia Spa
74,77%
Waste Italia
Partecipazioni Srl
91,37%
Waste Italia
Holding Spa
96,4%
Waste Italia Spa
100%
Waste to Water Srl
100%
Ecoadda Srl
in liquidazione
76%
SMC Spa
100%
Seta
48,85%
KM Verde Srl
100%
Verde Imagna Srl
100%
Faeco Srl
100%
Ecosavona Srl
70%
Ambiente 2.0
Consorzio stabile scarl
1%
Farthan
società consortile a.r.l.
10%
ASGA Spa
49%
Nove Spa
49%
Servizi
Energetici
Innovativi Srl
100%
E-Vento Cirò Srl
100%
IGM Srl
100%
Castelvetrano
Windpower Srl
100%
Bioenergie Italia Srl
Società Agricola
100%
ER Società Agricola
ARL
100%
Sassari Biogas Srl
Società Agricola
80%
K&T Ambiente Srl
50%
Bensi 3 Srl
100%
Innovatec Spa
17,47%*
Gruppo Waste Italia Spa
Sostenya Group PLC
* the 27,81% is owned by Sostenya Group PLC
** the remaining 10% is owned by Sun RT 02 S.r.l.
Il Gruppo Waste Italia,
è una società attivita
nel settore ambientale
quotata nel segmento MTA
della Borsa di Milano.
Il partecipogramma è sensibile a variazioni.
Vi consigliamo di consultare il sito del Gruppo
per informazioni sempre aggiornate.
SCOPRI DI PIÙ SU
www.gruppowasteitalia.it
13
14
GRUPPO WASTE ITALIA
L’uomoalserviziodell’ambiente
Il Gruppo Waste Italia ha come principale società operativa Waste Italia SpA, società attiva nella gestione dei rifiuti
industriali, che vanta una decennale storia di successo come leader privato nel settore.
L’azienda gestisce ogni fase della filiera dei rifiuti fornendo servizi personalizzati per la raccolta, il trasporto, la selezione, il trat-
tamento e il recupero dei materiali di scarto derivanti dalle attività industriali e commerciali, in tutti i settori merceologici, tra
cui l’alimentare, la GDO, il manifatturiero, la logistica, etc.
Waste Italia assiste circa 3.100 clienti tra aziende grandi, medie e piccole accomunate dalla necessità di trovare risposte affi-
dabili alle proprie esigenze nella corretta gestione dei rifiuti con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale grazie al progressivo
incremento delle quantità di materiali recuperati. Le informazioni di ritorno sui risultati del recupero e sui risparmi conseguiti
vengono condivisi con il cliente per assicurare la tracciabilità dei materiali di scarto.
I plus del servizio
•	 Copertura completa della filiera dalla progettazione e raccolta allo smaltimento finale
•	 Ampia e integrata gamma dei servizi offerti
•	 Consulenza di una rete commerciale altamente specializzata
•	 Personalizzazione del servizio
•	 Presenza su tutto il territorio nazionale, grazie ad una rete di partner certificati (Waste Way Project)
•	 Fidelizzazione attraverso il monitoraggio della soddisfazione del cliente
Certificazioni di qualità
Il sistema integrato di gestione qualità e ambiente secondo gli standard internazionali è certificato UNI EN ISO 9001 e UNI EN
ISO14001.
“La terra è un solo paese.
Siamo onde dello stesso mare
Foglie dello stesso albero
Fiori dello stesso giardino”
Seneca
SCOPRI DI PIÙ SU
www.wasteitalia.it
GRUPPO
16
GRUPPO WASTE ITALIA
Quandoilrifiutodiventavalore
Il Gruppo Waste Italia, tramite le sue controllate, è al servizio del mondo produttivo per assistere le imprese
nella gestione integrata dei rifiuti industriali.
Waste Italia Spa, la principale controllata del Gruppo, rappresenta infatti l’unico player privato italiano che garan-
tisce una copertura completa della filiera a cui accompagna servizi ancilliari di consulenza in materia di ambiente e
sicurezza. La valorizzazione dei materiali, tramite il riciclo o il recupero e il successivo riutilizzo nelle attività econo-
miche come Materia Prima Secondaria (MPS), rappresenta il principio cardine che unisce ogni attività del Gruppo.
Il combustibile ricavato dai rifiuti è riconosciuto come fonte di energia rinnovabile anche dal protocollo di Kyoto in
quanto capace di contribuire alla riduzione dei gas serra.
Perseguendo l’obiettivo Zero Rifiuti, il Gruppo si ispira nel concreto ai contenuti del VI° Programma del Quadro Europeo:
i rifiuti devono essere trattati in siti il più possibile vicini al luogo di produzione, reimmessi nel ciclo economico e smaltiti con
modalità sicure solo se non altrimenti valorizzabili.
Obiettivo Waste End
L’obiettivo Waste End - rifiuti zero - per Waste Italia non è solo un’idea utopistica a cui ispirarsi, ma una realtà tec-
nologica e sociale in grado di dare forza e competitività all’economia nazionale.
Il mondo dei rifiuti deve essere considerato come un settore di opportunità, per l’ambiente e per il territorio così
come per la competitività delle imprese (sempre affamate di materie prime) e per la capacità innovativa del sistema
industriale. Una vera e propria rivoluzione che porterà con sé nuova occupazione e rilancio industriale.
“Non ereditiamo la terra dai nostri antenati,
la prendiamo in prestito dai nostri figli.”
Proverbio Masai
SCOPRI DI PIÙ SU
www.wasteitalia.it
18
Piùdiunprogetto,unimpegnoconcretoperlacollettività
Grazie al network Waste Way Project (WWP), i servizi ambientali e la loro gestione ottimale in un assoluto rispetto
delle regole sono garantiti al cliente, in qualsiasi zona d’Italia.
L’iniziativa, fortemente voluta dal nostro Gruppo e nata dall’unione di alcune delle principali aziende italiane operanti
nel settore della gestione dei rifiuti industriali, ha lo scopo di ridurre l’impatto ambientale e migliorare la qualità del
servizio erogato e il grado di soddisfacimento dei clienti, promuovendo un modello di eccellenza aziendale fondato
sul rispetto delle procedure, sulla costante innovazione e definizione di standard omogenei di servizio.
Un network qualificato
L’impegno che il network assume nei confronti della collettività si concretizza nel rispetto di una serie di requisiti
indispensabili:
•	 sistema di aziende controllato capace di operare in modo integrato;
•	 rapporto di partnership basato sulla condivisione degli obiettivi, per raggiungere risultati durevoli;
•	 servizio personalizzato e una elevata attenzione verso le esigenze di tutti i livelli e le funzioni aziendali;
•	 raggiungimento di standard qualitativi omogenei e certificati;
•	 ruolo imprescindibile di ricerca e innovazione.
Con WWP è garantita la copertura diretta delle maggiori aree industriali e urbane d’Italia. Tutte le aziende del network
hanno superato un processo di prequalifica documentale e audit dell’organizzazione di sistema e di servizio. L’obiet-
tivo è offrire ai clienti la certezza di un partner credibile e qualificato.
GRUPPO WASTE ITALIA
WasteWayProject
“Al saggio tutta la Terra é aperta,
perché patria di un’anima bella
è il mondo intero. ”
Democrito
SCOPRI DI PIÙ SU
www.wasteitalia.it
Gruppo Waste Italia spa
Sede legale
Via Giovanni Bensi 12/3 20152 MILANO Tel +39 02 87211700 Mail segreteria@gruppowi.it
Sede di Londra
2nd Floor 44 Welbeck street LONDON W1G 8DY Phone +44 (0) 20 33 93 93 93 - E-mail info@sostenya.co.uk
Investor Relator
Raffaele Vanni Tel +39 02 87211700 Mail investorrelator @gruppowi.it
Press Office
Alberto Murer Mobile +39 334 6086216 Mail ufficiostampa @gruppowi.it
Certificated e-mail: gruppowi@legalmail.it
www.gruppowasteitalia.it
keepintouch
www.gruppowasteitalia.it

Weitere ähnliche Inhalte

Was ist angesagt?

T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia Circolare
T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia CircolareT. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia Circolare
T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia CircolareCamera di Commercio di Pisa
 
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019EmiliAmbiente SpA
 
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca Mei
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca MeiOpinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca Mei
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca MeiRadiciGroup
 
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaid
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaidLdb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaid
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaidlaboratoridalbasso
 
Gli strumenti della circular economy
Gli strumenti della circular economyGli strumenti della circular economy
Gli strumenti della circular economypaolo azzurro
 
Processi di rigenerazione urbana
Processi di rigenerazione urbana Processi di rigenerazione urbana
Processi di rigenerazione urbana RENA
 
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018EmiliAmbiente SpA
 
Testimonianza di Paolo Venturi
Testimonianza di Paolo VenturiTestimonianza di Paolo Venturi
Testimonianza di Paolo Venturilaboratoridalbasso
 
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...Alessandra Antonini
 
Ldb FlashForward Sancassiani ricerca stakeholder-engagement
Ldb FlashForward Sancassiani   ricerca stakeholder-engagementLdb FlashForward Sancassiani   ricerca stakeholder-engagement
Ldb FlashForward Sancassiani ricerca stakeholder-engagementlaboratoridalbasso
 
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)ideaTRE60
 

Was ist angesagt? (12)

Aise presentazione
Aise presentazioneAise presentazione
Aise presentazione
 
T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia Circolare
T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia CircolareT. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia Circolare
T. Daddi - F. Iannone La Simbiosi Industriale: realizzare l'Economia Circolare
 
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2019
 
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca Mei
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca MeiOpinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca Mei
Opinioni a confronto - L’importanza di essere “green” a cura di Luca Mei
 
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaid
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaidLdb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaid
Ldb FlashForward Marchese Daelli codice etico-actionaid
 
Gli strumenti della circular economy
Gli strumenti della circular economyGli strumenti della circular economy
Gli strumenti della circular economy
 
Processi di rigenerazione urbana
Processi di rigenerazione urbana Processi di rigenerazione urbana
Processi di rigenerazione urbana
 
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018
EmiliAmbiente: il Bilancio di Sostenibilità 2018
 
Testimonianza di Paolo Venturi
Testimonianza di Paolo VenturiTestimonianza di Paolo Venturi
Testimonianza di Paolo Venturi
 
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...
Prospettive e opportunità di mercato per le imprese nel settore dell'edilizia...
 
Ldb FlashForward Sancassiani ricerca stakeholder-engagement
Ldb FlashForward Sancassiani   ricerca stakeholder-engagementLdb FlashForward Sancassiani   ricerca stakeholder-engagement
Ldb FlashForward Sancassiani ricerca stakeholder-engagement
 
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)
Giampaolo Azzoni, Responsabilità Sociale d'Impresa (tesi di dottorato)
 

Andere mochten auch

Kinexia: la visione di un'economia circolare
Kinexia: la visione di un'economia circolareKinexia: la visione di un'economia circolare
Kinexia: la visione di un'economia circolarePietro Colucci
 
Innovatec: Offerta Corporate
Innovatec: Offerta CorporateInnovatec: Offerta Corporate
Innovatec: Offerta CorporatePietro Colucci
 
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"Pietro Colucci
 
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazione
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazioneKinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazione
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazionePietro Colucci
 
Innovatec: Offerte Casa
Innovatec: Offerte CasaInnovatec: Offerte Casa
Innovatec: Offerte CasaPietro Colucci
 
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day Pietro Colucci
 
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMART
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMARTLa controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMART
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMARTPietro Colucci
 
Ultima presentazione CAMPARI
Ultima presentazione CAMPARIUltima presentazione CAMPARI
Ultima presentazione CAMPARIAlice Mazzera
 

Andere mochten auch (11)

Kinexia: la visione di un'economia circolare
Kinexia: la visione di un'economia circolareKinexia: la visione di un'economia circolare
Kinexia: la visione di un'economia circolare
 
Innovatec: Offerta Corporate
Innovatec: Offerta CorporateInnovatec: Offerta Corporate
Innovatec: Offerta Corporate
 
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"
Pietro Colucci: "Il manager e l'imprenditore, un rapporto da riqualificare?"
 
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazione
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazioneKinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazione
Kinexia: storia, struttura, principi e internazionalizzazione
 
Innovatec: Offerte Casa
Innovatec: Offerte CasaInnovatec: Offerte Casa
Innovatec: Offerte Casa
 
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day
Pietro Colucci - Presentazione Kinexia - Lugano Small & Mid Cap Investor Day
 
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMART
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMARTLa controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMART
La controllata di Pietro Colucci, Innovatec e il progetto SMART
 
Ultima presentazione CAMPARI
Ultima presentazione CAMPARIUltima presentazione CAMPARI
Ultima presentazione CAMPARI
 
Presentazione Campari Group
Presentazione  Campari GroupPresentazione  Campari Group
Presentazione Campari Group
 
Nel mulino che vorrei
Nel mulino che vorreiNel mulino che vorrei
Nel mulino che vorrei
 
CORPORATE STRATEGY FERRERO
CORPORATE STRATEGY FERREROCORPORATE STRATEGY FERRERO
CORPORATE STRATEGY FERRERO
 

Ähnlich wie Pietro Colucci - Brochure Gruppo Waste Italia

POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLARE
POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLAREPOSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLARE
POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLAREAccenture Italia
 
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia? Analisi dei risultati emer...
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia?  Analisi dei risultati emer...“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia?  Analisi dei risultati emer...
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia? Analisi dei risultati emer...FaberLab
 
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEO
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEOGiovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEO
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEOOfficinae Verdi Spa
 
News Ga36 05 04 2011
News Ga36 05 04 2011News Ga36 05 04 2011
News Ga36 05 04 2011Mario Iesari
 
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015NeXt Nuova Economia per Tutti
 
Guida a Città Sostenibile 2011
Guida a Città Sostenibile 2011Guida a Città Sostenibile 2011
Guida a Città Sostenibile 2011eAmbiente
 
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivo
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivoLa Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivo
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivoISTUD Business School
 
News Ga29 21 12 2010
News Ga29 21 12 2010News Ga29 21 12 2010
News Ga29 21 12 2010Mario Iesari
 
GREEN MOVING N°3 - La nuova era della Responsabilità Sociale d'Impresa
GREEN MOVING N°3  - La nuova era della Responsabilità Sociale d'ImpresaGREEN MOVING N°3  - La nuova era della Responsabilità Sociale d'Impresa
GREEN MOVING N°3 - La nuova era della Responsabilità Sociale d'ImpresaKairos Rainbow Srl
 
Ance_Gallesio_24052011
Ance_Gallesio_24052011Ance_Gallesio_24052011
Ance_Gallesio_24052011Rèdais
 
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANE
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANEGREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANE
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANEGabriele Micozzi
 
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park Torino
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park TorinoBilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park Torino
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park TorinoQuotidiano Piemontese
 
Green economy come opportunità - al Convegno "Green Technologies" del proget...
Green economy come opportunità -  al Convegno "Green Technologies" del proget...Green economy come opportunità -  al Convegno "Green Technologies" del proget...
Green economy come opportunità - al Convegno "Green Technologies" del proget...Alessandra Antonini
 
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...Italeaf S.p.A.
 
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018Coopfond
 

Ähnlich wie Pietro Colucci - Brochure Gruppo Waste Italia (20)

POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLARE
POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLAREPOSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLARE
POSITION PAPER PER L’ECONOMIA CIRCOLARE
 
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia? Analisi dei risultati emer...
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia?  Analisi dei risultati emer...“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia?  Analisi dei risultati emer...
“Economia Circolare: a che punto siamo in Italia? Analisi dei risultati emer...
 
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEO
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEOGiovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEO
Giovanni Tordi, Officinæ Verdi Co-Founder & CEO
 
News Ga36 05 04 2011
News Ga36 05 04 2011News Ga36 05 04 2011
News Ga36 05 04 2011
 
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015
#1 laboratorio Prepararsi al Futuro Napoli - 5 novembre 2015
 
Ldb FlashForward Pizzocchero
Ldb FlashForward Pizzocchero Ldb FlashForward Pizzocchero
Ldb FlashForward Pizzocchero
 
Alpstar_revisionato_rev
Alpstar_revisionato_revAlpstar_revisionato_rev
Alpstar_revisionato_rev
 
Guida a Città Sostenibile 2011
Guida a Città Sostenibile 2011Guida a Città Sostenibile 2011
Guida a Città Sostenibile 2011
 
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivo
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivoLa Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivo
La Sostenibilità Ambientale come fonte di vantaggio competitivo
 
News Ga29 21 12 2010
News Ga29 21 12 2010News Ga29 21 12 2010
News Ga29 21 12 2010
 
GREEN MOVING N°3 - La nuova era della Responsabilità Sociale d'Impresa
GREEN MOVING N°3  - La nuova era della Responsabilità Sociale d'ImpresaGREEN MOVING N°3  - La nuova era della Responsabilità Sociale d'Impresa
GREEN MOVING N°3 - La nuova era della Responsabilità Sociale d'Impresa
 
Raffaele tognacca
Raffaele tognaccaRaffaele tognacca
Raffaele tognacca
 
Ciardiello.pdf
Ciardiello.pdfCiardiello.pdf
Ciardiello.pdf
 
Ance_Gallesio_24052011
Ance_Gallesio_24052011Ance_Gallesio_24052011
Ance_Gallesio_24052011
 
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANE
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANEGREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANE
GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE ARTIGIANE
 
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park Torino
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park TorinoBilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park Torino
Bilancio di mandato 2014 2016 Enviroment Park Torino
 
Green economy come opportunità - al Convegno "Green Technologies" del proget...
Green economy come opportunità -  al Convegno "Green Technologies" del proget...Green economy come opportunità -  al Convegno "Green Technologies" del proget...
Green economy come opportunità - al Convegno "Green Technologies" del proget...
 
La parola alle Professioni - Gabriele Testa e Giulio Sgarbanti
La parola alle Professioni - Gabriele Testa e Giulio SgarbantiLa parola alle Professioni - Gabriele Testa e Giulio Sgarbanti
La parola alle Professioni - Gabriele Testa e Giulio Sgarbanti
 
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...
Osservatorio VedoGreen: risultati della survey su investitori istituzionali e...
 
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018
Contenuti e Visioni dal Meeting Nazionale Coopstartup 2018
 

Pietro Colucci - Brochure Gruppo Waste Italia

  • 1.
  • 3. “Un vero viaggio di scoperta non parte dal trovare nuove terre, ma dall’avere nuovi occhi” Marcel Proust
  • 4.
  • 5. Pietro Colucci, il volto imprenditoriale della Green Economy 2 Economia circolare per comunità a impatto zero 4 Una nuova idea d’impresa 6 L’etica come valore trasversale 8 Una storia che ha avuto inizio due secoli fa 10 Assetto societario 12 Quando l’uomo è al servizio dell’ambiente 14 Quando il rifiuto diventa valore 16 Waste Way Project: più di un progetto, un impegno concreto per la collettività 18 GRUPPO WASTE ITALIA Indicedeicontenuti 1
  • 6. 2 GRUPPO WASTE ITALIA PietroColucci “... Se vogliamo aumentare la competitività del nostro sistema industriale e reggere la concorrenza delle economie emer- genti, il nostro paese ha bisogno, ora più che mai, di riforme economiche significative che promuovano innovazione dei processi produttivi, differenziazioni verso nuovi prodotti e servizi, e la conversione di produzioni ormai obsolete. È proprio in questo contesto che si è inserita la green economy, come risposta, ovviamente ancora parziale, proprio a queste esigenze di innovazione, di conversione e di rilancio di un sistema industriale che segna il passo e che va ripensato prendendocomeriferimentoundiversomodellodisviluppo,cheapparenonsolopiùsostenibilesulpianoambientale,ma in molti casi anche più profittevole...” Pietro Colucci - Vento a favore, Edizoni Ambiente 2011 Pietro Colucci, Presidente e Amministratore delegato del Gruppo Waste Italia, è una figura di riferimento nel settore della Green Economy, non soltanto da un punto di vista imprenditoriale e manageriale, ma anche programmatico. Sono molte le iniziative a cui ha preso parte per portare il proprio spirito innovatore e green nell’economia italiana. Assieme a Edo Ronchi, ex Ministro dell’Ambiente della Repubblica italiana, Pietro Colucci è l’autore del libro “Vento a favore” (pubblicato nel 2011), realizzato sotto forma di intervista ragionata e confronto tra due protagonisti di primo pianodi primo piano sulla scena politica e imprenditoriale nazionale, che da anni si misurano con le difficoltà del nostro Paese nell’affrontare in maniera seria e sistematica l’agendaambientale.Ladichiaratasperanzadellapubblicazioneèquelladicontribuireamodificareilcostumenazionaledell’incomu- nicabilità tra schieramenti politici, in particolare rispetto all’ambiente. Dalla collaborazione con Ronchi scaturisce inoltre la costituzione della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Italia, nata nel 2008 con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo della green economy in Italia. Nel 2012, ancora assieme a Edo Ronchi e l’allora Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, Pietro Colucci è co-promotore degli Stati Ge- neralidellaGreenEconomy,affermatiormaicomeappuntamentoannualeperilsettoredellagreeneconomyecapacidirichiamare, nelle ultime edizioni, più di 2.000 stakeholder. PietroColuccièinoltreunodeimaggiorisostenitoridiunfuturoarifiutizero(WasteEnd),promuovendoleteoriedell’EconomiaCirco- lareeconcretizzandoleinunprogettoavveniristico,WastEnd,l’officinadelfuturo,cheprevedelarealizzazionediunpolodelriciclo in provincia di Torino in cui i materiali di scarto, vengono valorizzati restituendo loro una nuova vita. SCOPRI DI PIÙ SU www.pietrocolucci.it
  • 7. 3 Se sono le idee e le visioni a individuare nuove strade per cambiare il mondo, è l’economia lo strumento che le rende percorribili Pietro Colucci
  • 8. 4 GRUPPO WASTE ITALIA Economiacircolarepercomunitàaimpattozero “L’economia circolare si sposta verso l’uso delle energie rinnovabili, eliminando l’impiego di sostanze chimiche tossiche, che compromettono il riuso, e punta alla eliminazione dei rifiuti attraverso un migliore design di materiali, prodotti, sistemi e, tra questi, dei modelli di business” Towards a Circular Economy, Ellen McArthur Foundation, 2012 Gruppo Waste Italia: il player quotato che opera sul mercato nazionale e internazionale con una visione di economia circo- lare. Coordinando nel concetto di Comunità a Impatto Zero (Net Zero Communities) tutti gli ambiti di intervento essenziali alla realizzazione compiuta della sostenibilità a livello locale, il Gruppo Waste Italia opera secondo un approccio fortemente innovativo. L’obiettivo “rifiuti zero” per il Gruppo non è solo un’idea utopistica a cui ispirarsi, ma una realtà tecnologica e sociale in grado di dare forza e competitività all’economia nazionale. Una capacità d’innovazione dalle solide radici Rinnovato a seguito della ristrutturazione dell’assetto societario che ha consentito una divisione razionale delle due aree di bu- siness (ambiente ed energie), il nuovo Gruppo Waste Italia, quotato sul segmento MTA di Borsa, concentra sotto sé le attività del settore della gestione dei rifiuti prevalentemente industriali. Il nuovo assetto del Gruppo trova le sue fondamenta nella comprovata esperienza nell’ambito dei servizi ambientali che ne hanno caratterizzato la storia. Il core business comprende realtà attive nella gestione integrata dei rifiuti prevalentemente in- dustriali non pericolosi, pericolosi (solo in modo parziale) e urbani, finalizzata al recupero dei materiali, affiancando le Aziende a ridurre e valorizzare i loro scarti, reimpiegandoli ove possibile nel ciclo produttivo, verso obiettivi “Rifiuti zero” . Un progetto industriale che guarda al futuro In coerenza alla visione imprenditoriale da cui trae origine, il Gruppo Waste Italia si propone come polo aggregatore di nuove idee per valorizzarle come ingredienti di un progetto industriale unitario, responsabile anche verso le generazioni future. Per promuovere la consapevolezza nell’uso delle risorse da parte delle comunità e dei singoli soggetti privati o aziendali, il Gruppo è attivo anche in attività educative e formative che rappresentano un punto fondamentale del proprio programma di Responsabilità Sociale d’Impresa, per ottimizzare ulteriormente l’efficacia delle soluzioni offerte. SCOPRI DI PIÙ SU www.gruppowasteitalia.it
  • 9. 5
  • 10. 6 GRUPPO WASTE ITALIA Unanuovaideadiimpresa Mission: Net Zero Community L’obiettivo è quello di declinare le attività ambientali in maniera integrata, ispirandosi al concetto di sostenibilità grazie a una forte capacità di coniugare un illuminato spirito imprenditoriale con una solida organizzazione manageriale. Un concetto d’impresa ambizioso e allo stesso tempo concreto che il Gruppo chiama “environmentality” fondato sull’innovazione e la ricerca, strettamente applicate al business; lo scouting di idee vincenti e aggregazione di realtà sul territorio; la clean&green economy, attraverso la fornitura di servizi/infrastrutture a favore della sostenibilità ambientale, nel pieno rispetto delle regole, in grado di generare Valore in modo continuativo. Vision: precorrere il futuro per viverlo da protagonisti Fornire soluzioni concrete ai problemi ambientali e orientare un nuovo modello di sviluppo sostenibile in grado di liberare la società dai costi dell’inefficienza. Il Gruppo si propone nel diventare un key player che aiuti il settore verso il futuro in Italia e all’estero. Per dare corpo a questa vision serve la capacità di tracciare prospettive ampie, raggiungibili grazie alle caratteristiche che contraddistinguono da sempre la Società: • resilienza: un nucleo coeso di persone che sappia affrontare il mutare delle condizioni interne ed esterne senza compromettere le proprie caratteristiche e i propri valori; • durevolezza: un modello industriale che valorizza quanto tracciato dai fondatori ma capace di guardare al futuro senza perdere di vista le sfide quotidiane; • leadership; non determinata dalla dimensione, ma dalla qualità dei progetti e della loro attuazione, per costituire un punto di riferimento per gli stakeholders e una proficua opportunità di investimento per il mercato dei capitali. Valori: etica, trasparenza, affidabilità, eccellenza I valori fondanti, oltre alla sostenibilità ambientale che è il cuore dell’attività, sono l’onestà, la correttezza, la traspa- renza, la responsabilità, l’impegno morale e professionale e lo spirito di squadra. Questi principi sono alla base di ogni nostra azione e caratterizzano le relazioni dell’Azienda verso il personale, i terzi e l’am- biente in cui si trova a operare. “La green economy non è più soltanto una svolta “ecologica” dell’economia, ma è anche, e soprattutto, la sfida più innovativa e competitiva dei prossimi decenni” Pietro Colucci SCOPRI DI PIÙ SU www.gruppowasteitalia.it
  • 11. 7
  • 12. 8 Per concretizzare l’idea di Economia Circolare, il Gruppo ritiene necessario creare un sistema di cooperazione virtuosa tra i vari attori sociali: cittadini, istituzioni e imprese, perché il futuro è responsabilità di tutti: di chi produce i rifiuti e di chi li deve gestire in modo responsabile. Il linguaggio associato alla gestione dei rifiuti deve comprendere termini come risorse e non costi, innovazione (nella raccolta, nel trattamento, come nell’industria di riciclo e nella manifattura) al posto di inefficienza. Per questo motivo la Responsabilità Sociale d’Impresa è una parte integrante del percorso decisionale che presiede alle scelte strategiche di gestione del business del Gruppo. Le performance ambientali, economiche e sociali connesse alle attività svolte dal gruppo, così come il dialogo e il confronto continuo con gli stakeholder, rivestono un’importanza fondamentale nella Vision imprenditoriale. Il Bilancio di Sostenibilità è stato negli anni lo strumento principale per rendere conto non solo degli aspetti di carattere economico, ma anche degli ef- fetti che le attività svolte da ogni società del Gruppo producono sull’ambiente e sul tessuto sociale. Dal 2016 si è deciso di unire il Bilancio economico e quello di sostenibilità, redigendoli in un’unica versione, il Bilancio integrato. La decisione è la prova concreta della sempre più coesa relazione tra il core business e la politica di Responsabilità Sociale dell’azienda. Nel corso degli anni il Gruppo si è sempre differenziato per la proposta di attività formative a tutela del territorio, attraverso la divulgazione, tramite formazione frontale e sugli impianti, delle tematiche ambientali promuovendo iniziative di sensibi- lizzazione come per esempio, le Ecoteche, aree dedicate alla “cultura ambientale” all’interno di sedi bibliotecarie comunali o ancora organizzando lezioni e spettacoli teatrali destinati ai bambini tramite il Progetto Scuole. In ambito sociale, il Gruppo è costantemente coinvolto in progetti per lo sviluppo delle risorse umane interne e fornisce soste- gno a progetti specifici sul territorio, per esempio il Progetto GSE Energie per il sociale – grazie al quale sono stati donati un impianto fotovoltaico e uno termico a una onlus milanese che assiste ragazze disagiate. Nel 2013 è iniziato il percorso di certificazione della Responsabilità Sociale delle società che compongono il Gruppo, comin- ciando dalla holding Gruppo Waste Italia S.p.A (già Kinexia). Ottenendo la Certificazione SR10 di IQNet, l’Azienda è stata la prima società italiana quotata in Borsa a veder riconosciuto da un ente internazionale il proprio impegno nella Responsabilità Sociale d’Impresa. GRUPPO WASTE ITALIA L’eticacomevaloretrasversale “Io sono una parte di tutto ciò che ho incontrato” A.Tennyson SCOPRI DI PIÙ SU www.gruppowasteitalia.it
  • 13. 9
  • 14. 10 GRUPPO WASTE ITALIA Unastoriainiziataduesecolifa 1824 Schiapparelli Spa è tra le prime aziende quotate in Borsa. Nel corso degli anni la società differenzia il business aziendale dal far- maceutico alla cosmesi/nutrizionale. 2008 Pietro Colucci rileva Schiapparelli Spa tramite Allea S.p.A. e avvia la conversione del business verso le energie rinnovabili, rino- minando la società come Kinexia Spa 2011 Nasce la Holding Sostenya di cui Kinexia fa parte insieme a Waste Italia, dando vita al primo gruppo industriale integrato negli ambiti delle energie rinnovabili e dell’ambiente. 2012 Viene lanciata la nuova strategia incentrata sull’apertura al settore ambientale e all’internazionalizzazione. 2013 Nascono la controllata Innovatec Spa nel settore dell’efficienza energetica, quotata al Mercato AIM di Borsa Italiana, e Kinexia Renewable Energy LLC con sede negli Emirati Arabi. 2014 Dalla fusione tra Kinexia Spa e Sostenya nasce una nuova aggregazione che assume la denominazione di Gruppo Kinexia. Com- prende tra le sue controllate anche il settore ambientale con Waste Italia come capofila. Apertura della sede a Londra come punto strategico per le relazioni internazionali. 2015 Kinexia Spa diventa Gruppo Waste Italia Spa a seguito di una ristrutturazione dell’assetto societario che consente la divisione razionale delle due aree di business (energie e ambiente). La quotata Gruppo Waste Italia Spa concentra quindi sotto di sé tutte le attività del settore ambientale. Il settore energie rinnovabili è stato invece conferito in Innovatec Spa, già attiva nel settore dell’efficienza energetica. 2016 Dal 1° gennaio avviene la fusione della già controllata Geotea SpA (leader della gestione dei rifiuti in Liguria) con Waste Italia SpA. “Non c’è vento a favore per il marinaio che non sa dove andare” Seneca SCOPRI DI PIÙ SU www.gruppowasteitalia.it
  • 15. 11
  • 16. 12 GRUPPO WASTE ITALIA Assettosocietario Primus Management Srl 3,01% Edizioni Ambiente Srl 16% SUN RT 02 Srl 100% Kinexia Renewable Energy LLC 49% Ecoema Srl 90%** Sei Energia Spa 74,77% Waste Italia Partecipazioni Srl 91,37% Waste Italia Holding Spa 96,4% Waste Italia Spa 100% Waste to Water Srl 100% Ecoadda Srl in liquidazione 76% SMC Spa 100% Seta 48,85% KM Verde Srl 100% Verde Imagna Srl 100% Faeco Srl 100% Ecosavona Srl 70% Ambiente 2.0 Consorzio stabile scarl 1% Farthan società consortile a.r.l. 10% ASGA Spa 49% Nove Spa 49% Servizi Energetici Innovativi Srl 100% E-Vento Cirò Srl 100% IGM Srl 100% Castelvetrano Windpower Srl 100% Bioenergie Italia Srl Società Agricola 100% ER Società Agricola ARL 100% Sassari Biogas Srl Società Agricola 80% K&T Ambiente Srl 50% Bensi 3 Srl 100% Innovatec Spa 17,47%* Gruppo Waste Italia Spa Sostenya Group PLC * the 27,81% is owned by Sostenya Group PLC ** the remaining 10% is owned by Sun RT 02 S.r.l. Il Gruppo Waste Italia, è una società attivita nel settore ambientale quotata nel segmento MTA della Borsa di Milano. Il partecipogramma è sensibile a variazioni. Vi consigliamo di consultare il sito del Gruppo per informazioni sempre aggiornate. SCOPRI DI PIÙ SU www.gruppowasteitalia.it
  • 17. 13
  • 18. 14 GRUPPO WASTE ITALIA L’uomoalserviziodell’ambiente Il Gruppo Waste Italia ha come principale società operativa Waste Italia SpA, società attiva nella gestione dei rifiuti industriali, che vanta una decennale storia di successo come leader privato nel settore. L’azienda gestisce ogni fase della filiera dei rifiuti fornendo servizi personalizzati per la raccolta, il trasporto, la selezione, il trat- tamento e il recupero dei materiali di scarto derivanti dalle attività industriali e commerciali, in tutti i settori merceologici, tra cui l’alimentare, la GDO, il manifatturiero, la logistica, etc. Waste Italia assiste circa 3.100 clienti tra aziende grandi, medie e piccole accomunate dalla necessità di trovare risposte affi- dabili alle proprie esigenze nella corretta gestione dei rifiuti con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale grazie al progressivo incremento delle quantità di materiali recuperati. Le informazioni di ritorno sui risultati del recupero e sui risparmi conseguiti vengono condivisi con il cliente per assicurare la tracciabilità dei materiali di scarto. I plus del servizio • Copertura completa della filiera dalla progettazione e raccolta allo smaltimento finale • Ampia e integrata gamma dei servizi offerti • Consulenza di una rete commerciale altamente specializzata • Personalizzazione del servizio • Presenza su tutto il territorio nazionale, grazie ad una rete di partner certificati (Waste Way Project) • Fidelizzazione attraverso il monitoraggio della soddisfazione del cliente Certificazioni di qualità Il sistema integrato di gestione qualità e ambiente secondo gli standard internazionali è certificato UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO14001. “La terra è un solo paese. Siamo onde dello stesso mare Foglie dello stesso albero Fiori dello stesso giardino” Seneca SCOPRI DI PIÙ SU www.wasteitalia.it
  • 20. 16 GRUPPO WASTE ITALIA Quandoilrifiutodiventavalore Il Gruppo Waste Italia, tramite le sue controllate, è al servizio del mondo produttivo per assistere le imprese nella gestione integrata dei rifiuti industriali. Waste Italia Spa, la principale controllata del Gruppo, rappresenta infatti l’unico player privato italiano che garan- tisce una copertura completa della filiera a cui accompagna servizi ancilliari di consulenza in materia di ambiente e sicurezza. La valorizzazione dei materiali, tramite il riciclo o il recupero e il successivo riutilizzo nelle attività econo- miche come Materia Prima Secondaria (MPS), rappresenta il principio cardine che unisce ogni attività del Gruppo. Il combustibile ricavato dai rifiuti è riconosciuto come fonte di energia rinnovabile anche dal protocollo di Kyoto in quanto capace di contribuire alla riduzione dei gas serra. Perseguendo l’obiettivo Zero Rifiuti, il Gruppo si ispira nel concreto ai contenuti del VI° Programma del Quadro Europeo: i rifiuti devono essere trattati in siti il più possibile vicini al luogo di produzione, reimmessi nel ciclo economico e smaltiti con modalità sicure solo se non altrimenti valorizzabili. Obiettivo Waste End L’obiettivo Waste End - rifiuti zero - per Waste Italia non è solo un’idea utopistica a cui ispirarsi, ma una realtà tec- nologica e sociale in grado di dare forza e competitività all’economia nazionale. Il mondo dei rifiuti deve essere considerato come un settore di opportunità, per l’ambiente e per il territorio così come per la competitività delle imprese (sempre affamate di materie prime) e per la capacità innovativa del sistema industriale. Una vera e propria rivoluzione che porterà con sé nuova occupazione e rilancio industriale. “Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.” Proverbio Masai SCOPRI DI PIÙ SU www.wasteitalia.it
  • 21.
  • 22. 18 Piùdiunprogetto,unimpegnoconcretoperlacollettività Grazie al network Waste Way Project (WWP), i servizi ambientali e la loro gestione ottimale in un assoluto rispetto delle regole sono garantiti al cliente, in qualsiasi zona d’Italia. L’iniziativa, fortemente voluta dal nostro Gruppo e nata dall’unione di alcune delle principali aziende italiane operanti nel settore della gestione dei rifiuti industriali, ha lo scopo di ridurre l’impatto ambientale e migliorare la qualità del servizio erogato e il grado di soddisfacimento dei clienti, promuovendo un modello di eccellenza aziendale fondato sul rispetto delle procedure, sulla costante innovazione e definizione di standard omogenei di servizio. Un network qualificato L’impegno che il network assume nei confronti della collettività si concretizza nel rispetto di una serie di requisiti indispensabili: • sistema di aziende controllato capace di operare in modo integrato; • rapporto di partnership basato sulla condivisione degli obiettivi, per raggiungere risultati durevoli; • servizio personalizzato e una elevata attenzione verso le esigenze di tutti i livelli e le funzioni aziendali; • raggiungimento di standard qualitativi omogenei e certificati; • ruolo imprescindibile di ricerca e innovazione. Con WWP è garantita la copertura diretta delle maggiori aree industriali e urbane d’Italia. Tutte le aziende del network hanno superato un processo di prequalifica documentale e audit dell’organizzazione di sistema e di servizio. L’obiet- tivo è offrire ai clienti la certezza di un partner credibile e qualificato. GRUPPO WASTE ITALIA WasteWayProject “Al saggio tutta la Terra é aperta, perché patria di un’anima bella è il mondo intero. ” Democrito SCOPRI DI PIÙ SU www.wasteitalia.it
  • 23.
  • 24.
  • 25. Gruppo Waste Italia spa Sede legale Via Giovanni Bensi 12/3 20152 MILANO Tel +39 02 87211700 Mail segreteria@gruppowi.it Sede di Londra 2nd Floor 44 Welbeck street LONDON W1G 8DY Phone +44 (0) 20 33 93 93 93 - E-mail info@sostenya.co.uk Investor Relator Raffaele Vanni Tel +39 02 87211700 Mail investorrelator @gruppowi.it Press Office Alberto Murer Mobile +39 334 6086216 Mail ufficiostampa @gruppowi.it Certificated e-mail: gruppowi@legalmail.it www.gruppowasteitalia.it