Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.1 – progetto CNR EUROPE 2014
Klausenburger Straße 9 D-81677 - München
VIA GENOVA N...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.2 – progetto CNR EUROPE 2014
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.3 – progetto CNR EUROPE 2014
INDICE:
L’impresa e i suoi protagonisti 4
Ubicazione ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.4 – progetto CNR EUROPE 2014
L’impresa e i suoi protagonisti
La CNR group rapprese...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.5 – progetto CNR EUROPE 2014
Attualmente la ricerca è condotta da una equipe compo...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.6 – progetto CNR EUROPE 2014
       Presidente    
                               ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.7 – progetto CNR EUROPE 2014
I SOCI di CNR Europe GmbH
 Presidente :
Prof.	Robert...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.8 – progetto CNR EUROPE 2014
La struttura GENERALE Ubicazione
Sarà allestita una s...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.9 – progetto CNR EUROPE 2014
- Direzione e Uffici amministrativi
- Uffici dipartim...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.10 – progetto CNR EUROPE 2014
I FINANZIAMENTI EUROPEI ALLE IMPRESE
Il governo ital...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.11 – progetto CNR EUROPE 2014
riguardano i fondi strutturali di solito difficilmen...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.12 – progetto CNR EUROPE 2014
La programmazione conterrà altresì, all’interno di p...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.13 – progetto CNR EUROPE 2014
Le risorse del Fondo saranno erogate a tali soggetti...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.14 – progetto CNR EUROPE 2014
È stato attivato un fondo da 18 milioni di euro per ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.15 – progetto CNR EUROPE 2014
L’ISMEA favorisce in tutto il territorio nazionale i...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.16 – progetto CNR EUROPE 2014
FIABA ONLUS(Fondazione Italiana abbattimento barrier...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.17 – progetto CNR EUROPE 2014
per la Semplificazione
Ministero degli Affari Esteri...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.18 – progetto CNR EUROPE 2014
I servizi forniti dai brevetti
La convergenza della ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.19 – progetto CNR EUROPE 2014
consortile “Janna”. CNR EUROPE conta di attivare un ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.20 – progetto CNR EUROPE 2014
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.21 – progetto CNR EUROPE 2014
LE Università ON LINE (la Sapienza)
Nato dalla colla...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.22 – progetto CNR EUROPE 2014
chiudere il numero di iscrizione o distribuire equam...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.23 – progetto CNR EUROPE 2014
Nel settore della sorveglianza:
Il sottosistema di v...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.24 – progetto CNR EUROPE 2014
scelto da CNR EUROPE è molto semplice e si sintetizz...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.25 – progetto CNR EUROPE 2014
intrinsecamente una risorsa preziosa ed irripetibile...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.26 – progetto CNR EUROPE 2014
Studiato e formulato sulla base di percorsi innovati...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.27 – progetto CNR EUROPE 2014
 Avviare e sviluppare un processo di consapevolezza...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.28 – progetto CNR EUROPE 2014
Troppo spesso i genitori e gli insegnanti abbandonan...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.29 – progetto CNR EUROPE 2014
Durante il Corso, come dice il nome stesso, acquisir...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.30 – progetto CNR EUROPE 2014
 Le tecniche di apprendimento e i livelli di compet...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.31 – progetto CNR EUROPE 2014
 Gestire al meglio la professione e la professional...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.32 – progetto CNR EUROPE 2014
Le risorse finanziarie
Piano finanziario per la cope...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.33 – progetto CNR EUROPE 2014
Le strategie commerciali
Analisi SWOT
Punto di forza...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.34 – progetto CNR EUROPE 2014
Il budget viene articolato come segue:
Broadcast e F...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.35 – progetto CNR EUROPE 2014
colossi ci vedano come un nemico dei loro progetti e...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.36 – progetto CNR EUROPE 2014
Il raggiungimento di tali obiettivi, possibile grazi...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.37 – progetto CNR EUROPE 2014
avrà accesso a servizi televisivi attraverso apparat...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.38 – progetto CNR EUROPE 2014
La pubblicità sui mezzi sarà ridotta al minimo indis...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.39 – progetto CNR EUROPE 2014
Struttura e caratteristiche del sistema competitivo
...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.40 – progetto CNR EUROPE 2014
UNICITA DEL BREVETTO IN EUROPA
L’hosting proposto da...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.41 – progetto CNR EUROPE 2014
La videoconferenza e videoformazione o le DIRETTE LI...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.42 – progetto CNR EUROPE 2014
La piattaforma videostreaming
La piattaforma è lo st...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.43 – progetto CNR EUROPE 2014
Descrizione breve dei moduli della piattaforma
Il mo...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.44 – progetto CNR EUROPE 2014
servizi. Grazie a questa specifica soluzione, è poss...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.45 – progetto CNR EUROPE 2014
in movimento (quindi senza alcuna emissione di rumor...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.46 – progetto CNR EUROPE 2014
Una volta ricevuto l’allarme, il Centro di Gestione ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.47 – progetto CNR EUROPE 2014
Concludendo, non è da dimenticare la funzionalità (s...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.48 – progetto CNR EUROPE 2014
Hardware una tantum
2 Server per lo smistamento dei ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.49 – progetto CNR EUROPE 2014
Allegato
all’atto del notaio Dr. Wolfram Schneeweiß ...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.50 – progetto CNR EUROPE 2014
a) la sig.ra Paola Meloni una quota di partecipazion...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.51 – progetto CNR EUROPE 2014
Delibere dell‘assemblea della società
Le delibere de...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.52 – progetto CNR EUROPE 2014
Il recesso può essere dichiarato per lettera o ricev...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.53 – progetto CNR EUROPE 2014
nella persona del socio si verifichi un motivo impor...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.54 – progetto CNR EUROPE 2014
occulte o del valore dell’azienda. Per la determinaz...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.55 – progetto CNR EUROPE 2014
Repertorio Nr. 0873 / 2014 S
del 14.03.2014
atto: CN...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.56 – progetto CNR EUROPE 2014
4. Per il Sig. Francesco Missori,
nato il 10. gennai...
Progetto CNR Europe – Business Plan
Pag.57 – progetto CNR EUROPE 2014
II. Delibera sulla nomina dell‘amministratore
Rinunc...
Progettoeuropa
Progettoeuropa
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Progettoeuropa

293 Aufrufe

Veröffentlicht am

progetto europa

Veröffentlicht in: Ingenieurwesen
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Progettoeuropa

  1. 1. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.1 – progetto CNR EUROPE 2014 Klausenburger Straße 9 D-81677 - München VIA GENOVA N. 59/A – OLBIA VIA PADRE FILIPPINI 134 – ROMA VIA GIUDICE 39 – ANGRI (SA)
  2. 2. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.2 – progetto CNR EUROPE 2014
  3. 3. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.3 – progetto CNR EUROPE 2014 INDICE: L’impresa e i suoi protagonisti 4 Ubicazione – Struttura 5 I SOCI Sintesi iniziativa proposta 9 Finanziamenti Europei 10 Dipartimenti CNR Europe 13 ISMEA 15 FIABA ONLUS 18 Formazione 19 Università “La sapienza” 21 Coaching 24 Risorse Finanziarie 31 Strategie commerciali 32 Obiettivi di reddito 35 Mercato e concorrenza 36 Scenario tecnologico 39 Struttura Sistema 40 La Piattaforma Videostreaming 42 Sorveglianza territoriale 45 Proiezioni economico/finanziarie 47 INVESTIMENTI previsti 48
  4. 4. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.4 – progetto CNR EUROPE 2014 L’impresa e i suoi protagonisti La CNR group rappresenta la più avanzata società italiana di ricerca italiana nel campo di applicazioni broadcasting, codec, brevetti nel settore della videotelefonia cellulare. Nasce dall’ esperienza e dal genio del prof. Roberto Matutini e il supporto di alcuni ricercatori della divisione broadcasting del centro nazionale di ricerche. Il know-how acquisito ha permesso la nascita di questa azienda, il cui proposito è trovare soluzioni innovative alle problematiche legate alla ricetrasmissione dei dati audio-video LIVE, su reti a bassa velocità Dopo una ricerca di quattro anni la CNRgroup ha brevettato un sistema che permette un nuovo modo di concepire la comunicazione a distanza. La CNR EUROPE (di cui CNRgroup è socio) si divide in tre sezioni;  la sede Legale e finanziaria a Monaco (Germania);  la sede operativa ad Olbia nella quale vengono sviluppate le attività progettuali, di marketing e comunicazione,  la sede di Roma, atta allo sviluppo di nuove tecnologie.
  5. 5. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.5 – progetto CNR EUROPE 2014 Attualmente la ricerca è condotta da una equipe composta da quattro ingegneri e cinque programmatori e si concentra principalmente su:  ricerche nel campo della fisica sperimentale.  ricerche nel campo della matematica applicata ai calcoli vettoriali e matriciali per l’encoding, lo streaming e gli applet di decodifica.  ricerche di nuovi algoritmi di compressione digitale adibiti a trasmissioni su banda analogica telefonica fissa o mobile Gsm/Gprs.  creazione di nuovi applet adibiti all’utilizzo di streaming su piattaforme Java ME  utilizzo della telefonia cellulare per il controllo a distanza di ambienti, su piattaforme Java con immagini live.  realizzazione di nuovi streaming di compressione per la codifica di trasmissioni televisive, congressuali o scolastiche da proporre in diretta via internet su bande analogiche o a bassa velocità ma ad alta risoluzione (33K e 56k).  realizzazione di nuove tecniche di trasmissione (multicast) su canali a fibra ottica. La sede di Roma si occupa principalmente della rifinitura dei progetti e della loro applicazione pratica; Vertice e management aziendale CNR‐EUROPE ‐ Olbia
  6. 6. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.6 – progetto CNR EUROPE 2014        Presidente                                                    Dott. Prof. Roberto Matutini       Amministratore Delegato        Dott. Marcos Mailmann                                           Uffici Finanziari e amministrativi           Dott. Massimo De Paoli,  Rag. Raffaella Pernasetti,  Rag. Paola Meloni                     Ufficio legale                                                   Avv. Francesco Missori.  Avv. Nunzia Boccia           Dirigenza    Ing.  P.Paolo Delinna ‐ Dipartimento Industria ‐ Settore Ambiente e Progetti                 Ing.  Giammaria Meloni ‐ Dipartimento Industria ‐ Settore Innovazione e Progetti                 Dott. G.Mario Chessa – Dipartimento Industria ‐ Settore Energia e Rel. Istituzionali                 Arch. G.Carlo Cocco ‐ Pianificazione e Progetti                  Dott. Agronomo Alessandro Corona ‐ Dipartimento Agricoltura          Funzionari    Dott.ssa Marianna Pettorru ‐ Resp. Area Finanziaria                              Dott.  Gian Luca Roggio ‐ Assicurazioni e Brokeraggio                              Dott.  Giacomo Isoni ‐ Dipartimento Turismo                  Dott.ssa Silvia Russu ‐ Dipartimento Commercio e Artigianato      Dott.ssa  Monia Cupellini  ‐   Dipartimento Coaching  e formazione             Impiegati ‐ Collaboratori                 Geom. Giovanni Derosas ‐   Dip. Agricoltura                 Per. Imm.re P.Paolo Pinna ‐ Dip. Agricoltura                              Per. Ind.le Marco Lovicu  ‐   Dip. Industria                              Per. Ind.le Simone Spano ‐  Dip. Industria       Rag.  Andrea Pira ‐ Segreteria e Accettazione                 Rag. Isabella Cimino ‐ Segreteria e Accettazione                               Sig.   Davide Trudu – Manutenzione e sicurezza 
  7. 7. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.7 – progetto CNR EUROPE 2014 I SOCI di CNR Europe GmbH  Presidente : Prof. Roberto Matutini (CNRgroup) / dot.sa Paola Meloni ‐ Titolare dei brevetti – ideatore e organizzatore della struttura ‐ rapporti con le istituzioni (50%)  Vice presidente onorario: dott. Carine Canonico – presidente ISMEA – ex generale della GDFinanza (s.q)  Amministratore : dott. Marcos Maillman ‐ responsabile finanziario sede di Roma e Monaco (10%)  Ufficio legale: Avv. Francesco Missori – patrocinante in cassazione – avv. Nunzia Boccia (civile) (10%)  Rapporti Europei a favore dei disabili : Fondazione FIABA – presidente Giuseppe Trieste (10%)  Agricoltura / ISMEA : Soc. Italy Cibus srl – Socità Italiana coltivatori Italiani (5%) dott. Mario Serpillo – deputato PD –  Rapporti Esteri : Società Carthage for agriculture production C.a.p S.a.r. (5%) Dott. Mario Serpillo  Rapporti con le Istituzioni locali : Dot.sa Paola Meloni  Ufficio di rappresentanza e ricezione (10%) Rag. Raffaella Pernasetti L’organizzazione del lavoro (struttura e dimensionamento del personale LOCALE e relativa evoluzione dall’anno di avvio a realizzazione dell’investimento fino all’esercizio di regime) Sede di Olbia 15 dipendenti (13 impiegati e 2 tecnici) + amministratore e al direttore tecnico. CDA Managing Director Presidente 2 Staff Segreteria 1 Amministrazione/Gestione Organizzativa 1 Commerciale Tecnici 2 Tecnici HS SW TLC impianti - 1 Webmaster
  8. 8. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.8 – progetto CNR EUROPE 2014 La struttura GENERALE Ubicazione Sarà allestita una struttura base, localizzata in Olbia in Via Genova completa di infrastrutture - fibre ottiche e pannelli solari per l’autonomia energetica idonee ad ospitare uffici territoriali; centro di produzione e formazione. La sede legale e l’unità produttiva sono ubicate a Monaco; L’immobile (opzionato per l’acquisto) ospiterà:
  9. 9. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.9 – progetto CNR EUROPE 2014 - Direzione e Uffici amministrativi - Uffici dipartimentali – Ufficio per il Pubblico CAF - Supporto per l’agricoltura e progetti Europei - Laboratorio tecnico - Apparati informatici piattaforma - Aule formazione e addestramento Sintesi dell’iniziativa proposta Caratteristiche salienti dell’iniziativa imprenditoriale L’iniziativa si incentra sulla formazione e supporto dell’imprenditoria finalizzata all’acquisizione di fondi comunitari Europei adibiti a servizi quali industria, formazione, commercio; energia, spettacolo ecc – L’innovazione tecnologica principale è l’utilizzo di due rivoluzionari brevetti internazionali che determinano l’unicità di questo progetto. Specie nel campo della formazione – intesa a tutti i livelli e generi – dove sono stanziate le maggiori risorse economiche Europee, è fondamentale l’utilizzo di questa tecnologia attraverso una piattaforma di trasmissione streaming in grado di ospitare e irradiare a livello mondiale trasmissioni e prodotti LIVE in formato multicasting (trasmissione contemporanea in diversi formati) e multiplexing (simultaneità di diversi flussi trasmessivi), produzione uno a molti indirizzate a PC e telefonia mobile. I servizi sono innumerevoli descritti in seguito. La caratteristica di questa piattaforma, originata dalle performance uniche della tecnologia di compressione ivi implementata e che il prof. Matutini ha concesso in licenza a CNR EUROPE garantisce la possibilità di assicurare una reale convergenza della trasmissione di servizi su pc (anche quelli non connessi in banda larga) e su telefonini (non solo UMTS ma anche quelli di GPRS ) . La missione della nuova società CNR EUROPE è quella di offrire a un’utenza Locale e internazionale soluzioni complete e immediatamente disponibili e operative su progetti da presentare alla Comunità Europea atte a migliorare la qualità dei servizi nel campo energetico; dello spettacolo; dell’industria; nel commercio oltre a fornire supporto sulle strutture di rete oggi esistenti
  10. 10. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.10 – progetto CNR EUROPE 2014 I FINANZIAMENTI EUROPEI ALLE IMPRESE Il governo italiano su iniziativa del Ministro per la coesione territoriale ha presentato alla Commissione europea la bozza dell’Accordo di partenariato sulla programmazione dei fondi strutturali 2014-2020. In base ai principi europei, le politiche di coesione riguardano l’intero territorio nazionale, pur con modalità diverse: le regioni del centro nord sono incluse nel gruppo delle regioni europee più sviluppate; Sardegna, Abruzzo e Molise fra le regioni in transizione, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, fra le regioni meno sviluppate. In base agli stessi principi, alle Regioni è destinato, per il periodo 2014-20, complessivamente un contributo europeo di circa 30 miliardi di euro, di cui 7 per le regioni più sviluppate, 1 per le regioni in transizione e 20 per le regioni meno sviluppate. A tali cifre vanno aggiunti gli importi del cofinanziamento nazionale (obbligatorio per le politiche di coesione europee), pari agli stanziamenti comunitari. Nel quadro degli interventi per lo sviluppo regionale, le politiche comunitarie si sommano alle politiche nazionali, incardinate sul Fondo Sviluppo e Coesione che ha una allocazione nella legge di stabilità di circa 54 miliardi distribuiti negli anni di attività dei fondi. Nel complesso le politiche di sviluppo e coesione conteranno su circa 100 miliardi di euro. Tali risorse devono svolgere, nel ciclo 2014-20, un ruolo duplice, ma strettamente integrato: da un lato continuare nell’azione di potenziamento e miglioramento dei contesti regionali; dall’altro assicurare un sostegno, strutturale e non congiunturale, ai processi di rafforzamento delle imprese, di incremento dell’occupazione, di miglioramento del tessuto sociale dopo la grande crisi. A tal fine, la programmazione 2014-20 opera una prima grande scelta innovativa rispetto alle esperienze precedenti di utilizzo dei fondi: quella di specializzare il Fondo Sviluppo e Coesione nel finanziamento delle grandi opere infrastrutturali, in particolare nel campo dei trasporti e dell’ambiente. Ciò consente di poter disporre di una tempistica di spesa più adatta a realizzazioni grandi e complesse sotto il profilo amministrativo e tecnico. Inoltre, permette di non vincolarsi alle scadenze che
  11. 11. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.11 – progetto CNR EUROPE 2014 riguardano i fondi strutturali di solito difficilmente compatibili con la durata dei processi di realizzazione delle opere infrastrutturali. Così, le politiche nazionali (Fondo Sviluppo e Coesione in corso e previsto per il 2014-20) si orienteranno sulla infrastrutture più importanti, oltre che su ambiti nei quali le politiche europee non intervengono; i Fondi Strutturali invece investiranno sulle imprese e sulle aree territoriali, sulle persone e sulle infrastrutture leggere, in coerenza con i regolamenti comunitari. Tab.1 Principali obiettivi del ciclo 2014-2020 e confronto con il ciclo 2007-2013 valori percentuali ciclo 2014-2020 variazione percentuale rispetto al ciclo 2007 - 2013 Ricerca sviluppo tecnologico e innovazione, competitività delle piccole e medie imprese 37 +10 Occupazione 14 +4,1 La valorizzazione dei beni ambientali e culturali – oggetto nei cicli precedenti di importanti investimenti di tutela e rifunzionalizzazione - al fine di promuovere impresa e occupazione assume un ruolo estremamente importante nel programma Il programma conferma, altresì, investimenti rilevanti sia per promuovere l’inclusione sociale e combattere la povertà, sia nell’investimento nella scuola e nella formazione. I programmi urbani saranno costruiti mirando ad una pluralità di ambiti fra loro integrati, fra cui spiccano per importanza le forme di mobilità sostenibile, gli interventi per l’efficienza e il risparmio energetico, per l’economia digitale e l’inclusione sociale. Nell’ambito della strategia nazionale sono previsti integrazioni a partire dal rafforzamento di filiere produttive di specializzazione (nel manifatturiero, nell’agricoltura, nell’agroindustria e nel turismo di qualità) e dalla realizzazione di infrastrutture leggere di connessione e integrazione delle reti.
  12. 12. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.12 – progetto CNR EUROPE 2014 La programmazione conterrà altresì, all’interno di programmi operativi nazionali, per l’intero territorio nazionale e/o per il Mezzogiorno, azioni che richiedono una uniforme capacità attuativa, nell’interesse della parità di trattamento e del costo e dell’efficacia nella gestione delle misure: tipiche di questi casi sono le azioni contro la dispersione scolastica e per rafforzare le competenze degli studenti. I DIPARTIMENTI DELLA CNR EUROPE Per ottemperare alle varie richieste indicate dalla Comunita Europea la CNR EUROPE sarà suddivisa in Dipartimenti:  Industria  Agricoltura (ISMEA)  Artigianato e Commercio  Cultura, Sport e Spettacolo  Turismo  Formazione e università  Supporto per il cittadino Nel Dipartimento Industria, hanno collocazione i settori Energia e Innovazione Tecnologica, le cui attività hanno rilevanza in merito all’Ottimizzazione dell’Energia Elettrica ed al monitoraggio continuo delle Aziende e/o Enti convenzionati; Il Dipartimento Tecnologia gestirà tutti i progetti relativi all’utilizzo dei brevetti; alle tecnologie digitali per servizi di trasmissione su telefoni; simulazione di eventi, metereologici; formativi; universita ON LINE già in essere alla Sapienza di Roma; servizi di sorveglianza ambientale; servizi di sicurezza (banche , enti; ministeri); trasmissioni LIVE su telefonia mobile di servizi o eventi fino a 500 mila persone contemporanee; - Il Dipartimento Artigianato
  13. 13. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.13 – progetto CNR EUROPE 2014 Le risorse del Fondo saranno erogate a tali soggetti a condizione che si facciano promotori di forme di collaborazione con istituti di ricerca pubblici, università ed istituzioni scolastiche pubbliche. I finanziamenti riguarderanno programmi triennali che tutti gli attori coinvolti sono tenuti a presentare e selezionati dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mi.S.E.) finalizzati a sviluppare i seguenti contenuti:  Ricerca e sviluppo di software e hardware;  condivisione e utilizzo di documentazione in maniera comunitaria;  creazione di comunità on-line e fisiche per la collaborazione e condivisione di conoscenze;  accesso alle tecnologie di fabbricazione digitale;  creazione di nuove realtà industriali;  promozione di modelli di attività di vendita non convenzionali ed innovativi;  condivisione di esperienze con il territorio;  sostegno per l’applicazione delle idee;  sostegno delle scuole del territorio attraverso la diffusione del materiale educativo sulla cultura dei “makers”. Commercio, Cultura, Spettacolo l’accesso diretto ai Fondi Comunitari costituisce l’essenza principale per il rilancio dell’Economia Territoriale. In termini generali l’UE offre una serie di fondi:  i fondi strutturali, uno dei maggiori strumenti finanziari con cui l’Unione persegue la coesione lo sviluppo economico-sociale nelle diverse regioni;  i fondi che l’Italia gestisce attraverso il Quadro strategico nazionale – QSN;  i programmi operativi nazionali e regionali (PON, POR e POIN). Senza considerare i programmi curati direttamente dalla Commissione europea: 7° FP Programma quadro della Comunità Europea per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico; finanziamenti per Internazionalizzazione d’impresa e altri programmi specifici. Dipartimento del Turismo e lo Sport
  14. 14. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.14 – progetto CNR EUROPE 2014 È stato attivato un fondo da 18 milioni di euro per lo sviluppo e la diffusione della pratica sportiva. Mediate tale misura è possibile accedere a finanziamenti a fondo perduto per realizzare, ristrutturare e mettere a norma impianti sportivi. Dipartimento Agricoltura supporta, sia i nuovi insediamenti in Agricoltura per i giovani imprenditori, sia le Aziende Agricole che hanno bisogno di implementare l’attività fondiaria. Formazione e gestione degli imprenditoria giovanile per l’acquisizione dei fondi ISMEA SETTORI 1. Cereali e coltivazioni industriali 2. Frutta e ortaggi 3. Fiori e piante 4. Vini 5. Oli e olive mensa 6. Animali e carni 7. Lattiero caseari 8. Prodotti biologici 9. Pesca e acquacoltura ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) L'ISMEA è un ente pubblico economico istituito con l'accorpamento dell'Istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo (già ISMEA) e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina, con decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 419, concernente il "riordinamento del sistema degli enti pubblici nazionali". Nell'ambito delle proprie funzioni istituzionali l'ISMEA, anche attraverso società controllate, realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria per le imprese agricole e le loro forme associate, al fine di favorire l'informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato. L'ISMEA affianca le Regioni nelle attività di riordino fondiario, attraverso la formazione e l'ampliamento della proprietà agricola, e favorisce il ricambio generazionale in agricoltura in base ad uno specifico regime di aiuto approvato dalla Commissione europea.
  15. 15. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.15 – progetto CNR EUROPE 2014 L’ISMEA favorisce in tutto il territorio nazionale il riordino fondiario, l’acquisto di fondi agricoli, il ricambio generazionale in agricoltura e l’ampliamento della imprese agricole. I soggetti beneficiari che possono presentare domanda sono: A. I coltivatori diretti che non devono aver compiuto 50 anni al momento della presentazione della domanda B. Gli imprenditori agricoli a titolo principale che non hanno superato i 40 anni di età al momento della presentazione della domanda C. I giovani che non hanno compiuto i 40 anni al momento della presentazione della domanda, a condizione che acquisiscano entro 24 mesi dall’operazione di acquisto la qualifica di imprenditore agricolo a titolo principale o di coltivatore diretto (L.441/98 art.4) D. Cooperative e piccole cooperative agricole di conduzione iscritte alla Sezione Agricola del Registro Prefettizio. I criteri di accesso per le imprese agricole sono stabiliti in relazione alla redditività, al rispetto dei requisiti minimi in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali e alle limitazioni settoriali disposte a livello comunitario e nazionale. In particolare, in relazione al requisito della redditività dell’impresa, che deve essere soddisfatto al momento in cui viene effettuato l’acquisto, va accertata nel rispetto dei criteri adottati per la sua valutazione, nei PSR o nei POR predisposti dalle Regioni. Sono esclusi gli interventi di acquisto e rivendita dei terreni tra genitori e figli ad eccezione di:  Successione, a favore degli eredi che intendono continuare nella conduzione o coltivazione dei terreni  Prepensionamento, a favore di coloro che subentrano nella conduzione o coltivazione dei terreni. CNR EUROPE SI OCCUPERA’ DI AGEVOLARE LO SVILUPPO DEI PROGETTI IMPRENDITORIALI ATTI A RICEVERE I FONDI STANZIATI
  16. 16. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.16 – progetto CNR EUROPE 2014 FIABA ONLUS(Fondazione Italiana abbattimento barriere architettoniche) FIABA è presente sul territorio nazionale attraverso una rete di oltre 400 Sottoscrittori di Protocollo d’Intesa: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Istituti di cultura, Enti, Associazioni, Università, Ordini professionali. Partner importanti con cui è continuo il dialogo e la collaborazione per impedire il sorgere e la diffusione di nuove barriere culturali e fisiche. In sinergia con FIABA i sottoscrittori si impegnano a stimolare gli organi preposti a rafforzare la vigilanza sul rispetto della normativa vigente in materia di barriere, costituendo uno specifico gruppo di lavoro, con l’obiettivo di concretizzare i vari punti di coerenza presenti nelle finalità delle rispettive missioni per la tutela delle pari opportunità. SCOPO DELLA FIABA è di mettere a disposizione i fondi della Comunità Europea a tutte quelle categorie che necessitano di un supporto per le loro problematiche giornaliere di vita. Presenterà inoltre un grande progetto Europeo per UNIFICARE i linguaggi dei sordomuti con una unica lingua base che prescinde dalla nazionalità, attraverso una tecnologia innovativa brevettuale messa a disposizione dal prof. Roberto Matutini Presidente e socio fondatore Giuseppe Trieste, Gr. Uff. OMRI al merito della Repubblica, ha un importante trascorso nello sport con la partecipazione a tre Paralimpiadi: 1972-76-80. Cofondatore per lo Sport per disabili in Italia, nel 1983 costituisce ANTHAI che tuttora presiede. Nel 2000 fonda FIABA Onlus. Membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, organismo istituito contestualmente alla ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle persone con disabilità, è stato nominato componente della Consulta delle Associazioni dell’Osservatorio permanente per l’integrazione degli alunni con disabilità del MIUR e del Comitato per la promozione e il sostegno del turismo accessibile del Ministero per gli Affari Regionali, del Turismo e dello sport. PROTOCOLLI D’INTESA Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ministro per il Rapporti con il Parlamento Ministro per gli Affari Europei Ministro per gli Affari Regionali Ministro per la Pubblica Amministrazione e
  17. 17. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.17 – progetto CNR EUROPE 2014 per la Semplificazione Ministero degli Affari Esteri Ministero dell’Interno Ministero della Giustizia Ministero della Difesa Ministero dello Sviluppo Economico Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero della Salute Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Corte dei Conti Conferenza Presidente Regioni e Province Autonome UPI – Unione Province d’Italia ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani CONFINDUSTRIA Generale CRUI – Conferenza dei Rettori delle Università Italiane ABI – Associazione Bancaria Italiana LA FORMAZIONE LIVE /ON LINE Il prodotto/servizi broadcast forniti dai brevetti CNREurope La tecnologia per la TV o SERVIZI in diretta su web e telefoni implementata sulla piattaforma CNR EUROPE è una applicazione del sistema di compressione e trasmissione (CODEC) uno a molti, elaborato dal gruppo di ricerca CNRgroup . Comprende l’acquisizione del segnale video, il ricalcolo in modo vettoriale, la trasmissione anche su banda stretta (22/30 bpi) e la ricezione (decodifica) su tutti i sistemi esistenti (Mpeg 4, Windows media video, Quicktime, Real player, 3GP). La tecnologia acquisita in licensing, tutelata da brevetto n.1326842, è stata ampiamente collaudata e validata. Ipotizziamo più avanti, alcuni esempi di progetti applicativi (con relativa valorizzazione) rilasciati in diversi settori alcuni dei quali GIA OPERATIVI!
  18. 18. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.18 – progetto CNR EUROPE 2014 I servizi forniti dai brevetti La convergenza della TV su internet e dei servizi di Streaming sui cellulari sembra essere il business del futuro ma richiede infrastrutture che, di fatto, oggi non esistono, a parte i punti sperimentali di wifi operanti in ristrette aree di alcuni aeroporti. Le infrastrutture e le risorse di trasmissione (nuovi device) saranno disponibili solo a seguito di enormi investimenti tutti ancora da effettuare e comunque non prima dei prossimi 5 anni . Al contrario la tecnologia innovativa a disposizione di CNR EUROPE rende subito disponibile questa convergenza. La piattaforma streaming, concessa in licenza da Roberto Matutini, implementa questa nuova tecnologia e rende disponibile immediatamente un ampio ventaglio di offerte competitive su un mercato tipicamente internazionale. L’offerta di servizi streaming (trasmissione su internet di flussi audio-video) esistente oggi presso alcuni provider italiani ed esteri è costosa e poco flessibile. Inoltre le caratteristiche della tecnologia utilizzata finora ne impediscono la corretta fruizione su telefoni cellulare che non siano di ¾ generazione, che non siano in area servita direttamente da linea 3G/4G , e su personal computer che non siano collegati attraverso la banda larga. Inoltre gli i flussi video trasmessi sono generalmente unicast (ossia in un solo formato) per cui richiedono costose duplicazioni e ritrasmissioni sui vari formati necessari per la ricezione via PVC o mobile. Localizzazione in Sardegna E’ in fase di avanzata realizzazione in Sardegna un’infrastruttura a larga banda che si configura come una dorsale in fibra ottica con nodi situati in corrispondenza di tutte le città capoluogo di provincia presso le quali si attesteranno le reti in fibra ottica metropolitane. L’infrastruttura di backbone si integrerà con quella già prevista per il collegamento in fibra ottica verso la penisola (collegamento sottomarino Sardegna-Continente), costituito da ben 12 coppie di fibra ottica sul cavo sottomarino della Società
  19. 19. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.19 – progetto CNR EUROPE 2014 consortile “Janna”. CNR EUROPE conta di attivare un proprio server in Housing presso il POP di Olbia. Il progetto di sperimentazione sui servizi digitali assocerà diverse aziende sarde La Videoformazione ON LINE Le facoltà di Scienza della Comunicazione di Roma e Salerno hanno già sperimentato la fruizione a distanza delle lezioni universitarie via video con la tecnologia implementata da CNR EUROPE, agevolando tantissimi studenti . Modalità analoghe possono essere sperimentate per la formazione e aggiornamento nel lavoro, a enti pubblici, banche. Il costo di fruizione per singolo utente è dell’ordine di 15€ /mese. Calcolando che solo in regione Sardegna sono oltre 50.000 i dipendenti pubblici impiegati in corsi di formazione e tutti hanno ormai un pc o un telefonino, e che sono circa 4 milioni gli studenti italiani in università pubbliche e private, aggiungendo che il sistema può essere altrettanto facilmente fornito all’estero senza costi aggiuntivi, le opportunità sono evidenti. Il servizio fornito a 19 mila studenti porta un introito pari a circa 25.000 euro/mese con costi minori del 15% e verrà acquisito nel budget CNR EUROPE Vediamo le risorse già operative nella prima università al mondo
  20. 20. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.20 – progetto CNR EUROPE 2014
  21. 21. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.21 – progetto CNR EUROPE 2014 LE Università ON LINE (la Sapienza) Nato dalla collaborazione tra La Sapienza di Roma e la CNR Europe “Facoltà di scegliere” è un progetto il cui scopo è trovare nuove soluzioni ai disagi che si verificano all’interno dei dipartimenti. Basato su una tecnologia di streaming assolutamente innovativa, il progetto consiste nel rendere disponibili su internet e sui videotelefoni, in diretta, le lezioni delle Università e centri di Formazione IN GENERE su reti a bassa velocità. Una videocamera ed un microfono cattureranno la lezione che, oltre ad essere trasmessa in diretta agli utenti che per qualsiasi motivo sono impossibilitati ad essere fisicamente presenti, sarà comunque disponibile 24h in un archivio accessibile agli studenti per poterla vedere e rivedere in qualunque momento. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento.  Alcuni vantaggi relativi all’introduzione di questo sistema, che illustriamo come esempio, sono:  Riduzione delle presenze in aula e dunque migliore gestione degli spazi.  Piano di studi personalizzato; non bisognerà preoccuparsi degli orari accavallati e delle distanze tra una sede e l’altra.  Possibilità, per i pendolari e i fuori sede, di ridurre le loro trasferte.  Possibilità di rivedere la lezione più volte con mezzi digitali, evitando registrazioni su nastro e noiosi “sbobinamenti”.  Possibilità di volgere domande al docente in diretta, tramite un servizio di mailing dedicato.  Possibilità di discutere la lezione in diretta con gli altri utenti grazie ad un servizio di chat dedicato. Si potrà scegliere dove, come, quando e quante volte seguire una qualunque lezione o evento interno al dipartimento. E’ bene precisare che l’introduzione di questo sistema non precluderà, a chi lo voglia, la possibilità di seguire le lezioni in maniera tradizionale; permetterà invece di risolvere i problemi causati dall’avvento dell’università di massa; problemi che hanno posto istituzioni come questa di fronte ad un bivio:
  22. 22. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.22 – progetto CNR EUROPE 2014 chiudere il numero di iscrizione o distribuire equamente le scarse risorse disponibili tra un numero inaccettabile di studenti. L’una e l’altra strada prevedono comunque una riduzione del diritto a ricevere un’istruzione adeguata e sebbene la seconda sia preferibile, si tratta comunque di un compromesso. Il progetto “Facoltà di scegliere” è invece una soluzione. Abbiamo scelto di partire da questo dipartimento perché siamo sicuri che uno strumento così versatile in mano a persone creative ed eclettiche diventerà un potente mezzo per trasmettere qualità e innovazione a tutto il panorama universitario italiano. Calcio serie D: (da utilizzare immediatamente) trasmissione “live” delle partite di calcio del campionato di serie D su telefonini, PC e satellite. Il modello prevede da parte di ciascuna delle 160 società della serieD un canone di circa 1000€ mese per consentire a tutti i propri sostenitori di seguire le partite in diretta su PC Telefonino o satellite. Il fatturato generato è di 160.000€/mese con costi di produzione inferiori al 10% . . Comunicato su Sito Interregionale.com (19.09.2013) SOLLECITO PER ATTIVAZIONE CANALE WEB TV Con il presente siamo a sollecitare le Società che ancora non hanno provveduto a prendere contatti con la Società CNRgroup srl, a provvedere nel più breve tempo possibile, onde consentire l’attivazione gratuita del canale web. Nel rimandare alla nostra precedente comunicazione, si invitano tutte le Società a provvedere nel più breve tempo possibile, per poter garantire il completamento del progetto “Serie D Channel”. Confidando nella consueta sensibilità e collaborazione, si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti. Il Presidente William Punghellini
  23. 23. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.23 – progetto CNR EUROPE 2014 Nel settore della sorveglianza: Il sottosistema di videosorveglianza permette il controllo a distanza, attraverso una camera digitale, di ambienti e persone attivando – nel momento in cui si individuano variazioni di immagini e suoni sui fotogrammi precedenti, l’invio dello streaming in diretta a qualsivoglia cellulare abilitato a riceverlo di cui sia stato memorizzato il numero. Il sistema si adatta sia come integrazione per chi già possiede un servizio di sorveglianza sia per chi ne fosse privo. Calcolando che i canoni medi di mensili sicurezza pagati in Italia vanno tra i 700 e i 3000€ ne deriva la possibilità di vendere agevolmente un servizio integrativo del costo di 100€ al mese da collocare attraverso gli enti di sicurezza su un numero di utenti non inferiore a 5.000, il che fa 500.000€ di fatturato con margini che possono arrivare al 70% . Nella Informazione Consentire a Consigli comunali, Regionali, Governi esteri di raggiungere direttamente migliaia o milioni di cittadini in tutto il mondo con trasmissioni TV convergenti con PC e Telefono è una opportunità il cui valore è senza prezzo. Basti pensare che mentre un’ora di trasmissione TV su un canale satellitare ha un costo di circa 3 mila€: con tale somma sarebbe possibile 1 mese di presenza su CNR EUROPE. Nello spettacolo e intrattenimento Ogni radio privata puo’ diventare televisione semplicemente istallando una webcam nei propri studi e lanciando il segnale via CNR EUROPE. Allo stesso modo possono essere ripresi concerti, eventi, conferenze visibili in diretta in tutto il mondo con una spesa minima. Sono innumerevoli le applicazioni rese disponibili attraverso il Centro di Trasmissione CNR EUROPE: oltre ai settori predetti si pensi allo Spettacolo, allo Sport, alla Informazione videogiornalistica, ai servizi pubblici, alla applicazioni in campo militare, alla videoconferenza, alla promozione commerciale con filmati video di aziende, alberghi , località turistiche. Nonostante la complessità e molteplicità delle applicazioni il modello di business
  24. 24. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.24 – progetto CNR EUROPE 2014 scelto da CNR EUROPE è molto semplice e si sintetizza in due linee di prodotto che poi saranno declinate in dettaglio sulla base delle specifiche dell’utenza: Hosting di Applicazioni e Progetti Grandi Clienti Si ipotizzano 10 hosting l’anno per un valore unitario di 120.000€ La Nuova frontiera della Formazione - Il COACHING Lo strumento più efficace ed efficiente per raggiungere, in tempi brevi, il massimo livello di risultati, anche in questo ambito, è il Coaching. Il Coaching è un servizio personale, leggermente diverso dalla psicoterapia o dalla consulenza. Il focus nel Coaching è più diretto all’obiettivo e gli argomenti trattati tendono ad essere di carattere più educativo, o più legati alle competenze. Cos’è il Coaching e perché lo abbiamo scelto? La distanza che separa un uomo, una donna o un bambino dal suo personale successo e dalla sua felicità è data dalla consapevolezza dello sconfinato potere che ognuno ha in se in quanto unico ed irripetibile. La disciplina per lo sviluppo di questo potere è chiamata Coaching. La parola “Coach” evoca il significato di allenatore in quanto in termini anglosassoni veniva utilizzato per chiamare i tutor, la parola deriva dal termine coche che vuol dire “carrozza”, quindi, trasportatore. Il Coach, infatti, trasporta la persona da una situazione attuale ad una desiderata. Presupposto imprescindibile del concetto di Coaching è che in ogni persona siano già presenti tutte le risorse necessarie…che la sua “storia personale” abbia già generato un’opera irripetibile chiamata personalità, proiettabile verso uno specifico risultato. Il Coaching è un processo attraverso il quale un consulente (Coach) stimola supporta e guida un individuo o gruppo ( Coachee ), nel raggiungimento di obiettivi concordati e nel superamento di conflitti e difficoltà. Tale metodo di sviluppo personale è fondato sulla libertà di scelta e sul principio di unicità dell’individuo. In base a questo principio, la sua personalità non solo è
  25. 25. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.25 – progetto CNR EUROPE 2014 intrinsecamente una risorsa preziosa ed irripetibile ma viene altresì arricchita, attraverso specifici stimoli, al fine di scoprirne aspetti ancora inutilizzati. La metodologia è fortemente incentrata sulle soluzioni al fine di incentivare lo sviluppo di nuove strategie di pensiero e di azione, piuttosto che cercare di risolvere i problemi ed i conflitti pregressi. Il Coaching genitoriale ed educativo è, quindi, un processo di formazione che parte dall’esperienza di ciascuno e opera un cambiamento, una trasformazione che migliora e amplifica le proprie potenzialità. È un processo che offre alla persona strumenti che gli permettono di elaborare ed identificare i propri obiettivi e rafforzare la propria efficacia e la propria prestazione. L’individuo che si affida al Coach ha delle potenzialità latenti e tramite il professionista impara a scoprirle e ad utilizzarle. Il Coach è:  un facilitatore del cambiamento  è una persona che stimola e indirizza le energie dei bambini, dei ragazzi, dei loro genitori e degli educatori e li aiuta a prendere consapevolezza delle loro potenzialità L’obiettivo del Coaching genitoriale e didattico è:  aiutare la persona ad acquisire una maggiore consapevolezza personale  dare nuove competenze  superare barriere che ostacolano il miglioramento della sua performance e l’evoluzione delle possibilità. E’ compito del Coach far si che la persona o il gruppo diventi capace di servirsi autonomamente degli strumenti acquisiti, massimizzando le proprie potenzialità, in modo da rendersi indipendente e diventare più efficace nelle sue azioni. Risultato di tale processo è l’utilizzo pieno delle potenzialità del soggetto, del ragazzo, del genitore e dell’ insegnante, che viene spinto ad oltrepassare i propri limiti e ad aggirare gli ostacoli, grazie ad una più ampia percezione del se che, da sviluppo interiore, si tramuta in sviluppo del rapporto nel contesto. Il Coaching crea nella persona le condizioni per l’apprendimento e la crescita.
  26. 26. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.26 – progetto CNR EUROPE 2014 Studiato e formulato sulla base di percorsi innovativi e all’avanguardia a livello mondiale e, soprattutto, incentrato sulla comprensione e sulla risoluzione definitiva delle difficoltà e delle problematiche presenti sia in ambito genitoriale, sia didattico e formativo nonché nella vita dei bambini e dei ragazzi. CNR Europe specializzato in questo settore e l’unico ad aver organizzato la propria offerta formativa in percorsi personali e professionali, orientati a fare la differenza nella vita dei bambini e dei ragazzi. Lo scopo è quello di garantire a ogni partecipante standard di altissima qualità ed il pieno raggiungimento di tutte le competenze fondamentali per un ottimale utilizzo, personale e professionale, proprio e con i propri figli o alunni, degli strumenti di Coaching. Ogni partecipante sarà seguito da un assistente personale, in grado di assicurare, in funzione delle aspettative e delle necessità individuali, le informazioni, le soluzioni e la massima efficacia al percorso scelto. Ogni percorso è certificato da un attestato rilasciato da THE MIND OF THE CHILD allo scopo di esercitare un rigoroso controllo di qualità sulla formazione nel Coaching in questo ambito. Gli Obiettivi Una guida per chi è genitore e per gli educatori di cui si avvale. Supportare e aiutare chi ha il compito, di enorme responsabilità, di educare un essere umano che ha in se la speranza e le credenze di contribuire ad un mondo migliore. Il Percorso  Accompagnare, guidare e sostenere il successo personale e scolastico dei vostri figli o dei vostri alunni  Aumentare la loro fiducia per intraprendere cambiamenti positivi e importanti nel loro modo di agire, pensare e sentire  Identificare e sostenere situazioni di cambiamento al fine di mantenere l’armonia familiare  Ridurre le distanze relazionali tra genitori e figli, educatori e bambini/ragazzi  Mantenere il necessario equilibrio tra l’amore e la genitorialità
  27. 27. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.27 – progetto CNR EUROPE 2014  Avviare e sviluppare un processo di consapevolezza sulle personali capacità, abilità e potenzialità dei giovani  Aiutarli ad identificare i loro talenti e le risorse di cui dispongono per il raggiungimenti degli obiettivi  Comprendere i valori e le priorità che ci e li guidano  Sviluppare le competenze e le attitudini  Motivare allo studio e all’apprendimento in funzione dei personali obiettivi  Migliorare i rapporti interpersonali  Sviluppare e aiutare a sviluppare la creatività  Risoluzione dei conflitti e gestione dello stress  Assunzione di nuove responsabilità  Sviluppare il carisma personale  Gestione efficace dei cambiamenti  Sviluppo della capacità di motivare  Motivare all’indipendenza ed al rispetto della personalità La maggior parte dei genitori e degli educatori cerca consapevolmente o inconsciamente di trovare giornalmente un aiuto per le sfide specifiche che affrontano nella loro casa, nel loro contesto familiare ed in quello scolastico. Molte volte i genitori hanno bisogno solamente di semplici soluzioni che siano efficaci nel tempo e applicabili in ogni momento. Tutto questo è possibile attraverso questo progetto. Fin da quando nasciamo abbiamo la possibilità di recepire, immagazzinare e filtrare programmazioni ed influenze che facciano nostre e che saranno i pilastri sui quali si andrà ad erigere l’edificio dell’adulto. Tale edificio sarà tanto più solido e stabile, tanto più saranno forti e stabili le influenze positive ricevute. Quando un essere umano diventa genitore, una cosa è chiara: non sarà più la stessa persona. E’ essenziale in questo che i genitori e gli insegnanti comprendano l’importanza della persistenza e della determinazione nell’applicare qualunque strategia e soluzione.
  28. 28. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.28 – progetto CNR EUROPE 2014 Troppo spesso i genitori e gli insegnanti abbandonano la strategie corretta perché i bambini non rispondono immediatamente. Questo è un grave errore ed è esattamente quello che si deve evitare se si vuole davvero migliorare il rapporto e la qualità di vita nella propria casa ed in classe. I vostri bambini impareranno da voi ad essere più responsabili, più rispettosi e con più sani modelli di comportamento. The Mind Of The Business 1° e 2° Livello “La parola giusta può essere efficace,ma non c’è mai stata parola più efficace di una pausa fatta al momento giusto” Mark Twain - Ti sei mai chiesto qual è la differenza che fa la differenza tra un fuoriclasse e un uomo ed una donna comuni? - Cosa fanno nella loro mente i grandi sportivi per essere dei vincenti e raggiungere traguardi eccezionali? - Cosa rende un leader una persona che si ricorderà per tutta la vita? - Qual è la vera differenza tra un professionista di successo e chi vorrebbe esserlo ma non lo è? - Come fanno aziende a raggiungere performance di altissimo livello in costante miglioramento e raggiungere risultati mai ottenuti prima con sempre maggiore continuità, anche in momenti di crisi? Corso di primo e secondo livello sulle applicazioni del Coaching nell’ambito aziendale. Percorso certificato per la Scuola di Coaching. È il percorso avanzato attraverso il quale conoscere e mettere in atto le metodologie su cui si basa il Business e il Team Coaching rivolto a responsabili, management e professionisti ed al loro rapporto con i collaboratori ed i clienti. Cinque giorni per apprendere ed imparare l’importanza di essere un esempio per i singoli ed il sistema al quale si appartiene, lavorando sulla propria crescita professionale.
  29. 29. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.29 – progetto CNR EUROPE 2014 Durante il Corso, come dice il nome stesso, acquisirai le competenze avanzate per gestire e guidare team. Il Corso ha una connotazione molto pratica e prevede numerose esercitazioni. Partecipando a questo Corso imparerai a costruire un modello di insegnamento e di guida tale da renderti un professionista sempre più consapevole ed attento alle dinamiche di apprendimento e comportamento così da costruire su questi pilastri uno straordinario e solido edificio aziendale. Migliorerai la consapevolezza sull’importanza del gioco di squadra, per affiancare alla preparazione sui contenuti quella del Coaching e dei Risultati. Obiettivi, piani d’azione e potenzialità si fondono in un percorso di sviluppo delle facoltà mentali e comportamentali del singolo e dell’ azienda, colmando qualsiasi deficit sulla motivazione e la determinazione. Programma  I ruoli e le responsabilità  Utilizzare condizionamenti neuro-associativi  Il trasferimento degli schemi di eccellenza della Programmazione Neuro-Linguistica (PNL)  Il coordinamento dell’azienda nel fornire strumenti e stimolare pienamente i clienti  Il sistema: un valore aggiunto per la realizzazione della soddisfazione del cliente  I responsabili come modelli, i collaboratori come riflesso dell’esempio dato  La coerenza: congruenza tra chi sono e quello che mi aspetto  La linguistica e il suo impatto sulla neurologia  Le limitazioni: come trasferire competenza e motivazioni lavorando sulle proprie limitazioni come professionista  Il trasferimento di responsabilità e la valutazione delle conseguenze  Discontinuità nell’umore: occhio agli indicatori  Riconoscere e guidare i talenti  L’importanza del team e del lavoro di squadra  Il cliente: l’insegnamento all’attitudine mentale come valore aggiunto
  30. 30. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.30 – progetto CNR EUROPE 2014  Le tecniche di apprendimento e i livelli di competenza  Il coordinamento e lo sviluppo delle performance  Il team e lo sport Coaching e le sue applicazioni  Allenare alle potenzialità individuali  Valorizzare le potenzialità del gruppo  Come allenare la mente a superare prove prima del loro inizio  Essere insegnanti di se stessi  I livelli logici  Convinzioni e Valori Cosa imparerai  Identificare i collegamenti tra stati d'animo, focus e stimoli esterni per comprendere le origini dei propri comportamenti  Utilizzare la fisiologia in modo funzionale  Conoscere ed interpretare il sistema di credenze, valori e regole  Utilizzare i fondamenti base della Programmazione Neuro- Linguistica.  Conoscere e servirti degli strumenti di Coaching  Comprendere il giusto equilibrio tra insegnamento e potere di ruolo  Comprendere e gestire situazioni difficili  Risolvere i conflitti e i disagi  Motivare alla pratica sportiva  Sviluppare strategie per raggiungere risultati  Esprimerti e far esprimere al meglio delle proprie potenzialità  Trasferire le responsabilità in modo costruttivo  Arricchire e completare ulteriormente le tue capacità per essere ancora più efficace  Imparare i segreti del Coaching nelle aree della motivazione, definizione degli obiettivi, gestione dello stress, dello sport, dell’attenzione e concentrazione Obiettivi  Sviluppare le tue potenzialità come professionista  Acquisire strumenti innovativi per gestire al meglio la relazione con gli altri
  31. 31. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.31 – progetto CNR EUROPE 2014  Gestire al meglio la professione e la professionalità  Agevolare i compiti evolutivi dei tuoi collaboratori e clienti (autostima, indipendenza, auto efficacia sia nelle relazioni affettive che nelle attività)  Migliorare la loro performance e la loro responsabilità  Compiti sul lavoro: regole e libertà  Azienda: aiutare ad apprendere velocemente con il focus agli obiettivi  Individuare obiettivi e vocazioni per orientarti al futuro  Alimentate l’immagine positiva e l'autostima  Insegnare a motivare e motivarsi, pianificare obiettivi, gestire lo stress,  Spingere i tuoi clienti oltre i limiti attuali di performance e nei risultati  Sviluppare nei tuoi collaboratori un’attitudine vincente  Insegnare strategie per far fronte alla pressione  Comprendere le preferenze mentali e come esse influiscono sull’apprendimento e sulla competizione  Essere in grado di creare cambiamenti attraverso i più evoluti modelli di Coaching  Essere in grado di lavorare sulla concentrazione e sulla motivazione  Costruire piani d’azione e percorsi di crescita Benefici  Aumento della fiducia in te stesso e abbattimento dei livelli di insicurezza  Consapevolezza, utilizzo e valorizzazione delle potenzialità da te possedute  Trasferimento della motivazione all’apprendimento ed allo sport  Individuazione e sviluppo delle tue abilità e capacità  Sviluppo dei punti di forza in azienda  Costruzione di una relazione umana consapevole  Liberare e sviluppare il talento e la creatività  Gestire gli eventi: sviluppare la capacità di osservare la realtà da più prospettive  Diventare un esempio ed un punto di riferimento  Gestire il tempo: rapporto tra la quantità e la qualità  Gestire il tempo in modo equilibrato: tra te, il lavoro e la famiglia  Gestire proficuamente il rapporto con colleghi e clienti
  32. 32. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.32 – progetto CNR EUROPE 2014 Le risorse finanziarie Piano finanziario per la copertura dei fabbisogni derivanti dalla realizzazione dell’investimento proposto Come evidenziato in dettaglio più oltre dal piano economico finanziario, il fabbisogno per l’investimento di Start-Up di CNR EUROPE è previsto in 950.000+iva di € in due anni. La copertura di tale fabbisogno avverrà con le seguenti fonti: Capitalizzazione attraverso nuovi soci: Richiesta al fondo Europeo per il 50% del fabbisogno. Eventuali Incentivi sugli investimenti e/o prestiti partecipativi Credito commerciale attraverso factoring delle commesse acquisite. A partire dal secondo anno di attività si prevede un flusso di cassa tale da eliminare l’indebitamento e assicurare sia una adeguata remunerazione agli azionisti sia risorse per finanziare la fase di espansione immediatamente successiva allo startup. Sviluppo Temporale dello start-up Il progetto partirà con l’effettuazione degli investimenti appena accertata la disponibilità dei fondi necessari o in ogni caso appena raggiunta la capacità finanziaria per far fronte all’investimento iniziale e gestire l’attività operativa. ProgettoIPTnow diagramma di sviluppo temporale apr m ag giu lug ago set oct nov dic gen feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic Costituzione newco Progetto SeedCap Attività PR e marketing Aumento Capitale Progetto488 Approvazione Progetti Ricapitalizzazione Individuazione localizzazione Insediamento sede operativa Selargius Investimenti nuova struttura Attivazione connessioni fibra ottica Selezione personale Assunzione dipendenti Formazione riqualificazione Attività operativa a regime
  33. 33. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.33 – progetto CNR EUROPE 2014 Le strategie commerciali Analisi SWOT Punto di forza – La tecnologia applicata a tutti i dipartimenti che permette la disponibilità immediata di tutti i servizi (istruzione compresa) sia diretti che attraverso telefonia Mobile e PC fissi (compresa TV) e della TV su mobile e su internet utilizzando le infrastrutture di rete che sono oggi esistenti e funzionanti. Ulteriori punti di forza sono - la trasmissione multicast, che ottimizza e rende facile la procedura di produzione anche da parte di piccoli broadcaster privati - la convergenza su pc e telefonino - la conformità agli standard che rende fruibile la trasmissione da ogni tipo di terminale con il software standard che esso ha in dotazione - la ampia gamma di applicazioni dalla sicurezza alla formazione al commercio alle comunicazioni e videosorveglianza ecc. Opportunità Le opportunità sono gigantesche, sia come vendita di licenze, sia come sviluppo di progetti applicativi e servizi chiavi in mano. Fornitura di personale specializzato per tutte le problematiche aziendali e supporto per l’acquisizione di fondi europei . Minacce Azioni di lobby o di guerra commerciale da parte delle grandi corporate della telefonia e della produzione di apparati, che hanno già fatto enormi investimenti in licenze UMTS e simili. Si tratta di interessi potenti che potrebbero vedere in questa tecnologia il rischio di compromettere gli ingenti investimenti già fatti e programmati nelle nuove generazioni di telefonia. D’altra parte i grandi provider rappresentano essi stessi per primi una categoria importante di potenziali grandi utenti della tecnologia CNR EUROPE. Obiettivi L’area di pianificazione riguarda il quadriennio 2014/2018.
  34. 34. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.34 – progetto CNR EUROPE 2014 Il budget viene articolato come segue: Broadcast e Formazione - Acquisizione 3 grandi progetti per anno con Fatturato medio annuo per azienda utente 1 milione € - Acquisizione 10 progetti/hosting per un valore di 120.000€ cadauno - Operatività sul mercato con applicazioni nei settori: Broadcasting VideoSorveglianza Videoconferenza Videoformazione Attivazione distributori in Italia e all’estero Affiliazione online dealer/rivenditori Reperimento per le aziende di fondi Europei Stage formativi in campo Agricolo per fondi ISMEA Stage coacking per aziende e imprese Università ON line Progetti derivati da finanziamenti Europei Tra imprenditoria agricola; progetti ISMEA; supporto a tutte le attività e progetti innovativi di imprenditoria si ipotizza un budget (per legge variabile dal 5 all’8%) sui progetti portati per un valore globale di finanziamenti pari a 50 milioni di euro nel primo anno con un ricavo variabile tra il 5 e il 8% Strategia di Marketing Il prodotto CNR EUROPE si configura e posiziona con caratteristiche uniche sul mercato, nonostante una agguerrita concorrenza internazionale in un settore che per definizione è innovativo e in continua evoluzione. Il piano di marketing dovrà far valere il vantaggio competitivo di questa unicità e sulla pronta disponibilità della tecnologia e delle sue applicazioni. Nello stesso tempo dobbiamo essere realistici tenendo conto della nostra effettiva dimensione . Si impone quindi una strategia “soft” mirata a un ingresso che ci consenta l’acquisizione dei primi clienti e l’affermazione della nostra tecnologia evitando che i
  35. 35. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.35 – progetto CNR EUROPE 2014 colossi ci vedano come un nemico dei loro progetti e ostacolino il nostro sviluppo. Marketing Mix Il mix marketing quindi punterà sull’unicità del prodotto e su un marketing individualizzato sui grandi clienti, segmentati per area di interesse e di applicazione produttiva della ns tecnologia. Il mercato di riferimento sarà comunque europeo Obiettivi produttivi e di redditività perseguiti Il modello di business del servizi offerti si fonda sulla immediata disponibilità di un sistema di trasmissione che assicuri all’utente la possibilità di collegare le proprie risorse audio/video raggiungibili ovunque si trovi e in qualsiasi momento. La CNR EUROPE non si occuperà direttamente di produzione di contenuti e di servizi ma renderà immediatamente disponibile un nuovo strumento potente e alternativo a tutti coloro che hanno contenuti o servizi da trasmettere. Potrà trattarsi di riprese di grandi eventi sportivi o di spettacolo, di diffusione di sedute di consigli comunali o provinciali, sessioni di consigli di amministrazione in videoconferenza, sistemi di sorveglianza interna di uffici e abitazioni, di lezioni universitarie o di formazione del personale, di video aziendali o di servizi turistici: tutto questo sarà reso trasmissibile e fruibile su mobile e PC - Subito. Sarà sufficiente un ridotto numero di contratti di hosting con fornitori di contenuti, come ad esempio TV nazionali o locali italiane ed estere , oppure con editori e produttori di contenuti sport fiction informazione, o governi, o enti regionali e locali desiderosi di fornire servizi televisivi, si informazione, di videocomunicazione al pubblico o ai propri dipendenti, da fornire “live” oppure “on demand”, per raggiungere rapidamente l’obiettivo di fatturato annuo di 4.200.000 € e di un ROI del medio 40% considerato ottimale nel triennio di startup. E’ questo il budget che si propone oggi CNR EUROPE (mettendo da parte i derivati dal business prodotto dalla piattaforma di supporto per i servizi destinatari di fondi Europei atti alla creazione di nuove imprese produttive non ultime quelle agricole destinatarie di fondi Ismea.
  36. 36. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.36 – progetto CNR EUROPE 2014 Il raggiungimento di tali obiettivi, possibile grazie a costi fissi molto contenuti, consentirà di ottenere margini tali da remunerare gli azionisti e nel contempo accumulare risorse per finanziare sia il riacquisto delle quote conferite da un eventuale socio pubblico, sia una successiva fase di espansione su un mercato che è da subito internazionale sia come audience di fruizione sia come platea degli acquirenti dei servizi. Il Mercato di sblocco e la concorrenza Dimensioni del mercato, previsioni, interscambio con l’estero Il Ministero delle Comunicazioni ha fatto una consultazione pubblica su questo mercato. Nella più rosee delle previsioni, la tv sul cellulare sarà commercializzata a livello di massa in Italia alla fine del 2015. Ma sono altri i problemi sollevati dai diretti interessati – operatori televisivi, di telefonia mobile e fissa, operatori satellitari, associazioni e costruttori -in sede di tale consultazione. I principali nodi da sciogliere, così come espressi nella relazione finale della consultazione, riguardano la ripartizione delle frequenze da utilizzare per il Dvb-H e le problematiche connesse alla possibile creazione di un monopolio, essendo questo mercato strettamente legato alla tv digitale terrestre. Alla consultazione promossa dal ministero, che precede la fase di sperimentazione vera e propria, hanno risposto praticamente tutti i soggetti che operano nel mercato dei media a vario titolo: La7, Mediaset, Rai, AerantiCorallo, Frt, Rna, Il Sole 24 Ore, Rcs, Gruppo Editoriale L’Espresso (operatori e associazioni di broadcaster e gruppi editoriali multimediali); H3G, Vodafone, Tim, Wind (operatori di telefonia mobile); Fastweb e Telecom Italia (operatori di telefonia fissa); Astra, M-Three, Sky (operatori satellitari); Alcatel e Anie (costruttori). Segno che il mercato della tv mobile (Tvmb) fa gola a molti. Del resto, alla domanda del ministero “Quale mercato ci si può aspettare per la Tvmb?”, le risposte in cifre sono state eloquenti. “In particolare - si legge nella relazione degli esperti del ministero - vengono citati studi internazionali in cui si ipotizza che, entro il 2015, 125 milioni di utenti nel mondo guarderanno la televisione in mobilità, vi saranno circa 25 milioni di terminali Dvb-H in Europa, fra i quali 5 milioni in Italia. Altri studi ipotizzano che nel 2015, il numero di utenti che
  37. 37. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.37 – progetto CNR EUROPE 2014 avrà accesso a servizi televisivi attraverso apparati mobili crescerà a ritmi molto elevati: nel 2015 si prevedono oltre 7 milioni di utenti di tv mobile in Europa Occidentale. Secondo altre stime la percentuale di utenti mobili abilitati, in Europa, alla ricezione televisiva in mobilità si aggirerà intorno al 10% (nel 20015) e al 13% (nel 2016) il che significa dai 40 ai 90 milioni di dispositivi. Secondo una proiezione curata da Orange tale numero si aggirerà, nel 2015, introno ai 150 milioni di terminali. Secondo studi di fonte coreana per il 2015 si prevedono 425 milioni di utenti con entrate stimabili mediamente intorno ai 30 miliardi di dollari”. Se si guarda al solo mercato di casa nostra, la relazione spiega: “uno degli operatori che ha partecipato alla consultazione ipotizza la seguente situazione: circa 17 milioni di clienti attivi in Italia nel 2015 e circa 12 miliardi di euro di fatturato nel 2015. Circa il 75% dei ricavi è stimato possano derivare dall’interattività su rete mobile associata ai contenuti (sms, download suonerie, navigazione internet). Lo stesso operatore cita studi che ipotizzano che ricavi generati dal consumo della TV mobile ammonteranno a 200 milioni di euro nel 2006, e supereranno 3,3 miliardi nel 2015”. Politica di vendita –distribuzione-Localizzazione I canali di vendita prescelti saranno tipicamente 4: 1) Azione diretta dei ns account sui grandi clienti in Italia e all’Estero 2) internet ed ecommerce, con l’allestimento di un portale televisivo fruibile via IP 3) rete distribuzione online attivata con un apposito programma internazionale di affiliazione internet 4) Accordi con distributori nazionali ed esteri per la distribuzione dell’hosting e dello streaming sul canale dealer e VAR. Pubblicita’ Lo strumento numero uno dovra’ essere il marketing one-to-one focalizzato sui grandi clienti con una attenzione continua alle singole realtà potenziali clienti, previamente individuati e segmentati in base alla ns attitudine a soddisfare quote crescenti dei loro bisogni-esigenze.
  38. 38. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.38 – progetto CNR EUROPE 2014 La pubblicità sui mezzi sarà ridotta al minimo indispensabile per raggiungere una visibilità presso gli addetti ai lavori. Questa azione sarà integrata con un piano PR Stampa, privilegiando queste forme rispetto al gabellare. Sarà assicurata una presenza alle fiere e manifestazioni a livello internazionale E’ allocato un budget di 60 mila eur per il primo anno. Professionisti del marketing dell’età digitale saranno associati come consulenti. Scenario Tecnologico e Competitivo L'attuale Tv su cellulare è basata sulla rete dati UMTS, 3 o 4 G - punto-punto, (pregasi notare che la TV su cellulare CNR EUROPE non è punto punto bensi uno a molti) e ha una capacità limitata: può servire massimo cinque utenti contemporanei in una cella, dando a ciascuno 100 KB/s". Gli utenti potranno sintonizzarsi alle trasmissioni che in quel momento gli operatori stanno trasmettendo; mentre adesso devono scaricarle richiedendole via UMTS (ai costi della poco economica banda di rete mobile). Poiché i contenuti saranno MULTICAST (da uno a molti), invece che unicast (come nell'attuale Tv su UMTS), gli operatori potranno migliorare le efficienze e le economie di scala e quindi tenere il più possibile bassi i prezzi. Il vero grande problema tuttora irrisolto è che per il DVB-h bisognerà costruire una intera infrastruttura di rete dedicata a questa quarta generazione di telefonia. In Italia Tre e Mediaset lo stanno già facendo, ma ancora oggi non esiste neanche una vera rete 4G in Italia, e secondo Forrester questa rete di quarta generazione non esisterà almeno fino al 2018. Per cui oggi le previsioni per la fruizione TV su mobile in modalità DVB–h restano tali, le applicazioni possono essere solo episodi dimostrativi e la domanda immediata resta senza risposta. Per i produttori di contenuti Tv, si propone l’offerta CNR EUROPE , una piattaforma di servizi via internet e mobile e sviluppata su propria piattaforma arricchita con K- how provenienti dalla ricerca CNR . E’ una tecnologia pronta, brevettata, collaudata, richiede investimenti non elevati, funziona da uno a molti come il DVB-h, ma a differenza del DVB-h è immediatamente disponibile.
  39. 39. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.39 – progetto CNR EUROPE 2014 Struttura e caratteristiche del sistema competitivo Gli apparati di trasmissione 3G/4G coprono una parte limitata del territorio e la ricezione wireless e wi-max praticamente non esiste se non in casi pilota realizzati a mero scopo mediatico come ad esempio le olimpiadi invernali di Torino o i quadrati wi-fi degli aeroporti. I servizi proposti da terzi sia su internet che cellulare sono necessariamente legati ad una connettività di largo respiro ( HDSL) per quanto riguarda la tecnica cablata. Per il “mobile” solo il 4g offre una di larga banda pari a quella cablata ma copre lo 0,01 dela popolazione mondiale. Si comprende pertanto la portata di questa innovativa tecnologia di compressione che permette – attraverso connettività bassissime (da 20 a40 kbit) di ricevere sia su linee domestiche che su telefoni GPRS (90% nel mondo) normali trasmissioni e servizi che il cliente intende proporre e distribuire. Basta vedere la figura a lato per capire quanto l’ambito territoriale di questa offerta sia limitato in Sardegna. E’ il resto d’Italia non fa eccezione, così come, a maggior ragione , i paesi meno sviluppati del resto del mondo. Il vantaggio CNR EUROPE è che possiamo permettere la ricezione di segnali streaming anche chi si collega con i tradizionali modem a 33kb, raggiungendo anche le località dove non c’è e non ci sarà la banda larga. In ogni caso il raffronto tecnico rispetto ai concorrenti in Streaming è vincente anche sul piano delle performance riguardanti la trasmissione su banda larga (la definizione CNR EUROPE su banda larga è notevolmente superiore) ed anche su quello dei costi
  40. 40. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.40 – progetto CNR EUROPE 2014 UNICITA DEL BREVETTO IN EUROPA L’hosting proposto da CNR EUROPE grazie alle sue caratteristiche innovative molto piu’ potenti dell’offerta di streaming esistente sul mercato, è di sicuro interesse per i grandi provider (Tiscali, Aruba), ai broadcaster (Mediaset, La7, SKY, Rai, 24oreTV, TV locali, Endemol), ai carrier (Wind,Orange), ai fornitori di telefonia mobile (Siemens Mobile).
  41. 41. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.41 – progetto CNR EUROPE 2014 La videoconferenza e videoformazione o le DIRETTE LIVE a bassa velocità vengono proposte in ambienti corporate (Organizzazioni commerciali come Auchan, Banche, Assicurazioni), enti pubblici (Formez, Regioni, Comuni per la formazione a distanza) giornali (Sole24ore). La videosorveglianza entra invece nel mercato della sicurezza e sarà proposta alle grandi società di vigilanza. All’estero sono già in corso contatti con il governo Rumeno, con la Provincia Argentina di Tucuman, con la società pubblica del governo Bielorusso per l’ICT per ospitare sui ns server le loro trasmissioni televisive IP. La ricerca dei grandi clienti non esclude l’offerta hosting di fascia bassa per ospitare progetti di videocomunicazione che pervengono dall’utenza medio piccola e dai dealer e rivenditori reclutati a livello internazionale via internet. Gli obiettivi iniziali sono prudenziali in fase di sartup e puntano ad acquisire grandi progetti con tre (due il primo anno) grandi clienti istituzionali per anno, con un valore medio annuo di 1 milione di euro per anno sono l’obiettivo della seconda area di prodotto Sistemi della piattaforma broadcast Il progetto del Centro di Trasmissione CNR EUROPE sopra esposto prevede un piano così articolato: -Licenza d’uso della Tecnologia CODEC -Piattaforma Videostreaming -Centro di produzione mobile -Struttura Centro di trasmissione (CNR EUROPE lab) -Impianto TV satellitare -Sottosistema broadcasting, -Sottosistema videoconferenza, -Sottosistema videosorveglianza, -Sottosistema videoformazione -Portale videostreaming -Progettazione Sarà allestita una struttura base, localizzata in Olbia, già acquisita su un palazzo su 6 piani di circa 1000mq con ottima disponibilità di infrastrutture di rete idonee ad ospitare apparecchiature , uffici e centro di produzione.
  42. 42. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.42 – progetto CNR EUROPE 2014 La piattaforma videostreaming La piattaforma è lo strumento tecnologico fondamentale del centro di trasmissione e si compone di diversi moduli hardware e software per la gestione ed erogazione di servizi a valore aggiunto multimediali verso terminali GPRS/WAN/LAN, si basa su tre differenti moduli che compongono la struttura di partenza per tutte le personalizzazioni da offrire ai Clienti finali; in particolare la personalizzazione può essere adattata in funzione delle esigenze specifiche di trasmissione e/o dei contenuti multimediali. I tre macro moduli di base della piattaforma sono i seguenti: Streaming Server (ver 1.1) Production Kit (ver 1.0) Live Maker (ver 1.3) Sottosistema Videoconferenza Sottosistema VideoFormazione Sottosistema Videosorveglianza Sottosistema BroadCasting Struttura Centro di trasmissione
  43. 43. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.43 – progetto CNR EUROPE 2014 Descrizione breve dei moduli della piattaforma Il modulo Streaming Server, è l’elemento cardine sul quale si basa l’intera architettura della piattaforma multimediale; Il sistema prevede un modulo interno di firewalling che consente di implementare policy per il controllo del tempo di connessione e/o per quantità di accessi al singolo contenuto multimediale; l’integrazione di quanto sopra descritto deve comunque essere supportata dai sistemi di controllo e/o di rete dell’operatore di telefonia mobile. La suite Production Kit, è un insieme di software personalizzati ed per la produzione di contenuti multimediali in modalità “off-line”. Permette la realizzazione di videoclip e/o audioclip fruibili da diverse tipologie di utenti (dial-up, GPRS, LAN, etc.) per tutti i sistemi client esistenti (Real Player – Media Player – Simbian – Mpeg4 – Quick Time) con personalizzazione sulla durata, la qualità e la forma del contenuto multimediale da distribuire. E’ possibile realizzare videoclip per news, eventi sportivi, intrattenimento, e-learning, avendo anche la possibilità di suddividere l’evento stesso in una serie di videoclip sequenziali che possano riprodurre alcuni tra i momenti salienti. Il modulo Live Maker, è un prodotto nato dall’esigenza di produzione di streaming video da eventi in diretta. Il modulo permette, grazie ad un’attività specifica di ingegnerizzazione dell’architettura, di minimizzare i tempi di ritardo nell’acquisizione delle immagini e la successiva trasmissione al terminale, mantenendo un elevato standard qualitativo nella riproduzione delle immagini stesse. Il modulo prevede specifiche strutture software ed hardware, a causa dell’elevata richiesta di risorse interne per l’acquisizione, produzione ed il relativo encoding appositamente realizzato e acquisito su vs.licenza per la successiva trasmissione in automatico al cliente finale; il modulo viene fornito in modalità “boundle” all’operatore/centro Production Kit Guardian Services Streaming Server StreamSplitter Evento in diretta Core Producer Core Producer Core Producer Admin Web InternalLAN
  44. 44. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.44 – progetto CNR EUROPE 2014 servizi. Grazie a questa specifica soluzione, è possibile oggi assistere ad eventi specifici e/o a trasmissioni in diretta, con una qualità elevata rispetto agli standard trasmissivi permessi oggi dalle reti GPRS in tecnologia 2.5G; il sistema risulta essere, una a valida alternativa al più evoluto, ma molto meno diffuso, sistema UMTS (H3G), con la possibilità di offrire contenuti multimediali ai clienti già fidelizzati. Le modaltà di trasmissione/ricezione possono essere di tre differenti tipologie, audio-only, video-only o audio/video. Il modulo Live Maker, per ogni server, gestisce fino a 6 schede Osprey 210 con acquisizione dei segnali audio/video fino a 6 canali contemporanei di alta qualità, siano essi audio e/o video ed indipendenti dallo standard di input fornito; le schede ed i driver, fra le altre features, presentano anche la possibilità di sovraimpressioni di brand e loghi anche in “embossy” mode. In particolare, potranno essere prodotti, partendo da un'unica sorgente video (StreamSplitter Pre-Processor) , diversi formati di encoding, che potranno essere adattati e inviati attraverso il riconoscimento del terminale che effettua la richiesta di connessione Questa soluzione permette un notevole risparmio, sia a livello di gestione che di ottimizzazione del servizio, come ad esempio, nel caso in cui lo streaming di un evento live debba essere distribuito su diverse tipologie di terminali come telefoni cellulari, palmari PocketPc ed addirittura PC domestici collegati in broadband contemporaneamente. Server IBM Xseries o analogo. Il server verrà configurato in architettura ridondante sui dischi e sull’alimentazione, è prevederà il supporto per un secondo processore Intel Xeon. Sorveglianza Territoriale Il sistema proposto permette il monitoraggio in “tempo reale” di locali, abitazioni, uffici e quant’altro. Il sistema è composto da un “set-top-box” da installare nel locale da sorvegliare, una telecamera ed un telecomando. Il “set-top-box” (da ora in poi STB) è un computer a tutti gli effetti ma con caratteristiche estetiche e funzionali adatte ad essere utilizzato alla pari di un elettrodomestico (come un videoregistratore, un lettore DVD e simili) di dimensioni contenute, a bassissimo consumo di energia (30 Watt), senza parti
  45. 45. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.45 – progetto CNR EUROPE 2014 in movimento (quindi senza alcuna emissione di rumore) e costruito con criteri che ne permettono l’utilizzo continuo 24 ore su 24 per anni e senza guasti o malfunzionamenti. Inoltre può essere collegato opzionalmente ad un televisore per ottenere funzionalità evolute e servizi aggiuntivi. Una volta posizionato il STB e collegata la telecamera (interna o esterna), le immagini acquisite dal sistema, vengono elaborate in tempo reale. La configurazione standard prevede il rilevamento del movimento all’interno delle immagini (funzionalità chiamata “motion-detection”) discriminando la condizione di allarme. Una eventuale altra condizione di allarme può essere generata da un piccolo telecomando a frequenza codificata da indossare. Una volta stabilita la condizione di allarme, il sistema memorizza le immagini o il video localmente (sul proprio hard-disk) ed effettua la connessione alla rete pubblica Internet, alla quale Il sistema si connette attraverso le normali connessioni telefoniche analogiche esistenti, oppure tramite ISDN, ADSL o GPRS/GSM (in quest’ultimo caso le informazioni inviate saranno meno ricche di contenuti, ma sempre valide ai fini pratici). Il video o le immagini riprese in sequenza vengono inviate ad un Centro di Gestione in grado di localizzare il Cliente ed inviargli diverse tipologie di allarmi con immagini, video, SMS, email, etc. ed in funzione di opportuni criteri completamente personalizzabili. In seguito le immagini possono essere riviste anche “localmente” dal Cliente stesso collegando il STB ad un qualsiasi televisore ed utilizzando il telecomando in dotazione. Il sistema è completamente personalizzabile su tutti i parametri di configurazione, quali le soglie di intervento del “motion-detection” e l’eventuale controllo di dispositivi esterni (luci, apriporta, attuatori, etc), la configurazione degli accessi ad Internet, etc. Sulla base del sistema possono essere forniti ulteriori servizi a valore aggiunto, come la visualizzazione sul web di statistiche e contenuti, invio di reportistica via email, etc. In seguito una rappresentazione schematica del funzionamento del sistema
  46. 46. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.46 – progetto CNR EUROPE 2014 Una volta ricevuto l’allarme, il Centro di Gestione contatterà il Cliente che puo’ ricevere le informazioni utilizzando diversi sistemi tra cui un cellulare GPRS, un palmare, un Personal Computer collegato ad Internet o addirittura con un altro STB appositamente configurato In quest’ultimo caso l’utilizzo è classico, si pensi ad un Cliente con esigenze di monitorare un proprio parente anziano: non dovrà fare altro che acquistare un primo STB da collegare in casa del parente ed un secondo STB da installare presso la sua abitazione e collegato solo al proprio televisore. Inoltre è possibile l’invio degli allarmi, dei video e delle immagini direttamente su di un cellulare evoluto GPRS o di un palmare, grazie ad applicativi sviluppati in “Java for mobile”, il telefono/terminale GPRS è in grado di comunicare, in maniera interattiva con il STB installato nel locale da sorvegliare, al fine di gestire attuatori ed interfacce, scegliere le configurazioni e navigare tra i video memorizzati in precedenza. Inoltre l’utilizzo di queste tecnologie dedicate al Mobile rende possibile l’installazione della parte “client”, su telefoni già ampiamente reperibili sul mercato basati su “Symbian OS”, quali ad esempio il Nokia 7650 o i nuovi Sony Ericsson. PWR OK WIC0 ACT/CH0 ACT/CH1 WIC0 ACT/CH0 ACT/CH1 ETH ACT COL
  47. 47. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.47 – progetto CNR EUROPE 2014 Concludendo, non è da dimenticare la funzionalità (sempre attiva) di registrazione continua “time-lapse” degli eventi all’interno dell’hard-disk del STB. In questo modo è possibile sfruttare il STB come un videoregistratore digitale, con possibilità di consultare i video precedentemente registrati, di catalogarli e cancellarli. Da notare, infine, che il sistema operativo, i software di gestione, di motion- detection, di connettività e quant’altro, sono basati su software open-source e/o proprietario della nostra azienda e quindi assolutamente esenti da licenze d’utilizzo esterne o tasse particolari. COSTO DELLA PIATTAFORMA E DEI BREBVETTI è pari a 218.000 €. Proiezioni economico-finanziarie (del broadcast) Illustrazione dei criteri adottati per la determinazione dei dati di base assunti per le proiezioni economicofinanziarie (conti economici, stati patrimoniali e flussi finanziari previsionali). Le assumption di base delle proiezioni economico finanziarie sono state declinate come segue: Unità di prodotto A: applicazioni Hosting  Valore unitario medio annuo: 120.000 € - margine: 50% - volumi annui 10 unità Unità di prodotto A: applicazioni Progetti su Grandi Clienti  Valore unitario medio annuo: 1.000.000 € - margine: 60% volumi annui 2 unità primo anno, 3 unità a regime  Investimento totale 650.000€ oltre iva, da effettuarsi interamente nel corso del primo e secondo anno di attività. – Ammortamento previsto in 4 anni. Le proiezioni economico finanziarie evidenziano un fatturato a regime di 4.200.000€ con ROI del 33% in grado di assicurare fin dal terzo anno il ritorno del capitale investito e la generazione di untili per gli anni successivi. GLI INVESTIMENTI PREVISTI
  48. 48. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.48 – progetto CNR EUROPE 2014 Hardware una tantum 2 Server per lo smistamento dei servizi su fibra ottica 25.000 1 Server per il collegamento e la gestione dei servizi interni 10.000 10 Sistemi PC portatili per i vari uffici 7.000 1 Sistema di sicurezza a telecamere e rilevatori di prossimità 12.000 1 Sistema di controllo digitale a impronta per gli accessi 8.000 Stampanti – video – e quanto necessario 10.000 1 Sistema autonomo energetico a pannelli solari 30 KW 50.000 Lavori di adattamento della struttura – pubblicita e varie 20.000 Sistema di streaming e compressione (3 server) 55.000 Insegne – Spese e contributi vari- 20.000 Licenza dei due brevetti (2 milioni) acconto 100.000 -------- 320.000 Personale /servizi Costo annuo per 12 impiegati 160.000 Costo annuo 2 ingegneri/tecnici 60.000 Costi di linee dedicate a fibra annuo 40.000 Costi telefonici annui 12.000 Rimborsi spese annui per trasferimenti 20.000 Costi trasporti/noleggio 2 auto – annui 6.000 Sito Web e persona adibita per annualità 20.000 Costi commercialista annui 10.000 ----------- 370.000 Immobile: Locazione annua immobile 80.000 Costi gestione /pulizie annui 10.000 --------- 90.000 FONDO CASSA 100.000 Totale spesa previsto primo anno 700.000 euro Totale introiti previsti da servizi GIA ESISTENTI 4.500.000 euro
  49. 49. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.49 – progetto CNR EUROPE 2014 Allegato all’atto del notaio Dr. Wolfram Schneeweiß in Monaco del 14.03.2014 Rep n.. 0873 / 2014 S Contratto sociale Denominazione e sede La ragione sociale è CNR Europe GmbH. La sede della società è Monaco di Baviera. Oggetto sociale L’oggetto della società è, L’organizzazione, la promozione e l’assistenza di iniziative imprenditoriali tramite la gestione di fondi comunitari per i settori dell’artigianato, agricoltura, commercio, cultura, sport e turismo compresi i corsi di formazione professionale europei ed il sostegno ai giovani imprenditori. Sviluppo di progetti di efficienza energetica e di efficienza tecnologica industriale. Sviluppo di progetti di tecnologie digitali, gestione di brevetti per la trasmissione immagini digitali. La gestione di siti web, creazione, uso e sfruttamento di canali televisivi per dirette televisive compresi i servizi di assistenza presso i clienti La società può compiere qualsiasi attività idonea, direttamente o indirettamente al perseguimento dell’oggetto sociale. La società può costituire, acquisire, gestire nuove imprese e partecipare tali imprese. La società può aprire sedi secondarie. Capitale sociale e quote sociearie Il capitale sociale ammonta a 25.000,00 € - in lettere: venticinquemila Euro -. Il capitale sociale è diviso in 4 quote con i numeri a segire da 1 a 4 in valore nominale di von 12.500,00 €, 7.500,00 €, 2.500,00 € und 2.500,00 €. Di queste acquisiscono:
  50. 50. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.50 – progetto CNR EUROPE 2014 a) la sig.ra Paola Meloni una quota di partecipazione pari a 12.500,00 € (dodicimila cinquecento Euro) - Quota n. 1 -, b) la CNRGROUP S.R.L con sede in Roma una quota di partecipazione pari a. 7.500,00 € (settemilacinquecento Euro) - quota n. 2 -, c) Il Sig. Francesco Missori una quota di partecipazione pari a. 2.500,00 € (duemilacinquecento Euro) - quota n. 3 -, d) La CONTAX INTERNATIONAL DI MARCOS MAXIMO MAILLMANN E C. SAS con sede in Roma una quota di partecipazione pari a. 2.500,00 € (duemilacinquecento Euro) - quota n. 4 -. Le quote societarie devono essere versate in contanti. I rispettivi conferimenti devono essere versati immediatamente ognuno per la metà dell’importo totale. Durata della società, esercizi sociali La società è costituita a tempo indeterminato. Essa ha inizio dalla iscrizione al registro imprese. Gli esercizi sociali coincidono con l’anno solare. Il primo esercizio sociale inizia con l’iscrizione della società nel registro imprese e termina il 31 dicembre successivo. Amministrazione e rappresentanza La società ha uno o più amministratori. Nel caso venga nominato un amministratore unico così rappresenta la società da solo. Nel caso siano nominati più amministratori, così la rappresentanza spetta a due amministratori congiuntamente oppure a un amministratore insieme ad un procuratore. Tramite delibera dell’assemblea possono essere attribuiti in ogni momento, indipendentemente dal numero degli amministratori nominati, singole autorizzazioni alla rappresentanza ad uno, più o tutti gli amministratori e in generale o per un caso specifico, con la liberatoria dai limiti imposti dall‘‘Art 181 del codice civile tedesco BGB. Le disposizioni di cui ai precedenti punti si applicano corrispondentemente ai liquidatori.
  51. 51. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.51 – progetto CNR EUROPE 2014 Delibere dell‘assemblea della società Le delibere della società vengono adottate: Durante le assemblee dei soci della società. Se tutti i soci si dichiarano favorevoli a questa forma di delibera o partecipano ad essa votando per lettera, fax o email finchè non vi siano norme di legge che prevedono altre forme di processo decisionale. Le delibere societarie vengono adottate a maggioranza semplice dei voti espressi finché non siano previste maggioranze vincolanti dall’atto costitutivo o dalla legge. La votazione avviene per quote societarie. Ogni 1,-- € (un Euro) di quota societaria vale un voto. L' assemblea ha capacità di deliberare se è rappresentata da almeno la metà di voti autorizzati del capitale sociale. In caso di mancanza deve essere convocata entro una settimana una nuova assemblea con identico ordine del giorno da tenersi entro due settimane dalla precedente e che avrà comunque potere deliberante. Di questo deve essere fatta menzione nella nuova convocazione. Bilancio e destinazione del risultato di esercizio Il bilancio di esercizio e, nel caso necessaria, la relazione sulla gestione deve essere preparata dagli amministratori e firmata da tutti gli amministratori. Sulla destinazione del risultato di esercizio decide l’assemblea die soci. In caso di distribuzione il risultato di esercizio o l’utile viene ripartito in relazione alle quote societarie. Cessione di quote, diritto di acquisto Per le disposizioni di quote non è richiesto alcun consenso. Inoltre non esiste un diritto sull’acquisto di quote. Recesso del socio Ogni socio può esprimere la volontà di recesso dalla Società entro un periodo di sei mesi dalla fine dell‘esercizio o senza preavviso per giusta causa.
  52. 52. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.52 – progetto CNR EUROPE 2014 Il recesso può essere dichiarato per lettera o ricevuta di ricevimento, in caso di mancanza del termine è necessaria l’indicazione delle motivazioni. Dalla data di spedizione della dichiarazione di recesso, i diritti di voto del socio uscente sono sospesi. Gli altri soci decidono con delibera assembleare alla quale il socio uscente non ha diritto di voto, se le quote vengono riacquistate o se ne può disporre la cessione ai sensi dell’art 12 del presente statuto. In caso di recesso di un socio, la Società prosegue con le parti restanti, a meno che questi non decidono la messa in liquidazione entro tre mesi dal ricevimento della comunicazione di recesso. In quest'ultimo caso, il socio uscente partecipa alla liquidazione, altrimenti si ritira dalla società. Il socio uscente riceve una indennità secondo l’art 13 del presente contratto sociale. Morte di un socio Alla morte di un azionista le quote possono essere riscattate. Al posto del del riscatto può essere disposto il trasferimento delle quote può ai sensi del Art 12 del presente contratto sociale. Se il ripristino non viene deliberato entro un anno dalla la morte del socio o non viene richiesto il trasferimento entro tale termine, la Società continuerà con gli eredi. Più eredi possono esercitare i diritti sulla quota solo attraverso un rappresentante comune tra loro o di un delegato comune; questo deve essere un professionista consulente legale o commerciale obbligato al segreto professionale membro di un ordine. La necessità di nominare un rappresentante non si applica fino a quando è nominato un esecutore Testamentario. Il rappresentante deve essere legittimato per iscritto. Fino alla adeguata evidenza della disposizione della rappresentanza verso la società, sono sospesi i diritti di appartenenza alla Società degli eredi della quota. Riscatto delle quote Il riscatto delle quote è consentito. Le quote di un socio possono essere riscattate, fatti salvi altri casi previsti da questo, senza il suo consenso nei seguenti casi: se contro il patrimonio del socio viene aperta una procedure concorsuale o l'apertura di una procedura di insolvenza è respinta per mancanza di consistenza. il creditore di un socio a causa non solo di un titolo provvisoriamente esecutivo opera una esecuzione forzata su una quota e l'azione di esecuzione non viene annullata entro un mese.
  53. 53. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.53 – progetto CNR EUROPE 2014 nella persona del socio si verifichi un motivo importante che giustifica la sua esclusione dalla società; un motivo importante in questo senso si verifica in particolare quando (1) il socio viola sostanzialmente i suoi obblighi, (2) viene nominato per il socio un tutore secondo gliArtt 1896 e segg. del codice civile tedesco BGB Una quota che spetta a più di una persona può essere riscattata se i requisiti sono rispettati conformemente al paragrafo 2, anche solo per un contitolare. In caso di esecuzione forzata su una quota societaria la Società e gli azionisti hanno il diritto di soddisfare il creditore dell’ esecuzione e riscattare quindi la quota societaria. Il socio colpito non può opporsi alla soddisfazione. Egli ha diritto a farsi conteggiare la soddisfazione del creditore dell’ esecuzione dalla sua richiesta di indennizzo. Il riscatto è effettuato dall’Amministrazione a seguito di delibera dell’assemblea dei soci. La delibera richiede nel caso del paragrafo 2 c) una maggioranza di tre quarti, in tutti gli altri casi è necessaria la maggioranza semplice dei voti espressi. Nella decisione dell’assemblea, il socio interessato non ha diritto di voto; il suo diritto di voto è disattteso nel calcolo della maggioranza richiesta. In caso di riscatto la società deve pagare un indennizzo secondo l’art 13 del presente accordo. Trasferimento della quota alternativo al riscatto Nel caso del verificarsi di un evento per il riscatto di quote, i soci possono decidere al posto del riscatto, che le quote siano trasferite in tutto o in parte alla società stessa o ad una o più persone (soci o terzi) da nominare mediante delibera. Tale decisione può essere presa solo all'unanimità. Il socio colpito non ha diritto di voto. Se il trasferimento viene deciso a norma del paragrafo 1, il Consiglio di amministrazione è autorizzato ad effettuare il trasferimento delle quote a nome del socio colpito. Il diritto di voto delle quote è sospeso fino al completamento del trasferimento. al socio colpito è dovuto un pagamento, come risulta dal regime di liquidazione ai sensi dell’art 13 del presente contratto sociale. La società è responsabile come garante per il pagamento di un socio debitore o ad un terzo che ha rinunciato al diritto di richiedere un'azione. Liquidazione Nel caso in cui secondo questo statuto è prevista una liquidazione, l'importo di tale liquidazione è basato sul valore di contabile della partecipazione del socio. Il valore contabile è la quota nominale del socio del capitale sottoscritto – esclusi i depositi ancora non richiamati - si aggiunge la quota di riserve di capitale e riserve di utili e la quota degli utili non distribuiti meno la quota delle perdite, quindi senza considerazione di riserve
  54. 54. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.54 – progetto CNR EUROPE 2014 occulte o del valore dell’azienda. Per la determinazione è valido il bilancio dell'ultimo esercizio finanziario prima della decadenza del socio; nel caso di uscita del socio alla fine dell’esercizio è valido il bilancio da redigere a tale data. Il socio non può prendere parte alle attività in corso. Qualora il bilancio sia redatto successivamente, in particolare nel corso di una verifica, resta escluso dal calcolo della liquidazione. Se al momento dell’uscita con il socio uscente o con i suoi eredi sussiste una mancata corrispondenza non prevedibile tra la il valore della liquidazione determinato secondo principi enunciati in ai punti precedenti e il valore reale della partecipazione , può essere richiesto un adeguamento da parte di un perito da nominare tramite la Camera di Commercio e Industria presso la sede legale della Società . Il perito decide se esistono le condizioni per l'adeguamento. Egli deve partire dal metodo di valutazione sopra descritto e comparare il risultato secondo i principi di buona fede con la dovuta considerazione gli interessi della Società e del socio uscente e tenendo conto delle singole mutate circostanze dal momento dell’accordo sulle regole della liquidazione. Il costo del perito sono a carico della Società o , in caso di cessione di cui all’art 12 , dell'acquirente della quota da un lato e il socio uscente o dei suoi eredi l'altra metà. dal divieto di concorrenza a singoli o a tutti i soci e agli amministratori della Società può essere concessa liberatoria generale o limitata a casi particolari o per determinate attività dal divieto di concorrenza con delibera assembleare. I dettagli (tipo e campo di applicazione dell'esenzione, separazione dei compiti, accordo di remunerazione) sono regolati, nei singoli casi, dall'assemblea generale con maggioranza semplice. Nel caso di liberatoria, gli interessati hanno il diritto di entrare in nome proprio o per conto di terzi in concorrenza con la Società, di lavorare per imprese concorrenti o di partecipare a tali imprese, direttamente o tramite un intermediario. La Sig.ra Paola Meloni, la CNRGROUP S.R.L, Il Sig Francesco Missori, La CONTAX INTERNATIONAL DI MARCOS MAXIMO MAILLMANN E C. SAS e il Dott. Marcos Maillmann sono singolarmente come soci o amministratore liberati completamente gratuitamente da qualsiasi divieto di concorrenza t. disposizioni finali L'invalidità o inesattezza delle singole disposizioni del presente contratto non pregiudica la validità delle restanti disposizioni del presente contratto, finchè la buona fede non sia in evidente contraddizione. La disposizione inefficace o invalida deve essere sostituita con una delibera assembleare da una valida, che raggiunga possibilmente lo stesso scopo economico e giuridico. Lo stesso vale se durante l'esecuzione del contratto si verifica la necessità di colmare una lacuna. Le spese di costituzione (in particolare costi notarili e giudiziari, tra cui la pubblicazione e la consulenza di costituzione), sono a carico della Società fino ad un massimo di una cifra stimata di 1.500 €. Eventuali costi aggiuntivi sono a carico degli azionisti in proporzione alle quote.
  55. 55. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.55 – progetto CNR EUROPE 2014 Repertorio Nr. 0873 / 2014 S del 14.03.2014 atto: CNR Europe GmbH, Gr. Incaricato: Sig.ra Nußbaumer / CN Atto costitutivo di GmbH (CNR Europe GmbH) oggi, quattordici marzo 2014 - 14.03.2014 - è comparso avanti a me Dr. Wolfram Schneeweiß Notaio in Monaco di Baviera Presso il mio ufficio in Residenzstraße 27, 80333 Monaco di Baviera: Il Dott. Marcos Maximo Maillmann, nato il 17. luglio 1962, Residente in Via Dott. Lorenzo Barbaliscia 22, 00045 Genzano di Roma, identificato con la sua carta d’identità italiana in corso di validità. Il Sig. Marcos Maximo Maillmann agisce non in nome proprio, bensì 1. In qualità di amministratore società iscritta al registro imprese di Roma REA numero RM - 752120 CONTAX INTERNATIONAL DI MARCOS MAXIMO MAILLMANN E C. SAS Con sede in Roma (domicilio: Via Rovereto 6 in 00198 Roma), l’attestazione della rappresentanza segue separatamente, 2. Per la Sig.ra Paola Meloni, nata il 30. Ottobre 1957, secondo dichiarazione non sposata residente in via Casteggio 19, 00166 Roma, 3. Per la società registrata presso il registro delle imprese di Roma REA numero 1045370 CNRGROUP S.R.L Con sede in Roma (domicilio: via Padre G.A. Filippini 134, 00144 Roma), dott. Roberto Matutini
  56. 56. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.56 – progetto CNR EUROPE 2014 4. Per il Sig. Francesco Missori, nato il 10. gennaio 1959, secondo dichiarazione non sposato Residente in via Eraclea 3, 00179 Roma, Per i comparenti da 2. a 4. giusta procura notarile, allegata al presente atto in traduzione giurata pubblica. A richiesta del comparente ricevo secondo le sue dichiarazioni rese davanti a me il seguente A t t o c o s t i t u t i v o d i G m b H I.Costituzione della società 5. La Sig.ra Paola Meloni, la CNRGROUP S.R.L, il Sig Francesco Missori e la CONTAX INTERNATIONAL DI MARCOS MAXIMO MAILLMANN E C. SAS - di seguito denominati anche „soci“ - con la presente costituiscono con ragione sociale CNR Europe GmbH Con sede in Monaco di Baviera una società a responsabilità limitata. I soci approvano lo statuto letto dal notaio ed allegato; con riferimento ad esso. 6. Il capitale sociale ammonta a 25.000,00 € - in lettere:venticinquemila Euro -. 7. Il capitale sociale è diviso in 4 quote con i numeri di seguito da 1 a 4 del valore nominale di 12.500,00 €, 7.500,00 €, 2.500,00 € und 2.500,00 €. Di cui assumono: e) la Sig.ra Paola Meloni una quota di partecipazione per 2.500,00 € (dodicimilacinquecento Euro) - Quota numero 1 -, f) la CNRGROUP S.R.L con sede in Roma una quota di partecipazione per 7.500,00 € (settemilacinquecento Euro) - Quota numero 2 -, g) Il Sig Francesco Missori una quota di partecipazione per 2.500,00 € ( (duemilacinquecento Euro) - Quota numero 3 -, h) la CONTAX INTERNATIONAL DI MARCOS MAXIMO MAILLMANN E C. SAS con sede in Roma una quota di partecipazione per 2.500,00 € (duemilacinquecento Euro) - Quota numero 4 -.
  57. 57. Progetto CNR Europe – Business Plan Pag.57 – progetto CNR EUROPE 2014 II. Delibera sulla nomina dell‘amministratore Rinunciando ad ogni norma legale di forma e termine i soci tengono una prima assemblea dei soci e deliberano, senza che ciò debba essere contenuto dello statuto: Come primo Amministratore viene nominato: Il Sig. Marcos Maximo Maillmann, nato il 17. luglio 1962, residente in Genzano di Roma. L’amministratore è incaricato della rappresentanza quale amministratore unico. Altre decisioni oggi non vengono adottate. III. Indicazioni del Notaio I partecipanti sono stati informati in particolare come di seguito: 1. La società a responsabilità limitata ha origine solo a seguito di iscrizione nel registro imprese. Sino ad allora le persone che agiscono in nome della società rispondono personalmente ed in solido. 2. Prima dell’avvio della registrazione al registro delle imprese devono essere versati almeno 12.500,-- € su un conto intestato alla società in contanti ed a libera disposizione dell’amministratore. Gli importi versati non possono di regola tornare ai soci. Versamenti precedenti all’autenticazione notarile odierna non hanno di per se valore di adempimento. I soci sono stati informati anche sui pericoli di una cosiddetta costituzione in natura simulata. In questo senso i partecipanti avvisano il notaio di presentare la richiesta di iscrizione al registro imprese solo dopo che sia stato confermato al notaio da loro o dall’amministratore l’avvenuto versamento dei depositi da versare subito secondo l’atto costitutivo. 3. Prima della registrazione della società nel registro imprese oltre ai costi di costituzione non dovrebbero essere assunti altri impegni vincolanti. In caso contrario ciò può comportare ad un obbligo di versamento successivo da parte dei soci e prolungare la registrazione al registro imprese. 4. I soci e l’amministratore rispondono in solido delle conseguenze di false dichiarazioni in fase di costituzione e possono eventualmente essere puniti con una pena detentiva fino a 3 anni.

×