Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Comunicare con le slides

168.286 Aufrufe

Veröffentlicht am

Come creare presentazioni efficaci con le slides

Veröffentlicht in: Bildung, Reisen

Comunicare con le slides

  1. 1. Comunicare con le SLIDES
  2. 2. a cura di Marco Messere2 Aspetti generali. Attenzione a:  Pensare che possano compensare discorsi senza appeal  Confondere la slide con la scaletta o gli allegati  Perdere il senso delle misure (quante ne faccio?)  Fare un uso improprio degli effetti grafici che riduce la leggibilità  Sottovalutare l’importanza del lavoro sul testo
  3. 3. a cura di Marco Messere3 Valore strumentale delle slides  Aiutano a selezionare i concetti chiave ed a riconoscere i punti di arrivo  Vivacizzano l’esposizione e stimolano l’attenzione  Favoriscono la comprensione e la memoria visiva
  4. 4. a cura di Marco Messere4 Regole generali  Non aggiunge informazioni ma supporta, chiarisce, rinforza (focalizza)  Deve servire all’uditorio, non a te! (facilita)  Fissa solo i concetti chiave (sintetizza)
  5. 5. a cura di Marco Messere5 Processo di elaborazione slides 1) Pianificazione: organizzazione del discorso (planning) 2) Elaborazione dal contenuto alla slide (packaging) 3) Gestione delle slides nella presentazione (speech)
  6. 6. Planning Pianificazione del discorso
  7. 7. a cura di Marco Messere7 Planning – un paio di domande… Dove voglio arrivare con il mio discorso? (obiettivi) Cosa voglio e cosa posso dire? (vincoli) Cosa deve essere detto,anziché cosa può essere detto? (focalizzazione)
  8. 8. a cura di Marco Messere8 Planning – fissa prima gli obiettivi Contenuto Cosa voglio che resti nella mente di chi ascolta? Relazione Che impatto voglio che abbia il mio discorso sull’uditorio?
  9. 9. a cura di Marco Messere9 Obiettivo di relazione STILE INFORMATIVO Descrivere uno stato di cose? STILE DIDATTICO Facilitare la comprensione? STILE EVOCATIVO Stimolare delle suggestioni? STILE ARGOMENTATIVO Stimolare riflessione o un dibattito?
  10. 10. a cura di Marco Messere10 Vincoli contestuali OBIETTIVO Cosa vuoi e puoi ottenere? TARGET Chi è il tuo pubblico? TEMA Che difficoltà presenta? Qual è il nocciolo? Quali i punti forti?TEMPO Quanto tempo hai? SPAZIO Com’è lo spazio dove parli?
  11. 11. a cura di Marco Messere11 Per una buona pianificazione  PRIMA pensa a cosa devi e puoi dire (contenuti)  POI quali contenuti vuoi che restino impressi (concetti chiave)  INFINE, scegli cosa è necessario supportare visivamente (slides)
  12. 12. Agenda Argomenti principali Esempi, casi di studio, ecc. Dettagli operativi, dati analitici, curiosità … 1 slide N. slides slides solo se necessarie
  13. 13. a cura di Marco Messere13 L’Agenda  Illustra la struttura del discorso e fornisce all’uditorio la traccia per seguirlo  Fissa gli obiettivi e dà una visione d’insieme di ciò che dirai nella presentazione senza scendere nei dettagli
  14. 14. Packaging L’impaginazione dei contenuti
  15. 15. a cura di Marco Messere15 Elementi costitutivi della slide  Struttura della slide (intestazione)  Trattamento del testo (editing e scrittura)  Marcatori testuali: – Carattere – Grassetti – Sottolineature – Punti elenco, frecce, blocchi – Colori – Animazione  Immagini e grafici  Schema diapositiva (format)
  16. 16. a cura di Marco Messere16 Struttura della slide TITOLO (CAPITOLO) Sottotitolo (paragrafo) TESTO + IMMAGINE PIE’ DI PAGINA (Autore, data, titolo presentazione …)
  17. 17. a cura di Marco Messere17 Il titolo della slide  BREVE (tutto in una riga)  PERTINENTE (specifica l’oggetto)  ATTRAENTE (stimola curiosità)
  18. 18. a cura di Marco Messere18 Elementi costitutivi della slide  Struttura della slide (intestazione)  Trattamento del testo (editing e scrittura)  Marcatori testuali: – Carattere – Grassetti – Sottolineature – Punti elenco, frecce, blocchi – Colori – Animazione  Immagini e grafici  Schema diapositiva (format)
  19. 19. a cura di Marco Messere19 Trattamento del testo Lunghezza del testo  Gli allegati a parte  Frasi BREVI (evita incisi e subordinate)  Non spezzare frasi con gli “a capo”: ogni frase un concetto di senso compiuto Punti elenco  Non più di una frase per punto  Ogni punto autonomo dai precedenti  Non meno di 3 punti, non più di 6  Usare l’effetto “streaptease”
  20. 20. a cura di Marco Messere20 Elementi costitutivi della slide  Struttura della slide (intestazione)  Trattamento del testo (editing e scrittura)  Marcatori testuali: – Carattere – Grassetti – Sottolineature – Punti elenco, frecce, blocchi – Colori – Animazione  Immagini e grafici  Schema diapositiva (format)
  21. 21. a cura di Marco Messere21 Marcatori del testo MAIUSCOLO solo per frasi brevi (URLO) Sottolineature soffocano, solo per parole-chiave Corsivo, OK per informazioni secondarie Lascia ossigeno tra le righe (interlinea) Evita caratteri con le grazie, riducono leggibilità Fissa uno standard per i caratteri e mantienilo
  22. 22. a cura di Marco Messere22 Un esempio di standard ELEMENTO GRANDEZZA FONT Titolo presentazione 30 – 32 Titolo slide (capitolo) 26 – 28 Sottotitolo slide (paragrafo) 20 – 24 Testo interno 18 – 22 Informazioni accessorie 14 - 16
  23. 23. a cura di Marco Messere23 Elenchi puntati e frecce  Elenchi puntati grandi mangiano spazio; per i sottopunti meglio elenchi più sottili  La freccia ha più significati – Passaggi tra frasi – Indica relazioni – Annuncia “guarda qui”  Fissati uno standard e mantienilo
  24. 24. a cura di Marco Messere24 Blocchi e box  FUNZIONALITA’: serve veramente? Per cosa? Può essere incorniciato in modo più semplice?  SEMPLICITA’: eccessivamente decorativo; distrae e appesantisce il testo  INFORMATIVITA’: valorizza gli elementi che si vogliono evidenziare? Può essere equivocato?
  25. 25. a cura di Marco Messere25 I colori  Distinguono, evidenziano, collegano  Troppi colori nel testo confondono (max 4)  Colori hard (rosso/nero) per concetti chiave Soft per informazioni di supporto  Codifica l’uso dei colori: i colori guidano la lettura
  26. 26. a cura di Marco Messere26 Elementi costitutivi della slide  Struttura della slide (intestazione)  Trattamento del testo (editing e scrittura)  Marcatori testuali: – Carattere – Grassetti – Sottolineature – Punti elenco, frecce, blocchi – Colori – Animazione  Immagini e grafici  Schema diapositiva (format)
  27. 27. a cura di Marco Messere27 Immagini e grafici  Le immagini vivacizzano il testo, solo se PERTINENTI  Le immagini stimolano la lettura, solo se ATTRAENTI  Le immagini migliorano la lettura, solo se DISCRETE  Le immagini aiutano la lettura, solo se ESPLICATIVE
  28. 28. a cura di Marco Messere28 Gestione delle slide Non spegnete le luci, abbassatele soltanto Poche slide e non cambiarle in fretta Proietta, pausa. Quando lo sguardo torna a te, parla Mantieni il “contatto visivo”, evita il monologo con il pc Esponi con parole diverse dalle slide Usa lo striptease: manterrai più alta l’attenzione Non passeggiare davanti al proiettore acceso! Evita il “Grazie” finale sulla slide, suona fasullo! Lascia i tuoi contatti!

×