SlideShare ist ein Scribd-Unternehmen logo
1 von 77
Downloaden Sie, um offline zu lesen
Digital Humanities | Pisa febbraio-aprile 2017 | Luca De Biase
1. Media ecology How to be humans
in the digital age
http://blog.debiase.com
8:30 - 10:00 10:15 - 11:45 12:00 - 13:30 14:15 - 15:45 16:00 - 17:30 17:45 - 19:15
24 febbraio x x x
2 marzo x x x
3 marzo x x
23 marzo x x x
24 marzo x x
6 aprile x x x
7 aprile x x
DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co.
infosfera
futuro
innovazione
felicità
piattaforma
conoscenza
diritti
HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co.
infosfera 24 febbraio
futuro 2 marzo
innovazione 3 marzo
felicità 23 marzo
piattaforma 24 marzo
conoscenza 6 aprile
diritti 7 aprile
HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co.
infosfera digitalizzazione polarizzazione esponenziale algoritmo nicchia
futuro shift pattern senso evoluzione arte & scienza
innovazione immaginazione abilitazione selezione sperimentazione adozione
felicità ecologia fini & mezzi ambiente relazioni cultura
piattaforma interfaccia codice filtro motivazione incentivo
conoscenza valore verità metodo contesto design
diritti privacy accesso interoperabilità neutralità sicurezza
HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
paper
Che cosa sappiamo
Perché è importante
Che cosa possiamo fare
sync
https://mitpress.mit.edu/sites/default/files/titles/content/
9780262018470_Open_Access_Edition.pdf
Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si
adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse
Gli umani evolvono per via genetica ma anche e
soprattutto per via culturale e tecnologica.
La grande trasformazione riguarda, insieme, le
condizioni esterne e i caratteri strutturali degli umani
E l’intersezione è culturale
Dati, informazioni, conoscenza, esperienza, saggezza
Knowledge management
❖ Dati, informazione, conoscenza
❖ Il valore si concentra nella conoscenza
❖ La gestione della conoscenza
il capitale umano
La conoscenza informale
il patrimonio di sapere strutturato e registrato
La conoscenza formale
i bit
L’immaginazione
La dimensione sintetica dell’innovazione
Le domande
Come pensiamo il futuro?
Come cambia il corpo umano dotato di smartphone?
Come pensiamo l’evoluzione della vita collettiva nel mondo
dei social network?
I robot sostituiranno gli umani al lavoro?
Perché qualcuno pensa che la tecnologia possa distruggere
l’umanità e altri pensano che sia la soluzione a tutti i problemi?
Come si sviluppa la nostra capacità di guardare avanti e di
costruire il domani?
Come influisce il quadro culturale sull’evoluzione tecnologica?
Qual è il contributo del sistema dei valori alla tecnologia?
Che cos’è un ecosistema dell’innovazione?
Come si distingue ciò che è importante da ciò che non lo è,
nella tecnologia?
Perché saremo come sapremo?
Dalla Civiltà delle Macchine, numero uno, 1953
http://blog.debiase.com/2012/11/26/ungaretti-nostalgia-di-un-visionario-la-civilta-
dellelettronica-dal-1953-al-futuro/
Come pensiamo il futuro?
Come cambia il corpo umano dotato di smartphone?
Come pensiamo l’evoluzione della vita collettiva nel mondo
dei social network?
I robot sostituiranno gli umani al lavoro?
Perché qualcuno pensa che la tecnologia possa distruggere
l’umanità e altri pensano che sia la soluzione a tutti i problemi?
Come si sviluppa la nostra capacità di guardare avanti e di
costruire il domani?
Come influisce il quadro culturale sull’evoluzione tecnologica?
Qual è il contributo del sistema dei valori alla tecnologia?
Che cos’è un ecosistema dell’innovazione?
Come si distingue ciò che è importante da ciò che non lo è,
nella tecnologia?
Perché saremo come sapremo?
Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si
adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse
Gli umani evolvono per via genetica ma anche e
soprattutto per via culturale e tecnologica.
Digital Humanities | Pisa febbraio-aprile 2017 | Luca De Biase
L’infosfera
“Frequently the messages
have meaning”.
Claude Shannon
Viviamo in un ambiente modificato
Un ambiente arricchito
dall’informazione
❖ DIGITALLY RECORDED KNOWLEDGE:
❖ 2000: 25% ———> 2013: 98%
❖ In 2013, 98% of information recorded by humans was in
digital format; in the year 2000 it was 25% - Martin
Hilbert, quoted by Victor Mayer-Schönberger and
Kenneth Cukier in BIG DATA 2013
E il nostro corpo cambia
–La corte suprema degli Stati Uniti
Il telefono è parte dell’anatomia umana
Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si
adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse
Gli umani evolvono per via genetica ma anche e
soprattutto per via culturale e tecnologica.
La trasformazione
❖ Digitalizzazione dei media
❖ Media che costruiscono il nuovo ambiente
❖ Media che cambiano il corpo umano
Digitale:
parte dalla nozione di informazione
Informazione
❖ Information has a history. Digital information theory starts in 1948. And it
changed a lot of our lives. At present, a sort of info-sphere is our new
environment: a digital ecosystem in which we both live and learn. There are
consequences that we should think more about.
❖ Luciano Floridi, Information. A very short introduction, 2010
❖ Paolo Vidali e Federico Neresini, Il valore dell’incertezza, Mimesis 2015
❖ James Gleick, The information, 2012
❖ Claude Shannon, A mathematical theory of communication, 1948 http://
worrydream.com/refs/Shannon%20-%20A%20Mathematical%20Theory%20of
%20Communication.pdf
A Mathematical Theory of Communication
By C. E. SHANNON
❖ «The fundamental problem of communication is that of reproducing
at one point either exactly or approximately a message selected at
another point.
❖ Frequently the messages have meaning; that is they refer to or are
correlated according to some system with certain physical or
conceptual entities. These semantic aspects of communication are
irrelevant to the engineering problem.
❖ The significant aspect is that the actual message is one selected from
a set of possible messages. The system must be designed to operate
for each possible selection, not just the one which will actually be
chosen since this is unknown at the time of design.»
BIT: unit of information
❖ Information is a reduction of
uncertainty. Information is
associated to the message, it is
not the message
❖ In a situation in which it is
possible to have more than one
message, there is uncertainty.
❖ Information is then linked to
that one message that arrives
and reduces uncertainty
BIT: unit of information
❖ “Information is a measure of
the freedom of choice that we
have when we choose a
message. If the situation is very
simple, if we only have to
choose between two
alternatives, then we say that
the information coming from
this kind of situation is a unit
of information” - This is the bit
Information: a flood
❖ Acclaimed science writer James Gleick presents
an eye-opening vision of how our relationship to
information has transformed the very nature of
human consciousness. A fascinating intellectual
journey through the history of communication
and information, from the language of Africa’s
talking drums to the invention of written
alphabets; from the electronic transmission of
code to the origins of information theory, into
the new information age and the current deluge
of news, tweets, images, and blogs. Along the
way, Gleick profiles key innovators, including
Charles Babbage, Ada Lovelace, Samuel Morse,
and Claude Shannon, and reveals how our
understanding of information is transforming
not only how we look at the world, but how we
live.
Information: a flood
❖ Humans have come a long way from
developing the first oral language that
allowed them to structure and share
thoughts. We moved on to writing things
down, publishing them, sending them
along wires and encoding them into
computer switches. The direction has been
one of increasing fidelity and certainty, but
the process of creating language, writing
and the modern programming, network
infrastructure and devices that make our
computerised world has not been
straightforward
❖ http://www.theguardian.com/science/
2012/nov/22/the-information-james-
gleick-review
Luciano Floridi
History of information
❖ We live an information-soaked existence - information pours into our lives through television, radio,
books, and of course, the Internet. Some say we suffer from 'infoglut'. But what is information? The
concept of 'information' is a profound one, rooted in mathematics, central to whole branches of science,
yet with implications on every aspect of our everyday lives: DNA provides the information to create us;
we learn through the information fed to us; we relate to each other through information transfer -
gossip, lectures, reading. Information is not only a mathematically powerful concept, but its critical role
in society raises wider ethical issues: who owns information? Who controls its dissemination? Who has
access to information? Luciano Floridi, a philosopher of information, cuts across many subjects, from a
brief look at the mathematical roots of information - its definition and measurement in 'bits'- to its role in
genetics (we are information), and its social meaning and value. He ends by considering the ethics of
information, including issues of ownership, privacy, and accessibility; copyright and open source. For
those unfamiliar with its precise meaning and wide applicability as a philosophical concept,
'information' may seem a bland or mundane topic. Those who have studied some science or philosophy
or sociology will already be aware of its centrality and richness. But for all readers, whether from the
humanities or sciences, Floridi gives a fascinating and inspirational introduction to this most
fundamental of ideas.
❖ https://www.academia.edu/256681/Information_A_Very_Short_Introduction
Luciano Floridi
Philosophy of information
❖ Luciano Floridi presents a book that will set the agenda for the philosophy of
information. PI is the philosophical field concerned with (1) the critical investigation of
the conceptual nature and basic principles of information, including its dynamics,
utilisation, and sciences, and (2) the elaboration and application of information-
theoretic and computational methodologies to philosophical problems. This book lays
down, for the first time, the conceptual foundations for this new area of research. It does
so systematically, by pursuing three goals. Its metatheoretical goal is to describe what
the philosophy of information is, its problems, approaches, and methods. Its
introductory goal is to help the reader to gain a better grasp of the complex and
multifarious nature of the various concepts and phenomena related to information. Its
analytic goal is to answer several key theoretical questions of great philosophical
interest, arising from the investigation of semantic information.
❖ https://www.academia.edu/256684/The_Philosophy_of_Information
❖ If you have time watch Luciano Floridi at TED
L’ambiente modificato
dall’informazione digitale è:
L’infosfera
❖ Un ambiente arricchito dai dati
che viviamo con strumenti che
ci connettono agli altri umani
attraverso piattaforme digitali
❖ Una fusione dei media
nell’ambiente
❖ Una fusione dei media nel
corpo
L’infosfera
❖ Un nuovo paradigma
preistoria
storia
iperstoria
prehistory
history
hyperhistory
preistoria
prehistory
history
hyperhistory
storia
storiapreistoria
le risorse sono scarse: gli umani decidono che cosa è tanto importante da dover essere scritto
la scrittura fa la differenza
che cosa succede se si scrive tutto?
Iperstoria
❖ Ogni atto umano è registrato, importante o no:
l’importanza si decide ex post
Iperstoria
❖ Se si scrive tutto il potere possa dal momento della
scrittura alla gestione della conoscenza
Iperstoria
❖ Se tutto è scritto il potere passa dalla decisione su che
cosa scrivere alla scrittura degli algoritmi che gestiscono
l’informazione
Iperstoria
❖ E il problema è: quali piattaforme controllano il flusso
dell’informazione e quali algoritmi usano, seguendo
quali interessi?
Iperstoria
❖ Le piattaforme possono essere aperte, pubbliche e
neutrali oppure proprietarie e non interoperabili
❖ Gli algoritmi possono essere conosciuti da tutti o
sconosciuti ai più
❖ Ma la nuova scrittura è la scrittura degli algoritmi
La libertà non è quello che
possiamo fare ma ciò che sappiamo
L’infosfera cambia gli umani e
l’ecologia degli umani
Digital humanities scholars use computational methods either to answer existing research questions or to
challenge existing theoretical paradigms, generating new questions and pioneering new approaches.
Traditional goal was to systematically integrate computer technology into the activities of humanities
scholars,[10] as is done in contemporary empirical social sciences. Such technology-based activities might
include incorporation into the traditional arts and humanities disciplines use of text-analytic techniques;
commons-based peer collaboration; and interactive games and multimedia. (Wikipedia)
The new concept of digital humanities is different. We don’t think at digital as something that happens in
the future. We think at humanity as it is now in a digital environment.
Digital Humanities
ANNE BURDICK JOHANNA DRUCKER PETER LUNENFELD
TODD PRESNER JEFFREY SCHNAPP
https://mitpress.mit.edu/sites/default/files/titles/content/
9780262018470_Open_Access_Edition.pdf
Digital Humanities
❖ WE LIVE in one of those rare moments of opportunity for the humanities, not unlike other great eras of
cultural-historical transformation such as the shift from the scroll to the codex, the invention of
moveable type, the encounter with the New World, and the Industrial Revolution. Ours is an era in
which the humanities have the potential to play a vastly expanded creative role in public life.The
present volume puts itself forward in support of a Digital Humanities that asks what it means to be a
human being in the networked information age and to participate in fluid communities of practice,
asking and answering research questions that cannot be reduced to a single genre, medium, discipline,
or institution. Digital Humanities represents a major expansion of the purview of the humanities,
precisely because it brings the values, representational and interpretive practices, meaning-making
strategies, complexities, and ambiguities of being human into every realm of experience and knowledge
of the world. It is a global, trans-historical, and transmedia approach to knowledge and meaning-
making.
❖ Yet there remains a chorus of contemporary voices bewailing yet another “definitive” crisis in
humanistic culture, yet another sacrifice of quality on the altar of “mere” quantity. Our response is not
just a counterargument in favor of new convergences between quality and quantity, but also one in favor
of a model of culture embodied by this book itself. We do not think the humanities are in perpetual crisis
or imperiled by another battle for legitimacy with the sciences. Instead, we see this moment as marking
a fundamental shift in the perception of the core creative activities of being human, in which the values
and knowledge of the humanities are seen as crucial for shaping every domain of culture and society.
Matthew Gold, Debates in the digital humanities: http://dhdebates.gc.cuny.edu/debates
Digital Humanities News at King’s College: http://www.kcl.ac.uk/artshums/depts/ddh/news.aspx
Center for Digital Liberal Arts, Occidental College, Los Angeles: http://oxy.edu/center-digital-liberal-arts
Digital Humanities
Media ecology theory centers on the principles that technology not only profoundly influences society,
it also controls virtually all walks of life; it is a study of how media and communication processes affect
human perception and understanding. Ecology in this context refers to the environment in which the
medium is used - what they are and how they affect society. The theoretical concepts were proposed by
Marshall McLuhan in 1964, while the term media ecology was first formally introduced by Neil Postman
in 1968. (Wikipedia)
Media ecology
Assumptions of the theory: 1. Media is infused in every act and action in society. 2. Media fixes our
perceptions and organizes our experiences. 3. Media ties the world together.
Marshall McLuhan used the phrase Global village to describe that "humans can no longer live in
isolation, but rather will always be connected by continuous and instantaneous electronic media". This
global village let mankind step into a new "information age" in which human communication is
"growing so fast as to be in fact immeasurable,” (Wikipedia)
Media ecology
Come pensiamo
❖ Se viviamo nell’infosfera abbiamo bisogno di nuovi
strumenti e di un nuovo sistema interpretativo
❖ Un sistema interpretativo che consenta di vivere in un
contesto veloce e complesso
❖ Un sistema interpretativo che collega in modo nuovo il
presente e il futuro
Stupido è chi stupido fa
❖ Internet è la possibilità di accedere alle più ricche fonti di informazione mai viste nella storia: siamo
capaci di gestire questa enorme ricchezza?
❖ Internet ci svela la nostra stupidità e sfida a espandere la nostra consapevolezza
❖ Individualmente, i cambiamenti sono: nella strategia di memorizzazione (lo sforzo non è nel ricordare le
cose ma nel sapere come trovarle), nell’esperienza della socialità (la distanza fisica e la distanza digitale
si confondono), nel ricorso a strumenti di elaborazione a distanza (es. confronto razionale dei prezzi).
❖ Collettivamente, i cambiamenti sono: nel rischio di conformismo nelle piccole nicchie di simili sui social
network, nella possibilità di seguire la maggiore diversità di opinioni possibile, di avere esperienza
dell’arte più globale e della cultura più cosmopolita possibile
❖ La sfida è comprendere che internet è come la costruiamo. Se quello che ne abbiamo fatto finora non
soddisfa, come è ovvio, possiamo migliorarla pensando a cosa devono fare le prossime grandi
piattaforme, a come progettarle e avviarle.
❖ Perché internet è malleabile. Quindi non ci rende stupidi. Ci mette di fronte alla possibilità della nostra
stupidità e della nostra intelligenza
Comprensione e condivisione

Weitere ähnliche Inhalte

Was ist angesagt?

01 Antropologia Digitale.pptx
01 Antropologia Digitale.pptx01 Antropologia Digitale.pptx
01 Antropologia Digitale.pptxpattypatalina
 
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...Think! The Innovation Knowledge Foundation
 
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open Data
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open DataFammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open Data
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open DataMarco Scaloni
 
le nuove tecnologie al servizio della comunicazione
le nuove tecnologie al servizio della comunicazionele nuove tecnologie al servizio della comunicazione
le nuove tecnologie al servizio della comunicazioneRoberto Zarro
 
COM.Lab '09 - il web 2.0
COM.Lab '09 - il web 2.0COM.Lab '09 - il web 2.0
COM.Lab '09 - il web 2.0Roberto Zarro
 
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...Carlo Gubitosa
 
Le Tecnologie E La Società Francesca Manzato
Le Tecnologie E La Società  Francesca ManzatoLe Tecnologie E La Società  Francesca Manzato
Le Tecnologie E La Società Francesca Manzatogueste5c017
 
Le Tecnologie E La Società Francesca M.
Le Tecnologie E La Società  Francesca M.Le Tecnologie E La Società  Francesca M.
Le Tecnologie E La Società Francesca M.francesca
 

Was ist angesagt? (11)

01 Antropologia Digitale.pptx
01 Antropologia Digitale.pptx01 Antropologia Digitale.pptx
01 Antropologia Digitale.pptx
 
Futuro
FuturoFuturo
Futuro
 
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...
[OINP 2013] Ong 2.0 – Tecnologie ICT e non profit: tre possibili rivoluzioni ...
 
Democrazia e lavoro nell'era digitale: è possibile trasformare una 'catastrof...
Democrazia e lavoro nell'era digitale: è possibile trasformare una 'catastrof...Democrazia e lavoro nell'era digitale: è possibile trasformare una 'catastrof...
Democrazia e lavoro nell'era digitale: è possibile trasformare una 'catastrof...
 
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open Data
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open DataFammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open Data
Fammi Sapere - 2 - Ernesto Belisario - Cosa sono gli Open Data
 
le nuove tecnologie al servizio della comunicazione
le nuove tecnologie al servizio della comunicazionele nuove tecnologie al servizio della comunicazione
le nuove tecnologie al servizio della comunicazione
 
COM.Lab '09 - il web 2.0
COM.Lab '09 - il web 2.0COM.Lab '09 - il web 2.0
COM.Lab '09 - il web 2.0
 
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...
Da Gutenberg a Internet: le "rivoluzioni" della comunicazione e il giornalism...
 
Le Tecnologie E La Società Francesca Manzato
Le Tecnologie E La Società  Francesca ManzatoLe Tecnologie E La Società  Francesca Manzato
Le Tecnologie E La Società Francesca Manzato
 
Le Tecnologie E La Società Francesca M.
Le Tecnologie E La Società  Francesca M.Le Tecnologie E La Società  Francesca M.
Le Tecnologie E La Società Francesca M.
 
Presentazione ttnm
Presentazione ttnmPresentazione ttnm
Presentazione ttnm
 

Ähnlich wie Corso pisa-1 dh-2017

Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioni
Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioniIl valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioni
Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioniMatteo Adamoli
 
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?Maura Franchi
 
Smart city & smart community
Smart city  & smart communitySmart city  & smart community
Smart city & smart communityDino Bertocco
 
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02Universita' di Bari
 
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo Ferri
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo FerriLa Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo Ferri
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo FerriSocial Media Lab
 
Tec media michelerinaldi
Tec media michelerinaldiTec media michelerinaldi
Tec media michelerinaldiMichele Rinaldi
 
Tec Media Michele Rinaldi
Tec Media Michele RinaldiTec Media Michele Rinaldi
Tec Media Michele RinaldiMichele Rinaldi
 
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieuticoCarlo Gubitosa
 
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismo
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismoInquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismo
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismoSonia Bertinat
 
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...Laura Testoni
 
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessen
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessenSlides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessen
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessenBertram Niessen
 
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Davide Bennato
 
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Davide Bennato
 
Fonti informative digitali 2014
Fonti informative digitali 2014Fonti informative digitali 2014
Fonti informative digitali 2014Giovanni Ferretti
 
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identità
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identitàHomo Digitalis: Metamorfosi dell'identità
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identitàRoberto Reale
 
Libri consigliati Knowledge Management
Libri consigliati Knowledge ManagementLibri consigliati Knowledge Management
Libri consigliati Knowledge ManagementLuca De Biase
 
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...Lorenzo Fabbri
 

Ähnlich wie Corso pisa-1 dh-2017 (20)

Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioni
Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioniIl valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioni
Il valore pedagogico del linguaggio digitale per le nuove generazioni
 
Emma Pietrafesa:
Emma Pietrafesa: Emma Pietrafesa:
Emma Pietrafesa:
 
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
 
Smart city & smart community
Smart city  & smart communitySmart city  & smart community
Smart city & smart community
 
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02
Larivoluzionedigitaleiulmferri 090317041052 Phpapp02
 
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo Ferri
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo FerriLa Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo Ferri
La Rivoluzione Digitale - IULM - Paolo Ferri
 
Tec media michelerinaldi
Tec media michelerinaldiTec media michelerinaldi
Tec media michelerinaldi
 
Tec Media Michele Rinaldi
Tec Media Michele RinaldiTec Media Michele Rinaldi
Tec Media Michele Rinaldi
 
Etica e WEB
Etica e WEBEtica e WEB
Etica e WEB
 
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
 
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismo
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismoInquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismo
Inquadramento psicologico del bullismo e cyberbullismo
 
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...
Quali literacy al tempo dei social network? Slides presentate al Convegno "La...
 
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessen
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessenSlides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessen
Slides digital methods Massimo Airoldi x bertram niessen
 
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
 
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
 
Fonti informative digitali 2014
Fonti informative digitali 2014Fonti informative digitali 2014
Fonti informative digitali 2014
 
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identità
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identitàHomo Digitalis: Metamorfosi dell'identità
Homo Digitalis: Metamorfosi dell'identità
 
Libri consigliati Knowledge Management
Libri consigliati Knowledge ManagementLibri consigliati Knowledge Management
Libri consigliati Knowledge Management
 
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...
Cultura digitale, la grammatica di internet tra informazione, cultura e intra...
 
ICT e Social Media: quali opportunità
ICT e Social Media: quali opportunità ICT e Social Media: quali opportunità
ICT e Social Media: quali opportunità
 

Mehr von Luca De Biase

Mehr von Luca De Biase (19)

190507 lyon
190507 lyon190507 lyon
190507 lyon
 
Corso pisa-7 dh-2017
Corso pisa-7 dh-2017Corso pisa-7 dh-2017
Corso pisa-7 dh-2017
 
Corso pisa-6 dh-2017
Corso pisa-6 dh-2017Corso pisa-6 dh-2017
Corso pisa-6 dh-2017
 
Corso pisa-6 dh-2017
Corso pisa-6 dh-2017Corso pisa-6 dh-2017
Corso pisa-6 dh-2017
 
Corso pisa-5 dh-2017
Corso pisa-5 dh-2017Corso pisa-5 dh-2017
Corso pisa-5 dh-2017
 
Corso pisa-4 dh-2017
Corso pisa-4 dh-2017Corso pisa-4 dh-2017
Corso pisa-4 dh-2017
 
Corso pisa-3 dh-2017
Corso pisa-3 dh-2017Corso pisa-3 dh-2017
Corso pisa-3 dh-2017
 
Corso pisa-2 dh-2017
Corso pisa-2 dh-2017Corso pisa-2 dh-2017
Corso pisa-2 dh-2017
 
who is writing my autobiography
who is writing my autobiographywho is writing my autobiography
who is writing my autobiography
 
Speech mea-award
Speech mea-awardSpeech mea-award
Speech mea-award
 
Corso pisa data-160610
Corso pisa data-160610Corso pisa data-160610
Corso pisa data-160610
 
Speech videogiochi-pistoia
Speech videogiochi-pistoiaSpeech videogiochi-pistoia
Speech videogiochi-pistoia
 
6.bocconi rights
6.bocconi rights6.bocconi rights
6.bocconi rights
 
5.bocconi platform
5.bocconi platform5.bocconi platform
5.bocconi platform
 
bocconi happiness
bocconi happinessbocconi happiness
bocconi happiness
 
Bocconi innovazione
Bocconi innovazioneBocconi innovazione
Bocconi innovazione
 
Bocconi futuro
Bocconi futuroBocconi futuro
Bocconi futuro
 
Bocconi infosfera
Bocconi infosferaBocconi infosfera
Bocconi infosfera
 
Innovazione & Design
Innovazione & DesignInnovazione & Design
Innovazione & Design
 

Corso pisa-1 dh-2017

  • 1. Digital Humanities | Pisa febbraio-aprile 2017 | Luca De Biase 1. Media ecology How to be humans in the digital age http://blog.debiase.com
  • 2. 8:30 - 10:00 10:15 - 11:45 12:00 - 13:30 14:15 - 15:45 16:00 - 17:30 17:45 - 19:15 24 febbraio x x x 2 marzo x x x 3 marzo x x 23 marzo x x x 24 marzo x x 6 aprile x x x 7 aprile x x
  • 3. DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co. infosfera futuro innovazione felicità piattaforma conoscenza diritti HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
  • 4. DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co. infosfera 24 febbraio futuro 2 marzo innovazione 3 marzo felicità 23 marzo piattaforma 24 marzo conoscenza 6 aprile diritti 7 aprile HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
  • 5. DIGITAL soluzioni power law moore’s law shannon fogg & co. infosfera digitalizzazione polarizzazione esponenziale algoritmo nicchia futuro shift pattern senso evoluzione arte & scienza innovazione immaginazione abilitazione selezione sperimentazione adozione felicità ecologia fini & mezzi ambiente relazioni cultura piattaforma interfaccia codice filtro motivazione incentivo conoscenza valore verità metodo contesto design diritti privacy accesso interoperabilità neutralità sicurezza HUMAN domande discernimento narrazione responsablità ricerca
  • 7. Che cosa sappiamo Perché è importante Che cosa possiamo fare
  • 9.
  • 10.
  • 11.
  • 12.
  • 13.
  • 15. Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse Gli umani evolvono per via genetica ma anche e soprattutto per via culturale e tecnologica.
  • 16. La grande trasformazione riguarda, insieme, le condizioni esterne e i caratteri strutturali degli umani
  • 17. E l’intersezione è culturale Dati, informazioni, conoscenza, esperienza, saggezza
  • 18. Knowledge management ❖ Dati, informazione, conoscenza ❖ Il valore si concentra nella conoscenza ❖ La gestione della conoscenza
  • 19. il capitale umano La conoscenza informale
  • 20. il patrimonio di sapere strutturato e registrato La conoscenza formale
  • 22. La dimensione sintetica dell’innovazione
  • 24. Come pensiamo il futuro? Come cambia il corpo umano dotato di smartphone? Come pensiamo l’evoluzione della vita collettiva nel mondo dei social network? I robot sostituiranno gli umani al lavoro? Perché qualcuno pensa che la tecnologia possa distruggere l’umanità e altri pensano che sia la soluzione a tutti i problemi? Come si sviluppa la nostra capacità di guardare avanti e di costruire il domani? Come influisce il quadro culturale sull’evoluzione tecnologica? Qual è il contributo del sistema dei valori alla tecnologia? Che cos’è un ecosistema dell’innovazione? Come si distingue ciò che è importante da ciò che non lo è, nella tecnologia? Perché saremo come sapremo?
  • 25. Dalla Civiltà delle Macchine, numero uno, 1953 http://blog.debiase.com/2012/11/26/ungaretti-nostalgia-di-un-visionario-la-civilta- dellelettronica-dal-1953-al-futuro/
  • 26.
  • 27.
  • 28.
  • 29.
  • 30.
  • 31. Come pensiamo il futuro? Come cambia il corpo umano dotato di smartphone? Come pensiamo l’evoluzione della vita collettiva nel mondo dei social network? I robot sostituiranno gli umani al lavoro? Perché qualcuno pensa che la tecnologia possa distruggere l’umanità e altri pensano che sia la soluzione a tutti i problemi? Come si sviluppa la nostra capacità di guardare avanti e di costruire il domani? Come influisce il quadro culturale sull’evoluzione tecnologica? Qual è il contributo del sistema dei valori alla tecnologia? Che cos’è un ecosistema dell’innovazione? Come si distingue ciò che è importante da ciò che non lo è, nella tecnologia? Perché saremo come sapremo?
  • 32. Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse Gli umani evolvono per via genetica ma anche e soprattutto per via culturale e tecnologica.
  • 33. Digital Humanities | Pisa febbraio-aprile 2017 | Luca De Biase L’infosfera “Frequently the messages have meaning”. Claude Shannon
  • 34. Viviamo in un ambiente modificato
  • 35.
  • 37.
  • 38. ❖ DIGITALLY RECORDED KNOWLEDGE: ❖ 2000: 25% ———> 2013: 98% ❖ In 2013, 98% of information recorded by humans was in digital format; in the year 2000 it was 25% - Martin Hilbert, quoted by Victor Mayer-Schönberger and Kenneth Cukier in BIG DATA 2013
  • 39. E il nostro corpo cambia
  • 40.
  • 41. –La corte suprema degli Stati Uniti Il telefono è parte dell’anatomia umana
  • 42. Costruiscono le nicchie eco-culturali in relazione alle quali mutano e si adattano. Intanto, tentano incessantemente di cambiare le nicchie stesse Gli umani evolvono per via genetica ma anche e soprattutto per via culturale e tecnologica.
  • 43. La trasformazione ❖ Digitalizzazione dei media ❖ Media che costruiscono il nuovo ambiente ❖ Media che cambiano il corpo umano
  • 44. Digitale: parte dalla nozione di informazione
  • 45. Informazione ❖ Information has a history. Digital information theory starts in 1948. And it changed a lot of our lives. At present, a sort of info-sphere is our new environment: a digital ecosystem in which we both live and learn. There are consequences that we should think more about. ❖ Luciano Floridi, Information. A very short introduction, 2010 ❖ Paolo Vidali e Federico Neresini, Il valore dell’incertezza, Mimesis 2015 ❖ James Gleick, The information, 2012 ❖ Claude Shannon, A mathematical theory of communication, 1948 http:// worrydream.com/refs/Shannon%20-%20A%20Mathematical%20Theory%20of %20Communication.pdf
  • 46.
  • 47. A Mathematical Theory of Communication By C. E. SHANNON ❖ «The fundamental problem of communication is that of reproducing at one point either exactly or approximately a message selected at another point. ❖ Frequently the messages have meaning; that is they refer to or are correlated according to some system with certain physical or conceptual entities. These semantic aspects of communication are irrelevant to the engineering problem. ❖ The significant aspect is that the actual message is one selected from a set of possible messages. The system must be designed to operate for each possible selection, not just the one which will actually be chosen since this is unknown at the time of design.»
  • 48. BIT: unit of information ❖ Information is a reduction of uncertainty. Information is associated to the message, it is not the message ❖ In a situation in which it is possible to have more than one message, there is uncertainty. ❖ Information is then linked to that one message that arrives and reduces uncertainty
  • 49. BIT: unit of information ❖ “Information is a measure of the freedom of choice that we have when we choose a message. If the situation is very simple, if we only have to choose between two alternatives, then we say that the information coming from this kind of situation is a unit of information” - This is the bit
  • 50. Information: a flood ❖ Acclaimed science writer James Gleick presents an eye-opening vision of how our relationship to information has transformed the very nature of human consciousness. A fascinating intellectual journey through the history of communication and information, from the language of Africa’s talking drums to the invention of written alphabets; from the electronic transmission of code to the origins of information theory, into the new information age and the current deluge of news, tweets, images, and blogs. Along the way, Gleick profiles key innovators, including Charles Babbage, Ada Lovelace, Samuel Morse, and Claude Shannon, and reveals how our understanding of information is transforming not only how we look at the world, but how we live.
  • 51. Information: a flood ❖ Humans have come a long way from developing the first oral language that allowed them to structure and share thoughts. We moved on to writing things down, publishing them, sending them along wires and encoding them into computer switches. The direction has been one of increasing fidelity and certainty, but the process of creating language, writing and the modern programming, network infrastructure and devices that make our computerised world has not been straightforward ❖ http://www.theguardian.com/science/ 2012/nov/22/the-information-james- gleick-review
  • 52. Luciano Floridi History of information ❖ We live an information-soaked existence - information pours into our lives through television, radio, books, and of course, the Internet. Some say we suffer from 'infoglut'. But what is information? The concept of 'information' is a profound one, rooted in mathematics, central to whole branches of science, yet with implications on every aspect of our everyday lives: DNA provides the information to create us; we learn through the information fed to us; we relate to each other through information transfer - gossip, lectures, reading. Information is not only a mathematically powerful concept, but its critical role in society raises wider ethical issues: who owns information? Who controls its dissemination? Who has access to information? Luciano Floridi, a philosopher of information, cuts across many subjects, from a brief look at the mathematical roots of information - its definition and measurement in 'bits'- to its role in genetics (we are information), and its social meaning and value. He ends by considering the ethics of information, including issues of ownership, privacy, and accessibility; copyright and open source. For those unfamiliar with its precise meaning and wide applicability as a philosophical concept, 'information' may seem a bland or mundane topic. Those who have studied some science or philosophy or sociology will already be aware of its centrality and richness. But for all readers, whether from the humanities or sciences, Floridi gives a fascinating and inspirational introduction to this most fundamental of ideas. ❖ https://www.academia.edu/256681/Information_A_Very_Short_Introduction
  • 53. Luciano Floridi Philosophy of information ❖ Luciano Floridi presents a book that will set the agenda for the philosophy of information. PI is the philosophical field concerned with (1) the critical investigation of the conceptual nature and basic principles of information, including its dynamics, utilisation, and sciences, and (2) the elaboration and application of information- theoretic and computational methodologies to philosophical problems. This book lays down, for the first time, the conceptual foundations for this new area of research. It does so systematically, by pursuing three goals. Its metatheoretical goal is to describe what the philosophy of information is, its problems, approaches, and methods. Its introductory goal is to help the reader to gain a better grasp of the complex and multifarious nature of the various concepts and phenomena related to information. Its analytic goal is to answer several key theoretical questions of great philosophical interest, arising from the investigation of semantic information. ❖ https://www.academia.edu/256684/The_Philosophy_of_Information ❖ If you have time watch Luciano Floridi at TED
  • 55. L’infosfera ❖ Un ambiente arricchito dai dati che viviamo con strumenti che ci connettono agli altri umani attraverso piattaforme digitali ❖ Una fusione dei media nell’ambiente ❖ Una fusione dei media nel corpo
  • 60. storiapreistoria le risorse sono scarse: gli umani decidono che cosa è tanto importante da dover essere scritto la scrittura fa la differenza
  • 61. che cosa succede se si scrive tutto?
  • 62. Iperstoria ❖ Ogni atto umano è registrato, importante o no: l’importanza si decide ex post
  • 63. Iperstoria ❖ Se si scrive tutto il potere possa dal momento della scrittura alla gestione della conoscenza
  • 64. Iperstoria ❖ Se tutto è scritto il potere passa dalla decisione su che cosa scrivere alla scrittura degli algoritmi che gestiscono l’informazione
  • 65. Iperstoria ❖ E il problema è: quali piattaforme controllano il flusso dell’informazione e quali algoritmi usano, seguendo quali interessi?
  • 66. Iperstoria ❖ Le piattaforme possono essere aperte, pubbliche e neutrali oppure proprietarie e non interoperabili ❖ Gli algoritmi possono essere conosciuti da tutti o sconosciuti ai più ❖ Ma la nuova scrittura è la scrittura degli algoritmi
  • 67. La libertà non è quello che possiamo fare ma ciò che sappiamo
  • 68. L’infosfera cambia gli umani e l’ecologia degli umani
  • 69. Digital humanities scholars use computational methods either to answer existing research questions or to challenge existing theoretical paradigms, generating new questions and pioneering new approaches. Traditional goal was to systematically integrate computer technology into the activities of humanities scholars,[10] as is done in contemporary empirical social sciences. Such technology-based activities might include incorporation into the traditional arts and humanities disciplines use of text-analytic techniques; commons-based peer collaboration; and interactive games and multimedia. (Wikipedia) The new concept of digital humanities is different. We don’t think at digital as something that happens in the future. We think at humanity as it is now in a digital environment. Digital Humanities
  • 70. ANNE BURDICK JOHANNA DRUCKER PETER LUNENFELD TODD PRESNER JEFFREY SCHNAPP https://mitpress.mit.edu/sites/default/files/titles/content/ 9780262018470_Open_Access_Edition.pdf Digital Humanities
  • 71. ❖ WE LIVE in one of those rare moments of opportunity for the humanities, not unlike other great eras of cultural-historical transformation such as the shift from the scroll to the codex, the invention of moveable type, the encounter with the New World, and the Industrial Revolution. Ours is an era in which the humanities have the potential to play a vastly expanded creative role in public life.The present volume puts itself forward in support of a Digital Humanities that asks what it means to be a human being in the networked information age and to participate in fluid communities of practice, asking and answering research questions that cannot be reduced to a single genre, medium, discipline, or institution. Digital Humanities represents a major expansion of the purview of the humanities, precisely because it brings the values, representational and interpretive practices, meaning-making strategies, complexities, and ambiguities of being human into every realm of experience and knowledge of the world. It is a global, trans-historical, and transmedia approach to knowledge and meaning- making. ❖ Yet there remains a chorus of contemporary voices bewailing yet another “definitive” crisis in humanistic culture, yet another sacrifice of quality on the altar of “mere” quantity. Our response is not just a counterargument in favor of new convergences between quality and quantity, but also one in favor of a model of culture embodied by this book itself. We do not think the humanities are in perpetual crisis or imperiled by another battle for legitimacy with the sciences. Instead, we see this moment as marking a fundamental shift in the perception of the core creative activities of being human, in which the values and knowledge of the humanities are seen as crucial for shaping every domain of culture and society.
  • 72. Matthew Gold, Debates in the digital humanities: http://dhdebates.gc.cuny.edu/debates Digital Humanities News at King’s College: http://www.kcl.ac.uk/artshums/depts/ddh/news.aspx Center for Digital Liberal Arts, Occidental College, Los Angeles: http://oxy.edu/center-digital-liberal-arts Digital Humanities
  • 73. Media ecology theory centers on the principles that technology not only profoundly influences society, it also controls virtually all walks of life; it is a study of how media and communication processes affect human perception and understanding. Ecology in this context refers to the environment in which the medium is used - what they are and how they affect society. The theoretical concepts were proposed by Marshall McLuhan in 1964, while the term media ecology was first formally introduced by Neil Postman in 1968. (Wikipedia) Media ecology
  • 74. Assumptions of the theory: 1. Media is infused in every act and action in society. 2. Media fixes our perceptions and organizes our experiences. 3. Media ties the world together. Marshall McLuhan used the phrase Global village to describe that "humans can no longer live in isolation, but rather will always be connected by continuous and instantaneous electronic media". This global village let mankind step into a new "information age" in which human communication is "growing so fast as to be in fact immeasurable,” (Wikipedia) Media ecology
  • 75. Come pensiamo ❖ Se viviamo nell’infosfera abbiamo bisogno di nuovi strumenti e di un nuovo sistema interpretativo ❖ Un sistema interpretativo che consenta di vivere in un contesto veloce e complesso ❖ Un sistema interpretativo che collega in modo nuovo il presente e il futuro
  • 76. Stupido è chi stupido fa ❖ Internet è la possibilità di accedere alle più ricche fonti di informazione mai viste nella storia: siamo capaci di gestire questa enorme ricchezza? ❖ Internet ci svela la nostra stupidità e sfida a espandere la nostra consapevolezza ❖ Individualmente, i cambiamenti sono: nella strategia di memorizzazione (lo sforzo non è nel ricordare le cose ma nel sapere come trovarle), nell’esperienza della socialità (la distanza fisica e la distanza digitale si confondono), nel ricorso a strumenti di elaborazione a distanza (es. confronto razionale dei prezzi). ❖ Collettivamente, i cambiamenti sono: nel rischio di conformismo nelle piccole nicchie di simili sui social network, nella possibilità di seguire la maggiore diversità di opinioni possibile, di avere esperienza dell’arte più globale e della cultura più cosmopolita possibile ❖ La sfida è comprendere che internet è come la costruiamo. Se quello che ne abbiamo fatto finora non soddisfa, come è ovvio, possiamo migliorarla pensando a cosa devono fare le prossime grandi piattaforme, a come progettarle e avviarle. ❖ Perché internet è malleabile. Quindi non ci rende stupidi. Ci mette di fronte alla possibilità della nostra stupidità e della nostra intelligenza