Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
Geopolitica del Made in Italy
Roma, 19 giugno 2014
Emilio Mussini
Consigliere Delegato alle Attività
Promozionali e Fiere
2
Industria Ceramica in Italia
• Confindustria Ceramica rappresenta 236 aziende attive nel comparto dei
rivestimenti ceram...
• Tra i fattori che caratterizzano nel mondo la ceramica made in Italy c’è
l’innovazione, testimoniata dal fatto che tutte...
• Made in Italy, che nel campo della ceramica italiana viene declinato in
‘Ceramics of Italy’, non è solo un brand che ide...
• Promuovere il made in Italy richiede sforzi notevoli economici ed umani.
• Il settore ha iniziato a promuovere il prodot...
• L’intesa attività di networking a favore degli operatori professionali si esplica
in seminari, incontri con gli studenti...
• Il sistema dei valori del made in Italy è in grado di innalzare la percezione di
quanto prodotto in Italia presso utiliz...
Grazie per l’attenzione
www.confindustriaceramica.it
www.laceramicaitaliana.it
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Intervento del consigliere Emilio Mussini al Convegno Geopolitica del Made in Italy

454 Aufrufe

Veröffentlicht am

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Intervento del consigliere Emilio Mussini al Convegno Geopolitica del Made in Italy

  1. 1. Geopolitica del Made in Italy Roma, 19 giugno 2014 Emilio Mussini Consigliere Delegato alle Attività Promozionali e Fiere
  2. 2. 2 Industria Ceramica in Italia • Confindustria Ceramica rappresenta 236 aziende attive nel comparto dei rivestimenti ceramici, della ceramica sanitaria, delle stoviglie e dei materiali refrattari. Ha una occupazione diretta sul suolo nazionale di 27.000 addetti. • L’insieme dei comparti fatturano 5,5 miliardi di euro, con una quota export superiore al 75% (4,1 miliardi di euro). Le esportazioni di sole piastrelle di ceramica, pari a 3,87 miliardi di euro, sono pari al 4% della bilancia commerciale export, con un saldo positivo per oltre 3,5 miliardi di euro. • La quota export, nel corso degli ultimi cinque anni, è progressivamente cresciuta per ciascuno di questi comparti, fino ad arrivare per il settore delle piastrelle di ceramica a superare l’82% del fatturato totale. • L’Italia è leader del commercio internazionale esportando in 130 paesi.
  3. 3. • Tra i fattori che caratterizzano nel mondo la ceramica made in Italy c’è l’innovazione, testimoniata dal fatto che tutte le tipologie di prodotto sono nate in Italia, come anche le relative tecnologie manifatturiere. • Un secondo aspetto è la qualità della manifattura dei prodotti • A questo si aggiunge è la capacità di declinare il design e le tendenze estetiche nei prodotti, come anche il presidiare i diversi canali commerciali • Capacità di realizzare grandi progetti ‘chiavi in mano’ dove la fornitura è composta dal prodotto ceramico, dal servizio di posa, dalla progettazione evoluta degli ambienti, dal rispetto dei tempi di consegna • Non meno importante è la capacità di fare cultura di prodotto e di progetto. Ceramica Made in Italy 3
  4. 4. • Made in Italy, che nel campo della ceramica italiana viene declinato in ‘Ceramics of Italy’, non è solo un brand che identifica l’origine, ma un organico sistema di valori. • Un caposaldo è la cultura della bellezza, intesa come armonia tra il rivestimento ceramico e l’edificio / spazio nel quale è posato, ma anche come raffinata scelta cromatica e capacità di interpretare l’attualità del gusto, avendo nel contempo la forza e la capacità di dettare le tendenze • Sviluppo sostenibile, inteso come prodotti e processi ecologicamente all’avanguardia e come salubrità dei luoghi di lavoro, ma anche come etica nelle relazioni commerciali e i diversi interlocutori del mondo delle costruzioni, architetti ed interior designer tra i primi. I valori del made in Italy 4
  5. 5. • Promuovere il made in Italy richiede sforzi notevoli economici ed umani. • Il settore ha iniziato a promuovere il prodotto fin dagli anni ’70 con campagne e Centri Piastrelle a Usa, Germania e Francia. • Centrali sono le fiere: il Cersaie di Bologna è la massima espressione in campo fieristico nel mondo per i settori della ceramica e dell’arredobagno, che da quest’anno ha aperto anche ai marmi, pietre naturali e legni. • Cersaie, attraverso la convegnistica di ‘costruire, abitare, pensare’, ospita le conferenze di famosi premi Pritzker: quest’anno, il 25 settembre, Toyo Ito. • Confindustria Ceramica è anche co – proprietaria del Coverings, la fiera itinerante negli Stati Uniti ed esposizione di riferimento per la ceramica e le pietre naturali in quel continente. Strumenti di Promozione 1 5
  6. 6. • L’intesa attività di networking a favore degli operatori professionali si esplica in seminari, incontri con gli studenti, conferenze, concorsi di architettura. • Il Progetto Architetti si sostanzia in costanti relazioni con gli Ordini provinciali e con gli studenti di diverse facoltà italiane. • Due i concorsi per architetti che utilizzano ceramica italiana: da 21 anni negli Usa c’è ‘Design Competition’, mentre lunedì prossimo, a Roma, ci saranno le premiazioni del concorso ‘la Ceramica ed il Progetto’. • La cultura del prodotto e del progetto italiano, molla importante per diffondere la conoscenza e stimolare la possibile emulazione, viene diffusa da Confindustria Ceramica attraverso un sistema di comunicazione integrata, multipiattaforma e multimediale, in Italia ed all’estero. Strumenti di Promozione 2 6
  7. 7. • Il sistema dei valori del made in Italy è in grado di innalzare la percezione di quanto prodotto in Italia presso utilizzatori e consumatori finali. • Il Made in Italy non è un dogma acquisto una volta per tutte, ma richiede continui e crescenti investimenti per poter continuare ad essere percepito e a vedere una diffusione in ambienti e contesti sempre più ampi. • Un ruolo centrale può e deve essere svolto anche da più strette collaborazioni tra l’industria ceramica ed il mondo dell’architettura. • Assieme dobbiamo vincere una grande sfida: quella di passare dal ‘Made in Italy del prodotto’ al ‘Made in Italy dell’Architettura’, valorizzando le eccellenze e delle professionalità esistenti lungo tutta la filiera. E partecipando alle diverse iniziative che verranno proposte. Una nuova sfida 7
  8. 8. Grazie per l’attenzione www.confindustriaceramica.it www.laceramicaitaliana.it

×