Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Die SlideShare-Präsentation wird heruntergeladen. ×
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Anzeige
Nächste SlideShare
Maria, la donna del distacco
Maria, la donna del distacco
Wird geladen in …3
×

Hier ansehen

1 von 49 Anzeige
Anzeige

Weitere Verwandte Inhalte

Diashows für Sie (20)

Anzeige

Aktuellste (20)

Anzeige

L'umilta'

  1. 1. L’umiltà: aspetti biblici Formazione Permanente 2008-09
  2. 2. Struttura I. Introduzione II. L’Antico Testamento 1. L’umiltà del popolo 2. L’umiltà del credente III. La rivelazione neotestamentaria 1. Il vocabolario 2. La diade mite-umile 3. Nell’umiltà di Gesù Cristo
  3. 3. Introduzione
  4. 4. Introduzione Umiltà è uno dei termini più ambigui, più denso di equivoci del linguaggio spirituale e religioso. Menzognere abdicazioni sono state legittimate col pretesto di salvaguardarne le esigenze; la sua crescita è connessa ad ogni maturazione della personalità morale e religiosa; il suo sviluppo accompagna e stimola la liberazione della libertà dalle espressioni iniziali alle mete supreme: la sua falsificazione avalla gli arbitri dei potenti e i servilismi dei tapini.
  5. 5. Introduzione Una rassegna delle ottiche in cui è stata letta l’umiltà, rischia di essere riduttiva. L’interpretazione etico-moralista oscilla tra la tendenza alla descrizione minuziosa dei comportamenti che dovrebbero caratterizzarla e quella che ne fa un generico e astratto orientamento privo di concretezza. Più precisa la lettura teologica, che la considera articolata alla carità, stile di libertà, espressione di filiale timore di Dio, capacità di restare inseriti nei conflitti della storia per promuoverne le soluzioni.
  6. 6. Introduzione Ancora più pregnanti le analisi che la situano in contesto storico salvifico e le riconoscono una connotazione prevalentemente cristologica. Il riferimento principale è a Mt 11,29: «Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime».
  7. 7. L’Antico Testamento L’umiltà del popolo
  8. 8. L’umiltà del popolo Israele impara l’umiltà anzitutto facendo l’esperienza dell’onnipotenza del Dio che lo salva e che è il solo altissimo. Conserva viva quest’esperienza commemorando nel culto le opere di Dio; questo culto è una scuola di umiltà; lodando e ringraziando, l’Israelita imita l’umiltà di David che danza dinanzi all’arca (2 Sam 6,16. 22) per glorificare Dio al quale deve tutto (Sal 103). Israele ha fatto pure l’esperienza della povertà nella prova collettiva della sconfitta e dell’esilio o nella prova individuale della malattia e dell’oppressione dei deboli. Queste umiliazioni gli hanno fatto prendere coscienza dell’impotenza fondamentale dell’uomo e della miseria del peccatore che si separa da Dio.
  9. 9. L’umiltà del popolo Così l’uomo è incline a rivolgersi a Dio con un cuore contrito (Sal 51,19), con quella umiltà, fatta di dipendenza totale e di docilità fiduciosa, che ispira le suppliche dei Salmi (Sal 25; 106; 130; 131). Coloro che lodano Dio e lo supplicano di salvarli si chiamano spesso i «poveri» (Sal 22,25.27; 34,7; 69,33 s); questa parola, che da prima designava la classe sociale degli sventurati, assume un senso religioso a partire da Sofonia: cercare Dio significa cercare la povertà, che è l’umiltà (Sof 2,3). Dopo il giorno di Jahvé, il «resto» del popolo di Dio sarà «umile e povero» (Sof 3,12; cfr. Mt 11,29; Ef 4,2).
  10. 10. L’umiltà del popolo Al ritorno dall’esilio, profeti e sapienti predicheranno l’umiltà. L’altissimo abita con colui che ha lo spirito umile ed il cuore contrito (Is 57,15; 66,2). «Il frutto dell’umiltà è il timor di Dio, ricchezza, gloria e vita» (Pr 22, 4). «Quanto più sei grande, tanto più occorre che ti abbassi per trovare grazia dinanzi al Signore» (Qo 3,18; cfr. Dn 3,39). Infine, a quel che dice l’ultimo profeta, il messia sarà un re umile; entrerà in Sion cavalcando un asinello (Zc 9,9). Veramente il Dio di Israele, re della creazione, è il «Dio degli umili» (Gdt 9,11 s).
  11. 11. DUCCIO di Buoninsegna Ingresso in Gerusalemme 1308-11
  12. 12. L’Antico Testamento L’umiltà del credente
  13. 13. L’umiltà del credente Nell’AT non si parla di umiltà di Dio, ma solo di umiltà dell’uomo e la si individua nel comportamento obbediente e sottomesso verso Dio e verso i capi del popolo. All’atteggiamento umile verso Dio l’uomo è indotto dalla consapevolezza che da Dio egli è creato e da lui dipende la sua vita (Gn 2,7; 18,27). La povertà socio-economica porta l’israelita ad un atteggiamento religioso-morale di confidenza in Dio e non negli uomini o nei beni materiali. La stessa etimologia lo comprova: i due aggettivi ‘ani’ e ‘anaw’, derivanti dallo stesso verbo ‘anah’ (essere basso, piegato, inchinato), ben descrivono la povertà, sia come atteggiamento interiore, sia come situazione materiale.
  14. 14. L’umiltà del credente Nei libri sapienzialì il termine ‘anawah’ perde i connotati socio-economici, venendo ad esprimere solo un atteggiamento interiore (Pr 15,33; 18,22; Sir 3,17-20). Il timore di Dio ingenerato dalla coscienza del peccato (Sal 50), l’obbedienza e la sottomissione alla sua volontà (Sof 2,3; 2Re 22,19), il riconoscimento dei doni ricevuti (Is 6,3), l’apertura alla grazia divina (Pr 3,34) e la conseguente glorificazione (1Sam 2,7; Pr 15,33) sono altrettanti elementi connessi all’atteggiamento dell’umile. Uomini esemplari nell’umiltà sono Mosè (Nm 12,3), Abramo (Gn 18), Geremia (Ger 1), Gedeone (Gdc 6), il Servo di JHWH (Is 53,4-10) e il Messia (Zc 9,9).
  15. 15. Botticelli La chiamata di Mosè Cappella Sistina
  16. 16. La rivelazione neotestamentaria Il vocabolario
  17. 17. Il vocabolario Non sono molti i contesti nei quali compaiono parole apparentate a tapeinÒj, l’equivalente neo-testamentario di umile. Non si riscontra in Marco e nel corpus giovanneo e, la maggior parte delle volte, si trova in un logion strutturato sull’opposizione tra umili e orgogliosi, tra abbassare-elevare: chi si abbassa sarà elevato e viceversa (Mt 23,12; Lc 1,52; 14,11; 18,14; 2Cor 11,7; Gc 1,9; 4,10; 1Pt 5,6).
  18. 18. Il vocabolarioDa altri testi si desume che via “umile” è il cammino che Dio ha scelto e predilige e nel quale introduce i poveri e i piccoli, coloro che privilegia a scapito dei ricchi e dei potenti (Lc 1,52; cfr. Sof 2,3; Mt 5.3; Lc 6,20); coloro che consola (2Cor 7,6) e ai quali, come già era detto in Pr 3,34, dà la grazia che sottrae ai beffardi (1Pt 5,5: Gc 4,6); è l’atteggiamento col quale viene caratterizzato Gesù (Mt 11.29; cfr. 21, 5) e la via che egli ha percorso fino alla meta suprema (Fil 2,8); che qualifica la condizione della figlia di Sion, del popolo di Dio, di Maria (Lc 1,48); che Paolo ha seguito nel servizio reso al Signore (At 20,19); che Gesù inculca (Mt 18,4) e che gli apostoli chiedono di fomentare (Rm 12,16; Ef 4,2; Fil 2,3: Col 3,12: Gc 4,10; 1Pt 5,5.6).
  19. 19. Brunelleschi Maria e il bambino Sacrestia Vecchia San Lorenzo, Firenze
  20. 20. Il vocabolario In Ef 4,2 e Col 3,12 si trova I’abbinamento mite- umile ma nella forma astratta mitezza-umiltà e, in entrambi i casi, l’umiltà è unita alla makroqum…a, alla pazienza e alla sopportazione. In Col 3,12 l’umiltà è saldata anche a σπλ£gcma, compassione, atteggiamento da cui scaturisce, come da sorgente, l’azione di Gesù. Nella luce di questa mediazione si percepisce come il cuore umile, che nel logion di Mt 11,29 solleva e porta i pesi che opprimono, è ricco di misericordia e di compassione per la miseria umana. Una volta il termine esprime anche la condizione del corpo destinato ad essere trasfigurato da Gesù Cristo (Fil 3,21).
  21. 21. Il vocabolario C’è infine il contesto molto discusso di Col 2,18.23 nel quale ταπεινοφροσÚnh, abbinata con altri atteggiamenti, sembra abbia un significato peggiorativo ed esprime piuttosto quella mentalità falsata che imprigiona nelle meschinità, che vincola al compimento di pratiche di poco conto ed ai comportamenti affettati e bugiardi.
  22. 22. Il vocabolario Soprattutto, nel vocabolario paolino, c’è anche il verbo καÚcaomai che, e come sinonimo e come contrario, designa la dignità fiera della persona umile e connota le falsificazioni cui conduce la puerile autosufficienza che vorrebbe farsi valere anche nei confronti di Dio. Le versioni moderne ricorrono alle espressioni più diverse per tradurre i derivati di questo verbo che designa le realtà più disparate.
  23. 23. Il vocabolario E, infatti, esprime la pretesa sicurezza dell’uomo autosufficiente che è soddisfatto e si vanta o della giustizia delle opere (i giudaizzanti, cfr. Rm 2,17-23) o della sottigliezza e perspicacia delle intuizioni (gli ellenizzanti, cfr. Rm 1,18ss) e che non vede, o dimentica, che tutto ciò che l’uomo è o ha, è dono e grazia di Dio (cfr. Rm 3,27; 11,18; 1Cor 1,29.31; 4,7; Gal 6,13). Lo stesso verbo, però, esprime anche la dignitosa, serena, in un certo senso forte fiducia in Dio (Rm 5,11; 15,17) che Gesù conferisce come suo dono.
  24. 24. Il vocabolario Nel corpus paolino si riscontrano anche alcuni altri vocaboli che caratterizzano le deformazioni dell’orgogliosa esaltazione che si manifesta in atteggiamenti di vanagloria, autoesaltazione, arroganza, ostinata cecità, ecc., che proliferano in abbondanza nell’uomo che falsa la sua dignità di creatura e di figlio di Dio. L’analisi non può fermarsi qui: i qualificativi cui si accennava, generalmente, sono menzionati in gruppi di termini, accanto ad altri ai quali sono strettamente uniti o opposti e dai quali non si può prescindere quando si tenta di precisarne il significato.
  25. 25. La rivelazione neotestamentaria La diade mite - umile
  26. 26. La diade mite - umile Nel momento stesso, però, in cui si sottolinea l’esigenza del superamento di un’analisi atomistica e lessicografica, ci si imbatte nella difficoltà delle molte liste di vizi e virtù che esistono nel NT, le quali sono molto diverse l’una dall’altra e non permettono alcuna riduzione omogenea. Per limitarci alla coppia mite-umile di Mt 11,29, A. Resch pensò a un vero e proprio topos letterario di tre termini e del quale, in Mt 11,29, mancherebbe il primo: ™pie…keia.
  27. 27. La diade mite - umile A lui fa eco Harnack che, nel 1920, avanzava l’ipotesi secondo cui nel cristianesimo ci sarebbero due schemi ternari, l’uno: fede- speranza-carità, per caratterizzare l’atteggiamento religioso, e l’altro, modestia(™pie…keia)-mitezza-umiltà per sintetizzare l’atteggiamento etico. Quest’ipotesi, per quanto suggestiva, non è corroborata dai testi. Essi mentre convalidano l’accostamento mite e umile sia nell'AT (ls 26,6 e Sof 3,12) sia nel NT (Ef 4,2 e Col 3,12, ma sotto la forma astratta di umiltà-mitezza), non presentano mai insieme ™pie…keia-mitezza-umiltà.
  28. 28. La diade mite - umile Un accostamento con l’™pie…keia avviene attraverso la mitezza che ad essa è abbinata in 2Cor 10,1 e in Tt 2,3 mentre in Col 3,12 è unita a pazienza, bontà, e sembra che tutte insieme derivino e specifichino i sentimenti (la volgata traduce "viscera") di misericordia di cui gli eletti di Dio, i santi e i diletti, debbono rivestirsi. In Ef 4,2 si trova lo schema ternario umiltà-mitezza- pazienza, che è collegato all’esortazione a comportarsi in modo degno della vocazione ricevuta e a conservare l’unità dello Spirito nella radicalità delle sue dimensioni.
  29. 29. La diade mite - umile Anche se si segue l’ipotesi più comune che unisce solo mite e umile, resta aperto il problema del significato dei termini considerati isolatamente e nell’insieme. E poiché l’aggettivo mite, in due delle tre volte in cui è usato in Matteo, è applicato a Gesù Cristo che è mite e umile di cuore (11,29) e che viene a Gerusalemme come un re mite (21,5), e una sola volta è applicato ai miti, nelle beatitudini (5,5), c’è da vedere se l’interpretazione primaria di questi qualificativi si debba cercare nel contesto cristologico o in quello parenetico.
  30. 30. La diade mite - umile Molti ritengono che umile di Mt 11,29 sia sinonimo del povero di spirito della beatitudine di Mt 5,3 e, riducendo umiltà a povertà, assumono, per la spiegazione di questa, tutta la problematica dell’interpretazione o esclusivamente sociale, o spirituale, o spirituale e sociologica insieme, della povertà nell'AT e nel NT. Le origini di codesto accostamento sono molto lontane.
  31. 31. La diade mite - umile Già i padri della Chiesa hanno identificato gli umili con i poveri di spirito. Questa interpretazione è stata ripresa da molti esegeti contemporanei e rivalorizzata in seguito dalle scoperte di Qumràn. «L’umiltà di cui abbiamo parlato per definire l’atteggiamento interiore dei poveri di spirito - conclude Dupont - ha il vantaggio di farci raggiungere e l’interpretazione corrente dei primi secoli cristiani e una preoccupazione che si manifesta in altri contesti dello stesso vangelo. Nonostante ciò il termine è “un peu gros” per rendere esattamente la “nuance” dell’espressione che ci interessa.
  32. 32. La diade mite - umile Per dire “umile di cuore”, Mt 11,29 scrive ταπεινÕj tÍ καρδ…v e si può pensare che l’atteggiamento dei “poveri di spirito” non corrisponda perfettamente con quello di uno sphephal rúah. Il “povero di spirito” non è precisamente colui che “abbassa se stesso” (Mt 18,4; 23,12)... La povertà spirituale può essere chiamata umiltà, ma non quella che porta a farsi piccoli, come coloro che non valgono nulla... il povero di spirito sopporta tutto con pazienza».
  33. 33. La diade mite - umile Gli esegeti che ritengono che i poveri di spirito della 1a e i miti della 3a beatitudine si equivalgono e indicano le medesime persone, avendo interpretato come umili i primi, prendono nello stesso senso i secondi e considerano quasi come simili i miti, gli umili e i poveri di spirito. Anche in relazione ai miti gli esegeti si domandano se si tratta di un atteggiamento che si limita ai rapporti interumani o investe anche quelli con Dio o i due insieme e se si tratta di una disposizione prevalentemente psicologica e interna o di un modo di esistere connesso prima di tutto alla situazione sociologica di oppressione e di alienazione in cui le persone vivono.
  34. 34. La diade mite - umile Molti considerano sinonimi anche i qualificativi con cui in Mt 11,29 è connotato Gesù Cristo. Dupont, dopo aver notato che «la tradizione dei primi cristiani di lingua greca è sensibile al legame stretto che unisce dolcezza e umiltà», ritiene, però, che questo abbinamento non sia originario del pensiero greco, derivi invece come eredità dalla lingua e dal pensiero semitico, nel quale umiltà e dolcezza costituiscono due aspetti della medesima attitudine di spirito.
  35. 35. La diade mite - umile Egli pensa anche che nella tradizione greca, del tutto diversa in questo da quella ebraica, “mite” sia l’uomo tranquillo, pacifico, colui che sopporta le contraddizioni, che non è violento, aggressivo; la mitezza è una prerogativa di coloro che detengono il potere ma non è abbinata all’umiltà. È la tradizione ebraica invece a pensare che non ci sia vera dolcezza se non radicata nell’umiltà e a ritenere entrambe come aspetti inseparabili dell’unica anàwàh, l’umile, dolce, paziente povertà del vero israelita.
  36. 36. La diade mite - umile La mitezza sottolinea il carattere sereno, forte e paziente dell’umiltà che si manifesta soprattutto nei rapporti con gli altri e che induce ad elaborare le situazioni contrastanti e ciò quale riflesso dell’abbandono a Dio, della pace che consegue la consapevolezza di essere nel suo amore. L’analisi letteraria porta a riconoscere una stretta analogia tra umiltà-mitezza-povertà di spirito e tende a spiegarla nell’ambito della vasta e complessa categoria biblica della povertà dello spirito.
  37. 37. La rivelazione neotestamentaria Nell’umiltà di Gesù Cristo
  38. 38. Nell’umiltà di Gesù Cristo L’ultima parte di Mt 11, in cui si trova I’accenno a Gesù mite e umile di cuore, ha una struttura discussa e complessa. I suoi elementi fondamentali sono: un logion relativo all’avvento del regno, di carattere apocalittico: I’azione di grazie al Padre, Signore del cielo e della terra, per la rivelazione rifiutata ai sapienti e agli intelligenti e accordata ai piccoli nhp…oij (Mt 11,25-26 = Lc 10,21);
  39. 39. Nell’umiltà di Gesù Cristo un logion sulla conoscenza del Padre da parte del Figlio, sulle relazioni misteriose che uniscono Padre e Figlio (Mt 11,27 = Lc 10,22); per le affinità profonde con il quarto Vangelo è denominato giovanneo un terzo logion, assente in Luca e presente solo in Matteo (11,28-30): è di carattere sapienziale e presenta Gesù, sapienza del Padre, che invita gli uomini a venire a sé (cfr. Pr 9,5), ed è costruito sul parallelismo, messo in rilievo da alcuni studiosi, tra i vv. 28 e 29.
  40. 40. Nell’umiltà di Gesù Cristo invito: venite a me invito: prendete il mio giogo sopra (mettetevi alla mia scuola) qualificativo di chi invita: io sono mite e umile di cuore i chiamati: voi tutti che siete affaticati e oppressi promessa: io vi ristorerò i chiamati: sono indicati solo dal “voi” e sono gli stessi del v. 28 promessa: troverete ristoro alle vostre anime legittimità della promessa: il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero
  41. 41. Nell’umiltà di Gesù Cristo Tra l’invito e la promessa nel 28 c’è l’indicazione dei chiamati, qualificati con due participi κοπιῶντες e πεφορτισμένοι che evidenziano la loro situazione penosa. Nel v. 29 colui che invita è qualificato con due aggettivi, i quali esprimono il suo atteggiamento e la sua disponibilità a soddisfare le aspirazioni dei chiamati, a costituire una situazione contrastante con quella di disagio e di fatica dalla quale essi sono oppressi.
  42. 42. Nell’umiltà di Gesù Cristo Questo “riposo” non deriva dalla deresponsabilizzazione dei chiamati, ma dalla loro adesione alla richiesta di mettersi alla sua scuola, di assumere il peso del suo insegnamento, di sostituire il giogo che vincola a fare cose, a portare pesi, con la comunione di sequela, di ascolto, di dialogo, con la persona che prende su di sé il loro peso e perciò rende libera la loro vita.
  43. 43. Nell’umiltà di Gesù Cristo Gli studiosi non sono concordi nell’individuazione dei destinatari indicati nel logion, del tipo di disagio dal quale sono oppressi (probabilmente dal peso delle osservanze farisaiche) e, conseguentemente, del suo carattere antifarisaico o meno. Il testo attuale di Matteo rivela un legame tra i vari elementi di questa pericope, in particolare tra gli oppressi del v. 28 e i piccoli del v. 25.
  44. 44. Nell’umiltà di Gesù Cristo Andare a Gesù, accogliere l’invito alla sua sequela, significa instaurare con lui un rapporto intimo e profondo, sottoporsi allo stesso giogo che egli continua a portare, a portarlo con lui che invita alla condivisione non alla sostituzione. Lo si assume nella sua persona, in lui che, volontariamente, realizza il beneplacito del Padre che vuole nuova l’alleanza con l’uomo. Gesù non è un legislatore o un maestro più indulgente di altri, un sovrano dalle pretese meno dispotiche o dalle lusinghe facili e menzognere.
  45. 45. Nell’umiltà di Gesù Cristo È il vincitore-vinto; ha sperimentato l'abbandono del Padre, ha percorso da solo il cammino di croce (cfr. Mt 27,46), ha bevuto il calice fino all’ultima goccia. In lui l’umiltà è espressione della radicale esigenza dell’amore che unisce nello Spirito il Padre e l’umanità; nell’umiliazione e nella gloria della croce egli ha rivelato il significato e la meta ultima dell’invito a condividere il giogo e cioè lo stile di amore del Padre, fonte di ogni amore.
  46. 46. Nell’umiltà di Gesù Cristo La sofferenza è la miseria più comune, espressione inequivocabile di finitudine e limite. Gesù ne ha avuto compassione, l’ha presa, l’ha sofferta, l’ha eliminata, svuotata nella radice, ha indicato nell’amore la via e la condizione dell’umanità rinnovata. La vulnerabilità alla sofferenza altrui è via di pace, è perfezione, quando alimenta la sollecitudine dell’amore che lotta per superarla.
  47. 47. Nell’umiltà di Gesù Cristo Gesù Cristo ne ha vinto la radice, il maligno, che è fonte di egoismo, autogaranzia, affermazione di sé, volontà di potenza che domina e rende schiavi, seduce e manipola; e ha liberato l’amore che rispetta ed è impaziente, che è attento e violento, che si dona e esige, che comunica disponibilità di sé e apertura al mistero. Chi non sta eliminando la sofferenza dell’uomo non cammina per la via umile, non porta il giogo di Gesù Cristo.
  48. 48. Cimabue Crocifisso 1268-71 San Domenico, Arezzo

×