Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

Module 5 il ruolo fondamentale della comunita

31 Aufrufe

Veröffentlicht am

il ruolo fondamentale della comunita

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Module 5 il ruolo fondamentale della comunita

  1. 1. This programme has been funded with support from the European Commission M5: Il ruolo fondamentale della comunità
  2. 2. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS This publication reflects the views only of the authors, and the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein." ACCESSIBILITA’&INCLUSIONE PER MIGRANTI Chi trarrà beneficio da questo corso? Il personale degli Istituti Professionali di Formazione (IFP) che comprende: • Dirigenti • Insegnanti, formatori e mentori • Staff di amministrazione e comunicazione Legenda I migliori consigli Video Attività Risorse Passaggi pratici Fonti di finanziamento
  3. 3. Perchè studiare questo modulo? UN FOCUS SULLE COMUNITÀ INCLUSIVE E I «CAMPIONI DELLA COMUNITÀ» RAFFORZARE I MIGRANTI PERCHE’ DIVENTINO «CAMPIONI DELLA COMUNITÀ» EDUCARE A PARTIRE DALLA COMUNITA’ COLLABORARE CON I PARTENARIATI INCLUSIVI DI COMUNITA’ RIFERIMENTI/FONTI 01 02 03 04 05
  4. 4. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS This publication reflects the views only of the authors, and the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein." 01 CONCENTRIAMOCI SULLE COMUNITA’ INCLUSIVE E SUI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  5. 5. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Perché abbiamo bisogno di comunità inclusive? I cambiamenti globali e I disastri naturali hanno generato flussi migratori di persone di diverse comunità in tutto il mondo. Le Comunità che erano un tempo generalmente omogenee stanno sperimentando influssi provenienti da persone che vengono da diversi contesti etnici e culturali.
  6. 6. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Cos’è una Comunità inclusiva? • Una Comunità che valorizza la diversità e che mette in atto diverse strategie per rispettare tutti I suoi cittadini, per concedergli accesso alle risorse e promuovere pari opportunità. • Una Comunità che lavora per abbattere le discriminazioni. • Coinvolge i cittadini nell’elaborazione delle strategie che li riguardano. • Reagisce prontamente a fatti di razzismo o ad altri incidenti discriminatori.
  7. 7. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS MESCOLA INSIEME LE DIVERSE COMUNITA’ negli spazi abituali che gli individui frequentano nella loro quotidianità : • I campi da gioco e gli spazi ricreativi • I centri commerciali • Le scuole di periferia E’ l’interazione a fare la differenza. CONSIGLI per rendere la tua comunità più inclusiva
  8. 8. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS COLLABORA CON I LEADER PIU’ INFLUENTI DEI MAGGIORI GRUPPI ETNICI PRESENTI I gruppi di azione che coinvolgono numerosi leaders e rappresentanti istituzionali sono più efficaci nel promuovere la diversità come valore. Lavorando insieme essi possono comprendere cosa andrebbe fatto per supportare l’intera Comunità ad abbracciare il valore della diversità. CONSIGLI per rendere la tua comunità più inclusiva
  9. 9. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS STUDIA APPROFONDITAMENTE E CELEBRA LE MIGLIORI AZIONI DI COMUNITA’ Le azioni collettive di successo non solo migliorano la Comunità, ma rafforzano anche le relazioni fra i gruppi. Enfatizzarle rafforza la percezione positiva e i risultati del lavoro comune, facendo sì che i gruppi desiderino quindi continuare a lavorare assieme. Dedica tempo a diffondere e celebrare anche i piccoli risultati. CONSIGLI per rendere la tua comunità più inclusiva
  10. 10. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS CREA RELAZIONI DURATURE E DI SOSTEGNO RECIPROCO Creare una Comunità inclusiva non è un evento, non ha un inizio e una fine. E’ un processo che evolve di continuo. Creare frequenti opportunità di contatto e di cooperazione fra I gruppi, lavorare anche con altri e rafforzare le conoscenze è la chiave nello sviluppo di comunità. CONSIGLI per rendere la tua comunità più inclusiva
  11. 11. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Una Comunità inclusiva – Leeds una “Città partecipante” Ospitando più di 140 gruppi etnici, Leeds ha un grande patrimonio multiculturale, con migranti che contribuiscono alla vita economica, sociale e cultural della città. Il Progetto “Migrant Access” costruisce relazioni così che I cittadini arrivati da poco e i Servizi possano dialogare, apprendere gli uni dagli altri e sviluppare un approccio sulla risposta di Comunità ai bisogni. CONCENTRIAMOCI SULLE COMUNITA’ INCLUSIVE
  12. 12. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Questo breve video del Consiglio Cittadino di Leeds mostra il grande lavoro fatto attraverso il Progetto “MAP (Migrant Access Project)”, che manda un messaggio di benvenuto forte e accogliente di una Comunità/Città che desidera accogliere e supportare le persone. MAP ha permesso di avere persone che parlano diverse lingue, formate per aiutare i migranti, dando loro informazioni corrette e aggiornate a raggiungere i servizi di cui hanno bisogno. Fai click per vedere: https://www.youtube.com/watch?v=ZFSi01bduv0 Una Comunità inclusiva – Leeds una “Città partecipante” CONCENTRIAMOCI SULLE COMUNITA’ INCLUSIVE
  13. 13. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS MAP, il progetto di Leeds – un premio per l’approccio vincente Nel 2016, Leeds ha partecipato al premio EuroCities’ ‘Participation’ Award con il progetto “Leeds Migrant Access Project MAP” acclamato per il suo contributo alle comunità migranti nell’auto aiuto, rafforzando le loro competenze, i loro saperi ed il loro coinvolgimento attivo. CONCENTRIAMOCI SULLE COMUNITA’ INCLUSIVE
  14. 14. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Leeds MAP – I Campioni della Comunità Il Progetto MAP forma Animatori di Comunità Migranti (MCNs) provenienti da diversi Paesi, con diversi background etnici e linguistici, a parlare con I neo arrivati sulla vita di Leeds. Hanno informazioni aggiornate, così da poter divulgare messaggi rilevanti alle loro comunità, per integrarle e coinvolgerle nella cittadinanza attiva. MCNs aiutano a districarsi nel sistema delle abitazioni della città, benefici, impiego, salute, educazione e servizi sociali. IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  15. 15. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS I Campioni della Comunità – Chi sono? Un “Campione della Comunità” è un agente del cambiamento, che si prende la responsabilità del benessere e del miglioramento della sua Comunità. Nello specifico, essi mobilitano le comunità per una causa comune, per pianificare e monitorare una serie di azioni, per vincere sfide comuni. Questo ruolo può essere retribuito o volontario, la maggior parte di loro sono volontari. Il loro ruolo consiste nell’educare, ispirare, motivare e mobilitare. IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  16. 16. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS I Campioni di Comunità, sono abitualmente molto attivi e possono essere coinvolti nelle seguenti attività: • Sviluppare piani e progetti a beneficio dell’intera Comunità • Colmare la distanza fra le persone e i Servizi • Limitare la distanza fra gruppi in conflitto • Facilitare la collaborazione all’interno della Comunità • Pianificare eventi che facciano stare insieme le persone IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  17. 17. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Perché lo fanno? Le persone si fanno coinvolgere in attività per la Comunità per molte ragioni. Possono: • Sentire un dovere morale o avere una ragione personale che li spinge a prendere parte nelle azioni volontarie. • Voler sviluppare competenze o acquisire esperienza, socializzare o dare qualcosa indietro alla società. • Sposare una causa particolare o risolvere uno specifico problema IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  18. 18. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Le caratteristiche per riconoscere un “campione della Comunità” Saper prevedere: sono leader visionari, che guardano avanti; pensano, si adoperano e lavorano per raggiungere una serie di obiettivi sostenibili per la Comunità. Auto consapevolezza: sono consapevoli delle loro caratteristiche e conoscono i propri punti di forza e debolezza. Ciò li rende capaci di di esprimere al meglio le loro abilità anche mentre cercano aiuto da altri per fare fronte alle proprie debolezze. IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  19. 19. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Competenze interpersonali. Un leader di Comunità dovrebbe essere in grado di interagire facilmente con gli altri membri della Comunità. Ciò richiede una buona capacità comunicativa e attitudine alla collaborazione. E’ essenziale essere in grado di negoziare, mediare, ascoltare gli altri, argomentare e lavorare anche con persone esterne alla Comunità. IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’” Le caratteristiche per riconoscere un “campione della Comunità”
  20. 20. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Intelligenza emotiva e sociale. Sono leader competenti che hanno la capacità di valorizzare tutte le persone della Comunità siano esse autoctone, migranti, minoranze, etc. Il loro mestiere naturale è quello di venire a sapere e comprendere cosa li guida e li motiva. Benefattori motivanti. Ispirano tutti noi a realizzare i cambiamenti sociali che desideriamo per migliorare come persone e nel comunicare con gli altri. Le caratteristiche per riconoscere un “campione della Comunità” IL RUOLO DEI “CAMPIONI DI COMUNITA’”
  21. 21. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Ebba Akerman, United Invitations, Svezia CONCENTRIAMOCI SU DI UN “CAMPIONE DI COMUNITA’” INCLUSIVO United Invitations è una ONG fondata da una giovane donna svedese, Ebba Åkerman, che ha la passione di aiutare i neo arrivati, integrandoli e strutturandoli all’interno delle Comunità locali. L’idea è nata in Svezia e si è diffusa velocemente in tutta Europa, con centinaia di cene organizzate negli ultimi due anni. http://www.unitedinvitations.org/
  22. 22. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Ebba Akerman, United Invitations, Svezia This Photo by Unknown Author is licensed under CC BY-NC https://www.youtube.com/watch?v=0ngEo_rRJik Insegnante di lingue, Campione di Comunità e Minister of Dinners, Ebba Akerman incontrò casualmente uno dei suoi studenti sul treno e gli chiese se gli piacesse vivere nel suo Paese. La risposta la disturbò moltissimo. Le divenne chiaro che la maggior parte degli studenti, vivendo nei sobborghi a contatto solo con migranti, non avevano scambi con la popolazione locale. Guarda il suo TEDx Talk dove spiega la sua soluzione al problema. CONCENTRIAMOCI SU DI UN “CAMPIONE DI COMUNITA’” INCLUSIVO
  23. 23. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Facilità ad apprendere e ad adattarsi. Come leader di Comunità, ottenere rispetto dalla Comunità è una delle chiavi abilitanti. Per fare ciò apprendere ad ascoltare gli altri, apprezzare I loro suggerimenti e modificare il corso delle cose è essenziale. Onestà e integrità. I Campioni di Comunità sono membri affidabili e rispettati dagli altri leader di Comunità. La fiducia facilita un ambiente dialettico e il desiderio di cambiamento sociale. IL RUOLO DEI CAMPIONI DI COMUNITA’ Le caratteristiche per riconoscere un “campione della Comunità”
  24. 24. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Passione, dedizione e servizio. Molti “Campioni di Comunità” operano volontariamente. Spendono molto tempo creando spazi per auspicabili cambiamenti sociali. Essi lavorano con energia e dedizione per migliorare la vita e le opportunità di chi li circonda. Alcuni sono bilingui, riflettono la diversità della popolazione locale. IL RUOLO DEI CAMPIONI DI COMUNITA’ Le caratteristiche per riconoscere un “campione della Comunità”
  25. 25. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Mairead Horkan, Failte Isteach Programme, Irlanda “Queste persone (migranti/rifugiati) provengono da conflitti e incertezze, hanno visto morire I loro familiari e hanno perso le loro case. Cercano sicurezza andando verso luoghi che non conoscono assolutamente. Non sanno se saranno accolti bene. Dobbiamo dargli sicurezza e fidarci di loro, e questo lo puoi fare solo facendoti coinvolgere, incontrando persone e costruendo relazioni significative.” CONCENTRIAMOCI SU DI UN “CAMPIONE DI COMUNITA’” INCLUSIVO
  26. 26. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS This publication reflects the views only of the authors, and the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein." 02 RAFFORZARE I MIGRANTI PERCHE’ DIVENTINO «CAMPIONI DELLA COMUNITA’»
  27. 27. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS PERCHE’ RAFFORZARE I MIGRANTI ED INCORAGGIARLI A DIVENTARE LEADER DI COMUNITA’ • Le Comunità emergenti hanno bisogno di differenti tipi di leader. Da diverse leadership la nostra Comunità esce rafforzata. • I membri della Comunità di rifugiati e migranti, hanno un punto di vista che la Comunità desidera ascoltare e un set di competenze unico e da valorizzare. • La diversità nella leadership crea opportunità per il dialogo rispettoso e la soluzione collettiva dei problemi • Ognuno può apprendere ad essere leader. Le competenze nella leadership si costruiscono passo dopo passo.
  28. 28. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS L’IMPATTO CHE I LEADER DI COMUNITA’ POSSONO AVERE • I leader delle Comunità migrante sono spesso compagni di migranti che hanno acquisito competenze che altri migranti non hanno ancora sviluppato. Possono condividere con altri competenze come adattarsi al nuovo Paese, cercare assistenza nei problemi della migrazione, — muoversi nel sistema scolastico o dialogare con i proprietari di case in affitto. • I leader delle Comunità migranti possono giocare un ruolo importante nell’aiutare la Comunità a rispondere alla retorica e ai miti anti – immigrati. • Possono comunicare I bisogni dei loro compagni e ottenere I servizi necessari da fornitori privati ed istituzioni. • Possono dimostrare come la partecipazione attiva al processo politico può generare protezione nella comunità.
  29. 29. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Lucky Khambule - portavoce del movimento dei richiedenti asilo in Irlanda Lucky Khambule, dal Sud Africa, ha recentemente ricevuto asilo politico. È arrivato in Irlanda nel 2013. Da allora è diventato il portavoce del Movimento dei richiedenti asilo in Irlanda. È un organizzatore, un attivista e un attivista proprio per i diritti dei richiedenti asilo, dei migranti e delle comunità di rifugiati in Irlanda. È la forza trainante della campagna sul diritto al lavoro. CONCENTRIAMOCI SU DI UN “CAMPIONE DI COMUNITA’”
  30. 30. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Rodica Lunca, Comunità ROM Rodica è Rom e lavora come mediatrice culturale tra i membri della comunità Rom in Irlanda e le varie istituzioni dello Stato che incontrano nella vita di tutti i giorni, compresi i servizi sanitari, le autorità educative e gli assistenti sociali. Molto più che una semplice interprete, il compito di Rodica è quello di tradurre non solo le parole dei suoi clienti, ma il contesto in cui sono utilizzate. CONCENTRIAMOCI SU UN “CAMPIONE DI COMUNITA’”
  31. 31. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS This publication reflects the views only of the authors, and the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein." 03 EDUCARE A PARTIRE DALLA COMUNITA’
  32. 32. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS LA RELAZIONE TRA EDUCAZIONE E SOCIETA’ L'educazione è un processo che determina cambiamenti nel comportamento della società. È un processo che consente a ogni individuo di partecipare efficacemente alle attività della società e di dare un contributo positivo al progresso della stessa. La relazione tra sistema educativo e società è reciproca; a volte la società influenza i cambiamenti nel sistema educativo e altre volte il sistema educativo influenza i cambiamenti nella società.
  33. 33. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Cos'è l'apprendimento basato sulla comunità? L'apprendimento basato sulla comunità è un modello di apprendimento per la formazione professionale e l'istruzione che consente alle scuole/agenzie formative e al mondo reale di avvicinarsi. L'educazione basata sulla comunità vede gli educatori, la comunità imprenditoriale e le persone impegnate nella comunità di sviluppo lavorare insieme per preparare gli studenti a diventare cittadini produttivi.
  34. 34. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Failte Isteach Programme, Ireland – empowering community volunteers to be informal educators Fáilte Isteach è un'iniziativa dell’organizzazione della Terza Età, che offre l’opportunità agli anziani di contribuire attivamente alle loro comunità e impegnarsi nella società. Fáilte Isteach coinvolge volontari che accolgono i migranti nella comunità attraverso lezioni di conversazione in inglese. I tutor e gli studenti di solito si incontrano una volta alla settimana e avviene in un ambiente molto informale dove le persone sono coinvolte solamente in una conversazione in inglese. BUONE PRATICHE DELL’ APPRENDIMENTO BASATO SULLA COMUNITA’ COMUNITA’ BASATA
  35. 35. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Failte Isteach Programme, Ireland – responsabilizzare i volontari della comunità a essere educatori informali Fáilte Isteach è un'iniziativa di Terza Età, un'organizzazione che offre opportunità agli anziani di contribuire alle loro comunità e impegnarsi attivamente nella società. Fáilte Isteach coinvolge volontari che accolgono i migranti nella comunità attraverso lezioni di conversazione in lingua inglese. I tutor e gli studenti di solito si incontrano una volta alla settimana in un ambiente molto informale dove le persone hanno solo una chat in inglese. APPRENDIMENTO BASATO SULLA COMUNITÀ ESEMPIO DI BUONA PRATICA https://www.youtube.com/watch?v=qm3IYXEZcYk
  36. 36. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Pria Bhabra, coordina il Progetto MAP "Ho imparato come comunità diverse hanno esigenze diverse a seconda di dove sono venute. Non si tratta solo di cultura o di come sono andate le cose nel loro paese d'origine e della situazione che hanno provato a lasciare ... ". COME LA SENSIBILIZZAZIONE DELLA COMUNITÀ PUÒ AIUTARE GLI EDUCATORI LA PRESENZA DELLA COMUNITÀ PUO’ PORTARE BENEFICIO AGLI EDUCATORI
  37. 37. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS I principi dell’apprendimento basato sulla comunità I programmi di educazione comunitaria iniziano con l'esperienza vissuta dai partecipanti. Le metodologie didattiche si concentrano sulla facilitazione e il lavoro di gruppo; riconoscendo e supportando diversi bisogni e stili di apprendimento. C’è una forte attenzione alla promozione dell‘auto apprendimento, del pensiero critico e dello sviluppo delle abilità per apprendere ad apprendere.
  38. 38. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS I principi delle attività per l’apprendimento di comunità Cos’è una buona pratica nell'apprendimento basato sulla comunità? Quali fattori è necessario tenere in considerazione durante lo sviluppo o l’erogazione di un programma di apprendimento basato sulla comunità? Confronta la tua discussione con i punti della pagina successiva.
  39. 39. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS • Centralità del discente • Uguaglianza • Accessibilità e inclusione • Riconoscere e accogliere la diversità • Garanzia di qualità • Consultazione locale e approccio basato sul territorio • Innovazione I principi delle attività per l’apprendimento di comunità
  40. 40. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Creative Spark, Ireland – coinvolgere studenti immigrati in progetti di inclusione di interesse comune Creative Spark è un’agenzia formativa in Irlanda, molto impegnata nell'educazione di comunità per l'inclusione sociale e la promozione della diversità quale prezioso strumento di sviluppo. Programma di apprendimento basato sulla comunità, ha riunito 8 donne di diverse nazionalità per conoscere la produzione di ceramica e le rispettive culture attraverso la condivisione di cibo e storie. www.creativespark.ie BUONE PRATICHE DI APPRENDIMENTO BASATO SULLA COMUNITA’
  41. 41. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Creative Spark, Ireland – coinvolgere studenti immigrati in progetti di inclusione di interesse comune https://youtu.be/oj5WJUyBoMU GUARDA IL VIDEO
  42. 42. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS • Informare il pubblico sui servizi di educazione disponibili nella comunità • Creare partenariati locali e strategie di sensibilizzazione per gruppi target di educazione di comunità • Supportare centri e gruppi locali • Usare gli studenti immigrati come ambasciatori o campioni per raggiungere i loro coetanei Attività di sensibilizzazione e promozione dell'apprendimento basato sulla comunità
  43. 43. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Punti di discussione: • Quali sono i vantaggi dell’apprendimento di Comunità rispetto rispetto agli istituti di apprendimento tradizionali come scuole e università? • Perché i centri e i gruppi locali della comunità sono importanti per l'erogazione dell'apprendimento di Comunità? ATTIVITA’: discussione sull’apprendimento di Comunità
  44. 44. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS L'apprendimento di Comunità può fornire: • Servizi localizzati, rimozione degli ostacoli al viaggio; • ambiente di apprendimento mirato e multi etnico che è meno intimidatorio; • maggiori opportunità di interazione sociale, incontro con persone provenienti sia dal Paese ospitante che dal proprio Paese. • La possibilità di interagire con altre iniziative nella propria comunità – fornendo opportunità e senso di appartenenza. Spunti da prendere sull’apprendimento di Comunità
  45. 45. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS È importante supportare i centri e i gruppi locali perché sono: • localizzati e credibili per la comunità; • Il primo punto di accesso per le famiglie quando si entra in un nuovo paese, per accedere all'istruzione per i propri figli; • normalmente supportati da individui provenienti da comunità migranti che hanno una migliore comprensione dei bisogni Spunti da prendere sull’apprendimento di Comunità
  46. 46. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Consultazione della comunità: il primo passo verso l'educazione basata sulla comunità. La consultazione comunitaria è un modo per acquisire una maggiore comprensione degli aspetti sociali ed economici di una comunità. È stato dimostrato che un'ampia consultazione della comunità è utile per lo sviluppo di programmi di formazione che attraggano nuovi tipi di discenti, perché adeguati alle loro specifiche caratteristiche (Bowman 2007).
  47. 47. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Family and Community Education (FACE) UK Gli operatori formati da FACE sono coinvolti nel: • Informare la comunità locale sull’esistenza di particolari studenti svantaggiati ai quali fornire sessioni di consulenza sulle opzioni di formazione • identificare una formazione adeguata basata su consultazioni comunitarie e identificare finanziamenti adeguati • Dare maggiore motivazione ai tirocinanti nel perseguire ulteriori opportunità di apprendimento e / o ad impegnarsi nuovamente nel mondo del lavoro FORMAZIONE PROFESSIONALE E SENSIBILIZZAZIONE DELLA COMUNITA’
  48. 48. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS This publication reflects the views only of the authors, and the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein." 04 COLLABORANDO CON RETI PER COMUNITA’ INCLUSIVE
  49. 49. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Che aspetto ha la Collaborazione di comunità? La Collaborazione di comunità si svolge in genere in gruppi e può comprendere la sorveglianza del quartiere, le pulizie, i festival e gli eventi in corso, lo sviluppo della comunità e molto altro. Ridotto alla sua definizione più semplice, collaborazione significa "lavorare insieme".
  50. 50. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Perché collaborare? Collaborare in un contesto comunitario può aprirti ad altre competenze e risorse per fare cose che non si possono realizzare da soli. Dallo sviluppo di strumenti di formazione per gruppi emarginati, all'accesso a finanziamenti significativi. Ottenere collaborazione, però, richiede uno sforzo e una cultura aperta al cambiamento. Le collaborazioni richiedono uno sforzo serio per farle funzionare.
  51. 51. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Quando trasmetti le tue idee a qualcuno, amplifichi le tue abilità in diversi modi. Impulso: hai il supporto per andare al passaggio successivo Risorse: aggiungi più idee al progetto, più ricerca. Prospettiva: vedi angoli e difetti che non avresti visto da solo Velocità: puoi andare più veloce e individuare con più facilità le idee migliori Decisioni: una cassa di risonanza ti aiuta a parlare attraverso le tue decisioni, a capire più facilmente il tuo modo di pensare. Convalida: un buon partner può aiutarti a sostenere le tue idee migliori e spronarti a proseguire nella giusta direzione.
  52. 52. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Perché collaborare? Un problema condiviso è un problema dimezzato. La ricerca mostra che discutere dei problemi con le persone in situazioni simili riduce i livelli di stress. I problemi non sembrano schiaccianti quando ne parli e due persone hanno maggiori probabilità di trovare una soluzione rispetto ad una. Approfondisci: www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2548917/A- problem-shared-really-IS-problem-halved-Study-finds-discussing- problems-people-situation-reduces-stress-levels.html
  53. 53. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS A partire da te - Come essere un grande collaboratore: • Riconosci che lavorare bene insieme e condividere le conoscenze ti aiuterà a ottenere molto più di quello che ognuno potrebbe creare da solo. • Ti avvicini alla pratica - collaborazione con una prospettiva di risoluzione creativa dei problemi • Apprezzi punti di vista diversi, l'esperienza degli altri e li spingi a portare a termine il lavoro. • Sei orgoglioso del tuo lavoro e sei desideroso di sviluppare il tuo progetto
  54. 54. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Le prime 8 caratteristiche di un grande collaboratore 1. SQUADRA CONCENTRATA. Per collaborare con successo, devi essere un giocatore di squadra e pensare a "noi" piuttosto che "io". Un grande collaboratore è consapevole degli obiettivi condivisi e del successo del gruppo. 2. GENEROSO. Un grande collaboratore è disposto a fare il primo passo e ad entrare, anche se non sarà sotto i riflettori. Anche la generosità è una caratteristica di leadership incredibilmente desiderabile. 3. CURIOSO. I Grandi collaboratori sono bravi a fare le domande giuste. Non interrogano; semplicemente seguono la loro naturale curiosità perché vogliono capire. 4. INCORAGGIANTE. I migliori collaboratori esprimono un sincero apprezzamento per tutto ciò a cui i membri del team hanno contribuito. Non sono timidi nell'esprimere questo apprezzamento e danno credito. Source: www.samepage.io/blog/10-top-qualities-great-collaborator
  55. 55. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Le prime 8 caratteristiche di un grande collaboratore 7. COSTRUISCE I RAPPORTI. Abbatte i muri! La collaborazione consiste nel lavorare insieme. I buoni collaboratori comprendono il valore di essere ben collegati e lavorano duramente per costruire e mantenere connessioni. 8. DIPLOMATICO. I migliori collaboratori sono diplomatici. Sanno che le relazioni sono costruite sul rispetto reciproco e sulla mediazione 5. ASCOLTA PER CAPIRE. Grandi collaboratori ascoltano attentamente ciò che viene detto. Ma, cosa più importante, ascoltano per capire. 6. DÀ FIDUCIA E RICEVE FIDUCIA. Più di ogni altra cosa, le collaborazioni di grande successo sono basate sulla sicurezza e sulla fiducia. I grandi collaboratori aiutano a creare e mantenere quell'ambiente di fiducia. Danno la loro fiducia generosamente e si aspettano di ricevere fiducia in cambio. Source: www.samepage.io/blog/10-top-qualities-great-collaborator
  56. 56. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Tipi di attività di collaborazione Le attività di collaborazione possono essere classificate come: • formale: un'attività pianificata e chiaramente identificata con un programma, una collocazione e un calendario prestabiliti • informale - un'attività meno definita, che non ha sempre un periodo di tempo prestabilito o un programma di attività al suo interno; • semi-strutturata - ha una certa struttura ma offre anche una certa flessibilità • non strutturata - non ha una struttura definita; l'attività è realizzata in base alle esigenze o in modo spontaneo.
  57. 57. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS ATTIVITA’: Pianificare la tua collaborazione di Comunità Pianificazione collaborativa – Tenere tutto insieme Visita http://www.designingcollaboration.com/ - un fantastico strumento per pianificare la struttura del tuo progetto di collaborazione
  58. 58. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Supporti - Fondo di integrazione delle comunità Il fondo di integrazione delle comunità finanzierà azioni di organizzazioni comunitarie per promuovere l'integrazione all’interno delle comunità locali. L'intenzione è di fornire finanziamenti e supporto alle comunità in tutta l'Irlanda per svolgere un ruolo più importante nella promozione dell'integrazione, fornendo un supporto pratico per facilitare l'inclusione sociale della popolazione migrante. Nel 2018 è stato reso disponibile un importo totale di € 500.000 a gruppi di comunità locali per promuovere l'integrazione nella loro area, ad es. circoli sportivi locali, gruppi di fede, organizzazioni teatrali e culturali.
  59. 59. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Supporti - Fondo di integrazione delle comunità Fino ad un massimo di € 5.000 a seconda delle dimensioni e della natura del progetto. Le attività possono includere, ad esempio: - • attività volte a introdurre migranti appena arrivati ​​nella comunità • misure per incoraggiare la partecipazione dei migranti alle attività civili e culturali locali (e integrare i programmi e le attività esistenti) • misure per incoraggiare la partecipazione a club sportivi locali, gruppi teatrali, circoli giovanili, club di doposcuola, scout, compagnie di ballo, cori, gruppi teatrali / teatrali, gruppi di genitori e figli, ecc. • misure per collegare i migranti con opportunità nella comunità (incluso l'impiego)
  60. 60. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Supporti Inclusione sociale e programma di attivazione della comunità SICAP è il nuovo programma di inclusione sociale e di attivazione della comunità. Mira ad affrontare la povertà, l'esclusione sociale e la disoccupazione di lunga durata attraverso l'impegno locale e il partenariato tra individui svantaggiati, organizzazioni comunitarie e agenzie del settore pubblico. È stato lanciato il 1 ° aprile 2015. Cos'è l'inclusione sociale? • Essere a conoscenza dei gruppi più emarginati e vulnerabili della società, • Essere consapevoli delle esigenze di questi gruppi, Accogliere le esigenze di questi gruppi attraverso politiche e legislazioni positive Fornitori SICAP in Irlanda: https://www.pobal.ie/Publications/Documents/SICAP%20PIs%20fo r%20Web%20PDF.pdf
  61. 61. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Il Fondo per il Controllo delle Migrazioni Il consiglio comunale di Birmingham ha ricevuto una quota del fondo di 19 milioni di sterline, nell'ultima dotazione del Controlling Migration Fund (CMF), annunciato oggi (8 giugno 2018). I rifugiati possono essere una risorsa per l'intera comunità e sono in genere desiderosi di migliorare il loro inglese e trovare lavoro. Questo finanziamento include anche 100.000 sterline in due anni per gli ufficiali delle autorità locali per lavorare con le comunità di rifugiati nella città, all’interno di un'iniziativa congiunta tra Ministero degli Interni e Ministero degli alloggi, delle comunità e degli enti locali.
  62. 62. AIM | ACCESSIBILITY & INCLUSION FOR MIRGRANTS Riferimenti/Fonti • https://ctb.ku.edu/en/table-of-contents/culture/cultural-competence/inclusive-communities/main • https://betterlivesleeds.wordpress.com/2016/03/01/when-a-map-migrant-access-project-is-all-you-need/ • https://policytransfer.metropolis.org/case-studies/leeds-migrant-access-project-map • http://www.irishexaminer.com/ireland/integrating-the-roma-41506.html • http://www.education.vic.gov.au/documents/about/research/hrl.doc • https://www.education.ie/en/Schools-Colleges/Services/Further-Education-and-Training/Adult-Literacy • http://www.academia.edu/8402428/Role_of_Education_in_Social_Change • http://www.thirdageireland.ie/failte-isteach/locations • https://www.changex.org/blog/failte-isteach-volunteer-mairead-is-confident-that-ireland-is-prepared-to- welcome-more-refugees • https://www.irishtimes.com/life-and-style/food-and-drink/new-cafe-addresses-direct-provision-s-cooking-ban- 1.2861637 • http://www.tr.qld.gov.au/community-business/community-support/multicultural-services/12380-linking-migrant- community-leaders
  63. 63. This programme has been funded with support from the European Commission Hai completato il Modulo 5

×