Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.

La digital strategy a supporto degli eventi: il caso Whats Next Talk

482 Aufrufe

Veröffentlicht am

La strategia digitale a supporto di Whats Next Talk, un evento organizzato in soli 45 giorni in un paesino in provincia di Vicenza. Dall'idea, alla strategia online e offline, all'analisi dei risultati raggiunti.

Veröffentlicht in: Marketing
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

La digital strategy a supporto degli eventi: il caso Whats Next Talk

  1. 1. Come abbiamo portato 200+ persone a Dueville (VI) per una conferenza su donne e tecnologia Case Study: WhatsNext
  2. 2. Whats Next Talk: l’idea Motore del WHATS NEXT TALK, acronimo di “Women Have A Tech Sensibility” è stato Mauro Borgo, Ing. e PhD, Fondatore del Fablab di Dueville (VI). Durante la settimana del Rosa Digitale ha promosso una conferenza aperta a tutti, per condividere le esperienze di 8 donne che hanno avviato progetti professionali nella tecnologia e incoraggiare tutte le altre a perseguire una carriera STEM. La conferenza è stato il punto di incontro principale di una serie di eventi, gratuiti e a pagamento, per promuovere l’acquisizione di nuove competenze digitali
  3. 3. Organizzazione Location Teatro Busnelli Un evento pensato a livello internazionale ma con logica locale, e uno spazio accogliente a sufficienza per il pubblico target Speaker 8 Donne x 8 Visioni Abbiamo individuato le 8 speaker con storie locali ma esperienze nel mondo STEM internazionale, che potessero rappresentare modelli di riferimento per il pubblico target. Team Staff remoto In perfetta logica smart, sono stati individuati i migliori collaboratori per competenze specifiche (social network, grafica,PR, video, musica) che sapessero garantire il risultato con tempi molto stretti
  4. 4. Location Dueville: Teatro Cinema Busnelli Dal momento che il Fablab è localizzato a Dueville, un paesino in provincia di Vicenza (15,000 cittadini), è stato deciso di mantenere questa location per la conferenza, con tutti i pro e i contro di questa scelta. Se tra i pro si inserisce una relazione avviata con le associazioni di settore e le istituzioni, tra i contro è da inserire la potenziale difficoltà di raggiungere la location da parte del pubblico. Se un evento del genere è considerato ordinario nelle grandi città e metropoli, non lo è infatti nel caso di un paesino come Dueville. Una scommessa potenzialmente azzardata.
  5. 5. Speaker Appartenenza locale, professionalità globale Più di metà delle speaker sono originarie di Vicenza e dintorni. Questa scelta è stata fatta per creare dei role model che fossero vicini alla persone, che facilitassero l’identificazione anche dal punto di vista di esperienza locale, con l’obiettivo di rafforzare il messaggio che una carriera STEM è davvero alla portata di tutte, indipendentemente dal territorio di partenza.
  6. 6. Team virtuale 8 professionisti connessi in remoto Le 8 persone del team sono state scelte per competenze, passione e specializzazione nei task a loro assegnati. La loro attività ha fatto sì che il budget pubblicitario sia stato molto contenuto e che l’approccio fosse orientato ai risultati. Il lavoro è stato fatto interamente da remoto, collaborando on line utilizzando chat online e gli strumenti di Google Drive.
  7. 7. Strategia
  8. 8. Piano strategico generale OFFLINEObiettivo & Metriche Target Canali ● Portare +200 persone alla conferenza con ingresso gratuito in 45 giorni ● Pagina su Eventbrite per analisi KPI ● Donne e ragazze curiose verso la tecnologia ● Genitori ● Docenti ● Studenti/esse ● Uomini ● Online (blogger, media partner, social media, campagne promo, landing page, online magazine) ● Offline (giornali, partnership, locandine, flyer)
  9. 9. Strategia online: canali e contenuti Partnership con bloggers e gruppi online di tecnologia Bloggers Social mediaMedia partner Digital PR Partnership con informagiovani e associazioni locali online Sono stati scelti Instagram e FB come canali principali per i target di riferimento Diffusione su quotidiani online e stampa di settore Paid social Amplificazione dei contenuti organici per target specifici (2 settimane prima dell’evento)
  10. 10. Bloggers Obiettivi, tattica e risultati L’idea era quella di coinvolgere blogger che parlassero di donne e tecnologia, e di coinvolgere community e gruppi online. E’ stato condiviso l’evento nei principali gruppi FB dedicati al mondo digitale, dei blog e delle professioni digitali. Il poco tempo a disposizione non ha permesso di instaurare relazioni con blogger e community in particolare, è stato semplicemente inviato il comunicato stampa ma non sono state ottenute segnalazioni o contenuti. Conclusione: nella zona di riferimento sono ancora pochi i blogger che parlano di tecnologia, donne e STEM e sarà necessario pensare e sviluppare un tipo di relazione differente con i gruppi e le community di riferimento.
  11. 11. Media partner Obiettivi, tattica e risultati Cooperare con le associazioni e i gruppi del territorio locale, dedicati alla promozione di eventi ed iniziative dedicate ai giovani per diffondere il messaggio. Grazie alla condivisione degli obiettivi di alcuni gruppi come Informagiovani, “Cercando il lavoro” del Comune di Vicenza e altre associazioni dedicate in particolare al mondo femminile, sono stati raggiunti risultati interessanti: es. 10x condivisione del messaggio su associazioni informagiovani locali. Avere l’appoggio mediatico di questi gruppi è stato molto importante non solo ai fini della vendita dei biglietti ma anche a livello di branding, per trasmettere l’importanza e la rilevanza dell’evento a livello locale.
  12. 12. Social media Piano editoriale Abbiamo creato 2 piani editoriali distinti per Facebook e Instagram, guidati dai 3 pilastri: diverti/ educa / promuovi. L’obiettivo principale era spingere le iscrizioni all’evento su EventBrite. Strumenti: ● Visual Post originali ● Video con presentazione delle speaker ● Link autorevoli su empowerment femminile ● Statistiche (che spingono alla condivisione)
  13. 13. Social media: Facebook Link Eventbrite +400 followers in 4 settimane Link Eventbrite
  14. 14. Social media: Instagram
  15. 15. Paid social 1/2 Obiettivi, tattica e risultati Per facilitare la connessione emozionale con le relatrici e farne percepire dal vivo la professionalità e umanità, abbiamo girato 8 brevi video in cui le speaker raccontavano la loro esperienza. I video sono poi stati condivisi su Facebook ed Instagram, sia come contenuto organico che a pagamento a partire da 10 giorni prima dell’evento, ottenendo +11.000 visualizzazioni superiori ai 10 secondi.
  16. 16. Paid social 2/2
  17. 17. Digital PR Obiettivi, tattica e risultati Il media kit è stato inviato a istituzioni e influencer del territorio; inoltre, visto il notevole interesse spontaneo attorno all’evento siamo stati contattati da giornalisti che si sono offerti di pubblicarci. Alcune delle pubblicazioni più rilevanti: MIUR GAZZETTINO VICENZA TODAY VENETO ECONOMIA START UP ITALIA BUSINESS LIBERO - INTERVISTA ALESSIA CAMERA
  18. 18. Strategia offline: canali e contenuti Partnership con associazioni di categoria come Confartigianato Donne Impresa Partnership Stampa Articoli sulla stampa locale Radio Interviste con le speaker
  19. 19. Partnership Obiettivi, tattica e risultati Sono stati definiti alcuni gruppi da coinvolgere come sponsor e partner dell’evento, tra i quali il gruppo donne di Confartigianato Vicenza e l’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Dueville. Grazie alla forza del tema è stato possibile coinvolgere istituzioni importanti (es. il consiglio regionale del Veneto, l’ufficio scolastico vicentino) per conferire una maggiore reputazione e riconoscimento formale all’evento. I partner istituzionali sono poi stati invitati a parlare sul palco il giorno della conferenza.
  20. 20. Stampa Obiettivi, tattica e risultati Dal momento che il territorio vicentino è ancora molto legato alla stampa tradizionale, è stato coinvolto il Giornale di Vicenza per dare rilievo all’evento. Anche in questo caso, il fatto di essere inseriti in un contesto locale ha permesso una maggior facilità nel rapportarsi con la stampa locale che ha prodotto ben due articoli a distanza di una settimana l’uno dall’altro sulla conferenza e le iniziative correlate.
  21. 21. Radio Obiettivi, tattica e risultati Dal momento che il territorio vicentino è ancora molto legato ai mezzi “tradizionali”, è stata coinvolta anche RadioVicenza che ha partecipato facendo delle interviste alle speaker per una successiva emissione ( il 27 marzo 2017 , per la rubrica “Passioni & Professioni", in onda dalle 8.35) Anche in questo caso, il fatto di essere inseriti in un contesto locale ha permesso una maggior facilità nel rapportarsi con la radio locale.
  22. 22. Metriche & Risultati
  23. 23. Metriche Facebook Risultati Facebook Tutto il team è appassionato, visionario ed entusiasta: siamo riusciti a trasferire questo mood anche nella comunicazione dell’evento, divertendoci e conoscendoci strada facendo. I risultati organici sono stati ottimi e ci hanno permesso di contenere il budget pubblicitario a poche decine di euro nelle 2 settimane precedenti all’evento per massimizzare la reach.
  24. 24. Metriche Facebook I link iniziali hanno permesso di creare una prima awareness del problema
  25. 25. Metriche Facebook I video hanno fatto da traino per far crescere l’engagement e le registrazioni
  26. 26. Metriche Instagram La strategia “link in bio” ha portato più di 600 click da Instagram in un mese
  27. 27. Metriche Eventbrite Totale 279 biglietti venduti, 249 solo nei 30 giorni precedenti l’evento.
  28. 28. Raggiunto l’obiettivo? 279 biglietti venduti su Eventbrite +200 persone al Teatro Busnelli
  29. 29. Go Live!
  30. 30. 10 Marzo 2017 - Whats Next Talk La conferenza Il 10 marzo praticamente tutti gli iscritti si sono presentati al Busnelli per l’evento. All’inizio una veloce introduzione dell’organizzatore. Gli speech di 12 minuti l’uno, con una pausa dopo i primi 4 hanno contribuito a mantenere un buon ritmo, tenendo alta l’attenzione. I singoli discorsi sono stati diffusi live su Instagram e riassunti su Facebook con un post per ogni relatrice.
  31. 31. Timeline
  32. 32. 17.01.17 Prima email inviata con condivisione dell’idea 30.01.17 Costituzione team 06.02.17 Creazione profili su Facebook e Instagram e avvio piano editoriale 27.02.17 Avvio campagne a pagamento sui social 10.03.17 Whats Next Talk è live!
  33. 33. Il team
  34. 34. Founder Mauro Borgo Head of Communication Alessia Camera Digital PR Margot Deliperi Content Specialist Marta Xerra Content Specialist Chiara Boscaro Head of Design Riccardo Dalla Fontana Graphic Designer Giulia Santa Terra Il team
  35. 35. Grazie per l’attenzione!

×