SlideShare ist ein Scribd-Unternehmen logo
1 von 14
Downloaden Sie, um offline zu lesen
DAVID HUME
●LE PERCEZIONI SONO I CONTENUTI DELLA
MENTE e sono divisi in:
●1) impressioni; penetrano con maggior forza nella
coscienza
●2) idee o pensieri; sono le immagini illanguidite
delle impressioni
Non esistono idee astratte
●Negazione delle idee astratte
●Le idee hanno sempre carattere particolare
●Questo triangolo, questo bicchiere
●Esistono solo idee particolari assunte come segni
di altre idee particolari
L'abitudine
●La funzione del segno: per spiegarne la funzione
Hume ricorre al principio dell'abitudine
Il principio di associazione
●Secondo HUME IL PRINCIPIO DI
ASSOCIAZIONE è UNA DOLCE FORZA
●CHE SI IMPONE FACENDO Sì CHE LA MENTE
VENGA PORTATA DA UN'IDEA ALL'ALTRA
Il principio di associazione
●Somiglianza
●Contiguità nel tempo
●Causalità
Spazio e tempo
●Non sono impressioni ma modi di sentire le
impressioni
●Modi con cui le impressioni si dispongono
dinnanzi allo spirito
●L'idea di tempo non deriva da una impressione
determinata
Le relazioni tra idee
●Il principio di non contraddizione regole le
relazioni tra idee
●Dalla definizione di triangolo rettangolo ricaviamo
per via puramente razionale i dati del Teorema di
Pitagora
●Le proposizioni che concernono le materie di fatto
non sono fondate sul principio di non-
contraddizione
●Sono fondate sull'esperienza
●Il contrario di un fatto è sempre possibile
La critica del concetto di causalità
●A priori non è deducibile
●La relazione tra una causa ed il suo effetto non
può essere conosciuta mediante un puro
ragionamento
●Solamente l'esperienza ci consente di conoscere
tale relazione
Due fatti vengono...
●Due fatti vengono considerati l'uno la causa
dell'altro quando si presentano vicini tra loro
●E quando uno dei due viene prima dell'altro
●Tale contiguità non è sufficiente perchè si parli di
causalità
Il concetto di causa
●Noi attribuiamo alla relazione di causa il carattere
della necessità
●Tale attribuzione è impropria
●Il presupposto dell'UNIFORMITA' DELLA
NATURA
●è
●Un'aspettativa fondata solo sull'ABITUDINE
La realtà esterna
●La fiducia nella realtà esterna è ingiustificabile
●L'unica realtà della quale siamo certi sono le
nostre percezioni
La critica dell'identità personale
●Solo delle nostre percezioni abbiamo certezza
●Siamo fasci di percezioni
●Non abbiamo percezione di un io che perdura
stabile ed ivariabile

Weitere ähnliche Inhalte

Mehr von Nicola Lorenzo Pionetti (13)

Marsilio Ficinop.pdf
Marsilio Ficinop.pdfMarsilio Ficinop.pdf
Marsilio Ficinop.pdf
 
I caratteri generaeli dell'illuminismo.pdf
I caratteri generaeli dell'illuminismo.pdfI caratteri generaeli dell'illuminismo.pdf
I caratteri generaeli dell'illuminismo.pdf
 
Galilei.pdf
Galilei.pdfGalilei.pdf
Galilei.pdf
 
Bruno.pdf
Bruno.pdfBruno.pdf
Bruno.pdf
 
La rivoluzione americana.pdf
La rivoluzione americana.pdfLa rivoluzione americana.pdf
La rivoluzione americana.pdf
 
la primavera dei lumi.pdf
la primavera dei lumi.pdfla primavera dei lumi.pdf
la primavera dei lumi.pdf
 
La prima guerra mondiale.pdf
La prima guerra mondiale.pdfLa prima guerra mondiale.pdf
La prima guerra mondiale.pdf
 
I poteri politici in europa occidentale.pdf
I poteri politici in europa occidentale.pdfI poteri politici in europa occidentale.pdf
I poteri politici in europa occidentale.pdf
 
Il nazismo.pdf
Il nazismo.pdfIl nazismo.pdf
Il nazismo.pdf
 
Il Rinascimento.pdf
Il Rinascimento.pdfIl Rinascimento.pdf
Il Rinascimento.pdf
 
3.3.1. La prima Guerra Mondiale.pdf
3.3.1. La prima Guerra Mondiale.pdf3.3.1. La prima Guerra Mondiale.pdf
3.3.1. La prima Guerra Mondiale.pdf
 
Miti di sarmato
Miti di sarmatoMiti di sarmato
Miti di sarmato
 
La scoperta della complessità
La scoperta della complessitàLa scoperta della complessità
La scoperta della complessità
 

Hume.pdf

  • 1. DAVID HUME ●LE PERCEZIONI SONO I CONTENUTI DELLA MENTE e sono divisi in: ●1) impressioni; penetrano con maggior forza nella coscienza ●2) idee o pensieri; sono le immagini illanguidite delle impressioni
  • 2. Non esistono idee astratte ●Negazione delle idee astratte ●Le idee hanno sempre carattere particolare ●Questo triangolo, questo bicchiere ●Esistono solo idee particolari assunte come segni di altre idee particolari
  • 3. L'abitudine ●La funzione del segno: per spiegarne la funzione Hume ricorre al principio dell'abitudine
  • 4. Il principio di associazione ●Secondo HUME IL PRINCIPIO DI ASSOCIAZIONE è UNA DOLCE FORZA ●CHE SI IMPONE FACENDO Sì CHE LA MENTE VENGA PORTATA DA UN'IDEA ALL'ALTRA
  • 5. Il principio di associazione ●Somiglianza ●Contiguità nel tempo ●Causalità
  • 6. Spazio e tempo ●Non sono impressioni ma modi di sentire le impressioni ●Modi con cui le impressioni si dispongono dinnanzi allo spirito ●L'idea di tempo non deriva da una impressione determinata
  • 7. Le relazioni tra idee ●Il principio di non contraddizione regole le relazioni tra idee ●Dalla definizione di triangolo rettangolo ricaviamo per via puramente razionale i dati del Teorema di Pitagora
  • 8. ●Le proposizioni che concernono le materie di fatto non sono fondate sul principio di non- contraddizione ●Sono fondate sull'esperienza ●Il contrario di un fatto è sempre possibile
  • 9. La critica del concetto di causalità ●A priori non è deducibile ●La relazione tra una causa ed il suo effetto non può essere conosciuta mediante un puro ragionamento ●Solamente l'esperienza ci consente di conoscere tale relazione
  • 10. Due fatti vengono... ●Due fatti vengono considerati l'uno la causa dell'altro quando si presentano vicini tra loro ●E quando uno dei due viene prima dell'altro ●Tale contiguità non è sufficiente perchè si parli di causalità
  • 11. Il concetto di causa ●Noi attribuiamo alla relazione di causa il carattere della necessità ●Tale attribuzione è impropria
  • 12. ●Il presupposto dell'UNIFORMITA' DELLA NATURA ●è ●Un'aspettativa fondata solo sull'ABITUDINE
  • 13. La realtà esterna ●La fiducia nella realtà esterna è ingiustificabile ●L'unica realtà della quale siamo certi sono le nostre percezioni
  • 14. La critica dell'identità personale ●Solo delle nostre percezioni abbiamo certezza ●Siamo fasci di percezioni ●Non abbiamo percezione di un io che perdura stabile ed ivariabile