Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
Percezione ….
Un esempio di didattica “attiva” delle
scienze che integra diversi obiettivi di
apprendimento:
dalla conosce...
Il lavoro è centrato sulla percezione,
manipolazione del colore.
La luce ne combina di tutti i colori!
1. La connotazione
...
L'attività, iniziata in una classe terza ha prima di tutto analizzato le pre
conoscenze sull'argomento, che di solito è be...
Le attività sperimentali
1. Nel laboratorio di scienze: si costruiscono esperienze di analisi della
percezione di colori i...
Alcuni esempi
Funzione “Aggiungi”
Con l'operazione aggiungi siamo partiti dal primo colore che era verde.
Sovrapponendo al...
Funzione “Sottrai”
Con l'operazione sottrai tutti i colori sovrapposti diventano neri.
Esperienze con luce monocromatica
Bisogna disporre di una stanza oscurabile, ad esempio una camera oscura, un
tavolo illum...
Esperienze con luce monocromatica
Una rete di concetti
Il colore:
1. come radiazione elettromagnetica.
2. come risposta di proprietà della
materia.
3. virtu...
Tra vedere e non vedere, di Tonino Casula, 1981, Einaudi
Schede di lavoro su:
L’occhio come
strumento della percezione
Il ...
In conclusione…..
Dalla esperienza quotidiana della percezione visiva
Alla sperimentazione in laboratorio Alla simulazione...
Valutazione
La valutazione è, come per tutte le attività sperimentali, una valutazione di
processo.
Le competenze che si a...
Risultati e ricaduta sul resto della didattica
L’attività ha evidenziato soprattutto un notevole scoordinamento, negli
alu...
Uscire dalla propria realtà scolastica Il ruolo della documentazione e
in particolare di Gold
Pubblicizzare i propri perco...
La Rete per confrontarsi
Gold e gli archivi “istituzionali” – filtro non
autoreferenziale per i docenti, le scuole,
l’ammi...
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Percezione: la luce ne combina di tutti i colori!

116 Aufrufe

Veröffentlicht am

La scelta del tema è sembrata significativa rispetto tre punti di vista legati fra loro:
biologico
cognitivo
didattico-operativo
Dal punto di vista biologico potremmo considerare l'argomento riferito all'insieme dell'organismo come sistema complesso attraversato da un flusso di informazioni provenienti dall'interazione con l'ambiente che divengono stimoli e segnali grazie all'esistenza di recettori specializzati. Ma la stimolazione sensoriale è mediata dal cervello, quindi potremmo considerare alcuni aspetti funzionali del cervello stesso.
Dal punto di vista cognitivo ci possono essere forti analogie tra i processi percettivi e gli altri processi dell'apprendimento: il separare significati da uno sfondo , l'individuare variabili e invarianti, l'orientarsi in un territorio sconosciuto riconoscendo via- via alcuni indizi- concetti, il costruire fra questi relazioni.
Infine da un punto di vista operativo ma anche metodologico, lavorare sulla percezione consente di affrontare diversi livelli di complessità in qualunque ambiente, naturale o scolastico, di utilizzare da un lato materiale povero, dall'altro strutture di indagine sofisticate ma sempre disponibili come gli organi di senso di ciascuno. C'è la possibilità di un forte coinvolgimento personale e nello stesso tempo di strutturare esperienze di laboratorio semplici ma dense di significato con le quali si possono agevolmente formulare e verificare ipotesi e previsioni.
Ma molto importanti sono anche le connessioni con alcuni ambiti cognitivi della fisica e della tecnologia.

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Percezione: la luce ne combina di tutti i colori!

  1. 1. Percezione …. Un esempio di didattica “attiva” delle scienze che integra diversi obiettivi di apprendimento: dalla conoscenza del proprio corpo alla conoscenza di alcuni elementi di fisica.
  2. 2. Il lavoro è centrato sulla percezione, manipolazione del colore. La luce ne combina di tutti i colori! 1. La connotazione "emozionale" e "descrittiva" del colore 2. Le attività sperimentali 3. Una rete di concetti 4. Un autore di riferimento 6. Divulgare il proprio lavoro 5. Valutazione
  3. 3. L'attività, iniziata in una classe terza ha prima di tutto analizzato le pre conoscenze sull'argomento, che di solito è ben sviluppato nella programmazione di educazione artistica. La discussione in classe, realizzata con la tipologia del brain-storming è stata poi verbalizzata dagli studenti in brevissime note personali. Ne emerge una connotazione "emozionale" e "descrittiva" del colore, in sintonia con quello che può in generale essere l'approccio tipico dell'educazione artistica. L’inizio
  4. 4. Le attività sperimentali 1. Nel laboratorio di scienze: si costruiscono esperienze di analisi della percezione di colori in ambienti di luce monocromatica (rosso, verde, blu) 2. Nel laboratorio di informatica: i programmi di grafica computerizzata permettono di modificare i colori (palette), di combinarli (con modalità diverse) ecc. Si possono studiare in emulazione le proprietà sottrattive o additive del colore e della luce in maniera semplice e immediata. L'uso inoltre di un sistema informatico permette di toccare la problematica della modellizzazione di un fenomeno naturale, quale quello della percezione dei colori, delle proprietà della luce visibile e dei pigmenti colorati.
  5. 5. Alcuni esempi Funzione “Aggiungi” Con l'operazione aggiungi siamo partiti dal primo colore che era verde. Sovrapponendo al verde il secondo colore che era rosso abbiamo ottenuto il colore giallo. In seguito abbiamo aggiunto sopra al verde il blu ed è diventato azzurro sommando assieme i tre colori abbiamo ottenuto il colore bianco.
  6. 6. Funzione “Sottrai” Con l'operazione sottrai tutti i colori sovrapposti diventano neri.
  7. 7. Esperienze con luce monocromatica Bisogna disporre di una stanza oscurabile, ad esempio una camera oscura, un tavolo illuminabile con una lampada. La luce monocromatica può essere ottenuta: • filtrando la luce "bianca" proveniente da una lampada al tungsteno "policromatica" con gelatine da fotografia colorate (blu - rosso ...) • oppure utilizzando lampadine colorate da camera oscura ( di solito rossa, verde, giallo-verde). Si preparano campioni di cartoncino di colori diversi su fondo bianco e nero. Si consiglia di usare come campioni: il nero, il bianco, il colore della lampada, i colori primari.... I campioni vengono numerati (in modo leggibile) e gli studenti valutano e registrano il colore percepito quando sono illuminati con diverse luci "monocromatiche". E' importante che i campioni non siano mai visti, precedentemente, con la luce "bianca" perchè i ragazzi tendono a negare l'osservato e a basarsi su una percezione aprioristica. Alla fine gli stessi campioni vengono illuminati con luce "policromatica" e possono quindi essere analizzate analogie e differenze percettive.
  8. 8. Esperienze con luce monocromatica
  9. 9. Una rete di concetti Il colore: 1. come radiazione elettromagnetica. 2. come risposta di proprietà della materia. 3. virtuale. 1. La percezione visiva e l'occhio. 2. La percezione visiva e il cervello. 1. Le radiazioni elettromagnetiche, tra “visibili e non visibili” 2. Magnetismo ed elettricità in altre esperienze. La rappresentazione della percezione visiva e geometria in un esempio emblematico: la grafica di Escher. Il colore nella rappresentazione della realtà: arte, grafica virtuale….
  10. 10. Tra vedere e non vedere, di Tonino Casula, 1981, Einaudi Schede di lavoro su: L’occhio come strumento della percezione Il cervello come elaboratore della percezione I colori e la luce Le illusioni ottiche
  11. 11. In conclusione….. Dalla esperienza quotidiana della percezione visiva Alla sperimentazione in laboratorio Alla simulazione Per isolare e studiare l’incidenza delle diverse variabili
  12. 12. Valutazione La valutazione è, come per tutte le attività sperimentali, una valutazione di processo. Le competenze che si acquisiscono durante una attività sperimentale possono essere verificate attraverso un’attività sperimentale successiva. Alcune riflessioni attorno ai nodi concettuali: la natura “elementare” del colore, le interazioni luminose, alcuni aspetti della percezione possono essere formalizzati in contenuti acquisibili alla fine del processo sperimentale e operativo. In questa esperienza emergono alcuni spunti di riflessione sulla presenza di misconcetti nelle conoscenze di base, ad esempio, sulla natura del colore percepito.
  13. 13. Risultati e ricaduta sul resto della didattica L’attività ha evidenziato soprattutto un notevole scoordinamento, negli alunni, tra tre aspetti forti della conoscenza: • il livello di consapevolezza della propria percezione sensoriale, • il livello di consapevolezza dell'uso delle applicazioni tecnologiche ( che potremmo chiamare il livello della percezione storico - sociale ), • il livello delle abilità e delle nozioni imparate in contesti di apprendimento diversi.
  14. 14. Uscire dalla propria realtà scolastica Il ruolo della documentazione e in particolare di Gold Pubblicizzare i propri percorsi di ricerca didattica “originale” Un “bisogno” di visibilità da parte della ricerca didattica “spontanea” degli insegnanti Una necessità del sistema scuola per evolvere utilizzando le proprie risorse interne
  15. 15. La Rete per confrontarsi Gold e gli archivi “istituzionali” – filtro non autoreferenziale per i docenti, le scuole, l’amministrazione… Il sito web della scuola come bacheca pubblica consultabile per alunni/genitori sulla “produttività originale” della scuola Il lavoro percezione: http://martini.xoom.it/senis/index.htm

×