Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Die SlideShare-Präsentation wird heruntergeladen. ×

Cannelloni al forno, fatti in casa

Nächste SlideShare
Bigné di s. giuseppe
Bigné di s. giuseppe
Wird geladen in …3
×

Hier ansehen

1 von 26
1 von 26

Weitere Verwandte Inhalte

Ähnliche Bücher

Kostenlos mit einer 30-tägigen Testversion von Scribd

Alle anzeigen

Cannelloni al forno, fatti in casa

  1. 1. -Fatti in casa- Avanzamento con clic del mouse
  2. 2. Questo è un altro piatto della nostra tradizione, riservato alle grandi occasioni. La preparazione è un po’ lunga ma semplice e si può articolare in due fasi: una per la preparazione del ripieno e l’altra per fare la sfoglia e il sugo.
  3. 3. Ingredienti Carni miste, più o meno 200/300 grammi per ogni tipo: petto di pollo, magro di vitellone o bovino, magro di maiale; 300 grammi di mortadella; 200 grammi di prosciutto cotto; 2 ovoline o 1 fior di latte, per il ripieno e per la cottura; un cucchiaino di brodo granulare; 2 pacchetti piccoli (da 200ml) di besciamella (di cui 1 per il ripieno e 1 per la cottura in forno); sfoglia (ottenuta da 4 uova e farina, se la fate fresca) oppure 2 confezioni da 250 grammi l’una, di sfoglia del tipo “subito in forno”; sugo di pomodoro per condire; grana padano o parmigiano grattugiato; pepe, sale, olio.
  4. 4. l’elenco degli ingredienti non deve impressionare per- ché le quantità vanno bene “a occhio”, quel che si ha, va bene; l’importante è che la mortadella sia un po’ più di ogni pezzo di carne, perché si deve sentire. Con le dosi indicate, sono venuti 34 cannelloni; ne considero 4 per ogni porzione, ma regolatevi secondo le vostre esigenze familiari.
  5. 5. 1- far scaldare una cucchiaiata di 2- mescolare per non far attaccare le olio sul fondo del tegame poi unire carni al fondo; salare leggermente, unire tutte le carni spezzettate il cucchiaino di brodo granulare e mezzo grossolanamen-te e farle scottare; bicchiere d’acqua; 3- Lasciar stufare dolcemente, sem- 4- passare tutto nel tritacarne. pre mescolando e controllate: quan- do sarà cotta la carne di vitello, che è la più dura, spegnere e lasciare intie- pidire; assaggiare, aggiustare di sale e di pepe;
  6. 6. Queste sono le carni tritate.
  7. 7. Per ammorbidire e “legare” il composto ci versiamo il primo pacchetto (piccolo) di besciamella pronta; intanto grattugiamo (a grana grossa) l’ovolina o la mozzarella;
  8. 8. ora aggiungiamo al composto di carni anche la mozzarella e due generose cucchiaiate di parmigiano o grana padano grattugiato.
  9. 9. Amalgamiamo per bene.
  10. 10. - Se il tutto apparisse ancora poco “legato”, vi si può aggiungere qualche cucchiaiata di uovo sbattuto, oppure qualche cucchiaiata del fondo di cottura, fino ad ottenere un composto come questo; - se, invece, il composto fosse troppo umido, vi si può aggiungere del pangrattato.
  11. 11. Ora copriamo tutto con la pellicola per alimenti e lasciamo riposare, mentre prepariamo la sfoglia da farcire.
  12. 12. 1- possiamo fare la sfoglia fresca, 2- in questo caso, la tagliamo a impastando 4 uova e farina quanto rettangoli e la scottiamo in basta, come per la sfoglia da fet- acqua bollente, salata, finché tuccine; viene a galla; 3- poi la passiamo subito in una 4- la scoliamo e la stendiamo su un pirofila con acqua fresca; canovaccio ad asciugare dall’ecce- denza d’acqua.
  13. 13. Oppure usiamo la sfoglia del tipo “subito in forno” senza doverla scottare in acqua: è quella che vedrete nella sequenza, molto pratica e veloce. In ogni caso il procedimento è lo stesso, cambiano solo, leggermente, i tempi di cottura poi, in forno.
  14. 14. 1- disponiamo 4 sfoglie sul tavolo, o 2- mettiamo su ognuna un rotolino su un tagliere, ecc.; di impasto, come fosse una salsic- cia; 3- infine, arrotoliamo la sfoglia, rac- 4- intanto predisponiamo l’asse o il chiudendo il ripieno nel cannellone. tavolo su cui poggeremo i cannelloni, spolverizzandolo di semolino o farina di mais, per non farli attaccare.
  15. 15. Oppure, se ne avremo preparato appositamente di più, per congelarli, li poniamo direttamente su carta da forno, su un vassoio adatto al freezer.
  16. 16. Li predisponiamo così, un po’ staccati l’uno dall’altro, in modo da prelevarli agevolmente, una volta congelati.
  17. 17. Forse si vede meglio da questa immagine: bisogna evitare soltanto che si attacchino fra loro.
  18. 18. Con le dosi indicate per il ripieno e 2 pacchetti di sfoglia pronta di 250 grammi l’uno, ho ottenuto, come già detto, 34 cannelloni; ma, vista la preparazione elaborata, ne congelo gran parte.
  19. 19. mettendo un altro foglio di carta-forno sopra al primo strato, si possono anche sovrapporre. Una volta congelati non si attaccheranno più e perciò, si potranno restringere nelle apposite bustine.
  20. 20. Ma passiamo ora a quelli da consumare subito, che prepareremo insieme. Occorrente, per due persone: 8 cannelloni; 1 tazza di sugo semplice, di pomodoro; besciamella, 1 pacchetto piccolo; 1 ovolina o 100 grammi di mozzarella; parmigiano o grana padano grattugiato.
  21. 21. 1- mettiamo un foglio di carta da 2- ora vi sistemiamo i cannelloni, in forno nella pirofila, con qualche un unico strato; cucchiaino di besciamella; 3- vi distribuiamo sopra il sugo di 4- ci mettiamo sopra anche la bescia- pomodoro appena fatto (con olio, mella, a cucchiaiate sparse, fino a pomodoro, un pizzico di sale: cot- finire la confezione; questo tipo di to per pochi minuti); sfoglia non va scottata prima, però ha bisogno di “umido” per cuocere.
  22. 22. Spolveriamo con due cucchiai di parmigiano grattugiato
  23. 23. e, su tutto, l’ovolina o la mozzarella tagliata a fette. La nostra teglia è pronta da mettere in forno già un po’ scaldato, a 180 gradi, per una ventina di minuti;
  24. 24. Il tempo di cottura, però, cambia da forno a forno; regolatevi controllando la rosolatura di superficie, i vari ingredienti sono già cotti, non ci vorrà molto.
  25. 25. Ecco qui una porzione già pronta. E’ un piatto-unico elaborato e ricchissimo che richiede tempo, per questo conviene fare parecchi cannelloni da conservare perché, pochi o tanti, i tempi di preparazione sono più o meno gli stessi!
  26. 26. Infine, godetevi questo “peccato di gola” pensando che ne avete ancora in freezer, pronti, per accompagnare le vostre tante (è un augurio) occasioni specialissime! Realizzazione, testo e foto: zafulla1@yahoo.it

×