Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
http://www.ckbg.org/congresso2011     Il senso di comunità in un          ambiente blended   Roberta Maria Damico, Univers...
Inquadramento teoricoIl presente contributo assume come riferimento teorico: Il Blended Learning, una modalità di apprend...
Il contesto della ricerca• Il corso di Psicologia dell’Educazione e dell’E-  Learning attivato all’interno del Corso di La...
La ricerca• Obiettivi: esplorare la possibile variazione del senso di  comunità in un ambiente di apprendimento blended, i...
Risultati (1)APPARTENENZA AL GRUPPO                         La presenza di confini flessibili                         e di...
Risultati (2)INFLUENZA ED APPAGAMENTO DEI BISOGNI                                       La preponderanza della            ...
Risultati (3)CONDIVISIONE EMOTIVA                      Una forte condivisione                                          emo...
Conclusioni•   I risultati ottenuti dimostrano lo sviluppo di un forte senso di comunità    all’interno di un contesto di ...
Riferimenti bibliografici•   Ligorio, M. B., Cacciamani, S., Cesareni, D. (2006). Bleanded Learning.    Roma: Carocci.•   ...
http://www.ckbg.org/                                        Connessioni               Sito Web: www.ckbg.org              ...
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

Il senso di comunità in un ambiente blended

946 Aufrufe

Veröffentlicht am

Minervini, D'aprile, Spadaro, Ligorio

Veröffentlicht in: Business
  • Loggen Sie sich ein, um Kommentare anzuzeigen.

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

Il senso di comunità in un ambiente blended

  1. 1. http://www.ckbg.org/congresso2011 Il senso di comunità in un ambiente blended Roberta Maria Damico, Università degli Studi di Bari Aldo Moro Gianvito D’Aprile, Università del Salento M. Beatrice Ligorio, Università degli Studi di Bari Aldo MoroIII Congresso Nazionale CKBG – Bari, 6-8 aprile 2011 Empowerment, Formazione, Tecnologie. LIndividuo, il Gruppo e lOrganizzazione
  2. 2. Inquadramento teoricoIl presente contributo assume come riferimento teorico: Il Blended Learning, una modalità di apprendimento/insegnamento che combina principalmente didattica mediata dal computer e didattica in presenza (Ligorio, Cacciamani & Cesareni, 2006). L’organizzazione di un corso blended, se supportata da un valido modello pedagogico di riferimento, può stimolare dinamiche individuali, sociali e relazionali specifiche che sostengono lo sviluppo di un forte senso di comunità all’interno del gruppo. Il senso di comunità (Mc Millan & Chavis, 1986) si sviluppa a livello simbolico e si costituisce di quattro dimensioni: Appartenenza al gruppo Influenza Appagamento dei bisogni Condivisione emotiva
  3. 3. Il contesto della ricerca• Il corso di Psicologia dell’Educazione e dell’E- Learning attivato all’interno del Corso di Laurea Specialistica in Psicologia delle Organizzazioni e della Comunicazione dell’Università degli Studi di Bari.• Strutturazione del corso in modalità blended, alternando lezioni frontali in aula con attività formative online nell’ambiente virtuale Synergeia (http://bscl.fit.fraunhofer.de/).• Le attività formative online di ogni modulo di apprendimento possono essere posizionate su un continuum “dimensione individuale vs dimensione gruppale (intra- e inter-gruppi)”.
  4. 4. La ricerca• Obiettivi: esplorare la possibile variazione del senso di comunità in un ambiente di apprendimento blended, in riferimento alle quattro dimensioni costitutive del costrutto.• Strumento: Il questionario sul Senso di Comunità nei corsi on line di Perrucci, Cacciamani, Coscarelli e Balboni (2009) somministrato in due tempi differenti.• Partecipanti: 31 studenti (26 femmine e 5 maschi, età media 26 anni).• Dati: 62 questionari• Metodo di analisi quantitativa dei dati mediante software SPSS 16.0 (analisi delle medie, DS, t di Student)
  5. 5. Risultati (1)APPARTENENZA AL GRUPPO La presenza di confini flessibili e di una sicurezza emotiva molto forte permettono la condivisione di un sistema simbolico comune e lo sviluppo di un forte senso di appartenenza al gruppo. L’ampia rilevanza attribuibile alla componente comunitaria spiegherebbe la lieve crescita dell’investimento personale da parte dei singoli membri all’interno del gruppo
  6. 6. Risultati (2)INFLUENZA ED APPAGAMENTO DEI BISOGNI La preponderanza della dimensione comunitaria rispetto a quella individuale spiegherebbe sia la forte influenza della comunità sull’individuo sia il fatto che l’influenza dell’individuo sulla comunità resta statica per tutta la durata del corso. Inoltre la prevalenza degli aspetti comunitari spiegherebbe anche il minore appagamento dei bisogni individuali del singolo verso la fine del corso.
  7. 7. Risultati (3)CONDIVISIONE EMOTIVA Una forte condivisione emotiva segna il passaggio da un semplice aggregato di individui ad una vera e propria comunità. Si ipotizza che la forte condivisione emotiva sia resa possibile dalla strutturazione del corso che permette di affiancare interazioni faccia a faccia a discussioni attivate nella piattaforma virtuale. Queste discussioni consentono un costante confronto utile all’attribuzione di significati condivisi. t(30) = 3,11 ; p < 0,005
  8. 8. Conclusioni• I risultati ottenuti dimostrano lo sviluppo di un forte senso di comunità all’interno di un contesto di apprendimento blended. Si ipotizza che la strutturazione del corso - permettendo fluttuazioni continue da attività individuali ad attività intra-gruppi ed inter-gruppi - favorisca l’emergere di una dimensione comunitaria preponderante e lo sviluppo di dinamiche relazionali, sociali ed emotive che rafforzano il senso di comunità.• Il senso di comunità si configura, quindi, come una dimensione non trascurabile per la progettazione di corsi blended che puntino allo sviluppo di solide esperienze formative e che stimolino specifici processi cognitivi e sociali, ideali per l’apprendimento.• Data la crescente diffusione dei corsi di formazione che seguono le modalità del blended learning sarebbe auspicabile continuare ad indagare sulle varie sfumature ed implicazioni di questo costrutto.
  9. 9. Riferimenti bibliografici• Ligorio, M. B., Cacciamani, S., Cesareni, D. (2006). Bleanded Learning. Roma: Carocci.• McMillan, D. W., Chavis, D. M. (1986). Sense of community: a definition and theory. Journal of Community Psychology, 14, 6-23.• Perrucci, V., Cacciamani, S., Coscarelli, A., & Balboni, G. (2009). Valutazione del senso di comunità in un corso on line: Predisposizione di un questionario per studenti universitari. In S. Cacciamani (Eds.) “ Knowledge Building Communities: Ripensare la Scuola e l’Università come Comunità di Ricerca” (pp 111-121). Napoli: ScriptaWeb.
  10. 10. http://www.ckbg.org/ Connessioni Sito Web: www.ckbg.org Sito Convegno: www.ckbg.org/congresso2011 CKBG – The Community: www.ckbg.org/forum Pagina di Facebook: http://tinyurl.com/ckbgpage-fb Gruppo di Facebook: http://tinyurl.com/FB-CKBG Gruppo su Twitter: http://twitter.com/ckbgit Convegno: #emp11 Sito Web: http://linkd.in/ckbg_group Profilo su Slideshare: CKBGShare

×