Diese Präsentation wurde erfolgreich gemeldet.
Wir verwenden Ihre LinkedIn Profilangaben und Informationen zu Ihren Aktivitäten, um Anzeigen zu personalisieren und Ihnen relevantere Inhalte anzuzeigen. Sie können Ihre Anzeigeneinstellungen jederzeit ändern.
INTERNET IN CINA: TUTTA UN’ALTRA STORIA                         La case history di www.meilideyidali.cn   •    485 milioni...
Fondamentale è poi la traduzione dei testi con localizzazione dei contenuti, che va       eseguita da traduttori madreling...
Nächste SlideShare
Wird geladen in …5
×

MEILIDEYIDALI - China - #BTO2011

930 Aufrufe

Veröffentlicht am

BTO - Buy Tourism Online 2011
Stazione Leopolda, a Firenze
1° e 2 Dicembre 2011

Speaker:
Maria Grazia Casella
Editorial Manager
Meilideyidali.cn

Stazione Leopolda
2 Dicembre 2011, Day TWO
Hall #4 Focus
Obiettivo Cina
11.20 – 12.10

Un’ora per parlare di una parte della Cina, di ascensore sociale, di politiche di marketing territoriale.

E poi di fiction.

Veröffentlicht in: Bildung
  • Als Erste(r) kommentieren

  • Gehören Sie zu den Ersten, denen das gefällt!

MEILIDEYIDALI - China - #BTO2011

  1. 1. INTERNET IN CINA: TUTTA UN’ALTRA STORIA La case history di www.meilideyidali.cn • 485 milioni è il numero di utenti Internet in Cina • 56 milioni è la cifra record di turisti cinesi che nel 2010 hanno effettuato viaggi all’estero per leisure o affari (fonte: CNTA, China National Tourism Administration) • 120 milioni saranno i Cinesi che viaggeranno all’estero entro il 2020 (fonte: WTO) • L82% dei Cinesi che effettuano un viaggio allestero si avvalgono di Internet come fonte primaria di informazioni per decidere la meta del viaggio, seguono i consigli degli agenti di viaggio (77%) e il passaparola di amici e conoscenti (59%) • Tra le destinazioni Europee, lItalia è al secondo posto dopo la Francia nelle preferenze dei Cinesi. • I Cinesi hanno unenorme curiosità per lItalia e il Made in Italy e sono alla continua ricerca di informazioni al riguardo, soprattutto sul web • Il crescente interesse verso il nostro paese è però penalizzato (anche) dalla difficoltà di reperire informazioni sullofferta e sui servizi turistici disponibili • La maggior parte dei Cinesi, in patria e all’estero, utilizza esclusivamente la lingua cinese per navigare in Internet, soltanto unesigua minoranza conosce linglese Per aziende ed enti di promozione turistica è quindi fondamentale ESSERE PRESENTI - E SOPRATTUTTO VISIBILI - SUL WEB IN CINA Allora basta mettere online un sito web tradotto in cinese e i visitatori arriveranno a frotte…o no? Purtroppo non è così semplice, perché gli accessi e l’uso di Internet in Cina sono soggetti a severe regolamentazioni e restrizioni governative. A cominciare dal cosiddetto Great Firewall, versione digitale della Grande Muraglia, lostrumento con cui la censura cinese controlla la Rete attivando il blocco dei flussi di dati in ingresso nel paese, indipendentemente dalla natura dei loro contenuti, soprattutto se provenienti dalle dorsali occidentali, cioè da Europa e USA.Per questo motivo un sito deve essere ospitato su server in Cina, prerequisito essenziale per essere visibili sul web in Cina senza incorrere nelloscuramento e per avere la garanzia di essere referenziati dai motori di ricerca cinesi, che indicizzano con migliorranking siti con hosting in Cina e che aderiscono alle severe norme imposte da Pechino. Meilideyidali.cn
  2. 2. Fondamentale è poi la traduzione dei testi con localizzazione dei contenuti, che va eseguita da traduttori madrelingua che siano anche esperti di SEO, in modo da garantire non soltanto la migliore comprensione da parte degli utenti, ma anche un miglior ranking sui principali motori di ricerca cinesi. Primo fra tutti BAIDU, che detiene una posizione predominante dall’inizio del 2010, da quando cioè Google non è più operativo in Cina. Una strategia di posizionamento in Cina non può certo ignorare l’uso dei Social Media. Peccato, però, che al pari di Google, anche Facebook, Twitter e YouTube siano bloccati dalla censura. In compenso i loro equivalenti cinesi sono in pieno boom: • QZone, con 190 milioni di utenti, è in assoluto il più diffuso Social Network cinese • Youku, che ricorda anche nel nome il colosso YouTube, è la maggiore piattaforma di video-sharing • Sina Weibo, sito di microblogging simile a Twitter, è il fenomeno del momento: consente di postare messaggi fino a 140 caratteri, che però in lingua cinese corrispondono a 140 parole di senso compiuto!Finora, la barriera linguistica e la difficoltà di individuare partner competenti e affidabili concui avviare strategie di posizionamento sulla Rete - e, di conseguenza, sul Mercato -cinese hanno penalizzato fortemente aziende ed enti italiani che, a parte rare eccezioni,non sono presenti sul web in Cina, rischiando così di perdere importanti posizioni anche inrapporto ai propri competitor.Per colmare questo gap, due anni fa è stato lanciato www.meilideyidali.cn (“Bella Italia”,in cinese) il primo portale in mandarino interamente dedicato allItalia e alla promozionedelle eccellenze turistiche, eno-gastronomiche e produttive sul web in Cina, il mercato conil più alto tasso di crescita del mondo.Sviluppato in partnership con una web agency con sede a Shanghai, il portale èottimizzato per il web cinese, con localizzazione dei contenuti e hosting su server interritorio cinese, e registra circa 150.000 utenti unici/mese, provenienti al 90% dalla Cinacontinentale, seguita da Taiwan e Hong Kong.Per hotel, enti di promozione turistica e tutte le realtà imprenditoriali italiane interessate araggiungere un mercato potenziale enorme e in crescita esponenziale,www.meilideyidali.cn rappresenta pertanto un formidabile supporto per instaurarerelazioni proficue e consolidare ogni altra strategia di marketing in Cina, offrendo agliinserzionisti la possibilità di essere presenti sul portale con mini-siti dedicati. Maria Grazia Casella Meilideyidali.cn Editorial Manager Tel. +39 011 8225696 mgcasella@meilideyidali.it Meilideyidali.cn

×